\\ Home Page : Articolo : Stampa
L'OCCIDENTE UNA GERARCHIA RAZZIALE
Di comidad (del 20/03/2008 @ 11:54:38, in Commentario 2008, linkato 1421 volte)

In uno dei suoi discorsi elettorali, Berlusconi ha parlato della crisi che sta arrivando dagli Stati Uniti ed ha proposto come soluzione "lavorare di più", tanto per cominciare una ulteriore defiscalizzazione degli straordinari che rischia di portare la giornata lavorativa a quattordici ore, e le morti sul lavoro a cifre ora inimmaginabili. Un ambiente politico sempre pronto a gettarsi sulle gaffe di Berlusconi, ha accettato senza protestare l'assurdità insita nel suo discorso: visto che gli Stati Uniti ci hanno messo nei guai, allora continuiamo a fare quello che ci dicono.

C'è la tentazione da parte di molti critici del sedicente "liberismo", di considerare l'incombente crisi economica come un imminente Giorno del Giudizio, un'occasione per una collettiva presa di coscienza che consenta di superare almeno gli aspetti più biechi dell'attuale assetto economico mondiale. Il punto è però che l'economia costituisce un'astrazione, un concetto di sintesi, mentre gli affari sono cose concrete, che portano nomi, cognomi, indirizzi e numeri di telefono.

L'affarismo non si fa fermare dalla crisi economica in sé, perché ogni affare mobilita denaro; un denaro che è in grado di produrre, attraverso i media, anche una realtà virtuale pronta a giustificare ulteriori incursioni affaristiche nella spesa pubblica.

Non è un caso quindi che le cosche affaristiche anglo-americane, che ci hanno condotto alla situazione attuale, vengano ancora una volta riconosciute come la leadership che ci dovrebbe guidare tra i marosi dell'inflazione, della depressione, della miseria e della disoccupazione. Ognuno di questi mali può essere occasione di nuovo sfruttamento e nuovo business, e l'opinione pubblica può essere ogni volta convinta che la migliore soluzione del male è di affidarsi a chi l'ha provocato.

L'attuale dibattito sulla crisi deve anche mettere sull'avviso coloro che si illudono che il raggiungimento della verità sull'11 settembre possa distruggere il mito su cui si fonda l'attuale sistema di dominio sovra-nazionale.  La cosa più probabile è invece che una caduta della versione ufficiale sull'11 settembre venga salutata dai media come un'ennesima vittoria della democrazia americana. Allo stesso modo in cui la scoperta che Saddam Hussein non possedeva armi di distruzione di massa, non ha delegittimato l'invasione dell'Iraq, così la scoperta che Bin Laden non c'entra nulla con l'11 settembre, non servirebbe a delegittimare l'attuale occupazione dell'Afghanistan. Il dominio coloniale sugli Iracheni e sugli Afgani non ha nessuna difficoltà ad essere giustificato dai media con la necessità di educare alla democrazia delle popolazioni che, senza la illuminata guida dell'Occidente, ritornerebbero all'originario oscurantismo.

Persino la rivelazione che oggi è la NATO in prima persona a gestire in Afghanistan il traffico di droga ed in Campania il traffico di rifiuti tossici, in sé non cambierebbe nulla. Una rivelazione del genere farebbe la fine di quelle sulle torture nella prigione di Abu Ghraib: gli Stati Uniti dimostrano ancora una volta di essere capaci di superare i propri errori.

La stessa NATO venti anni fa si giustificava come alleanza necessaria a fronteggiare la minaccia sovietica, ma ora che questa minaccia non c'è più, nemmeno la cosiddetta "sinistra radicale" si azzarda a proporre l'uscita dell'Italia dalla NATO, e ciò per puro timore delle accuse di antiamericanismo, che comporterebbero una vera e propria morte civile.

In realtà l'11 settembre non è stato un mito fondante, ma una messinscena funzionale ad uno scopo specifico del momento, cioè consentire alla cosca Bush-Cheney-Rumsfeld di mettere le mani sul denaro pubblico americano, superando ogni opposizione delle altre cosche. Il vero mito fondante del dominio coloniale non sta in questo o quell'episodio, ma in una ideologia onnipresente che non concede mai pause né sconti: il razzismo.

Nella puntata di Report di domenica 16 marzo 2008, la comunicazione razzistica ha raggiunto livelli di sofisticazione tali da far passare Goebbels per un dilettante. Immagini iconografiche di un Robert Kennedy mistico e ispirato hanno preceduto il solito servizio sullo sfacelo amministrativo e antropologico di Napoli. L'accostamento del tutto arbitrario tra una evocazione mitologica ed una rappresentazione tendenziosa di dettagli grotteschi, costituisce un messaggio subliminale di razzismo, tanto più efficace perché si imprime nella mente come immagine invece che come concetto. Persone che rifiuterebbero la superiorità e l'inferiorità razziale come idee, poi le condividono come  presunti "dati di fatto", proprio perché credono di "vederle" quotidianamente nella rappresentazione mediatica.

Se si va ad analizzare tutta la comunicazione politica di Walter Veltroni, essa si riduce a mero culto della superiorità razziale delle èlite americane; ma non potrebbero risultare credibili i miti di superiorità senza l'analoga rappresentazione dell'inferiorità, perciò il culto americanistico risulta inscindibile dal razzismo antimeridionale.  Il cosiddetto "Occidente" è appunto una gerarchia razziale, che ha al suo vertice gli anglo-americani ed alla sua base i popoli meridionali.  Il razzismo funziona sempre in modo bilaterale, perciò se ci si sente superiori a qualcuno, è automatico che poi ci si possa sentire anche inferiori a qualcun altro. Se, ad esempio, si è antimeridionali, è molto difficile che non si sia parallelamente dediti al culto della superiorità anglosassone.  Nel "Mein Kampf", Hitler parlava in termini celebrativi degli Anglosassoni e, al tempo stesso, descriveva gli Italiani meridionali come una specie degenerata e inferiore: le stesse tesi di Milena Gabanelli, ma espresse in modo meno insinuante.

Il razzismo non regola soltanto i rapporti etnici e nazionali, ma anche e soprattutto quelli di classe. Le classi vengono cioè fatte percepire inconsciamente come razze, ed i mitici "imprenditori" - che poi non "imprendono" nulla, ma si limitano a "prendere" il denaro pubblico - si propongono non come un gruppo sociale, ma come una razza superiore, dotata di capacità miracolistiche. Bakunin ha messo più volte in evidenza la immediata disponibilità delle borghesie nazionali al collaborazionismo con la colonizzazione straniera; ciò è logico se si considera che i cosiddetti "imprenditori" non si sentono in relazione sociale col resto della popolazione, ma percepiscono se stessi come una razza a parte.

Il razzismo costituisce quindi una falsa coscienza generalizzata, a cui l'affarismo può sempre fare appello. La superiorità "occidentale" è  data per scontata, quindi non si sospetta mai che dietro la rappresentazione razzistica che i media costruiscono contro altri popoli, possa esservi ogni volta un fine affaristico. Anche quando ciò viene dimostrato per il passato, questa esperienza non viene mai utilizzata come cautela per i messaggi mediatici del presente. Il rapporto con i media rimane ingenuo, cioè non li si coglie per quello che sono: un'arma di distruzione di massa.

20 marzo 2008