\\ Home Page : Articolo : Stampa
LE TASSE SERVONO A PAGARE LE PRIVATIZZAZIONI
Di comidad (del 05/07/2007 @ 22:44:51, in Commentario 2007, linkato 1013 volte)
Come era prevedibile, Walter Veltroni ha organizzato la sua campagna per la candidatura a leader del Partito Democratico come una cavalcata attraverso i miti americani. Dopo aver evocato Kennedy e Clinton, Veltroni si è messo anche ad interpretare la parte di Ronald Reagan, presentandosi come condottiero della rivolta antifiscale, il che gli ha fatto meritare il plauso del presidente di Confindustria, Montezemolo.
Il messaggio di Reagan era di una semplicità e falsità elementari: non bisogna attaccare la ricchezza, perché questa va a vantaggio di tutti, perciò, diminuendo le tasse, si produrrà più ricchezza ed anche il fisco potrà giovarsi del suo aumento. L'economista John K. Galbraith sintetizzò sarcasticamente questa dottrina con l'apologo della biada al cavallo: più biada dai al cavallo (il ricco), più vantaggio ne avranno le mosche (i poveri), quando andranno sulla sua merda. Ma, nonostante il suo sarcasmo, Galbraith si era rivelato troppo ottimista.
Il presidente Reagan diminuì le tasse, ma di ciò si giovò soltanto chi aveva alti redditi, dato che, come era ovvio, il fisco vide calare le sue entrate. Eppure Reagan non ridusse la spesa pubblica, anzi aumentò a dismisura le spese militari e quindi le commesse alle industrie militari. Come riuscì in questo miracolo?
Indebitandosi. Ma non indebitandosi all'interno, bensì all'estero. Oggi il debito pubblico statunitense è finanziato soprattutto dalla Cina. Quindi il cavallo mangia di più indebitando le mosche.
Con l'espediente dell'indebitamento, Reagan - o, per meglio dire, il gruppo affaristico che lo aveva fatto eleggere - riuscì a drogare l'industria degli armamenti, ma condannò ugualmente gli Stati Uniti ad un irreversibile decadimento delle infrastrutture. Nel 1984 le Olimpiadi di Los Angeles offrirono in diretta televisiva al mondo lo spettacolo squallido di impianti sportivi obsoleti, fatiscenti o addirittura improvvisati con assi di legno e tubi metallici, ma pochi telecronisti ebbero il coraggio di mostrare di accorgersene.
La versione reaganiana del liberismo determinò una pauperizzazione crescente e inarrestabile non solo dei ceti popolari, ma anche della classe media. I consumi vennero tenuti alti tramite un ulteriore indebitamento, quello dei consumatori, che presero, e continuano prendere, prestiti da agenzie finanziarie nate allo scopo. Questo modello è stato importato anche in Europa, ed oggi in Italia gran parte della pubblicità riguarda proprio l'offerta di prestiti da parte di questo tipo di finanziarie.
Grazie ai debiti, gli Americani continuano a viaggiare e devono constatare che Paesi come il Portogallo, la Grecia o la Turchia offrono ai propri cittadini un livello di vita superiore al loro. In molte zone degli attuali Stati Uniti anche una casa di mattoni è un lusso che pochi possono permettersi. Ci sono poi intere generazioni di Americani che nascono e vivono nei camper. In Europa i libri ed i film di Michael Moore sono visti come un fenomeno di radicalismo rivoluzionario e persino "antiamericano", mentre negli Stati Uniti sono interpretati come espressione di un punto di vista moderato che cerca di riassorbire lo scontento nella dialettica elettorale.
L'Europa ha fornito al reaganismo ed ai suoi disastri il supporto di un'omertà mediatica senza precedenti, tanto più se si considera che storicamente l'atteggiamento degli Europei nei confronti degli Stati Uniti è sempre stato quello celebrativo ed apologetico. Con il reaganismo si è andati oltre, tanto che questo tipo di liberismo è stato adottato servilmente dai governi europei, pur omettendo il dettaglio fondamentale dell'indebitamento con l'estero.
L'Italia non è certo una potenza tale da potersi permettere di drogare la propria economia finanziandola con il debito estero, ma deve continuare a fare affidamento sul prelievo fiscale. La "rivolta fiscale" in Italia rimane un'espressione non solo ipocrita, ma vuota. Berlusconi non ha realmente diminuito le tasse, mentre Prodi le sta aumentando, perché non può fare altrimenti, dato che deve andare incontro al nuovo business, la nuova terra promessa, a cui il messia Montezemolo vuole condurre i confindustriali: la privatizzazione dei servizi della pubblica amministrazione. Si tratta di un fenomeno peraltro già avviato, e propagandato attraverso gli articoli di Pietro Ichino sul "Corriere della Sera". I pensionamenti e le mancate assunzioni nella pubblica amministrazione vengono compensati attraverso l'appalto delle sue funzioni a ditte private. Tutto questo determina un aumento della spesa pubblica, e quindi delle imposte e delle tasse.
Ciò non costituisce un'assoluta novità nella Storia italiana. Nei primi decenni del '900, le infrastrutture elettriche furono costruite e pagate dai governi attraverso l'imposizione fiscale, poi privatizzate fornendo allo stesso modo ai nuovi padroni le risorse per rilevarle e gestirle. Infine l'energia elettrica fu nuovamente nazionalizzata, ma furono ancora i contribuenti a pagare per decenni sulle bollette il risarcimento agli antichi padroni. La mitologia del capitalismo privato, del "Mercato" e degli "imprenditori" serve appunto a mistificare questo continuo saccheggio della spesa pubblica.
5 luglio 2007