\\ Home Page : Articolo : Stampa
LIBIA: PER FARCI UN KOSOVO NON BASTA LA NATO, CI VUOLE L'ONU
Di comidad (del 10/03/2011 @ 01:09:19, in Commentario 2011, linkato 2816 volte)
Lunedì ultimo scorso la NATO, per voce del suo segretario generale, ha lanciato a Gheddafi un solenne avvertimento, secondo il quale i bombardamenti sui civili costituiscono un crimine contro l'umanità e perciò la NATO non rimarrà a guardare. Non si può negare che, quando si tratta di bombardare i civili, la NATO non si è mai limitata a guardare, ma si è sempre data da fare in prima persona. Stavolta non si tratta neppure di rivangare nel passato, poiché le stragi di civili operate dalla NATO hanno il pregio della contemporaneità rispetto a quelle che la propaganda ufficiale attualmente attribuisce a Gheddafi.
Appena pochi giorni fa, l'ennesima strage di bambini ad opera di elicotteri della NATO ha provocato una rabbiosa manifestazione a Kabul, di fronte alla quale anche quel fantoccio del presidente Karzai ha dovuto alzare la voce contro il capo delle forze NATO, il generale Petraeus. Ancora alla fine di febbraio, Petraeus aveva osato affermare che le ferite inferte ai bambini nel corso dei bombardamenti NATO erano un falso dei Talebani, i quali avrebbero indotto dei propri simpatizzanti a bruciare le braccia e le gambe ai loro stessi figli, solo per poter accusare le forze armate statunitensi. Per inventarsi questa storia, Petraeus deve essersi rifatto a quel classico della guerra psicologica che è "Apocalypse Now", in cui un Marlon Brando rapato a zero narrava di un episodio mai accaduto, cioè il taglio delle braccia a dei bambini vietnamiti ad opera dei Vietcong; un falso che è diventato però una specie di "verità storica", consacrata dall'abitudine alla narrazione. Poi di fronte all'evidenza delle prove per le ultime stragi di civili, lo stesso Petraeus non ha trovato altri film da raccontare, e se l'è cavata con delle scuse. Agli Stati Uniti basta pronunciare un "ops!", ed anche un bombardamento sui civili effettuato a distanza ravvicinata con elicotteri, diventa per i giornali uno spiacevole incidente, da confinare in poche righe nelle pagine interne e dimenticare immediatamente.
In questa ultima settimana è sembrato che sulla messa in atto di una "no fly zone" sulla Libia le perplessità crescessero all'interno della stessa amministrazione statunitense. Si è ricordato che solo poche settimane fa il segretario alla Difesa Robert Gates aveva dichiarato davanti a degli studenti che solo un pazzo potrebbe consigliare una guerra in Medio Oriente al presidente USA. Ma quando mai gli Stati Uniti non hanno spianato il terreno alle loro guerre senza servirsi della retorica antibellicistica?
I media hanno diffuso anche la voce di una opposizione alla "No fly zone" da parte di Cina e Russia, ma in effetti i comunicati cinesi e russi si sono limitati ad auspicare una soluzione pacifica per la Libia, senza minacciare ritorsioni diplomatiche o annunciare battaglia in sede ONU.
Un altro tema che ha imperversato sui blog in queste settimane riguarda il declino dell'impero statunitense e la sua presunta impossibilità di lanciarsi in ulteriori avventure militari. Alcuni commentatori già pensano al dopo-USA, e cercano di individuare la superpotenza del futuro: la Cina o l'India, o magari entrambe, la "Cindia". Ma chi mette il carro davanti ai buoi, spesso si ritrova a chiudere la stalla quando i buoi sono scappati. In realtà non c'è mai stato un periodo in cui gli Stati Uniti non fossero in declino e che la loro potenza non risultasse in crisi. Anche negli anni '80 il predominio statunitense era dato per spacciato di fronte alla potenza emergente del Giappone.
Georges Clemanceau pronunciò a riguardo uno spassoso aforisma, secondo il quale gli Stati Uniti sono l'unico Paese passato direttamente dalla barbarie alla decadenza senza mai passare per la civiltà. L'incapacità statunitense di vincere le guerre è diventata ormai un luogo comune, ma il generale Fabio Mini ci ha avvertito da tempo che la nozione di vittoria è stata estromessa dalla strategia militare. Un'occupazione militare non richiede vittorie militari, e può perdurare anche senza conseguire vittorie militari. In realtà la vera forza degli Stati uniti è sempre consistita nella rete internazionale di complicità e connivenze che hanno saputo allestire.
La grande risorsa degli Stati Uniti sono i filo-americani, cioè i reazionari e gli affaristi del pianeta. Un ruolo decisivo nel predominio coloniale delle multinazionali statunitensi lo svolgono inoltre le organizzazioni internazionali, come il Fondo Monetario Internazionale, l'Organizzazione Mondiale per il Commercio (WTO), la stessa Unione Europea, e, ovviamente, l'ONU.
