\\ Home Page : Articolo : Stampa
I FALSI DILEMMI MORALI SULLA GUERRA UCRAINA
Di comidad (del 21/04/2022 @ 00:14:47, in Commentario 2022, linkato 6355 volte)
Molti commentatori hanno trovato irritante la frase di Draghi che poneva in alternativa la pace ed il condizionatore. Al di là della goffaggine dimostrata in quel caso da Draghi, l’espediente da lui adoperato rientra nelle consuete tecniche del lobbying, cioè distrarre dalle vere questioni in ballo ponendo dei fittizi dilemmi morali, che però contengono un’insidia semantica.
Nel 1991 la prima guerra del Golfo fu preparata da un “dibattito”, estenuante quanto inconcludente, sulla possibilità della “guerra giusta”. A distanza di più di trenta anni si deve concludere che, a causa del fumo della disinformazione, persino di quella guerra sappiamo ancora molto poco, perciò figuriamoci cosa sappiamo di quelle attuali. Il 26 febbraio del 1991, a poche ore dalla fine ufficiale della guerra, un missile “Scud” di fabbricazione sovietica (che gli Iracheni avevano ribattezzato Al-Husayn) colpì una caserma americana uccidendo ventisette militari. A poca distanza dalla caserma vi era un albergo sede di molti inviati di guerra, perciò gli effetti devastanti dell’esplosione quella volta non poterono essere nascosti.
Il fallimento del sistema antimissile americano, il “Patriot”, progettato dall’industria Raytheon, fu riscontrabile anche nel caso dei missili che avevano colpito Israele. In quel caso l’effetto di distrazione fu ottenuto descrivendo l’eroico sangue freddo degli Israeliani, che, secondo la narrazione, rinunciavano alla rappresaglia. Del resto non si capisce cosa gli Israeliani avrebbero potuto fare di peggio rispetto a ciò che già stavano facendo gli Americani.
Uno studio del Massachusetts Institute of Technology rilevò i difetti del sistema “Patriot”, che aveva fallito nel contrastare un missile a tecnologia povera e apparentemente obsoleta come l’Al-Husayn, che era in pratica un missile V2 della seconda guerra mondiale. Le contro-obiezioni della Raytheon risultarono piuttosto imbarazzate e poco convincenti.
La narrativa ufficiale sulla guerra del 1991 descrisse una sconfitta totale delle forze armate irachene a fronte dell’illimitato potenziale tecnologico statunitense. Sempre secondo la narrazione ufficiale il presidente Bush senior “rinunciò” ad invadere l’Iraq, considerando compiuta la missione, avendo “costretto” gli Iracheni a ritirarsi dal Kuwait. In realtà, da quel poco che era riuscito a filtrare dalla disinformazione, le cose non stavano così: le tecnologie “povere” avevano retto bene il confronto con quelle “ricche”, tanto che numerosi aerei occidentali erano stati abbattuti e i piloti catturati; mentre i missili iracheni avevano “bucato” ogni difesa statunitense. Ciononostante, a distanza di decenni, il sistema “Patriot” è ancora ritenuto affidabile, infatti gli USA nel 2018 lo hanno venduto alla Polonia per la modica cifra di quattro miliardi e settecentocinquanta milioni di dollari. Il presidente polacco salutò la spesa come un evento epocale.

Nella fine dell’Iraq di Saddam nel 2003, risultò invece determinante la leva diplomatica ed in particolare la “mediazione” del presidente francese Chirac. Da un’intervista del 2002 risultava chiaramente l’ambiguità di Chirac, che non escludeva un attacco all’Iraq, a patto che non fosse una scelta “unilaterale” degli USA. Saddam fu indotto a disarmare in base alle direttive del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, l’unico che avrebbe potuto consentire “legalmente” un attacco. Di fatto l’anno successivo l’intervento “unilaterale” degli USA ci fu ugualmente. La polemica di Francia, Germania e Russia contro l’intervento si appuntò su questioni come l’unilateralismo e la liceità o meno di una guerra preventiva. Si perse così di vista il punto fondamentale, cioè che l’ONU e la mediazione francese avevano di fatto agito per offrire all’aggressione USA un bersaglio inerme. Nel momento in cui l’ONU aveva indotto l’Iraq a sottoporsi ad una procedura di ispezione del proprio disarmo, avrebbe dovuto anche garantire che non venisse aggredito nel frattempo. Una procedura senza garanzie non è una procedura ma una trappola.
Il mobbing internazionale contro l’Iraq ricalcò lo schema del mobbing sui luoghi di lavoro, dove la vittima viene “circondata” non da chi è apertamente ostile, bensì dalle figure falsamente “amichevoli” che si offrono di mediare. La diplomazia è comunemente considerata uno strumento di pace, ma lo statista francese Georges Clemenceau, parafrasando Von Clausewitz, disse che la pace non è altro che la guerra condotta con altri mezzi. In pace la diplomazia prepara la guerra guerreggiata. La traduzione della frase di Draghi sarebbe quindi questa: volete la preparazione della guerra o il condizionatore?

Oggi ci si chiede se sia “giusto” o meno armare l’Ucraina e si chiama l’opinione pubblica ad infervorarsi nel dilemma, come se la sua opinione contasse qualcosa. In realtà la contraddizione nel comportamento della NATO e dell’Unione Europea costituisce un elemento di diretta responsabilità nel conflitto in atto. Non aveva senso confermare, contro le richieste della Russia, la procedura di adesione dell’Ucraina alla Nato ed alla UE senza offrire la garanzia che mentre il candidato era in sala d’attesa non venisse attaccato. Qui non è questione soltanto di doppiopesismo, non si tratta di rivangare ciò che la NATO ha combinato con la Serbia o con la Libia, bensì di rilevare come in questo specifico caso la NATO abbia posto meticolosamente le condizioni per la guerra in Ucraina. Mentre l’adesione dell’Ucraina alla NATO era tenuta in standby, la colonizzazione economica e commerciale del Paese da parte delle lobby del Dipartimento di Stato USA procedeva inesorabile. Nel 2014 il quotidiano confindustriale “Il sole 24 ore” segnalava la presenza di vari ministri stranieri nel governo post-golpista ucraino: alle Finanze venne nominata un’americana proveniente da una multinazionale finanziaria, Horizon Capital, mentre il ministero dell’Economia fu affidato ad un banchiere lituano che aveva ricoperto incarichi al Dipartimento di Stato USA.
Il dilemma morale sull’invio delle armi all’Ucraina si scioglie quindi nella rivelazione che in realtà gli USA le armi le stanno inviando a loro stessi, dato che l’Ucraina è ridotta ad una colonia di lobby americane, con tanto di basi militari. Anche sulla questione del nazismo ucraino, il dilemma morale sul suo uso da parte della NATO, viene a cadere nella constatazione che, al di là delle radici tradizionali del nazismo ucraino, è stata proprio la colonizzazione militare della NATO ad aver trasformato il nazismo, cioè il razzismo anti-russo, in un mestiere remunerativo e in una prospettiva di carriera. Ci si dice che nella guerra ucraina ci siano un aggredito e un aggressore, mentre invece ci sono un aggredito e due aggressori, e la Russia arriva solo per seconda. La NATO ha occupato l’Ucraina con le sue milizie mercenarie, che continua a rifornire di armi, ed ha posto le condizioni per trasformarla in un campo di battaglia contro la Russia.