"
"La malevolenza costituisce pur sempre l'unica attenzione che la maggior parte degli esseri umani potrà mai ricevere da altri esseri umani."

Comidad
"
 
\\ Home Page
Benvenuto nel blog del COMIDAD:

Home Page
 
Italia
Il periodo in esame è di un mese, dal 27 dicembre 2020 al 26 gennaio 2021, con dati che si riferiscono quasi esclusivamente al vaccino Pfizer (Comirnaty).

A quanto si legge nel rapporto AIFA, "sono pervenute 7.337 segnalazioni su un totale di 1.564.090 dosi somministrate (tasso di segnalazione di 469 ogni 100.000 dosi), di cui il 92,4% sono riferite a eventi non gravi" mentre "del 7,6% di segnalazioni classificate come “gravi” (corrispondono a 557 casi gravi, NDR) per le quali è in corso la valutazione del nesso causale con i vaccini, tre su quattro non hanno richiesto intervento specifico in ambito ospedaliero. Nel periodo sono stati segnalati anche 13 decessi avvenuti nelle ore successive alla vaccinazione" ...

  Inghilterra
-Vaccino Pfizer: dal 9/12/20 al 30/1/21 ( 39 giorni ) > 143 decessi
-Vaccino AstraZeneca dal 4/1/21 al 30/1/21 ( 26 giorni )  > 90 decessi + 8 aborti

  Dalle fonti governative britanniche:
Pfizer dal 9/12/20 al 07/02/21   reazioni avverse   70.314 di cui 173  decessi
Astra Zeneca dal 4/01/21 al 07/02/21    reazioni avverse  73.883 di cui  150  decessi.
 
Di comidad (del 25/02/2021 @ 00:11:05, in Commentario 2021, linkato 5194 volte)
Mettere sotto qualcuno per dimostrargli quanto fa schifo, è sin troppo facile; anzi, ogni eccesso di zelo in questo sforzo inutile risulta alquanto sospetto. Il rapporto gerarchico si basa infatti sulla svalutazione del subalterno, il che serve a confermare la sua  dipendenza ed a rafforzarla.
Si tratta del fenomeno dell’aggiotaggio sociale, che può verificarsi in piccola scala all’interno delle famiglie o dei luoghi di lavoro, oppure su grande scala, applicandolo a classi sociali o a interi popoli. L’aggiotaggio è il reato che consiste nell’alterare il valore di una merce o di un titolo attraverso la diffusione di notizie false e tendenziose. Il reato di aggiotaggio viene perseguito molto raramente, non tanto perché sia di difficile individuazione, quanto invece perché il perseguirlo significherebbe togliere agli speculatori di Borsa il loro strumento di lavoro.
Anche in ambito politico l'aggiotaggio è una prassi consueta, e viene attuato attraverso la categoria del “salvataggio”; non per nulla la parola “salvataggio” è inflazionata, quanto la parola “emergenza”. Il Recovery Fund sul piano dell'aiuto finanziario è davvero poca cosa, ma l'enfasi mediatica che lo accompagna, sin dalle sue fasi di preparazione e negoziato, è funzionale ad imprimere nella mente dell'opinione pubblica la parola “salvataggio”: l'Europa e la Germania che correrebbero a “salvarci”.
In Italia di ”Salvatori della Patria” ne abbiamo avuti tanti, troppi; anzi, è diventato una sorta di roleplay. Ma l'esaltazione mediatica dei "Salvatori" è sempre stata funzionale alla rappresentazione di un Paese che affonda, di un Paese sull’orlo dell’abisso, cioè di un Paese che non vale nulla. Questi pseudo-salvataggi sono psicodrammi che rafforzano i vincoli di dipendenza, e questa sensazione di dipendenza può essere molto euforizzante per l'opinione pubblica; di qui la popolarità, per quanto effimera, dei “Salvatori”.

...

Continua a leggere...

