"
"La privatizzazione è un saccheggio delle risorse pubbliche, ma deve essere fatta passare come un salvataggio dell’economia, e i rapinati devono essere messi nello stato d’animo dei profughi a cui è stato offerto il conforto di una zuppa calda. Spesso la psico-guerra induce nelle vittime persino il timore di difendersi, come se per essere degni di resistere al rapinatore fosse necessario poter vantare una sorta di perfezione morale."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 26/11/2020 @ 00:13:57, in Commentario 2020, linkato 1544 volte)
Quando una situazione è grave, bisogna vedere come aggravarla. Questa regola aurea sembra aver ispirato le dichiarazioni del filosofo Massimo Cacciari, secondo il quale non è giusto che a pagare per l’emergenza Covid sia solo una metà della popolazione, perciò a contribuire ai costi dovrebbero essere chiamati anche i lavoratori statali.
Queste dichiarazioni implicano una certa disinformazione, poiché i lavoratori statali in Italia non sono la metà della popolazione lavorativa, bensì soltanto il 14%, molto al di sotto della media europea. Non si comprende poi per quale motivo sottrarre risorse a quei pochi che sono ancora in grado di spendere e di sostenere la domanda di beni. Ma c’è anche di più: lavoratori statali e lavoratori autonomi non sono caste separate, poiché le due condizioni si intrecciano nelle stesse famiglie. Molti lavoratori autonomi, oggi in drammatica difficoltà a causa dei lockdown, trovano sollievo nel fatto che il loro coniuge è un dipendente statale che può continuare a contribuire al bilancio familiare. Diffondere odio di categoria, oppure odio generazionale, in un momento del genere significa quindi diffondere odio anche all’interno delle famiglie, che rappresentano ancora in Italia il maggiore ammortizzatore sociale.
Di fronte alla tragedia in corso, il filosofo non riesce ad opporre altro che un moralismo punitivo che prende a bersaglio i deboli, in base alla dolorosa considerazione che dovremo pagare per i prossimi decenni l’emergenza di questi mesi. Sarebbe stato magari interessante cogliere il nonsenso di questa situazione: ti salvo dal Covid ma ti condanno a morire di fame e di stenti, oppure per i proiettili della polizia allorché sarai costretto alla rivolta.
La destabilizzazione da emergenza Covid non si limita ai Paesi del Sacro Occidente. Il blocco del turismo e il calo drastico della domanda di materie prime privano molti Paesi dell’America Latina e dell’Africa di risorse essenziali in valuta estera. Siamo quindi di fronte ad una pauperizzazione globale che comporterà aumento della mortalità per fame, per malattie da denutrizione e per mancata assistenza sanitaria. La domanda ovvia a questo punto è se anche una malattia dieci volte più micidiale del Covid potesse mai giustificare un blocco delle attività economiche, alle cui conseguenze, per stessa ammissione dei governi, non si sarebbe in grado di porre rimedio che in tempi lunghissimi; sempre che nel frattempo non intervengano altre emergenze.
Il mantra del “fidarsi degli scienziati” non sembra avere molto senso, dato che le implicazioni del Covid, come si può vedere, non sono esclusivamente virologiche. YouTube censura i video che non si attengano alla linea dell’OMS sul Covid. Ma quale sarebbe la linea dell’OMS? La stessa stampa mainstream non ha potuto fare a meno di notare che è cambiata innumerevoli volte. Asintomatici prima contagiosi, poi non contagiosi, poi di nuovo contagiosi; lockdown sì, lockdown no, lockdown ni, forse, chissà; mascherina no, mascherina sì, mascherina uber alles. L’ultima trovata sarebbe che si potrebbero evitare i lockdown se il 95% dell’umanità portasse la mascherina. Ma il 95% dell’umanità è in grado di pagare le mascherine ed ha a disposizione i mezzi per igienizzarle? Ovviamente no, allora perché dire assurdità del genere?

