"
"Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea."

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2019 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 12/12/2019 @ 00:08:15, in Commentario 2019, linkato 1110 volte)
La ricorrenza dei cinquanta anni dalla strage di Piazza Fontana è stata l’occasione per la riproposizione dei temi ormai consueti, gli stessi temi a cui siamo stati abituati in mezzo secolo di confronto con quell’evento. La costante di quasi tutti i commenti è stata infatti la riduzione dell’analisi politica all’analisi giudiziaria. Il presidente della Camera, Roberto Fico, ha rilanciato il proposito di desegretare tutti gli atti relativi alla strage; lo stesso provvedimento già annunciato da Matteo Renzi nel 2014. Si è visto con quali risultati.
Eppure dovrebbe risultare evidente che l’esser riusciti a modificare il quadro giudiziario rispetto alla strage, l’aver ammesso che i colpevoli non erano i “rossi”, bensì dei “neri” in complicità con settori dei servizi segreti, non ha sortito assolutamente l’effetto di cambiare lo schema politico imposto immediatamente dalla strage stessa. Si trattava di quello schema emergenziale tramite il quale si costringeva il movimento operaio, cioè la forza di opposizione per eccellenza, a farsi carico, in nome del ”senso di responsabilità”, della difesa delle “istituzioni democratiche”.
Nel 1969 non c‘era ancora stata la caduta del Muro di Berlino, non c’era ancora il Trattato di Maastricht, ciononostante la politica si rivelava già una categoria subalterna rispetto ad altre. Vi erano già tutte le condizioni per il predominio non solo istituzionale ma anche ideologico della magistratura. La stessa magistratura che ha largamente contribuito a depistare le indagini sulla strage (sia con incriminazioni assurde, sia col trasferimento dei processi in lidi lontani), non ha mai perduto il ruolo preminente e riconosciuto di depositaria della missione di stabilire la “verità”. La verità giudiziaria è diventata abusivamente la verità politica, facendo perdere di vista che lo schema emergenziale imposto dalla strage è sopravvissuto ad ogni nuova ricostruzione dei fatti e ha consentito dapprima l’istituzionalizzazione e poi la neutralizzazione del movimento operaio.
A cinquanta anni dalla strage non si può infatti aggirare l’evidenza di un movimento operaio sconfitto perché costretto a farsi carico prima della difesa delle istituzioni democratiche, poi della crisi finanziaria e della difesa della lira tra il ’76 e il ‘78, poi ancora della difesa della democrazia di fronte alla nuova minaccia rappresentata dal brigatismo rosso.

L’emergenzialismo fu sperimentato in grande stile su scala europea nel 1973, con l’imposizione della “austerity” in base alle fake news sul blocco delle forniture di petrolio da parte dei Paesi arabi. Anche la Germania aveva sperimentato lo schema emergenziale negli anni precedenti, enfatizzando le imprese della RAF; ed anche in quel caso si assistette all’allineamento della socialdemocrazia e dei sindacati alle esigenze della difesa della “democrazia”. Le analisi sul regime tedesco del leader della RAF, Andreas Baader, erano in effetti molto lucide e puntuali, individuando quel regime come una sintesi di nazismo ed imperialismo USA. Le conseguenze che Baader trasse da queste premesse, furono però più religiose che politiche: un sacrificio di esponenti della giovane generazione per riscattare la vergogna dei padri; come se i “padri” non fossero prontissimi ad approfittare vergognosamente di quella ansia di riscatto per trasformarla nel suo esatto contrario in base allo schema emergenziale.
L’emergenzialismo non richiede particolare visione strategica da parte di chi lo adotta, bensì rappresenta l’automatica reazione delle oligarchie quando sentono minacciati, anche solo in parte i propri privilegi; perciò si fa saltare il banco per costringere tutti gli oppositori a farsi carico del caos che ne consegue.
Per effetto dello schema emergenziale il ruolo storico di opposizione della classe operaia, cioè fare da sponda e da referente per la redistribuzione sociale del reddito, è stato non solo perduto ma persino vilipeso e oltraggiato per poter adottare in alternativa la “concertazione”, anch’essa poi mandata in soffitta quando la classe operaia era ormai talmente indebolita da non aver più bisogno dei sindacati per controllarla.

