"
"Ridurre l'anarchismo alla nozione di "autogoverno", significa depotenziarlo come critica sociale e come alternativa sociale, che consistono nella demistificazione della funzione di governo, individuata come fattore di disordine."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 13/11/2014 @ 01:28:18, in Commentario 2014, linkato 2362 volte)
A distanza di sette anni dall'avvio del negoziato, ed in prossimità della scadenza del 2015, finalmente la questione del TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership, la "NATO economica") sta arrivando a conoscenza della gran parte della pubblica opinione. Quando i giochi sono già fatti, e tutto è stato deciso, allora è il caso di dare avvio al "dibattito democratico", anche se con gli opportuni accorgimenti. I post sulle testate online sono infatti equamente distribuiti tra favorevoli e contrari, in modo da fornire l'impressione di un equilibrio. Se un'opinione vale l'altra, questo TTIP non sarà poi così spaventoso da giustificare certe preoccupazioni. In tal modo, anche i sette anni di segretezza diventano un dettaglio trascurabile.
Queste tecniche di manipolazione puerili, ma sempre efficaci, vengono messe in atto in questo periodo anche per la "riforma" della Scuola. Il governo Renzi ha spinto la finzione al punto da allestire uno sportello di "ascolto" per le proposte dei cittadini. La "Buona Scuola" di Renzi si concede un bagno di democrazia, e molti cittadini, pur consapevoli di non contare nulla, si offrono volentieri all'abluzione rituale.
Si tratta poi dello stesso Renzi che ha dichiarato il suo appoggio "incondizionato" all'iniziativa del TTIP. A fronte di un negoziato ufficialmente ancora in corso, un aggettivo come "incondizionato" risulta piuttosto pesante da parte di un capo di governo, poiché compromette l'esito della trattativa. In altri tempi una tale dichiarazione avrebbe configurato il reato di alto tradimento, cioè la conclamata volontà di non tenere conto degli interessi del proprio Paese pur di compiacere il cosiddetto "alleato". Ma oggi un Presidente del Consiglio" può permettersi di sbracare tranquillamente, tra i canti di laude dei cori angelici della stampa ufficiale.
Il fatto grave è che l'aggettivo "incondizionato" non è semplicemente una delle tante boutade renziane, ma si riferisce proprio all'aspetto cruciale del TTIP, che non riguarda certo la libera circolazione delle merci. I dazi in vigore nell'interscambio commerciale USA-EU sono già bassissimi, e potevano essere pacificamente aboliti senza bisogno di un ulteriore trattato. Ma la diatriba storica tra protezionismo e liberoscambismo è puramente di facciata, e serve solo a gettare fumo negli occhi. Il cosiddetto "liberoscambismo" non è altro che uno slogan di copertura per una forma più subdola e aggressiva di protezionismo, dato che i vari trattati di "libero scambio" - dal WTO, al NAFTA al costituendo TTIP - sono costellati di clausole tendenti a favorire, in modo palese o occulto, le compagnie multinazionali.
Il punto cruciale del TTIP riguarda infatti la normativa di protezione degli interessi delle multinazionali, a cui verrebbe concesso anche il privilegio di citare in giudizio gli Stati che danneggino i loro interessi, eventualmente con legislazioni a favore dell'ambiente o del consumatore. Un privilegio del genere non verrebbe mai concesso ai comuni cittadini, ma alle multinazionali sì. Nessun pensionato potrà mai citare in giudizio lo Stato per la riforma Fornero, e nessun disoccupato potrà trascinare Renzi davanti ad un giudice per il "Jobs Act". L'uguaglianza davanti alla Legge è sempre stata un mito, ma è interessante il fatto che si voglia seppellire persino il mito con un apposito trattato.
Nella ricorrenza del venticinquennale della Caduta del Muro di Berlino, sta diventando popolare anche da noi un luogo comune che circola da tempo nei Paesi dell'Est Europa, secondo il quale i regimi comunisti mentivano sul comunismo, ma dicevano la verità sul capitalismo. In realtà la menzogna era più complessiva e insidiosa, poiché il cosiddetto "socialismo reale" condannava sì il capitalismo, ma offrendone nel contempo un'immagine piuttosto edulcorata e rassicurante, un celebrativo ritratto "nature", uno scenario suggestivo di competizione selvaggia e di individualismo sfrenato. Al contrario, il "capitalismo reale" costituisce uno squallido fenomeno di criminalità comune, che nel corso dei secoli si è specializzato nel rivendicare e ottenere ogni tipo di assistenza e protezione da parte dello Stato. Mentre gli economisti ci narrano la fiaba del mercato, le multinazionali praticano la predazione assistita dallo Stato.