La narrazione della fiaba dell’emergenza Covid prevedeva un lieto fine con la scoperta del vaccino. Sembrava che i vaccini fossero finalmente arrivati, ma le multinazionali farmaceutiche che li producono sono le prime a non crederci. Mentre annunciava la scoperta del vaccino, l’amministratore delegato di Pfizer vendeva le proprie azioni. Si può comprendere che Pfizer non creda in se stessa, visto ciò che ha combinato con la sperimentazione dei suoi farmaci sui bambini nigeriani; un fattaccio che ha comportato strascichi giudiziari ed ispirato persino un film di denuncia: “The Constant Gardener”.
Ma dopo Pfitzer anche le multinazionali farmaceutiche Moderna e Astrazeneca hanno venduto proprie azioni subito dopo aver lanciato l’annuncio della scoperta del vaccino, come ad ammettere che si trattava solo di effimere speculazioni di Borsa e che non si ha alcuna fiducia in movimenti di capitali che assicurino un incremento stabile del valore delle proprie azioni. Un paradosso che, ancora una volta, è stato stigmatizzato persino dalla stampa mainstream.
La gestione in chiave emergenzialistica dell’epidemia di Covid ha origini politiche. Il governo cinese se ne è servito per sedare le rivolte di Hong Kong; mentre gli “austriacanti” della Regione Lombardia vi hanno colto l’occasione per incrementare le loro spinte autonomiste o, per meglio dire autocoloniali, facendo da sponda al neo-imperialismo tedesco in Europa.

Ma ora al conflitto imperialistico si è intrecciato il business speculativo. Il vaccino anti-Covid sembrava essere il business del secolo, ma si è sgonfiato prima di cominciare. Il fatto è che in questi mesi il titolo di Borsa di Amazon si è piazzato stabilmente oltre il valore di tremila dollari: una performance forse senza precedenti storici, certamente dovuta ai lockdown. Se si considera che il titolo Pfizer vale cento volte di meno, si comprende che la speculazione di Borsa è canalizzata verso il business digitale. Anche altre multinazionali del digitale esibiscono performance simili: Google infatti ha registrato un aumento del valore delle sue azioni del 34% dall’inizio dell’anno.
Chi detiene azioni di Amazon o di altre multinazionali del digitale non vuole saperne di fine dell’emergenza e del ritorno ad un commercio tradizionale. Oggi la movimentazione dei capitali di Borsa è regolata nella gran parte da algoritmi, perciò c’è una spinta automatica alla perpetuazione dell’emergenza. Ormai il denaro ha una tale velocità di circolazione che surclassa la velocità del pensiero. Diventa quindi altrettanto automatico che il lobbying si muova nella direzione di tenere vivo l’allarme e che gli addetti alle pubbliche relazioni si attivino con le loro tecniche pubblicitarie per intossicare ancora di più i media. Si parla già di una “terza ondata” del contagio e forse ne sono in preparazione una quarta e una quinta.

Ringraziamo Cassandre per la collaborazione.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 19/11/2020 @ 00:23:19, in Commentario 2020, linkato 5370 volte)
Il vaccino Pfizer non ha suscitato nelle Borse l’entusiasmo che ci si poteva attendere, per cui, persino sul piano finanziario, pare che non ispiri fiducia. L’interesse degli investitori è andato invece ai titoli del Tesoro USA, che ha piazzato ventisette miliardi di buoni trentennali in un colpo solo. Come a dire che il Tesoro USA promette a chi compra i suoi titoli che questi non si svaluteranno nei prossimi decenni, quindi non ci sarà nessuna inflazione, semmai deflazione secolare.
I vaccini funzionano invece nell’ambito comunicativo. Per preservare il pubblico da notizie pericolose sui leader, gli “spin doctor” non censurano la notizia, bensì la anticipano, fornendola in una forma indebolita e contraffatta che screditi preventivamente le informazioni quando verranno comunicate nel modo corretto. In questo modo si può persino vaccinare le masse contro la malattia del dubbio. Il mainstream celebra in astratto il dubbio come virtù intellettuale suprema, ma in concreto lo ridicolizza se il dubbio si applica alle ideologie vincenti come l’emergenzialismo. Di fronte alle palesi incongruenze della narrazione ufficiale che giustifica l’emergenzialismo messo su per il Covid, c’è il rischio che si diffonda il contagio dell’incredulità, perciò si affida la narrazione anti-emergenziale a Radio Maria, che ci mette dentro Satana ed altri personaggi improbabili, così le masse, immunizzate dal dubbio, tornano all’ovile della narrazione ufficiale.
Comunque non è il caso di farsi venire troppi sensi di superiorità nei confronti delle fiabe religiose tradizionali, perché oggi si fa di molto peggio. Una volta le divinità nascevano nella stalla col bue e l’asinello, mentre ora nascono nei garage, come Steve Jobs e Jeff Bezos. I miliardari sono le nuove divinità da cui ci si aspetta la salvezza del genere umano. Molti si sono bevuti la fiaba secondo cui un esponente dell’oligarchia affaristica come Donald Trump sarebbe diventato il condottiero della lotta contro l’establishment. Lo stesso Trump ha svolto anche lui il ruolo di vaccino comunicativo. Trump ha illuso i suoi sostenitori di liberarli dalla gabbia mentale del politicamente corretto. La falsa critica trumpiana del politicorretto ha ricondotto la polemica politica nell’alveo rassicurante del gioco delle parti tra la destra sguaiata e quell’altra destra dall’atteggiamento “responsabile”, che si fa chiamare “sinistra”.
Molti supporter di Trump non demordono di fronte alle smentite dell’evidenza e fanno notare che egli sarebbe il primo presidente da molti decenni che non ha avviato nuove guerre ma si è limitato ad ereditare quelle vecchie. In realtà non è che gli USA non ci abbiano provato a fare altre guerre nel periodo trumpiano, visto quello che è accaduto col Venezuela. Gli USA hanno cercato di coinvolgere nell’aggressione al Venezuela anche il Brasile di Bolsonaro, che però si è tirato indietro non appena ha visto che il regime di Maduro aveva dalla sua l’attivo appoggio militare della Russia.

