"
"Se la pace fosse un valore in sé, allora chi resistesse all'aggressore, anche opponendosi in modo non violento, sarebbe colpevole di lesa pace quanto l'aggressore stesso. Perciò il pacifismo è impotente contro la prepotenza colonialistica che consiste nel fomentare conflitti locali, per poi presentarsi come pacificatrice."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 22/04/2021 @ 00:18:04, in Commentario 2021, linkato 5897 volte)
L'agenzia ANSA lancia la notizia sconvolgente che la figlia di Bill Gates si è vaccinata e che ai giornalisti presenti all’evento epocale ha rivolto una battuta sulle teorie della cospirazione che circondano la figura del padre: nessun microchip le sarebbe stato impiantato con quella iniezione. Se qualcuno non sapeva dell’esistenza di quella teoria della cospirazione (quasi tutti), ora, grazie alla figlia di Bill Gates ed all'ANSA, ne è venuto a conoscenza. Non che come teoria cospirativa sia granché, dato che si poteva facilmente inventare qualcosa di più suggestivo; ad esempio, l’inoculazione di DNA alieno.
Immaginiamo adesso di essere uno che di mestiere fa l’addetto alle pubbliche relazioni; anzi, come si dice oggi, il consulente d’immagine o “spin doctor”. Il nostro cliente è un tizio supermiliardario che presenta stridenti situazioni di conflitto di interessi. Il supermiliardario gestisce una fondazione filantropica non profit, che si giova quindi di una esenzione fiscale; e, con quella fondazione, promuove prodotti finanziari, informatici, industriali e farmaceutici di società di cui è azionista. Il supermiliardario si è così confezionata un'attività di lobbying scaricandone indirettamente il peso sul contribuente.
Con i soldini risparmiati grazie ai privilegi fiscali, il supermiliardario può permettersi di finanziare l'Organizzazione Mondiale della Sanità, della quale i principali finanziatori istituzionali, gli USA in primis e poi gli altri Stati, come tutti gli Stati, sono per definizione dei cattivi pagatori. Il finanziamento privato diventa perciò decisivo. Si può non sapere come funzionano i virus, ma è facile intuire come funzionano gli esseri umani. Anche se non tutti i finanziamenti privati sono indirizzati a progetti specifici, senza alcun bisogno che arrivino ordini o richieste esplicite, si tenderà comunque a compiacere gli interessi di chi finanzia la baracca, promuovendo le attività proprio nei settori da lui preferiti. Ogni volta che qualche giornalista si è appena impegnato ad indagare sull’OMS, ha trovato un intrico di conflitti di interesse e di porte girevoli tra pubblico e privato.

