"
"Feuerbach aveva in parte ragione quando diceva che l'Uomo proietta nel fantasma divino i suoi propri fantasmi, attribuendogli la sua ansia di dominio, la sua invadenza camuffata di bontà, la sua ondivaga morale. Anche quando dubita dell'esistenza di Dio, in realtà l'Uomo non fa altro che dubitare della propria stessa esistenza."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 19/12/2021 @ 17:00:00, in In evidenza, linkato 3480 volte)
"Un sistema capitalistico drogato di emergenzialismo non ha altra strada che puntare sulla fabbricazione di nuove emergenze. La potenza dell’emergenzialismo non sta in un retroterra cospirativo, ma nel fatto di costituire uno schema comportamentale consolidato nei rapporti sociali e nel linguaggio, tanto da suscitare automaticamente conformismo. Non sono quindi necessari complotti o particolari accordi sottobanco per avviare un’emergenza, ma è sufficiente che parta l’impulso da un piccolo gruppo perché l’intero sistema si adegui per effetto della minaccia della catastrofe incombente, con l’occasione di business che sempre l’accompagna.
Le autorità costituite della sedicente “civiltà occidentale”, come lo Stato e la Legge, rappresentano una superficiale verniciatura “civile” di altre gerarchie, molto più arcaiche e superstiziose. L’emergenzialismo determina una vera e propria gerarchizzazione razziale, per la quale la società si suddivide in un gruppo divinizzato di “Salvatori” e nella massa amorfa ed inferiore di coloro che devono essere “salvati”, magari dal pericolo che rappresentano per loro stessi. Non a caso i “salvataggi” non esimono i “salvati” dal dover compiere rituali espiatori e sacrifici per le loro colpe passate, presenti e future."
Cit. da "I rapporti sociali emergenzialisti" 14/03/2019
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 16/12/2021 @ 00:17:02, in Commentario 2021, linkato 6134 volte)
I nessi tra fisco e libertà civili sono familiari alla storiografia, dato che le maggiori rivoluzioni, da quella inglese, a quella americana a quella francese, sono state originate da questioni fiscali. Oggi ci è anche più chiaro che, se certe libertà ci venivano concesse, non era per la nostra bella faccia, ma perché ogni limitazione alla libertà di movimento causava un calo della produzione e dei consumi, e quindi del gettito fiscale per lo Stato. L’arrivo del Quantitative Easing (la produzione illimitata di moneta da parte delle banche centrali a fini di acquisto di titoli pubblici e privati) ha comportato una minore dipendenza dello Stato dalle entrate fiscali, e perciò ha reso possibile la stretta su libertà che sembravano ovvie e acquisite. Prima del Quantitative Easing sarebbero state impensabili limitazioni alla libertà di circolazione come il lockdown ed il Green Pass. C’è quindi qualcosa di peggio persino del fisco, ed è appunto il QE, tramite il quale le oligarchie che occupano quell’astrazione giuridica detta “Stato” possono spiazzare tutte le resistenze sociali.
Certi argomenti non sono più esclusiva dei “complottisti”, e persino nell’ambito della stampa di informazione finanziaria si ipotizza che il lockdown in Austria sia stato adottato non per motivi sanitari, bensì per “raffreddare” i consumi e quindi l’inflazione. Gli attuali pericoli di iper-inflazione sono stati causati proprio dai precedenti lockdown, in quanto dopo la stasi della produzione e dei consumi c’è stata una corsa all’acquisto delle materie prime con il conseguente balzo dei prezzi. Va comunque precisato che dal punto di vista della lobby dei creditori “iper-inflazione” è anche un’inflazione solo al 10%, che comunque eroderebbe il valore dei crediti.
