"
"Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea."

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page : Archivio : In evidenza (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 19/01/2020 @ 00:20:54, in In evidenza, linkato 3691 volte)
Premessa obbligata: i lavoratori del settore bancario godono di una situazione del tutto privilegiata rispetto ai lavoratori di altri settori. Ugualmente, l’impatto delle trasformazioni attuali sta distruggendo piano piano questi privilegi. Sotto gli occhi di tutti le profonde trasformazioni del settore: tassi zero o sottozero quindi poco business, sofferenze bancarie che affliggono i bilanci, riduzione strutturale della presenza storica sul territorio (cioè le filiali), informatizzazione-digitalizzazione che distrugge posti di lavoro. Tutte cose risapute, e come al solito meccanismo delle parti che dura da circa venti anni, la colpa è dei lavoratori e del loro costo.
Può essere vero che i lavoratori bancari costano troppo rispetto a quanto producono, il problema è il genere di lavoro che essi si trovano a svolgere. Il denaro di per sé è un oggetto immateriale, le attività bancarie connesse alla sua gestione (pagamenti-introiti, credito, investimenti) ben si prestano a una ben meno costosa gestione informatica-digitale. Curioso osservare l’accanimento sul tema del costo del lavoro, al confronto della sufficienza con cui si considerano i cosiddetti manager che permettono una organizzazione e decisioni manageriali sbagliate o addirittura fraudolente: ma si sa, la storia la scrivono i vinti e la colpa è sempre del più debole: i lavoratori bancari sono il bersaglio.
Dal momento di svolta (crisi 2007/2008) il settore ha perso 26mila addetti e oggi ne conta circa 280mila destinati a inevitabili future riduzioni già annunciate (vedi notizie di Unicredit meno ottomila addetti). In Europa si stimano 470mila gli addetti persi, ed è notizia recente che Deutsche Bank ha un piano di riduzione di 18mila.
È triste dirlo, ma sono perdite annunciate e irrecuperabili. I sindacati di fronte a questa situazione sembrano come gli esperti di pastorale quando parlano della gente che non va più a messa: tante spiegazioni e interpretazioni e tentativi di vie nuove un irraggiungibile risultato: nel futuro così come le chiese continueranno a svuotarsi, allo stesso modo il settore bancario ridurrà il numero di addetti. In banca non si assume in misura consistente, e i lavoratori attualmente in carico finora non sono stati mai licenziati direttamente, piuttosto sono oggetto di trattamenti alternativi tipo esodo volontario (se non lo accetti, rischio trasferimento altra sede e lavoro ingrato).
Recentemente i sindacati sono usciti dal nuovo contratto nazionale con una serie di micro cambiamenti (ottimizzazioni) e con un aumento di 190 euro l’anno ovvero qualcosa meno che un euro per giorno lavorativo: qualcuno canta vittoria, qualcun altro ammette la realtà, e cioè che la situazione è grama. L’impressione è che siano le aziende ovvero ABI ad avere in mano il pallino della decisione, i sindacati sono a cercare di minimizzare i danni, bene fanno ma poco hanno da pesare sul piatto della contrattazione. In questo modo gli argomenti addotti dai sindacati sono colorati di propaganda: “mantenimento del numero di occupati”, “più formazione”, “più assunzioni”, e pure sorprendentemente “una scuola per manager”.