La rivendicazione salariale veniva così subordinata ad un presunto “interesse generale”, alla cui ombra si potevano innescare i processi di deindustrializzazione e finanziarizzazione. Il debito pubblico diventava un’arma in mano agli industriali, i quali potevano disinvestire dalla produzione per investire in titoli di Stato. È la dinamica in base alla quale si spiega la sconfitta operaia del 1980 alla FIAT. Con la famigerata “Marcia dei Quarantamila” si strappava alla classe operaia anche quella che era considerata una sua prerogativa ed una sua roccaforte: la piazza. Giorgio Gaber cantava “c’è solo la strada su cui puoi contare”. Oggi anche la strada può invece diventare un luogo di menzogna sociale.
La caduta del Muro di Berlino e la fine dell’Unione Sovietica hanno impresso un’energica accelerazione ai processi di finanziarizzazione; ed anche la fine dei regimi del “socialismo reale” vide la piazza trasformarsi in un’arma della reazione, con i primi esperimenti di “rivoluzioni colorate”. C’era però un precedente ancora più antico di “rivoluzione colorata”: lo sciopero delle pentole in Cile di cinquantamila casalinghe contro il governo Allende nel 1971; un segnale che il colpo di Stato poi attuato del settembre del ’73 era già in preparazione da tempo.

Oggi in America Latina tutti i tentativi politici di mediazione socialdemocratica vengono attaccati attraverso la messinscena della rivolta dal basso. C’è certamente in queste operazioni un ruolo preminente del Dipartimento di Stato USA e delle sue ONG, ma occorre considerare che il caos è la naturale arma di reazione delle oligarchie.
Le sinistre europee si sono così integrate nello schema emergenziale da non aver più bisogno nemmeno della minaccia del caos per allinearsi. Sono sufficienti infatti emergenze del tutto fittizie e fasulle, tanto che basta lanciare sulla scena qualche personaggio assolutamente improbabile per riuscire a far gridare immediatamente all’emergenza democratica ed alla minaccia del fascismo o della sua versione mediatica corrente, cioè il populismo.
 
Di comidad (del 05/12/2019 @ 00:31:57, in Commentario 2019, linkato 5221 volte)
Da molti mesi Matteo Salvini è in difficoltà, nonostante abbia al suo attivo un lavoro meticoloso di fagocitazione delle baronie del voto organizzato ed anche l’ostilità di gran parte dell’opinione pubblica ad un governo come quello attuale, in preda al feticismo fiscale. Tutto ciò può procurargli ancora risultati elettorali; d’altro canto il suo mito personale si è molto appannato, sia per come ha malamente provocato e gestito la crisi del precedente governo, sia per le sue retromarce sull’euro. In questo momento perciò un movimento come le “Sardine” rappresenta per lui una boccata di ossigeno. In nome di un antirazzismo generico, le “Sardine” e la loro grancassa mediatica fanno risalire Salvini per qualche momento sul piedistallo del presunto “Uomo Forte”, del molto presunto campione del populismo che minaccerebbe la democrazia.
Lunedì scorso, durante il dibattito al Senato sul Meccanismo Europeo di Stabilità, Giuseppe Conte lo ha preso ancora una volta per i fondelli e in un certo senso lo ha sfidato, sapendo che, sulla questione MES, Salvini ha la coda di paglia. Se Conte non avesse voluto strafare, lasciandosi andare all’incauta dichiarazione secondo la quale l’accordo sulla riforma del MES sarebbe ancora emendabile, l’evidenza sarebbe stata del tutto contraria a Salvini. Se davvero fosse stato il MES la vera questione in campo, perché la crisi non è stata fatta scoppiare a giugno, quando i giochi si stavano compiendo? E perché, allorché ha provocato la crisi ad agosto, Salvini non ha fatto alcun cenno al MES?
La risposta l’ha data indirettamente qualche giorno fa il governatore leghista del Veneto, Luca Zaia, quando in un'altra incauta dichiarazione pubblica, ha affermato che l’ostacolo alla realizzazione dell’autonomia differenziata (la cosiddetta “secessione dei ricchi”) era rappresentato dai 5 Stelle. Sebbene formalmente all’opposizione, la Lega ha potuto negoziare con il PD un accordo per l’autonomia differenziata, promosso dal ministro per gli affari regionali Francesco Boccia.
Rimane aperta la questione della regionalizzazione della Scuola, ma Zaia ha fatto capire che è solo questione di tempo, per cui il “trasferimento di competenze alle Regioni” consentirà un assalto in grande stile alla spesa pubblica. Per Boccia non è stato neppure difficile convincere i governatori meridionali, poiché la “secessione dei ricchi” non comporterà affatto la fine di trasferimenti finanziari al Sud, che in realtà non ci sono mai stati. In questa circostanza ha operato quel partito unico trasversale dell’autonomia differenziata, che in questi anni è stato il protagonista oscuro della politica italiana.
A proposito di oscurità, grazie all’aiuto dei media la Lega è riuscita a nascondere il proprio europeismo in chiave secessionistica interna. La realtà è che la questione della riforma del MES (il tentativo di istituire un Fondo Monetario Europeo) non preoccupava il vero gruppo dirigente della Lega (Zaia, Maroni, Giorgetti), che aveva utilizzato la riforma del MES come merce di scambio con l’UE per poter accedere al paradiso della Macroregione Alpina, sotto la tutela coloniale della Baviera: una Macroregione concepita come una specie di svizzerona riservata ai popoli ricchi del Centro-Europa.

