"
"La distruzione di ogni potere politico è il primo dovere del proletariato. Ogni organizzazione di un potere politico cosiddetto provvisorio e rivoluzionario per portare questa distruzione non può essere che un inganno ulteriore e sarebbe per il proletariato altrettanto pericoloso quanto tutti i governi esistenti oggi."

Congresso Antiautoritario Internazionale di Saint Imier, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2006 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 02/03/2006 @ 17:43:16, in Commentario 2006, linkato 814 volte)
Questa è la trama della storia. A Sassuolo dei carabinieri pestano a sangue un immigrato marocchino ormai inerme, ma un altro immigrato riprende il fatto con la videocamera del suo telefonino e la scena finisce su internet. Ma c'è un colpo di scena: ecco che, invece della prevista indignazione, i carabinieri ricevono il sostegno ed il plauso del governo ed anche dell'opinione pubblica, che si pronuncia a favore dell'Arma con lettere e telefonate alle redazioni dei giornali. Come in un reality show, al pubblico è stata data l'occasione di partecipare e di esprimere il suo voto. Peccato che tutta la rappresentazione appaia rigorosamente falsa, proprio come avviene nei reality show.
Che le immagini del pestaggio siano state riprese per caso e siano poi trapelate clandestinamente, è del tutto improbabile. La vicenda ricorda, in scala ridotta, la campagna mediatica sulle "rivelazioni" delle torture nel carcere di Abu Ghraib. Anche in quel caso la comunicazione fu all'insegna dell'ambiguità, del doppio messaggio: un'indignazione di maniera che sottintendeva uno smaccato compiacimento.
In tal modo il Potere può giocare su due tavoli: da un lato pretende di essere umanitario e legalitario, perciò migliore dei suoi avversari, dall'altro lato però rivendica di potersi lasciare completamente le mani libere, irridendo l'ipocrisia dei "buonisti" che non accettano di "sporcarsi le mani". » una debolezza tipicamente occidentale quella di considerare l'impudenza e la mancanza di scrupoli come una sorta di condizione morale superiore, il che consente di poter fare agli altri la morale, rivendicando però per se stessi la libertà da ogni vincolo morale.
Ma la vera ambiguità di questo tipo di messaggi, sta nella loro capacità di trascinare gli spettatori in una dimensione che supera la distinzione tra il vero ed il falso, cioè la dimensione del gioco. In fondo molti spettatori sanno, o sospettano, che i reality show siano finti, ma fanno finta di niente, cioè stanno al gioco.
Allo stesso modo, sono oggi molti di più di quelli che sembrano, a dubitare dell'autenticità della rappresentazione del terrorismo e dello scontro di civiltà tra Occidente e Islam, e magari in tanti sospettano che sia stato proprio Bush a far saltare ieri i grattacieli e oggi le cupole delle moschee; però accettano lo stesso di partecipare al gioco, recitandovi le battute prestabilite.
Non che nel sistema della comunicazione la verità sia completamente assente, ma è confinata in "nicchie". Se invece si vuole accedere - o sperare di accedere - ai vertici della comunicazione, allora bisogna partecipare alla finzione.
Comidad, 2 marzo 2006
 
Di comidad (del 23/02/2006 @ 17:41:16, in Commentario 2006, linkato 876 volte)
La propaganda di questi giorni ha presentato l'immagine di un Occidente iper-tollerante sino alla remissività nei confronti di un Islam violento e fanatico. In base a questo copione propagandistico, il dilemma che ha agitato i commentatori e l'opinione pubblica ha riguardato i limiti della tolleranza, quanto sia lecito sopportare in nome del quieto vivere.
Lo scrittore inglese Graham Greene - che fu anche collaboratore dei servizi segreti britannici -, ha sintetizzato questo schema propagandistico nella formula "The Quiet American", "L'Americano Tranquillo" che è costretto ogni tanto a prendere le armi quando sia indispensabile per la difesa di certi valori. Nel suo romanzo del 1955, Greene mostrava invece come questa immagine propagandistica coprisse un'aggressione colonialistica spregiudicata, basata su una illimitata capacità di destabilizzazione e corruzione.
L'economia illegale diventa il supporto di questa relazione colonialistica, adottata da tutti i paesi occidentali. » il modello afgano, riproposto con successo anche in Somalia, dove le milizie filo-statunitensi, in questi giorni, hanno sostenuto una battaglia contro le milizie "islamiche" per disputarsi il controllo dell'aeroporto di Dainile a Mogadiscio, e quindi del traffico di droga che passa per quell'aeroporto. Manco a dirlo, i signori della guerra somali che si sono convertiti alla lotta al terrorismo islamico, erano sino a poco tempo fa anch'essi di fedeltà islamica.
Tutti i fatti di questi ultimi giorni accaduti nei Paesi islamici, compresi gli scontri e gli assalti alle sedi diplomatiche ed alle chiese, vanno rivisti in base a questa regola della intercambiabilità dei ruoli, per la quale si può essere una volta terrorista islamico e un'altra volta alleato degli Stati uniti a seconda dei momenti, o addirittura contemporaneamente.
Comidad, 23 febbraio 2006
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (46)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


20/11/2019 @ 13:32:26
script eseguito in 45 ms