 
Di comidad (del 18/02/2021 @ 00:14:59, in Commentario 2021, linkato 5332 volte)
La presidenza Biden è ancora nella fase dell’idillio con gli apparati e con i media. Non ci sarebbe però da stupirsi se, di qui a poco, i conflitti istituzionali si riaccendessero e Joe Biden venisse chiamato a rendere conto di ogni soldo rubato e di ogni fondoschiena palpeggiato, magari anche per fatti di trenta o cinquanta anni fa.
Al contrario di ciò che ci propina il mainstream, le narrazioni cospirative alla Qanon nascono come strumento di comunicazione per i conflitti interni al potere, ed hanno un effetto propagandistico a doppio taglio, cioè efficace per due diverse categorie di pubblico. Le menti “rozze e primitive”, anche se non danno retta ai dettagli più caricaturali della narrazione, sono comunque indotte a pensare che lassù si stia svolgendo un’epica lotta tra un potere trasparente e “buono” (Trump) ed un altro potere subdolo e cattivo (il “Deep State”). Si tratta di una rappresentazione a parti invertite rispetto a quella dei media mainstream, nella quale Trump è il “cattivo” e la cospirazione la fanno i “troll” russi.
Purtroppo però sono le menti “colte e raffinate” quelle più esposte al pericolo, poiché, pur di screditare le narrazioni complottistiche, arrivano a liquidare qualsiasi teoria del conflitto. L'atteggiamento di superiorità intellettuale gioca brutti scherzi e comporta forme di ingenuità anche peggiori di quelle attribuite ai “rozzi”. Si è arrivati infatti a considerare le teorie cospirative come una vera e propria emergenza politico-sociale; tutto ciò ovviamente partendo dalla falsa premessa mainstream secondo cui il complottismo sarebbe un fenomeno irrazionale in cui si esprimerebbe lo scontento popolare. In un colpo solo si vanno perciò ad avallare due mantra della dogmatica oligarchica: l’emergenzialismo, che giustifica qualsiasi abuso di potere; ed il fantasma del “populismo”, questa presunta pretesa del popolaccio ignorante di non lasciar fare alle sedicenti élite.
Il fondatore della scienza delle pubbliche relazioni, l'austriaco Edward Bernays, sosteneva che la base di una propaganda efficace sta nel rendere incerta la fonte di un certo messaggio, in modo da creare un'illusione di spontaneità. Il libro di Bernays “Propaganda”, del 1928, è il testo di riferimento degli attuali “spin doctor”. Bernays ebbe l’astuzia di presentare le sue teorie sulla manipolazione dell’opinione pubblica anch’esse in chiave manipolativa, quindi le avvolse in un’atmosfera di cospirazione. In realtà il “false flag”, l’attribuire ad un altro una cosa che stai facendo tu, è un trucco elementare che usano persino i ragazzini per farsi gli scherzi. L’efficacia del “false flag” quindi sta tutta nei pregiudizi di chi riceve il messaggio. Sono i tuoi pregiudizi elitari (in definitiva, razziali) che ti portano a credere che QAnon sia davvero un fenomeno popolare. Non c’è da stupirsi del fatto che anche gli animabellisti siano affetti da pregiudizi elitari e razziali, poiché il razzismo è un corollario dello stesso umanesimo, cioè dell’idealizzazione dell’Uomo: dato che l’umanità reale con cui abbiamo a che fare, non è mai questo granché, tendiamo allora a favoleggiare di un “altrove” in cui abitino esseri umani all’altezza dell’ideale.   

...

Continua a leggere...

 
Di comidad (del 11/02/2021 @ 00:04:49, in Commentario 2021, linkato 5494 volte)
Oggi, qualunque discorso si faccia, occorre premettere una sorta di professione di fede nei “valori” ufficiali, allontanando da sé il sospetto di far parte di qualche setta di eccentrici, quindi bisogna dichiarare preventivamente: io non sono no-vax, io non sono negazionista, io non sono complottista, io non sono terrapiattista. Si tratta di un approccio ingenuo e un po’ patetico alla comunicazione, come se vivessimo in un mondo di interlocutori alla pari, nel quale il problema fosse solo quello di capirsi a vicenda. Il mondo reale ovviamente non funziona così.
La gerarchia è un rapporto sociale squilibrato, il che comporta anche uno squilibrio comunicativo, perciò gli argomenti e i ruoli della comunicazione sono già predeterminati e non è previsto che si possa dire qualcosa di diverso. La comunicazione ufficiale, il mainstream, rivendica inoltre il privilegio di contraddirsi. Spostando l'attenzione sulla falsa minaccia no-vax, si distrae dai paradossi della campagna vaccinale, presentata come soluzione dell’emergenza Covid. Secondo i dati del sito del governo, si considera un successo aver vaccinato circa un milione di persone in un mese. A questo ritmo, impegnando allo spasimo il personale sanitario, occorrerebbero quaranta mesi, più di tre anni, per vaccinare i due terzi della popolazione italiana. E nel frattempo che si fa?
Tra le premesse del discorso diventate d'obbligo, ora c’è anche quella di non aver mai criticato Mario Draghi, il presunto salvatore dell'Europa, giunto adesso a salvare l'Italia. Il problema è che è proprio Draghi a porsi in posizioni un po’ critiche. Il “Salvatore” di professione fa parte del famoso Gruppo dei Trenta, considerato da alcuni una delle sedi dei complotti mondiali. n un loro documento i Trenta ci fanno sapere che esistono moltissime imprese che ormai vivono di soli aiuti, per cui queste andrebbero lasciate morire per aiutare invece quelle più competitive. Se si tratta però di aiutare delle imprese piuttosto che delle altre, vuol dire che tutte le imprese sono assistite, per cui non si capisce il criterio per cui si fanno figli e figliastri. Ci voleva il “complotto”, o il trust dei cervelli, per dire che si aiutano solo gli amici e gli amici degli amici? Ma non è quello che si è sempre fatto?
Sul Draghi “creativo” e salvatore dell'Europa, c’è anche da rilevare che il Quantitative Easing era stato lanciato dalla Federal Reserve, la banca centrale statunitense, sin dal 2009, perciò il grande Mario non ha fatto altro che adeguarsi al vento che soffiava da oltre Atlantico. L’europeismo è un intrico di affarismo, di lobbying, di velleità colonialiste ed autocolonialiste; ma l'elemento decisivo a cui l’Unione Europea e l'euro devono la loro esistenza e la loro sopravvivenza, è quello degli interessi della NATO.

...

Continua a leggere...

 

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (4)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (8)
Commenti Flash (61)
Documenti (29)
Falso Movimento (7)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (18)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (17)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


02/03/2021 @ 00:06:00
script eseguito in 77 ms