"
"La condanna morale della violenza è sempre imposta in modo ambiguo, tale da suggerire che l'immoralità della violenza costituisca una garanzia della sua assoluta necessità pratica."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 20/10/2013 @ 15:17:51, in Documenti, linkato 1296 volte)
COLONIALISMO ED AUTOCOLONIALISMO

Da Marc Ferro "Le livre noir du colonialisme”. Laffont, Paris 2003
<< In India, l’Europeo non può fare a meno di intermediari locali. “Migliaia di schiavi, di servitori, di ausiliari, di associati, di collaboratori si danno da fare attorno a lui, cento mille volte più numerosi di coloro che non sono ancora i padroni.” Limitando il numero dei soldati europei esposti alle malattie e al fuoco nemico, l’incorporazione di autoctoni negli eserciti coloniali contribuisce a ridurre i costi dell’impero.
Il ricorso alle reclute indigene è una pratica antica. I Portoghesi l’adottano fin dai primi decenni del XVI secolo, poi essa si espande all’India dove nessuno la spingerà così lontano quanto i Britannici. L’esercito della Compagnia accoglie, alla vigilia della Grande Ribellione del 1857, più di 310.000 cipayes, ovvero quasi il 90% del totale degli effettivi. Questa percentuale diminuisce al 64% nel 1881, per risalire nella prima metà del XIX secolo. Le truppe indiane partecipano all’espansione britannica in Birmania (a diverse riprese dal 1824 al 1885), in Persia (1856-1857), diverse volte in Cina (1839-1842, 1857-1860), durante la rivolta dei Boxers nel 1900, in Afghanistan (1878-1880), in Egitto (1882-1885), in Africa orientale e centrale (1897-1898 e 1902-1904) e in Africa occidentale alla fine del XIX secolo. In nessun altro posto, nel XIX secolo, si ritrova una mobilitazione così massiccia. Nessun'altra potenza coloniale dispone, come la Gran Bretagna , di un serbatoio umano delle proporzioni dell’India. Il colonizzatore recluta tra le “razze guerriere”: Rajput, Jat, Sikh, Gurkha. La paga relativamente alta e soprattutto regolare, è un’attrattiva sufficiente per incitare i guerrieri autoctoni a mettersi al servizio della East India Company. Per la maggior parte dei colonizzati che si ingaggiano nell’esercito del conquistatore, l’ordine militare può apparire come meno ingiusto della società coloniale. Verso il 1913, 76.000 soldati inglesi “occupano” l’India popolata da 315 milioni di abitanti. Il costo finanziario della conquista e della difesa dell’impero è assicurato dalla metropoli (ovvero la madrepatria rispetto ai paesi colonizzati) solo nel caso dei dominions. Nelle colonie di sfruttamento*, dal 1860 al 1912, le spese militari rappresentano dal 35 al 40% del budget. In India, Londra riuscì a farne assumere una parte significativa. (…) >>
* L’autore distingue le colonie di popolamento da quelle di sfruttamento. In queste ultime non vengono insediati coloni dalla madrepatria, ma si lascia un contingente militare per mettere in atto la rapina e l’asservimento delle popolazioni colonizzate.

Le informazioni di Marc Ferro si prestano ad alcuni confronti con l'attualità. L'imperialismo continua ad usare truppe coloniali, ma questo uso viene oggi dissimulato in forme variegate. L'aggressione della NATO alla Libia ed alla Siria è stata condotta con l'uso di formazioni "jihadiste", finanziate, reclutate ed addestrate dalle petromonarchie del Golfo Persico, tutte coordinate con la NATO da appositi trattati di collaborazione militare; ma anche con l'ausilio dell'addestramento di compagnie di contractors come la ex Blackwater, che opera negli Emirati Arabi Uniti.
Ma la stessa NATO costituisce un meccanismo di reclutamento di truppe coloniali nei Paesi cosiddetti "alleati", come l'Italia. Lo dimostrano la presenza dei Marò italiani nell'Oceano Indiano, oltre che i contingenti di "pace" che i nostri governi hanno disseminato in Afghanistan, Kosovo, ecc. Gli "alleati" per di più finanziano il colonizzatore acquistando le sue armi.