Il lockdown ha però anche un’altra valenza oltre il raffreddamento dell’inflazione, in quanto è anche un modo per perpetuare il clima di emergenza ponendo le condizioni per la prosecuzione dei QE nella versione più fluviale. L’emergenza cronica garantisce il QE eterno e infinito. C’è quindi un sistema che da un lato si droga di liquidità monetaria, dall’altro lato deve ricorrere ai lockdown e misure similari per evitare gli effetti inflazionistici dovuti a tutta quella liquidità. Il sistema finanziario sembra quindi caduto in una sorta di sindrome maniaco/depressiva, con fasi di euforia da sovrabbondanza monetaria, alle quali devono poi accompagnarsi provvedimenti di raffreddamento della produzione e dei consumi per evitare possibili conseguenze inflazionistiche.

Anche su giornali del mainstream come “The Guardian” la riflessione sugli effetti del QE spinge alcuni analisti ad ipotizzare che la società sia diventata una sorta di cavia per esperimenti finanziari. Il QE sembrerebbe ispirarsi alla Modern Monetary Theory, un’evoluzione della dottrina keynesiana, secondo la quale lo Stato può produrre tutta la moneta che gli serve, perciò il fisco avrebbe solo una funzione di indirizzo economico. Sennonché la MMT presuppone una società idilliaca, in cui l’obbiettivo sia la piena occupazione e in cui gli interessi di nessuna lobby possano prevalere sugli altri. Ma accade il contrario: in una società con illimitata mobilità internazionale dei capitali tendono a prevalere gli interessi della lobby più forte, che è quella dei creditori, per cui l’afflusso illimitato di liquidità monetaria diventa un’arma in più nelle mani delle multinazionali del credito.
Per la lobby dei creditori la piena occupazione è un pericolo da scongiurare, poiché qualsiasi aumento del potere contrattuale dei lavoratori, e quindi dei salari, comporterebbe rischi di inflazione. Lo stesso vale per la funzione di indirizzo della leva fiscale, che non viene usata dai governi a fini redistributivi, bensì per accelerare la concentrazione forzosa dei capitali. I governi tendono infatti a colpire la piccola proprietà immobiliare, in modo che la caduta del valore degli immobili ne favorisca l’acquisizione a prezzi stracciati da parte di multinazionali.
Lo scorso anno il provvedimento del lockdown non fu sponsorizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, bensì dal Fondo Monetario Internazionale, e ciò già dice tutto. Le spiegazioni addotte dal FMI per consigliare i lockdown apparivano del tutto inconsistenti e non davano conto minimamente degli ovvi effetti deflazionistici del lockdown e degli effetti inflazionistici di una successiva ripresa della produzione e dei consumi.
La letteratura scientifica in campo finanziario ha potuto inquadrare il comportamento di istituzioni come il FMI, le quali appaiono segnate da gravi conflitti di interessi. Il fenomeno della porta girevole tra mondo accademico, istituzioni finanziarie statali e sovranazionali, e multinazionali del credito, ha assunto proporzioni tali da aver consentito l’affermazione di un lobbying finanziario pervasivo e onnipresente.
Il caso del Fondo di Investimento Blackrock, che, secondo il modello già sperimentato da Goldman Sachs, ha praticamente “occupato” l’Amministrazione Biden, ha riscosso l’attenzione e l’allarme di vari analisti del settore finanziario. Blackrock detiene anche i maggiori pacchetti azionari di multinazionali come Google, Amazon e Pfizer, perciò si verifica una concentrazione di capitali e di potere politico in poche mani. Le menti ristrette e retrograde considerano la porta girevole come una forma legalizzata di corruzione, mentre invece è la prova dell’esistenza di una super-razza, quella dei “competenti”, che ha la sacra missione di salvare l’umanità dall’estinzione; allo stesso modo di quelle caste sacerdotali dell’antichità, che con i loro rituali sacrificali impedivano al sole di spegnersi.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (52)
Commentario 2022 (19)
Commenti Flash (61)
Documenti (30)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (10)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (25)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (18)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


17/05/2022 @ 23:25:27
script eseguito in 95 ms