"
"La condanna morale della violenza è sempre imposta in modo ambiguo, tale da suggerire che l'immoralità della violenza costituisca una garanzia della sua assoluta necessità pratica."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 16/05/2019 @ 00:24:04, in Commentario 2019, linkato 7058 volte)
Massimo D’Alema ha dichiarato di essere sorpreso dal fatto che una persona rozza come Matteo Salvini possa riscuotere tanti consensi. Una possibile spiegazione è che Salvini può permettersi di essere così rozzo perché i suoi antagonisti gli rendono la vita sin troppo facile.
Molti elettori del PD si sono affidati a Nicola Zingaretti sperando che con lui cessasse finalmente il tempo delle follie e iniziasse un periodo di buon senso. Al contrario, Zingaretti ha aperto la campagna elettorale del PD per le elezioni europee invitando come sponsor il commissario europeo Pierre Moscovici. Il PD poteva anche obiettare al governo che la sua demonizzazione di Moscovici era del tutto strumentale poiché, se si accetta di negoziare, si va a negoziare, senza atteggiarsi a vittime. Ma che senso ha adottare una controparte come nume tutelare? Perché, per fare l’europeista, devi per forza esporti all’accusa di essere anti-italiano?
Il problema è che la comunicazione europeistica è sempre eccessiva, esagerata, esasperata, grottesca, fuori dalle righe, non riesce mai a trovare una misura che la renda plausibile, se non per quella fascia di opinione pubblica, sempre più ristretta, disposta ad affrontare tutto in puri termini di “colpanostrismo”.
L’europeismo è condannato alla sguaiataggine ed alla vaniloquenza del “più-europeismo” per la stessa inconsistenza della costruzione europea. Nel dicembre scorso il quotidiano confindustriale ”il Sole-24 ore” ci faceva sapere che la Banca Centrale Europea affidava gli “stress test” sulle banche a consulenti privati, tra i quali il più grande fondo di investimento del mondo, Blackrock. Pare che l’evidenza del conflitto di interessi (Blackrock è uno dei soggetti più attivi nell’acquisto di banche) abbia suscitato l’indignazione di alcuni parlamentari tedeschi, tra cui il famigerato Wolfgang Schauble.
Allo scoop del quotidiano confindustriale sono state contestate varie imprecisioni, ma non è stata rivolta l’obiezione più importante, cioè di non essere uno scoop. È infatti almeno dal 2014 che vi sono notizie di agenzie di stampa sui servizi di consulenza che Blackrock fornisce alla BCE.
Possibile che la BCE sia una tale banda di incompetenti da aver bisogno di pagare profumatamente consulenze private? Possibile poi che debba rivolgersi proprio a quei privati per i quali è più plateale il conflitto di interessi? Alle richieste di chiarimenti, i vertici BCE distribuiscono risposte strafottenti: “Avevamo fretta!”.

La BCE è in preda al lobbismo e nessuno può farci nulla, per cui l’impunità diventa supremazia morale. L’edificio europeo è il paradiso del lobbying e delle porte girevoli tra incarichi pubblici ed incarichi privati. Ogni tentativo di controllo e regolamentazione del lobbying da parte di quegli organismi, pur così occhiuti con gli “zero virgola” dei bilanci statali, cade nel vuoto. Del resto non solo un lobbismo trasparente e controllato perderebbe quasi tutta la sua efficacia, ma c’è anche da rilevare che tutto l’edificio europeo appare costruito pezzo per pezzo in funzione del lobbying.
Il lobbismo è la forma moderna del domino di classe, un domino defilato dietro il paravento di istituzioni apparentemente asettiche ma in effetti funzionali al lobbismo stesso. Quasi nulla di ciò che riguarda il regno del lobbying nell’Unione Europea sfugge alla comunicazione mainstream, quindi non si è affatto di fronte ad un’informazione da parte di nicchie complottistiche. Ciò non toglie che la stessa comunicazione mainstream sia pronta a rimuovere totalmente la questione del lobbying ogni volta che possa scalfire il mito europeo. Più l’Unione Europea reale fa schifo, più l’unica risorsa dei suoi apologeti è quella di cercare di sottrarla al giudizio umano divinizzandola.