Oggi i 5 Stelle sono costretti a considerare l’attuale governo come la loro ancora di sopravvivenza, perciò tacciono sull’autonomia differenziata e puntano su temi demagogici come la riduzione del numero dei parlamentari o su temi forcaioli come l’abolizione della prescrizione, che rappresenta una minaccia solo per i poveri disgraziati, dato che ai potenti i giudici potranno sempre offrire altre vie di salvezza, magari inventandosi qualche altro alibi per recitare la parte dei probi e prodi magistrati vittime degli intrighi della politica.
Non che il casino sul MES sia un diversivo per nascondere l’autonomia differenziata; anzi, il MES è un pericolo altrettanto grave. Sinora il MES si è limitato a succhiarci decine di miliardi ma, nella nuova versione, esso non si limita a formalizzare i rapporti di forza esistenti, bensì addirittura li esaspera, creando una sorta di tribunale dei Paesi forti contro i Paesi deboli. Si è recriminato molto sul modo in cui Conte e Tria hanno condotto il negoziato ma, in effetti, qualcosa era stato ottenuto e, semmai, il vero errore è stato di aver accettato di sedersi ad un tavolo in cui si prendeva in considerazione un’ipotesi assurda come la ristrutturazione del debito italiano. Più di due terzi del debito pubblico italiano sono infatti collocati all’interno del Paese, quindi anche lo spread è in gran parte un affare interno italiano, un regalo che i governi fanno alle banche, consentendo loro di lucrare su interessi più alti. La Germania è perfettamente a conoscenza della manfrina italiana ma la strumentalizza in chiave emergenziale, paventando un nuovo caso Grecia per imporre all’Italia politiche deflazionistiche che azzerino la concorrenza industriale italiana e mettano in difficoltà le banche nostrane in modo da poterle cannibalizzare. Una classe politica come la nostra, che ha mentito per anni agli Italiani sul debito e sullo spread, non è in grado di reagire al falso e pretestuoso allarmismo tedesco.

Ma se il caso MES è finalmente scoppiato, non è stato per volontà di Salvini che non ne aveva nessuna voglia, ma perché questi si è fatto scavalcare e condizionare dalla sua minoranza antieuropeista interna, creata strumentalmente da Salvini stesso in funzione meramente elettoralistica. In questi giorni Salvini si trova anche incalzato da Giorgia Meloni, che sta cavalcando il pericolo MES in chiave nazionalistica, quindi è costretto anche lui ad alzare la voce su un tema che lo mette in difficoltà nel perseguimento del suo vero obbiettivo, cioè l’autonomia differenziata.
Qualche settimana fa Salvini aveva pensato di liberarsi di Claudio Borghi e Alberto Bagnai, così come aveva già fatto venticinque anni fa Umberto Bossi con il professor Gianfranco Miglio. Salvini forse credeva che la sua intervista al “Foglio” sulla irreversibilità dell’euro, mettesse in imbarazzo la minoranza europeista e la costringesse al silenzio o all’uscita dal partito. Borghi e Bagnai invece hanno fatto finta di nulla recitando la parte dei leghisti fedeli alla linea e al capo, aspettando il momento buono per far esplodere la questione. Il fatto di essere stati estromessi dalle cariche di governo e di essersi “accontentati” della presidenza di commissioni parlamentari, ha fatto persino gioco ai due antieuropeisti, consentendogli di agire da battitori liberi e di convocare il ministro dell’Economia Gualtieri per l’audizione che ha fatto esplodere il caso MES.
Vediamo quindi un politico “professionista” come Salvini, il “nuovo Hitler”, messo regolarmente alle corde da politici dilettanti come Conte da una parte e Borghi e Bagnai dall’altra. Meno male che ci sono le “Sardine” a dare una verniciatina all’immagine di Salvini.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


12/12/2019 @ 20:20:22
script eseguito in 67 ms