\\ Home Page : Articolo : Stampa
IL BUSINESS DELLA PRIVATIZZAZIONE DELL'ABORTO
Di comidad (del 21/02/2008 @ 11:35:46, in Commentario 2008, linkato 1053 volte)

Il tema dell'aborto arriva in campagna elettorale e già si è allestita la solita rappresentazione di alternative astratte da talk show: "sacralità della vita" da un lato e "libertà di scelta" dall'altro. In realtà, l'unica alternativa davvero concreta riguarda da una parte l'aborto pubblicamente assistito - che consente anche di prevenire gli aborti e ridurli - e, dall'altra parte, un aborto lasciato in preda all'affarismo privato, il quale ha tutto l'interesse a tenere il numero degli aborti il più alto possibile. Questo è il motivo per cui anche molte persone sinceramente contrarie all'aborto, difendono l'attuale legge 194, proprio perché temono l'invasione dell'affarismo su questo versante.

Il problema è che oggi il business dell'aborto si presenta in termini molto diversi rispetto a quarant'anni fa: non è più un affare di "cucchiai d'oro" cattofascisti, o di cliniche svizzere, o di pionieri "progressisti" del metodo Karman. Le nuove biotecnologie hanno trasformato gli embrioni e i feti, da scarto biologico che erano una volta, in una materia prima indispensabile per le multinazionali farmaceutiche. Mettere le mani su questa materia prima è da almeno vent'anni per le multinazionali farmaceutiche un imperativo che spiega anche l'ingresso sulla scena dei cosiddetti neoconservatori americani, che sono i pubblicitari del sistema affaristico, incaricati di conferire un alone idealistico anche al più criminale dei business.

In questa campagna propagandistica ovviamente non manca il consueto appello ai facinorosi e sadici, a cui non interessa per niente la salvezza del nascituro, ma solo che la donna che abortisce venga umiliata il più possibile. Ma c'è anche qualcosa di più sottile ed ammiccante e, proprio per questo, l'operazione pubblicitaria è stata affidata al "neocon" Giuliano Ferrara, il quale, con il suo tono un po' intimidatorio ed un po' ruffianesco, lascia intendere che il suo obiettivo non sia di abolire la legge 194, ma di fare esclusivamente una battaglia di principio con finalità educative. Insomma, si cerca di far credere che si tratterebbe di condannare l'aborto come "idea", ma di tollerarlo come pratica, come in effetti già molti fanno.

Qui si annida l'aspetto più subdolo della questione, poiché per eliminare l'assistenza pubblica all'aborto non è affatto necessario abolire la legge 194, ma è sufficiente sabotarla con una serie di circolari applicative, il che è esattamente ciò che Ferrara afferma di voler fare se diventasse ministro della Salute.

Se l'aborto pubblicamente assistito diventasse impraticabile a causa di un iter eccessivamente inquisitorio e umiliante, ecco che si creerebbero le condizioni per far apparire la privatizzazione dell'aborto come una liberazione. Bisognerà quindi fare attenzione al gioco di squadra che stanno mettendo su l'aspirante ministro Giuliano Ferrara e la leader del partitino biotecnologico, Emma Bonino.

La soluzione che si sta prospettando è di dar modo alle donne di abortire anche presso strutture private che abbiano finalità di ricerca scientifica. In questo modo le donne, oltre ad abortire in modo più rapido e sicuro rispetto alla struttura pubblica, potrebbero anche dare il loro contributo al progresso scientifico, alla sconfitta delle malattie genetiche, eccetera, insomma tutta la storiella propagandistica che le multinazionali farmaceutiche ci propinano ogni volta.

Occorre ricordarsi che la privatizzazione dell'aborto è un vecchio obiettivo del Partito Radicale, che richiese un referendum in tal senso subito dopo l'approvazione della legge 194, contro la quale aveva votato in Parlamento. Il referendum abrogativo radicale fu presentato del tutto in parallelo a quello del cosiddetto "Movimento per la Vita", di ispirazione cattofascista;  del resto, la proibizione dell'aborto e la sua privatizzazione hanno in comune gli stessi sbocchi affaristici. Che si tratti della "Vita"  o del  "Progresso Scientifico", l'affarismo ha comunque bisogno di un Moloc al quale obbligare a sacrificarsi.   

21 febbraio 2008