"
"La condanna morale della violenza è sempre imposta in modo ambiguo, tale da suggerire che l'immoralità della violenza costituisca una garanzia della sua assoluta necessità pratica."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 24/08/2006 @ 21:49:51, in Commentario 2006, linkato 846 volte)
A Gerusalemme è stato pugnalato a morte un giovane volontario italiano, Angelo Frammartino, militante di Rifondazione Comunista, che si trovava lì per iniziative di aiuto ai Palestinesi. Le indagini - svolte in via ufficiale da un'istituzione imparziale e insospettabile come i servizi segreti israeliani - sono giunte in pochi giorni alla sconvolgente verità. Per una tremenda ironia della sorte, il giovane volontario è stato ucciso da un fanatico terrorista palestinese che lo credeva un ebreo. Il nostro concittadino sarebbe stato perciò la vittima proprio di uno di coloro che era venuto incautamente a cercare di aiutare. Questa è la versione ufficiale di quanto sarebbe accaduto, ed ha un che di familiare: sembra infatti la trama di un telefilm della serie "Jag - Avvocati in divisa".
Una volta che questa versione è stata diffusa, il caso è scomparso dai giornali e dai telegiornali. Niente dubbi, niente domande, nessuna richiesta di ulteriori chiarimenti. I "fatti" così narrati non sono stati più messi in discussione.
Che un governo italiano accetti senza problemi che un cittadino italiano venga sacrificato alle esigenze della propaganda statunitense e israeliana, non ha in sé nulla di eccezionale, poiché si inquadra nel ruolo di subordinazione coloniale del nostro Paese. Il vero problema riguarda invece le organizzazioni di cui la giovane vittima faceva parte. Ad esempio: Rifondazione Comunista ha in programma interrogazioni o interpellanze parlamentari per chiedere al governo di muoversi presso le autorità israeliane per ottenere ulteriori chiarimenti? Ha intenzione di porre la questione nella sede del Consiglio dei Ministri di cui ora fa parte? Vi è a riguardo un dibattito interno a Rifondazione?
» improbabile che ciò stia avvenendo, poiché Rifondazione, per assumere un atteggiamento lineare in questa vicenda, dovrebbe decidersi ad uscire dalla finzione secondo cui l'aggressione colonialistica non ci riguarderebbe direttamente, ed il problema sarebbe soltanto di solidarizzare ora con i Palestinesi, ora con i Libanesi. In altri termini, si tratterebbe di riconoscere che il cosiddetto "Occidente" non esiste, che ci sono solo gerarchie coloniali, perciò non ha nessun senso questo atteggiarsi ad "occidentali buoni" che fanno i terzomondisti.
Nel 1998, la strage della funivia del Cermis ha drasticamente ribadito il dominio statunitense sul territorio italiano. Cittadini italiani come Calipari o Frammartino sono stati sacrificati appunto per riconfermare queste gerarchie.
Comidad, 24 agosto 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 17/08/2006 @ 21:51:28, in Commentario 2006, linkato 1246 volte)
Dato che l'offensiva israeliana nel sud del Libano non è riuscita a spezzare la resistenza degli Hezbollah, allora il Consiglio di Sicurezza dell'ONU ha adottato una risoluzione di cessate il fuoco, che, contestualmente, impone il disarmo degli stessi Hezbollah. Insomma, visto che il fantoccio degli Stati Uniti non è riuscito a vincere la guerra sul campo, l'ONU cerca di assicurargli, anche questa volta, una vittoria comunque, tramite il disarmo degli aggrediti, a cui non viene riconosciuto nemmeno il diritto di difendere la propria terra dalla conquista straniera.
» ovvio che un disarmo della resistenza libanese comporterebbe una ulteriore aggressione israeliana. Del resto, quando il governo libanese accondiscese alla richiesta degli Stati Uniti di allontanare dal suo territorio le truppe siriane, era altrettanto ovvio che ciò ponesse le premesse per un'aggressione di Israele, che non avrebbe più dovuto preoccuparsi della contraerea siriana.
La slealtà e la mancanza di parola sono la linea costante e coerente della politica statunitense, e l'ONU avalla sempre, puntualmente. Ci si è subito dimenticati degli osservatori ONU uccisi pochi giorni fa dal fuoco israeliano, perché colpevoli di non confermare le versioni ufficiali del governo israeliano. Infatti l'ONU, in base ai rapporti di cui dispone, sa benissimo che è Israele a compiere da decenni incursioni e provocazioni oltre il confine libanese, e che non è vero che qualche migliaio di guerriglieri abbia sfidato Israele solo per fanatismo.
Anzi, il Consiglio di Sicurezza decide di inviare anche delle truppe ONU, nonostante questo precedente, e il governo Prodi-D'Alema si dichiara subito disponibile a mandare dei propri soldati, pur sapendo in anticipo che faranno da bersaglio inerme all'esercito, all'aviazione e (perché no?) alla marina israeliane.
Tutto secondo il solito copione. Infatti Blair non ha neppure mancato di mettere su il consueto finto attentato, che sarebbe stato sventato grazie alle torture. Ovviamente non sono mancate neppure le scontate apologie dell'illegalità "a fin di bene". Angelo Panebianco, sul "Corriere della sera" ha anche suggerito una sorta di complicità morale con il terrorismo da parte di coloro che non approvano le torture, chiamati, non a caso, "fondamentalisti della legalità". Persino i sofismi della propaganda ufficiale sono sempre gli stessi.
Non c'è niente di più sorprendente della prevedibilità.
Comidad, 17 agosto 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (8)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (2)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


22/02/2019 @ 09:07:00
script eseguito in 85 ms