Oggi improvvisamente si scopre l'acqua calda, e cioè che l'attuale presidente della Commissione Europea - quella mezza figura di Juncker -, può vantare come suo unico merito quello di essere stato per anni a capo di un Paese, il Lussemburgo, diventato un paradiso fiscale per le multinazionali. Allo scopo di favorire l'evasione, per Juncker ogni espediente era buono, sia "legale" che fraudolento. Altro che "burocrate"! Anzi, uno Juncker missionario dell'assistenzialismo per ricchi.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 06/11/2014 @ 01:10:32, in Commentario 2014, linkato 1573 volte)
Era il 1979, e Frank Zappa pubblicava un disco triplo, la cui copertina lo ritraeva con la faccia sporca di grasso di auto: "Joe's Garage". Anche Zappa versava così il suo tributo alla fiaba americana secondo cui si può conquistare un grande futuro armeggiando in un garage; ma almeno c'erano la musica ed una spassosa parodia di Scientology.
Matteo Renzi si è ispirato piuttosto al mitico garage di Steve Jobs, quello che costringeva le ragazzine cinesi a lavorare per Apple con turni così massacranti da spingerle al suicidio. Il mito americano racconta che puoi anche partire da un umile garage, ma se hai l'idea giusta, diventerai ricco e creerai lavoro; così Matteo, col patetico provincialismo che lo caratterizza, ha riunito alla Leopolda, squallidamente decorata da officina, una banda di cialtroni e malviventi, con il pretesto di "produrre idee per il lavoro". Come premio del suo pedissequo provincialismo, pare che Renzi abbia incassato nientemeno che il plauso di un certo Mike Moffo, spacciato da "la Repubblica" per uno stretto collaboratore di Obama.
Alla fine l'idea più originale che si è riuscita a fabbricare nel Renzi's Garage, è sembrata quella di un losco figuro, un certo Davide Serra, delinquente della finanza con sede sociale alle isole Cayman. La grande idea di Serra consisterebbe nella cancellazione del diritto di sciopero nel Pubblico Impiego. Soltanto uno che aveva battezzato con il nome di "Algebris" la propria associazione a delinquere di stampo finanziario, poteva essere in grado di produrre un tale sforzo di inventiva.
Al di là delle sue esteriori schermaglie dialettiche con la Commissione Europea, Renzi rimane il più ligio in Europa alle direttive della stessa Commissione, che sono in effetti le direttive del Fondo Monetario Internazionale. Le "idee" di Renzi possono ricordare quelle di una famosa metafora di Giorgio Gaber: sono come quei legnetti che il FMI lancia al proprio cane Matteo, che gliele riporta tutte biascicate. Ma forse il paragone è ingeneroso per i cani, e troppo generoso per Matteo e per il FMI. In fondo non si tratta neppure di idee, ma di slogan di pubblicità ingannevole, che servono a mascherare la prassi criminale delle multinazionali: arrivare in un posto e fare terra bruciata (le "riforme strutturali") in modo da tenere tutti per il collo. Il giornalismo celebrativo nei confronti di Renzi cerca di spacciarlo come un "liberale" a capo della sinistra, uno che vorrebbe coniugare equità ed efficienza. Queste litanie propagandistiche si fondano sul luogo comune dell'arretratezza italiana nei confronti delle economie più aduse alle regole del mitico "mercato".
Ma il mito del capitalismo come rischio d'impresa ha dovuto subire negli ultimi tempi smentite clamorose, e note a buona parte dell'opinione pubblica, e ciò proprio nei templi del "vero" capitalismo, a cominciare dal finanziamento statale di ottocento miliardi di dollari per le banche americane. Per ringraziare i contribuenti di tanto sacrificio, gli istituti di credito statunitensi non hanno esitato a mettere sul lastrico milioni di loro piccoli debitori; e l'amministrazione Obama non ha avuto niente da obiettare. L'assistenzialismo è sempre e solo a favore dei ricchi. Guidata da esempi così luminosi, la cancelliera Merkel ha stanziato duecentocinquanta miliardi di euro per "salvare le banche tedesche". Sarebbe stato forse più utile spendere quei miliardi per "salvarci dalle banche tedesche"; ma tant'è. Fra tre giorni la Germania festeggerà solennemente il venticinquennale della caduta del Muro di Berlino, ma solo per scoprire che in piedi è rimasto di peggio.
