"
"La distruzione di ogni potere politico è il primo dovere del proletariato. Ogni organizzazione di un potere politico cosiddetto provvisorio e rivoluzionario per portare questa distruzione non può essere che un inganno ulteriore e sarebbe per il proletariato altrettanto pericoloso quanto tutti i governi esistenti oggi."

Congresso Antiautoritario Internazionale di Saint Imier, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 18/04/2019 @ 00:12:33, in Commentario 2019, linkato 5127 volte)
Gli avvenimenti riconfermano puntualmente che il progresso civile è un’illusione. Le brutali modalità dell’arresto nell’ambasciata ecuadoriana di Julian Assange da parte delle autorità britanniche, mostrano un intento vendicativo decisamente sproporzionato rispetto all’effettiva entità dell’offesa ricevuta. Non si tratta solo dello scandalo di vedere il “Paese della Libertà” perseguitare un uomo che ha dedicato la vita alla libertà di informazione, ma soprattutto dell’esibizione oscena e molto poco “british” di una spietata determinazione vendicativa.
Migliaia di anni fa il Codice di Hammurabi introduceva quel principio che per l’epoca poteva essere considerato persino “progressista” e “laico”: “occhio per occhio”, cioè la vendetta doveva essere proporzionata all’offesa e non superarla. A distanza di tanti secoli, la vendetta si ripresenta invece nella sua accezione più sfrenata ed esagerata, facendo riemergere il nocciolo arcaico e superstizioso delle gerarchie sociali, percepite come sacre, tanto che chi le viola, deve essere perseguitato e martirizzato a prescindere da ogni considerazione di misura e di opportunità. Un Occidente meno “laico” di Hammurabi.
Assange è certamente un Robin Hood dell’informazione libera, ha utilizzato metodi di hackeraggio per ottenere informazioni riservate e diffonderle universalmente. Una competenza che avrebbe potuto essere usata a scopi personali, è stata invece messa al servizio di una battaglia civile. Libri e film contro la sua figura hanno cercato pretestuosamente di presentarlo come un despota paranoico ma, sta di fatto, che eventuali difetti umani non toglierebbero nulla alla nobiltà degli scopi. Le vicissitudini subite da Assange con alcuni suoi infidi collaboratori dimostrano inoltre che non è stato paranoico, semmai non lo è stato abbastanza.
Il punto vero è però che nessuna delle rivelazioni di Wikileaks, pur clamorose, si è dimostrata in grado di scalfire i rapporti di potere. Anche le rivelazioni di un altro Robin Hood della verità, Edward Snowden, non avevano inciso più di tanto sugli assetti internazionali. La “scoperta” che gli USA spiano i propri “alleati” come se fossero nemici, era una scoperta dell’acqua calda e l’afflusso di prove a riguardo non ha fatto che riconfermare ciò che si sapeva, ma che non poteva essere contrastato a causa delle gerarchie internazionali.
Si è consolidato il mito secondo cui la diffusione da parte di Wikileaks delle mail della Clinton avrebbe favorito la vittoria elettorale del cialtrone Trump. In realtà la sconfitta della Clinton era stata prevista per tempo dagli osservatori che si erano attenuti ai dati più ovvi. In base al sistema elettorale americano, una vittoria democratica richiede un ampio margine di voto sull’avversario repubblicano e la Clinton era troppo screditata, sia per i suoi rapporti dinastici e affaristici con Goldman Sachs, sia per i suoi atteggiamenti guerrafondai, perciò era impossibile per lei mobilitare le sacche marginali dell’elettorato democratico, quelle che si smuovono in base a speranza di cambiamento (poi regolarmente deluse).

Tra l’altro il dispetto di Wikileaks alla Clinton, oltre che ininfluente, ha colpito l’anello debole e meno sacrale del sistema di potere, cioè la politica. La vicenda del cialtrone Trump ha messo in evidenza ancora una volta che un Presidente USA conta davvero poco e che le decisioni fondamentali sono monopolio di ben altri potentati; tanto è vero che CialTrump si è immediatamente circondato di uomini di Goldman Sachs. A questo riguardo risulta un po’ patetica la gaffe del nostro Presidente Mattarella che ha ventilato l’ipotesi di una nomina di Mario Draghi a senatore a vita, forse in prospettiva di una sua nomina a Presidente del Consiglio. Come se un Amministratore Delegato potesse essere contento dell’ipotesi di essere promosso fattorino. Draghi è un uomo del vero potere e infatti è stato divinizzato dai media, mentre per le funzioni servili di senatore o di Presidente del Consiglio di un governo “tecnico”, vanno bene le mezze calzette “usa e getta” come Carlo Cottarelli. Se veramente “qualcuno” avesse deciso di formare in Italia un governo a guida di Draghi, per quest’ultimo sarebbe perciò una pessima notizia, un suo drammatico precipitare dagli altari.

Il problema messo in evidenza dall’esperienza di Assange e di Snowden è che la rivelazione dei “segreti” non cambia le cose. La gran parte delle informazioni decisive sono inoltre già disponibili, spesso sui siti ufficiali dei governi o delle organizzazioni internazionali, eppure vengono ignorate e non arrivano al dibattito pubblico. È stato il sito del Dipartimento di Stato USA a farci sapere di aver destabilizzato il Venezuela con le sue ONG; così come è il sito della Banca Mondiale a metterci a conoscenza del vero motivo dell’ondata migratoria, cioè i business finanziari legati ai cinquecento miliardi di dollari annui di rimesse dei migranti. Ciononostante si continua a parlare di Venezuela o di migrazione prescindendo da queste notizie fondamentali e solo in base a dicotomie “valoriali” tra “buonisti” e “cattivisti”.
In base a valutazioni razionali, il potere avrebbe avuto tutto l’interesse a consegnare semplicemente all’emarginazione ed all’oblio personaggi come Assange e Snowden. Ma il potere non è affatto razionale, tende invece ad autodivinizzarsi e quindi le sue reazioni sono quelle scomposte ed esagerate del nume di fronte al sacrilego.
Assange, bianco di pure origini anglosassoni, deve quindi scontare una colpa più grave di quella delle sue rivelazioni, cioè l’aver “tradito” la propria razza per identificarsi negli interessi e nella sorte dei poveri e dei diseredati del mondo. Oggi che la “Reconquista” dell’America Latina da parte dell’imperialismo USA riconsegna anche Assange ai regolamenti di conti occidentalisti, ci si rende conto che lo spirito vendicativo è fine a se stesso, non va a punire reati o ad ammonire eventuali futuri trasgressori, bensì a riconfermare nel modo più brutale la sacralità delle gerarchie sociali e razziali. Chi viola quelle sacre gerarchie sacre, non va semplicemente punito ma distrutto.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 14/04/2019 @ 00:30:28, in Falso Movimento, linkato 2311 volte)
Nel corso di tutti i TG di venerdì 12 aprile si è molto parlato di una sparatoria avvenuta a Milano.
Per prima cosa è stato detto che si tratta di un fatto "in pieno stile Gomorra", poi che è una cosa molto simile a quella avvenuta due giorni prima a Napoli e si dà il via a un lungo servizio sulla sparatoria ... di Napoli, soffermandosi sulla efferatezza del regolamento di conti avvenuto nei pressi di una scuola, alla fine il senso della notizia risulta che quello che è avvenuto a Milano in realtà era più logico che accadesse a Napoli.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (16)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


19/04/2019 @ 20:35:40
script eseguito in 75 ms