I consulenti di immagine hanno a disposizione un solo modo per coprire tutte queste situazioni di conflitto di interessi del supermiliardario, cioè screditare e ridicolizzare preventivamente tutte le critiche e le denunce creando un rumore di fondo, una confusione comunicativa, che le copra. Si fanno perciò circolare delle teorie squinternate e caricaturali sulla malvagità del supermiliardario e sui suoi progetti di dominio del mondo. Un settore in cui la vaccinazione sicuramente funziona è quindi quello della comunicazione: una notizia vera può essere neutralizzata diffondendo preventivamente una notizia falsa che vagamente le somigli ma che risulti alla fine inconcludente. Una opinione pubblica “vaccinata” attraverso incredibili teorie cospirative, finirà per non prendere sul serio neppure le denunce circostanziate sui conflitti di interesse.
In tal modo non solo tutte le segnalazioni sul conflitto di interessi finiscono nel calderone delle teorie del complotto, ma si fa soprattutto perdere di vista il problema fondamentale. Che si tratti di un vero filantropo oppure di un perverso, un soggetto privato ha acquisito comunque un potere eccessivo nel condizionare la percezione di questioni fondamentali come la salute pubblica. Persino se Bill Gates rientrasse nella categoria dei “santi subito”, si configurerebbe ugualmente il nonsenso del prevaricare di un singolo punto di vista su una questione di interesse pubblico. Si tratta quindi di cogliere l'indizio che ci fornisce lo spettacolo dei conflitti di interesse e delle porte girevoli: il potere è trasversale rispetto alle categorie astratte e fittizie di pubblico e privato oppure di legale e illegale. Tutte le gerarchie sociali e internazionali, nel loro agire concreto, si pongono come gerarchie antropologiche. Ogni potere tende ad autodivinizzarsi ed a scavalcare le regole che esso stesso ha proclamato ma che valgono solo per i comuni mortali; perciò i miliardari e i “competenti” sono i nuovi santi della religione politicorretta o, se si preferisce, una super-razza eletta.
Il potere non ha bisogno di complottare perché funziona per schemi ripetitivi e riflessi condizionati, che implicano anche le solite esche a disposizione dei subalterni: se non hanno pane che mangino gerarchie; se i redditi da lavoro calano, si può sempre offrire in alternativa la gratificazione illusoria dei sensi di superiorità. Si concede così alla massa di partecipare alla divina natura dei padroni miliardari e “competenti” condividendo lo snobistico disprezzo nei confronti dei loro fantasmatici nemici: i “complottisti”. Il pericolo del cospirazionismo diventa così il grande alibi, o il grande incubo, dei conformisti, che, non osano più dubitare delle narrazioni ufficiali, perché altrimenti, come Gregor Samsa, temono di andare a dormire la sera e di svegliarsi al mattino trasformati in terrapiattisti.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 18/04/2021 @ 00:38:02, in Falso Movimento, linkato 4183 volte)
A luglio dello scorso anno la revoca sembrava fatta e si annunciava trionfalmente che la società Atlantia dei Benetton era fuori dalla gestione delle autostrade.
A distanza di meno di un anno la società spagnola Abertis presenta un'offerta per le autostrade; un'offerta che ricicla di fatto i Benetton.
La società Atlantia controllerebbe infatti la maggioranza azionaria di Abertis, guidata dallo spagnolo Florentino Pérez, più famoso, o più famigerato, come presidente del Real Madrid.
Si tratta dello stesso Florentino Pérez che, vendendo il controllo di Abertis ad Atlantia, di fatto l'ha inguaiata di debiti. Per riciclarsi, i Benetton sono oggi costretti ad affidarsi a quello stesso Florentino Pérez che li aveva turlupinati.
All’epoca dell’acquisizione, l’attuale segretario del PD, Enrico Letta era nel Consiglio di Amministrazione di Abertis. Letta si dimise dal CdA dopo l'ingresso di Atlantia, per evitare, a suo dire, “conflitti di interesse”. Una chiusura della stalla quando i buoi erano già scappati? O quando i buoi erano già entrati?
L’attuale viceministro alle Infrastrutture, Morelli, ci informa adesso che la revoca è ormai arenata e che per la concessione delle autostrade deciderà il “mercato” (chiamiamolo così).
Pérez offre un miliardo in più della cordata di Cassa Depositi e Prestiti (di proprietà del Ministero dell'Economia) con due grandi fondi di investimento esteri, lo statunitense Blackrock e l’australiano Macquarie. L’offerta di Pérez è realistica? Oppure è solo una manovra per drogare il titolo Atlantia in Borsa? Oppure è un espediente per entrare di straforo nell’affare?
Per rimediare liquidità, intanto Atlantia ha ceduto il 49% di Telepass al fondo di investimento svizzero Partners Group AG.
Pare che Enrico Cuccia avesse profetizzato che con la posizione di rendita acquisita grazie alla privatizzazione della gestione delle autostrade, i Benetton si sarebbero “infiacchiti”. Per la precisione, i Benetton in questi decenni si sono rivelati personaggi senz’arte né parte, eppure sono ancora lì, miracolati dal tabù che ha impedito la nazionalizzazione delle autostrade con i più vari pretesti.
I probabili sostituti di Atlantia non scherzano quanto a conflitti di interesse, nella loro doppia veste di investitori e consulenti di istituzioni pubbliche. Dopo la BCE di Draghi, ora anche la Commissione Europea ha arruolato Blackrock, stavolta come consulente per la riconversione ecologica, lo stesso settore in cui Blackrock indirizza gran parte dei suoi investimenti.
Dopo aver occupato l’Amministrazione Trump con i suoi “consulenti”, Blackrock si avvia ad occupare anche l’Amministrazione Biden.
 
   In collaborazione con Claudio Mazzolani
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (37)
Commenti Flash (61)
Documenti (29)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (10)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (23)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (18)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


21/09/2021 @ 13:51:51
script eseguito in 78 ms