\\ Home Page : Articolo : Stampa
PARTITO DEMOCRATICO: CUPIDIGIA DI SERVILISMO E CUPIDIGIA DI AFFARISMO
Di comidad (del 26/04/2007 @ 23:10:03, in Commentario 2007, linkato 1206 volte)
Il messaggio che proviene dalla nascita in Italia del cosiddetto Partito Democratico, non è tanto la rinuncia dei suoi fondatori a certe tradizioni politiche, quanto invece a qualsiasi prospettiva politica. Le classi dirigenti dei Paesi colonizzati e militarmente occupati come l'Italia sono condannate a ragionare su tempi brevissimi, perdendo il senso della continuità e vivendo una condizione psicologica da "dopo di me il diluvio".
L'esibizione di servilismo di cui hanno dato prova i vari Veltroni e Fassino con la loro imitazione di Clinton, ha suscitato sorrisi di ironia nei Paesi stranieri, compresi gli Stati Uniti. Ma questo servilismo è solo un aspetto della questione.
La precarizzazione del lavoro alla lunga contribuisce a distruggere il tessuto produttivo di un Paese, facendolo diventare una colonia di consumo per merci straniere; nel frattempo però per la borghesia di quel Paese colonizzato si apre lo spazio affaristico della privatizzazione della intermediazione del lavoro. Il sedicente liberismo ha infatti come prima e ultima frontiera la privatizzazione dei servizi pubblici essenziali, cioè il saccheggio del denaro pubblico, dietro la giustificazione propagandistica dell'aziendalismo, dell'efficienza e del merito.
Si tratta quindi di privatizzare tutto ciò che per sua costituzione sarebbe pubblico.
chiaro che non si può arrivare a privatizzare un ministero, ma l'affarismo non si fa arrestare da questi intoppi giuridici. La campagna moralistica sugli statali nullafacenti, affidata all'ex sindacalista della CGIL Pietro Ichino, ha vari sbocchi affaristici immediati: è possibile affidare i servizi di valutazione del lavoro ad agenzie private esterne all'amministrazione, ma è anche possibile colmare i vuoti di organico dovuti ai prepensionamenti appaltando il lavoro a ditte private.
Favorire i prepensionamenti con incentivi o con campagne terroristiche sulla perdita della pensione, fa sì che l'amministrazione pubblica non disponga più di un organico sufficiente per garantire le sue funzioni, e, poiché assumere è diventato un crimine, la soluzione "efficientistica" consiste nell'affidare il lavoro alle ditte private degli amici della propria cosca affaristica. ciò che hanno fatto anche Bush e Rumsfeld quando hanno privatizzato la logistica delle proprie truppe di occupazione in Iraq, condannandole ad una progressiva perdita di operatività.
evidente però che il paragone con gli Stati Uniti e l'imitazione dei loro metodi reggono sino ad un certo punto. Gli Stati Uniti non confinano con l'Iraq, non devono temere le conseguenze militari del fallimento dell'occupazione, perciò le loro oligarchie potranno ritirarsi a migliaia di chilometri di distanza a godersi il bottino dei saccheggi. L'affarismo criminale, la pirateria e l'auto-pirateria degli Stati Uniti hanno quindi una base geografica, delle risorse di territorio che li sostengono.
Da pochi giorni è morto Boris Eltsin, l'uomo che il KGB usò per mollare Gorbaciov con le sue velleità di statista. La conversione della Russia all'affarismo criminale si è basata su una valutazione analoga a quella degli Stati Uniti, cioè il fatto di disporre di grandi risorse in termini di territorio e di materie prime. Oggi la Russia può vessare sul piano commerciale i Paesi confinanti suoi clienti, senza avere molto da temere sul piano militare proprio grazie alla vastità del suo territorio.
La pirateria e l'auto-pirateria non sono certamente adatte invece a Paesi geograficamente esposti e interdipendenti come quelli europei, e tanto meno per Paesi strutturalmente poveri, dotati di sole risorse di lavoro, come l'Italia. Queste cose non è che Fassino e soci non le capiscano, il problema è che il fatto che le capiscano o meno risulta irrilevante, data la loro pratica dipendenza dagli Stati Uniti.
26 aprile 2007