Ultimo baluardo del capitalismo imprenditoriale, indipendente ed individualista sembrava quello dei creatori di Internet, di Apple, di Facebook e degli altri social network. Ma anche questa bella fiaba rimane appannaggio dei creduloni più integralisti. Il cosiddetto "libero mercato" è un'imposizione per le colonie come l'Italia, ma negli Stati Uniti vige il sistema delle partecipazioni statali. Il Pentagono e la National Security Agency finanziano, a spese del contribuente, le ricerche e le innovazioni tecnologiche, che poi vengono attribuite a santini/icone di facciata alla Steve Jobs o alla Mark Zuckerberg. La finta diatriba tra stato e privato è puramente propagandistica, e serve a coprire l'operato di lobby trasversali tra istituzioni e multinazionali, vere e proprie cosche che finanziano gli investimenti con denaro pubblico, ma poi fanno intascare i profitti a compagnie private. Che poi i vari Google, Apple o Amazon non paghino assolutamente tasse congrue rispetto a ciò che sono precedentemente costati al contribuente - anzi, spesso grazie ai paradisi fiscali non le pagano affatto -, rappresenta il dettaglio che aggiunge la beffa al danno.
La regola vuole che quanto più alto sia il grado di menzogna sociale, tanto più intensa debba essere da parte del sistema di potere l'attività di criminalizzazione dell'opposizione e del dissenso, anche quando questi provengano da ambiti istituzionali o semi-istituzionali. Il sindacalismo confederale non può essere certo catalogato come opposizione, eppure ciò non gli ha evitato di incorrere nei manganelli della polizia, come è successo pochi giorni fa a Roma, durante la manifestazione degli operai delle acciaierie di Terni. Un governo che manganella i propri operai per difendere una multinazionale come la Thyssenkrupp, costituisce un'immagine molto rappresentativa della situazione attuale. Ma il pestaggio di Roma aveva anche un precedente di circa una settimana prima, a Torino, quando cariche poliziesche al corteo FIOM erano state attribuite ad intemperanze studentesche. In quell'occasione il segretario generale della FIOM, Maurizio Landini, aveva preso le distanze dalle violenze, sottolineando il ruolo di unità sociale rivendicato dal sindacalismo confederale; come a dire: a noi queste cose non possono capitare perché facciamo i bravi. Invece sono successe appena una settimana dopo.
In questi mesi, anche in seguito alla delusione determinata dalle ambiguità e dal dilettantismo del Movimento 5 Stelle, si sono affacciate varie ipotesi di un ruolo di leadership politica da attribuire a Landini. Ma la eccessiva rapidità e la poca dignità con cui lo stesso Landini ha "fatto pace" con Renzi, dimostrano che il segretario FIOM, come persona, è ricattabile come chiunque, se non per magagne presenti o passate, per l'ovvia fragilità umana di chi ha famiglia e affetti. Il punto non è Landini, ma la FIOM. Una resistenza sindacale, per quanto simbolica, contro la liquidazione dei contratti nazionali potrebbe diventare un momento di catalizzazione per i ceti medi, e non solo quelli impiegatizi, ma anche piccolo-medio imprenditoriali, che con il Jobs Act si troverebbero di colpo senza relazioni industriali trasparenti, quindi ancora più esposti all'ingerenza delle multinazionali e ad una serie di indebite pressioni per delocalizzare le proprie aziende. A Renzi forse non basterebbe l'aver arruolato nelle proprie file il presidente di Confindustria, Squinzi, per poter continuare a prendere in giro la massa dei piccoli imprenditori.
Sul "Jobs Act" Renzi non può accettare nemmeno un finto tavolo di trattativa con le parti sociali, perché anche una minima scossa potrebbe far crollare il castello degli slogan. Che dal "garage" di Renzi non siano piovute idee, ma manganellate, è del tutto consequenziale, dato che gli slogan non hanno altre gambe su cui camminare, ed oggi l'emergenza di ordine pubblico appare l'unica risorsa per la sopravvivenza del governo. Intanto si cominciano a stabilire anche dei precedenti giudiziari, colpendo, per ora, i soggetti più deboli. A Piacenza un sindacalista di base è stato condannato per aver indetto uno sciopero, che il tribunale ha voluto considerare come una manifestazione non autorizzata. Un'altra lezione per i creduloni della fiaba dell'indipendenza della magistratura.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


13/12/2018 @ 19:39:18
script eseguito in 67 ms