Il passaggio dell’ex presidente della Commissione Europea, il portoghese José Manuel Barroso, a Goldman Sachs aveva sollevato molti dubbi sul suo operato nella vicenda della crisi greca, nella quale era coinvolta Goldman Sachs. Lo stesso Barroso, nella sua nuova veste di lobbista, aveva dato ancora una volta scandalo l‘anno scorso, incontrando in modo non trasparente l’attuale Commissario al Lavoro e vicepresidente della Commissione Europea, il finlandese Jyrki Katainen. Il fatto ha dato luogo ad una serie di interrogativi “etici”, cioè alle solite recriminazioni ipocrite che lasciano le cose esattamente come stanno.
Quando Barroso, è passato a Goldman Sachs, si è preso anche le blande critiche di Pierre Moscovici, il quale ha puntualizzato che Barroso non faceva nulla di male, ma che il suo comportamento aveva creato problemi di immagine (solo di immagine, non di legittimità) per la UE. Moscovici concludeva affermando che, dal canto suo, non sarebbe mai passato a Goldman Sachs. Magari farà come Draghi: se ne andrà a Blackrock.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 09/05/2019 @ 00:55:18, in Commentario 2019, linkato 8122 volte)
La vendita di Magneti Marelli da parte di FCA ha suscitato l’indignazione di Romano Prodi che l’ha sfogata in un articolo sul quotidiano “il Messaggero”. Uno dei gioielli del gruppo ex torinese è stato ceduto ad una multinazionale giapponese per un bel pacchetto di miliardi e il dettaglio dispiaciuto a Prodi (e molti altri) è che il malloppo verrà quasi completamente “pappato” dagli azionisti di FCA. Di investimenti nemmeno l’ombra. Qualcuno potrebbe supporre che i valorosi manager abbiano le mani legate dagli avidi azionisti; sennonché nelle multinazionali ormai tra i principali azionisti ci sono proprio i manager.
Nel suo articolo Prodi ha anche trovato il modo di prendersela con l’attuale governo che, a suo dire, non avrebbe una “politica industriale”. Le repliche che perverranno dai sostenitori del governo sono abbastanza scontate, in quanto si baseranno sul rinfacciare allo stesso Prodi i suoi trascorsi di privatizzatore, come il “regalo” dell’Alfa Romero alla FIAT e lo smantellamento dell’IRI.
Più interessante di queste ovvie polemiche, sarebbe però capire cosa si intenda per “politica industriale”. La risposta la diede nel 2012 Sergio Marchionne buonanima in uno scambio di battute con l’allora ministro per lo Sviluppo Economico del governo Monti, il banchiere Corrado Passera. Alle lamentele di Passera sul progressivo disimpegno dell’ex FIAT dall’Italia, Marchionne replicava fornendo le cifre delle agevolazioni da lui ricevute per aprire uno stabilimento nello Stato di Pernambuco in Brasile. Lo Stato brasiliano aveva versato l’85% dell’investimento e, non soddisfatto di tanta prodigalità, aveva concesso ulteriori agevolazioni e sgravi fiscali. Lo stabilimento era stato in pratica pagato per intero dalle casse brasiliane, perciò non si capisce perché il Brasile non se lo fosse fatto da sé, dato che non si stava parlando di tecnologie avveniristiche ma di semplici automobili. Marchionne concludeva amaramente facendo notare al ministro che le attuali regole europee non avrebbero consentito altrettanta generosità all’Italia. La considerazione finale di Marchionne rappresentava un esplicito invito al governo italiano a mettersi in concorrenza con gli altri Stati per offrirgli di più. Il testo di Marchionne aveva la potenza rivelatoria di un vero e proprio manifesto del welfare per ricchi.

L’invito di Marchionne ad assistere maggiormente i ricchi è stato raccolto da un’agenzia governativa che, manco a dirlo, si chiama Invitalia. La “mission” di questa agenzia dovrebbe essere quella di “attrarre investimenti esteri”; salvo scoprire che l’investimento ce lo mette quasi interamente Invitalia che, quindi, non attrae un bel nulla, se non la solita manica di super-parassiti multinazionali. La “mission” di Invitalia dovrebbe essere quindi ridefinita come “ente assistenziale per multinazionali”. Insomma, non esistono gli “imprenditori”, semmai i “prenditori”.
L’anno scorso è scoppiato anche un piccolo scandalo, poiché si era scoperto che i finanziamenti che Invitalia versava per lo stabilimento FCA di Termini Imerese, da riconvertire all’auto elettrica, erano in realtà distratti per fare speculazioni finanziarie. Di auto elettriche, ovviamente, nemmeno l’ombra. La scoperta ha portato ad un’inchiesta giudiziaria che, dalla Sicilia, è stata trasferita a Torino, in modo che FCA possa giocarsela in un campo più amico. L’attuale giurisprudenza, sempre favorevole alle multinazionali, conforta l’attesa fiduciosa da parte di FCA di un esito a tarallucci e vino.

Il Sommo Bardo non aveva del tutto ragione quando diceva che anche con un altro nome una rosa profumerebbe lo stesso. In realtà sostituire il nome di una cosa con un altro, può anche ottenere l’effetto di alterare la percezione dei sensi. Se l’assistenzialismo per ricchi lo chiami “liberismo”, magari puoi anche convincerti che il furto sistematico di denaro pubblico da parte delle imprese private costituisca soltanto una sequela di sfortunati incidenti e non la regola assoluta.
La dicotomia tra destra e sinistra dovrebbe quindi concretizzarsi nell’alternativa tra welfare per ricchi o welfare per poveri. Al contrario, la cosiddetta “sinistra” è la più zelante ad alimentare la fiaba del presunto liberismo e delle sue ancora più presunte virtù creative. Il filosofo Norberto Bobbio ha infatti spostato la dicotomia sul piano dei “valori”: alla destra la libertà, alla sinistra l’uguaglianza; come se il problema fosse quello di controllare l’eccessivo individualismo dei ricchi ed indirizzare la loro “selvaggia creatività” al bene comune. E come si fa a “controllare” i ricchi? Tenendoseli buoni regalandogli più soldi. Nella finta “dicotomia” tra destra e “sinistra”, l’assistenzialismo per ricchi vince sempre.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (20)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


21/05/2019 @ 22:59:42
script eseguito in 91 ms