"
"La nozione di imperialismo americano non si deve intendere come dominio tout court degli Stati Uniti, ma come la guerra mondiale dei ricchi contro i poveri, nella quale gli USA costituiscono il riferimento ed il supporto ideologico-militare per gli affaristi e i reazionari di tutto il pianeta."

Comidad (2012)
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2007 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 31/12/2007 @ 23:59:59, in Commentario 2007, linkato 1269 volte)
I commenti del 2007 che non sono stati ancora trasferiti in questa sezione si possono ancora leggere sul vecchio sito
 
Di comidad (del 27/12/2007 @ 23:08:48, in Commentario 2007, linkato 1222 volte)
L'emergenza natalizia dello smaltimento dei rifiuti in Campania è stata comunicata dai media in base ai consueti canoni del razzismo ufficiale. La finta informazione alternativa - quella di trasmissioni come "Report", e dei best-seller come "Gomorra" o "La casta" - ha consolidato e articolato questo quadro, offrendo parole magiche ed evocative come "camorra" o "sistema", oppure icone di satrapi della pubblica amministrazione, come il governatore Bassolino, che è una figura analoga a quella di un Bokassa, l'ex "imperatore" del Centro-Africa, l'emblema razzistico dello sfruttamento delle pubbliche risorse a fini di lusso privato. Diventato un "Bokassolino" o il "Bokassa del Mezzogiorno", il governatore Bassolino costituisce oggi anche lui per i media l'immagine esplicativa dell'inferiorità di un popolo e della sua mancanza di futuro.
Il razzismo consiste appunto in una serie di risposte precostituite che servono a prevenire e neutralizzare le vere domande, anche le più ovvie.
Che delle strutture amministrative locali, come Regioni e Comuni, si occupino della raccolta dei rifiuti, è perfettamente comprensibile, ma che c'entrano con il loro smaltimento?
I rifiuti sono notoriamente uno dei prodotti più esportabili ed esportati del mondo. Da qui deriva la seconda, ancora più ovvia, domanda: come mai una Regione povera come la Campania - che produce quindi meno rifiuti delle altre Regioni - ha sempre bisogno di nuove discariche?
E poi ancora un'altra domanda, che costituisce anche una implicita risposta: cosa sono e da dove realmente provengono i rifiuti che le discariche campane contengono e dovranno contenere?
Dato che nonostante le barriere mediatiche, queste questioni sono state comunque poste, ecco pronte le risposte rassicuranti/razzistiche alla Roberto Saviano: la "camorra imprenditrice" traffica in rifiuti tossici e allestisce siti per accoglierli. Il razzismo può uccidere ogni buonsenso, e farci credere che le multinazionali che producono i rifiuti tossici siano costrette a implorare dalla camorra un sito per smaltirli.
Per la propaganda ufficiale il problema è sempre lo stesso: non esistono popoli e territori asserviti e colonizzati, ma solo razze inferiori e/o subdole.
Nel 1947, all'Assemblea Costituente, Francesco Saverio Nitti - che era stato Presidente del Consiglio tra il 1919 ed il 1920 - stava pronunciando uno dei suoi numerosi discorsi contro l'istituzione delle Regioni, quando un parlamentare democristiano gli obiettò che erano discorsi inutili, che le Regioni si sarebbero comunque fatte perché erano dettate dal trattato di pace. Nitti rispose che si era letto da cima a fondo il trattato di pace, e che le Regioni non vi erano citate. » chiaro però che il parlamentare democristiano si stava riferendo alle clausole non scritte del trattato, cioè alle imposizioni di chi occupava militarmente l'Italia.
Il finto federalismo - quello delle autonomie locali - è essenziale per coprire le varie forme di sfruttamento e asservimento del territorio, ed anche per poi tacciare di "localismo" ogni tentativo di resistenza all'aggressione e occupazione del territorio. Inoltre, facendo proliferare i posti di potere, le autonomie locali costituiscono un veicolo di corruzione di massa, che può consolidare un ceto sociale privilegiato ed interessato al mantenimento dello status quo coloniale.
La "casta" non costituisce quindi una degenerazione, ma è un progetto costituzionale. Il primo presidente della Repubblica eletto, l'economista liberista Luigi Einaudi, era stato sino a quel momento un sostenitore della politica della "lesina", si era reso famoso per aver fatto inserire nella Costituzione la norma che non vi dovessero essere spese senza preventiva copertura, ed anche per aver proposto di abolire le tredicesime mensilità per non concentrare i consumi nello stesso periodo. Ebbene, fu proprio Luigi Einaudi a lanciare la versione sfarzosa e monarchica della presidenza della Repubblica, a volere come sede il palazzo del Quirinale, e a pretendere un appannaggio superiore a quello di qualsiasi altro capo di Stato, compreso quello del presidente USA, cosa che è stata fatta notare da molti accusatori della "casta".
Il "presidente monarca" era però una citazione dal modello americano, e non ci si può sorprendere se ogni tanto l'allievo supera il maestro. Anche Bassolino non è più semplicemente presidente regionale, ma è un "governatore", come negli Stati Uniti. Che la casta si sviluppi di pari passo con l'imitazione del modello imposto dai colonizzatori, è un'osservazione che di solito manca a queste denunce, che anzi ribadiscono fideisticamente che "negli Stati Uniti queste cose non succedono". Che il crescente uso privato delle risorse pubbliche abbia come perfetto riscontro l'adesione ideologica all'americanismo ed all'occidentalismo, anche questo non viene notato.
La Costituzione prevede il referendum abrogativo, ma precisa che non possano essere oggetto di referendum non solo le leggi fiscali, ma neanche i trattati internazionali; quindi nessun referendum puà proporre di abolire i trattati di adesione dell'Italia alla NATO ed alla Unione Europea. Neanche ad una forma "partecipativa" innocua e puramente illusoria come il referendum, è quindi concesso di mettere in discussione la sudditanza coloniale dell'Italia. La "sovranità popolare" non poteva essere meglio smentita, proprio nel documento che avrebbe dovuto garantirla.
27 dicembre 2007
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (29)
Commenti Flash (61)
Documenti (45)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (4)
Links (1)
Storia (6)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


23/07/2017 @ 08:33:51
script eseguito in 31 ms