Ad esempio, una confusione della memoria storica verificatasi in questi giorni in cui si è parlato di Libia e modello Kosovo, ha riguardato il ruolo dell'ONU nella guerra del Kosovo del 1999. Si è detto giustamente che l'aggressione aerea sulla Serbia fu scatenata dalla NATO senza che il Consiglio di Sicurezza si fosse pronunciato, quindi una guerra "illegale"; ma si è dimenticato di aggiungere che fu in effetti la Risoluzione 1244, del 10 giugno 1999, dello stesso Consiglio di Sicurezza a consentire e legalizzare l'occupazione NATO del Kosovo. Nell'appendice 2 della Risoluzione si affidava infatti alla NATO un ruolo "sostanziale" nelle operazioni di peace keeping in Kosovo, legalizzando il paradosso di affidare la pacificazione a chi aveva scatenato la guerra. La NATO non era mai riuscita ad ottenere sul campo l'occupazione del suolo serbo, e fu l'ONU a consentirgliela, cioè la Russia e la Cina. http://www.eurasia-rivista.org/cogit_content/articoli/EkpFVAFklFJmxqwZqO.shtml
Putin non è un fantoccio degli Stati Uniti come lo era Eltsin, ed è inoltre circondato dall'astio dei media “occidentali” a causa dell'abilità con cui conduce i propri affari; forse per questo Putin è diventato la speranza della "destra antagonista". Un vuoto di memoria ricorrente riguardo a Putin consiste però nella messa in ombra delle sue responsabilità nell'affossamento del regime serbo di Milosevic.
Putin non era ancora presidente quando la NATO aggredì la Serbia, ma non è stata la NATO a rovesciare Milosevic, ma la doppiezza di Putin, diventato primo ministro su nomina di Eltsin nell'agosto del 1999. Con una spericolata operazione militare, forse approfittando del cronico coma etilico dell'allora presidente russo Eltsin, nel giugno di quell'anno l'esercito russo era riuscito addirittura ad occupare il capoluogo del Kosovo, la città di Pristina, arrivando a fronteggiare le truppe britanniche della NATO. Il fatto provocò anche un addolorato e preoccupato articolo di Ernesto Galli della Loggia, un esempio di come gli opinionisti ufficiali siano soliti usare pesi e misure completamente diversi, a seconda se si tratti di interventi militari "occidentali" oppure di altri. http://archiviostorico.corriere.it/1999/giugno/13/NAZIONALISMO_FINE_SECOLO_co_0_9906133789.shtml
Sul Web si riesce però a trovare la notizia di quell'impresa, ma non si riesce a sapere quando e come i russi furono indotti a ritirarsi.
Perché Putin non approfittò della posizione di vantaggio che quella occupazione militare russa gli procurava? Perché mesi dopo lasciò liquidare Milosevic in base ad un risultato elettorale chiaramente manipolato dall'ingerenza statunitense? http://archiviostorico.corriere.it/2000/ottobre/02/Mosca_pronta_scaricare_Milosevic__co_0_0010022940.shtml
La domanda può essere riferita all'oggi: perché Putin si è affrettato a scaricare Gheddafi? La risposta è sempre la stessa. Putin non può opporsi fino in fondo agli Stati Uniti perché parla il loro stesso linguaggio, quello degli affari. Putin non vuole restituire un ruolo ed un prestigio alle forze armate russe, perché ciò ostacolerebbe i suoi progetti di privatizzazione a tappeto. Per mezzo secolo l'Armata Rossa è stata l'unica e vera stampella del socialismo reale sovietico, perciò la sua disfatta in Afghanistan ha lasciato aperto il varco alle privatizzazioni volute dalle cosche affaristiche del KGB, oggi riconvertitosi in Gazprom.
Putin ha dovuto lasciare agire l'esercito in Ossezia perché ormai la pressione USA era ai suoi confini, e quindi avrebbe rischiato l'impopolarità ed aperto la strada ad un colpo di Stato militare; ma, a parte queste situazioni di emergenza, egli lascia l'esercito nella totale fatiscenza della logistica e degli armamenti. Anche in Ossezia l'esercito russo è stato costretto a cavar sangue dalle rape per spuntarla, dati i mezzi obsoleti di cui disponeva, a fronte degli armamenti moderni ed ipertecnologici del privatizzato esercito della Georgia. Soltanto nel campo della missilistica nucleare Putin si preoccupa di mantenere il primato tecnologico, ma ancora una volta qui si tratta della sua personale sopravvivenza. Qualche anno fa il parlamento russo approvò anche una legge che consentiva a Gazprom di dotarsi di un esercito privato, mettendo sù una propria Blackwater, una notizia che avrà riempito di gioia le forze armate russe. http://translate.google.it/translate?hl=it&langpair=en%7Cit&u=http://www.liveleak.com/view%3Fi%3D829_1183743028