\\ Home Page : Articolo : Stampa
IL RICORRENTE EQUIVOCO DEL PRESUNTO IMPERO AMERICANO
Di comidad (del 17/10/2019 @ 00:39:12, in Commentario 2019, linkato 6014 volte)
L’attacco di Erdogan contro il nord della Siria ha indubbiamente sparigliato le carte sullo scenario internazionale. I beniamini del politicorretto, i Curdi, ora sono diventati alleati della bestia nera dei politicorretti, il “dittatore” Assad.
L’ennesimo tradimento degli USA nei confronti dei Curdi (ma quando mai li hanno veramente aiutati?) e il doppio gioco del cialtrone Trump, ufficialmente contrario all’invasione turca ma in effetti complice, hanno consentito a Putin di acquisire il ruolo di mediatore tra Curdi e Siriani. In tal modo Putin è riuscito a ribadire in modo clamoroso non solo il ruolo di superpotenza asiatica della Russia, ma anche la necessità per Regno Unito, Francia e Germania di accettare pienamente questo ruolo per non rimanere tagliati fuori da ogni tavolo di decisioni. Il paradosso in cui si trovano attualmente invischiati i Paesi europei è di trovarsi in contrasto con il cosiddetto “alleato della NATO” Erdogan e di dover cercare l’intesa col “nemico” Putin.
Tutto ciò sembra riconfermare il “declino” americano, l’eclissi del ruolo imperiale degli USA. Le analisi a riguardo in questi giorni si sprecano ed, in effetti, gli argomenti a sostegno di questa tesi sembrerebbero inoppugnabili. Non solo nel Vicino e Medio Oriente, ma in tutti gli scacchieri internazionali gli USA non hanno mai in mano il bandolo della matassa. La figuraccia siriana di CialTrump è arrivata subito dopo la debacle in Venezuela, dove gli USA hanno visto il loro fallito tentativo di abbattere Maduro trasformarsi in un varco per l’ingresso trionfale della Russia nello spazio sudamericano, come protettore e garante della stabilità venezuelana.
Tutto vero, ma l’equivoco riguarda forse la questione del cosiddetto “impero” americano. Esiste sicuramente un imperialismo americano, un imperialismo militare, finanziario e commerciale, ma ciò non implica l’esistenza di un impero americano. Le politiche imperiali si basano sui confini, con la necessità di difenderli e di stabilire alleanze e relazioni per garantirsi la stabilità di quei confini. La Russia è un impero e, a parte la parentesi di Eltsin, ha sempre dovuto fare i conti con la difesa dei suoi confini. La Cina è anch’essa un impero e ha dovuto regolarsi allo stesso modo.
Gli Stati Uniti hanno confini ma non hanno problemi di confini, poiché nessuna potenza limitrofa è in grado di minacciarli. La faccia tosta americana riesce a presentare il crollo delle Torri Gemelle come un “attacco”, ed anche l’infiltrazione di migranti dal confine meridionale come una “invasione”, tanto da dover erigere un “muro”.
Si parla spesso dell’alternarsi negli USA di aspirazioni globali e di regressioni isolazioniste. In realtà non c’è nessuna alternanza e nessuna contraddizione, dato che è proprio l’isolamento geografico degli USA a consentire politiche militari, commerciali e finanziarie di carattere aggressivo a livello globale senza porsi problemi di stabilizzazione. La realtà dell’imperialismo americano non implica affatto l’esistenza di un impero americano.

In questo quadro è perfettamente conseguente l’ambiguità degli USA nei confronti dell’avventura di Erdogan. La destabilizzazione permanente dell’area del Vicino e Medio Oriente, e di ogni altra area petrolifera, è considerata da anni da ogni analista economico come la condizione indispensabile per rendere commercialmente appetibile il petrolio ed il gas di scisto di cui gli USA sono diventati i massimi produttori; anzi gli USA hanno persino strappato all’Arabia Saudita il primato dell’estrazione di idrocarburi. Se l’instabilità tocca l’Iraq, l’Iran, l’Arabia Saudita, se le loro petroliere saltano e le loro esportazioni di petrolio diventano incerte, chi ci guadagna? Chi infatti, se non gli USA, potrebbe garantire certezza e stabilità nelle forniture?
Tutto il business statunitense dell’antiecologico e antieconomico “shale oil” si è basato sin dall’inizio su sfacciate agevolazioni fiscali, su sussidi statali a pioggia, su colossali indebitamenti, su truffe borsistiche e su scarsi profitti. Molte compagnie sono fallite, ma finché ogni area petrolifera del mondo rimarrà una polveriera, il business dell’estrazione dallo scisto non dovrà considerarsi fuori gioco.
Gli Stati Uniti stanno collezionando brutte figure da decenni o da secoli, ma la loro carta vincente non è mai stata la “credibilità”. Si parla spesso di “soft power” americano, della capacità degli USA di sapersi conquistare i cuori e le menti. Certo, gli USA possono vantare i loro giganti nella letteratura, nella musica ed una volta nel cinema; gli USA sono anche ossessivi nella propaganda e controllano la gran parte dei media mondiali. Ma questo aspetto, seppure reale, non va enfatizzato oltre un certo limite. Nella propaganda è spesso l’Europa ad assumere il ruolo di guida. Greta è un prodotto europeo ma, andando indietro nel passato, occorre ricordare che l’offensiva anticomunista che ha posto le basi del reaganismo è stata generata in Francia, quando una banda di ragazzotti semianalfabeti venne accreditata dai media del titolo di “Nuovi Filosofi” per contrabbandare una propaganda antisovietica ed antimarxista all’insegna dei più vieti luoghi comuni. Per non parlare di altri spacciatori di banalità anticomuniste come l’austriaco/britannico Karl Popper.
Il vero “soft power” degli USA consiste invece nel business. Ogni “alleanza” degli USA è una cordata affaristica ed anche un sostegno diretto e indiretto a quelle oligarchie locali che vogliono regolare i loro conti con le proprie classi lavoratrici. Il motivo della perenne memoria corta nei confronti dei tradimenti americani consiste nell’irresistibile odore degli affari.