Ciò che ha bloccato lo scoppio di nuovi conflitti negli ultimi sette anni (quindi già dall’epoca dell’ultimo Obama), è stato il ripreso attivismo militare della Russia, che ha riscoperto quel ruolo di contenimento dell’imperialismo statunitense che era già stato dell’Unione Sovietica. Spesso i movimenti di capitale contano molto di più delle decisioni dei leader politici, perché i capitali spostano i rapporti di forza. La multinazionale russa Gazprom continua a fare un po’ di profitti, ma i bei tempi sembrano finiti per sempre, sia a causa della depressione economica, sia a causa delle persistenti sanzioni USA per impedire il completamento del nuovo gasdotto che dovrebbe collegare la Russia alla Germania ed all’Europa. I soldi per corrompere i generali e tenerli buoni, quindi Gazprom non li ha più.
Nel frattempo sono cresciute le vendite di armi russe, tanto che la Russia ha scavalcato il Regno Unito nella classifica dei maggiori venditori di armi, piazzandosi seconda, ovviamente dopo gli USA. Per smascherare l’ipocrisia della sedicente “comunità internazionale”, è sufficiente rilevare che i primi cinque venditori mondiali di armi sono i cinque Paesi membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. I maggiori piazzisti di armi sono le forze armate e perciò i rapporti di forza in Russia si sono spostati a favore dei militari.

L’economista austriaco Joseph Schumpeter diceva che l’imperialismo è anti-economico. Era la classica mezza verità messa lì per confondere le idee. Il fatto che l’economia dei Paesi imperialisti sia quasi sempre in sofferenza, non vuol dire che le loro oligarchie non incrementino i propri affari. L’imperialismo è anti-economico e porta alla miseria la popolazione del Paese imperialista, ma l’imperialismo arricchisce le oligarchie.
L’economia mondiale sprofonda a causa dell’emergenza Covid, che è una guerra imperialistica ibrida, “a bassa intensità”. Ma persino l’affossamento dell’economia può diventare business. Crescono infatti i profitti delle multinazionali del digitale e soprattutto delle multinazionali finanziarie. I lockdown creano miseria e indebitamento esponenziale degli Stati, delle famiglie e delle imprese, mentre la deflazione secolare garantisce la stabilità del valore dei crediti nel tempo.
L’uovo di Colombo che ha consentito di infischiarsene del PIL è stato il “quantitative easing”, le iniezioni illimitate di liquidità da parte della Federal Reserve e della Banca Centrale Europea. Qualche mese fa gli ingenui si preoccupavano che i finti scrupoli legali della Corte Costituzionale tedesca potessero bloccare gli acquisti di titoli di Stato e di obbligazioni di imprese private da parte della BCE, mentre ora il governo tedesco getta la maschera ed impugna sfacciatamente la bandiera del “quantitative easing”, che ha sempre fatto comodo soprattutto alla Germania.
Come nel film di Luis Buñuel “L’Angelo Sterminatore”, il deficit di bilancio sembrava una soglia insormontabile, salvo poi scoprire che era soltanto un rituale che aveva ipnotizzato tutti. Oggi ci si accorge che un deficit di bilancio del 10% non è un problema e che gli economisti ci hanno preso per i fondelli. Del resto è il loro lavoro.

Ringraziamo Cassandre e Claudio Mazzolani per la collaborazione.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (45)
Falso Movimento (7)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (14)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


26/11/2020 @ 16:03:11
script eseguito in 79 ms