ll problema sono le prospettive di un settore: in banca il passato glorioso mai più tornerà. Il modo di fare banca è cambiato e la digitalizzazione ne è protagonista e crea due effetti: meno occupazione e meno retribuzione per i lavoratori umani. Sebbene ci siano persone come Colombani di first-Cisl che negano questo effetto (uno studio) altri sindacati si rendono conto che il problema è attuale e incominciano a parlarne.
Al di là delle sfumature, il futuro del settore è facile prevederlo, anzi ABI ci dice pure che cosa vuol fare con “Agenda Digitale” per lo sviluppo del paese con investimenti di 20 miliardi e interventi avveniristici ancora tanti da fare (es. “integrazione delle reti informatiche pubbliche e di quelle bancarie” oppure “interoperabilità tra le identità pubbliche e bancarie digitali del cittadino”
C’è poco da dire, nel futuro ci sarà più digitalizzazione e più sostituzione massiccia del ruolo umano con il ruolo dei computer, non solo per l’esecuzione di operazioni meccaniche (burocrazia, contabilità, comunicazione ...) ma anche operazioni analitiche-decisionali (concessione credito, roboadvisory ovvero consulenza di investimenti in base a programmi ...).
Nel futuro avremo quattro generi di lavoratori:
1. operatori di data entry o comunque “mediatori uomo-macchina” (i computer in qualche modo devono essere assistiti);
2. manutentori e gestori di sistemi informativi ovvero programmatori e data analyst insomma “informatici”;
3. consulenti/gestori di clienti con attitudine commerciale ovvero coloro che fanno da interfaccia tra la banca e i clienti (ma solo per quelli di una certa importanza altrimenti non ne vale la pena e si fa con le macchine: soglia di qualche centinaio di migliaia di euro);
4. sovra gestori del sistema ovvero i direttori-manager, incaricati di gestione tecnica-direzionale e politica-di potere.
Le categorie 1 e 2 saranno pagate poco perché è un lavoro tutto sommato facile e i lavoratori sono ben fungibili; la categoria 3 (indicativamente i titolari di filiale di medio-grande dimensione oppure i gestori di clienti importanti, sicuramente meno del 10% della popolazione bancaria) ha in mano la fiducia dei clienti e quindi una parte del business, potrà avere miglior trattamento; mai come la categoria 4 piccola élite che da sempre si configura come quella che guadagna di più a fronte di sostanziale irresponsabilità sul proprio operato.
In questo contesto, la recente firma del ccnl perde tutta la sua apparenza di punto di arrivo (è seguita a una lunga contrattazione) per essere quello che è: veramente poca cosa. A ben vedere, se i rapporti tra azienda-banca e suoi lavoratori sono orientati allo scontro, come nel pugilato quando il tuo avversario (i lavoratori) è stanco, soffre, è alle corde, che cosa fare se non aumentare gli sforzi per assestare un colpo knock down? Il supporto di argomenti in questo caso viene dal sistema mediatico che mai si stanca con sempre nuove analisi. È il caso del recente (novembre 2019) report di Oliver Wyman, società di consulenza “boutique” del settore bancario, in pratica “esperti che se lo dicono loro non può che essere vero”. Ecco una sintesi
(leggi bene che ABI analizzerà con attenzione il rapporto, evidentemente per trarne argomenti per il prossimo round contrattuale). Di seguito il report vero e proprio per chi ha voglia di leggerlo
Con questi presupposti, nel 2020 si potrà vedere qualcosa di nuovo nel settore bancario? Ci sono cose che si danno per scontate e che magari possono essere introdotte dato che il sistema economico le ha introdotte con apparente successo in altri settori:
• la possibilità di licenziare (cosa finora mai accaduta);
• La possibilità di assumere in modo consistente a tempo determinato (già adesso esiste ma non molto diffusa);
• la possibilità di ricontrattualizzare il lavoro (naturalmente al ribasso);
• la perdita di costosi privilegi del settore (fondo pensione, credito a basso costo, buoni pasto);
• la possibilità di lavorare non più a ore ma a risultato (a provvigione);
• la possibilità di sostituire i lavoratori dipendenti con lavoratori a partita iva (analogamente al settore assicurativo)
Purtroppo il futuro sembra sempre più grigio per i lavoratori bancari e con sempre nuove difficoltà per i sindacati del settore.

Giorgio
 
Di comidad (del 05/05/2019 @ 00:56:45, in In evidenza, linkato 5496 volte)
Il ricordo affettuoso di Massimo Ortalli

Cari compagni,
Gianni Costanza ha rappresentato, assieme ai compagni e alle compagne dello storico gruppo Machno di Palermo, un momento importantissimo della vita della nostra Federazione. Gli anni 70, quelli che lo hanno visto maggiormente impegnato, sono stati gli anni della profonda trasformazione sociale e generazionale della Fai. Il contributo suo, del Machno, di tanti altri gruppi nati o rinati in quegli anni hanno creato le premesse perché la Federazione continuasse a vivere e ad avere un ruolo nelle lotte sociali. Gianni come e più di tanti ha dato un contributo fondamentale per questa trasformazione. Ed è anche stato un compagno profondamente umano, solidale e fraterno. Grande il mio rimpianto per la sua scomparsa.
Un forte abbraccio a chi gli è stato vicino soprattutto in questi ultimi, difficili, momenti.
Fraterni saluti
 
Pagine: 1 2 3 4 5

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (7)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (9)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


17/02/2020 @ 13:25:32
script eseguito in 47 ms