A ciò si aggiunge l'autocolonialismo "creativo" dei vertici militari dei Paesi "alleati"/colonizzati, che si esprime in una produzione ideologica in proprio. In una performance televisiva a "Servizio Pubblico", il ministro della Difesa, Mario Mauro, che è di origini pugliesi, si è fatto notare per aver usato l'autorazzismo verso la propria regione, presentandola come esempio di quel tipo di furibonda litigiosità che richiederebbe l'intervento delle forze di interposizione e "pacificazione" della NATO. L'autorazzismo meridionale si pone così al servizio della mitologia della superiorità razziale dell'Occidente.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 17/10/2013 @ 00:29:35, in Commentario 2013, linkato 1270 volte)
Si possono riscontrare delle costanti in tutti i casi di colonizzazione militare del territorio italiano. In ogni circostanza infatti le Regioni che "ospitano" gli impianti militari si trovano costrette a sostenere notevoli spese per supportare le basi militari con le necessarie infrastrutture. Sta succedendo in Campania, con la nuova base NATO di Giugliano, nella zona di Lago Patria, ed ovviamente capita anche per il MUOS che la US-Navy sta finendo di costruire a Sigonella. L'anno scorso il sindaco di Niscemi ha lamentato che non si è visto nulla degli aiuti al territorio contemplati nel protocollo d'intesa tra Ministero della Difesa e Regione Sicilia siglato nel 2011. Anzi, sarà la Regione Sicilia a dover sborsare finanziamenti per una serie di impianti ed infrastrutture, tra cui un eliporto, tutto questo attingendo ai fondi FAS.
I FAS, cioè i fondi del Tesoro per le aree sottoutilizzate, rappresentano un caso significativo - probabilmente solo uno dei tanti - di spesa militare occulta, cioè dissimulata sotto la veste di aiuti alle Regioni meno sviluppate. Spesso impiegati per finanziare opere idriche e di viabilità indispensabili per rendere operative le basi militari, i FAS figureranno invariabilmente nei bilanci dello Stato - e nei libri di Luca Ricolfi - come prova di quanto la spesa pubblica sia gravata dalla pigrizia delle Regioni meridionali.
La fiaba secondo cui invece sarebbero soprattutto gli Stati Uniti a dover sostenere finanziariamente l'Alleanza Atlantica, ha trovato un autorevole avallo in un discorso del 2 marzo 2010 del presidente Giorgio Napolitano. Si è trattato di un indirizzo di saluto pronunciato nella sede del Consiglio Atlantico di Bruxelles, davanti alle massime gerarchie della NATO. In quella occasione solenne, Napolitano ha caldamente invitato i governi europei ad infischiarsene della crisi finanziaria, e ad aprire, anzi a spalancare, i cordoni della borsa per sostenere tutte le spese militari che gli USA richiedono. In questo contesto, Napolitano non esitava a teorizzare esplicitamente il ruolo organico e subordinato dell'Unione Europea nei confronti della NATO, richiamandosi anche al Trattato di Lisbona.
Il discorso di Napolitano risulta interessante ed istruttivo anche per altri motivi. Anzitutto è stato pronunciato in un periodo in cui, almeno di facciata, il Buffone di Arcore sembrava occupare ancora saldamente la poltrona di Presidente del Consiglio, dato che la rivolta di Fini e l'apparizione sulla scena della "nipote di Mubarak" sarebbero avvenute solo alcuni mesi dopo. Eppure Napolitano parlava come se il vero capo del governo ormai fosse lui. La storia italiana di questi ultimi tre anni potrebbe essere riletta e reinterpretata anche solo a partire da questo documento, che ci mostra un Napolitano ben poco "garante" e tutto politico già all'inizio del 2010. Lo stesso Napolitano offriva una spiegazione di questa apparente anomalia, quando teneva a precisare che in Italia è il presidente della Repubblica a presiedere il Consiglio supremo di difesa, quindi a costituire l'interlocutore privilegiato del vero padrone, cioè la NATO. Il soprannome di NATOlitano quindi non è arbitrario o abusivo, ma assolutamente meritato. Occorre peraltro riconoscere che il Consiglio supremo di difesa è un organo di rilievo costituzionale (articolo 87), perciò coloro che vanno in brodo di giuggiole per la nostra "bellissima" Costituzione, dovrebbero ogni tanto rileggersela anche nei passi meno lirici e più crudi.
Davanti all'uditorio di Bruxelles Napolitano non è riuscito a trattenere la propria soddisfazione per il buon lavoro da lui svolto, proclamando che nulla avrebbe potuto opporsi ai progetti di espansione della NATO, dato che, almeno in Italia, non era prevedibile alcuna ondata di antimilitarismo che potesse mettere i bastoni tra le ruote. Napolitano ha usato, con cognizione di causa, la parola "antimilitarismo" e non quella di "pacifismo", segno che per lui la militarizzazione rappresenta proprio il valore da difendere. Strano allora che il nostro non si sia mai accorto che l'occupazione del Canale di Sicilia da parte delle flotte USA e NATO non abbia mai bloccato la partenza di un barcone di "migranti" (o deportati?), oppure che le occupazioni NATO non riescano ad impedire il business dell'oppio in Afghanistan, o il traffico di organi umani in Kosovo, e neppure le discariche di rifiuti tossici a Giugliano. Non è che il "valore" che si vuol difendere, consiste appunto in questo intreccio tra militarismo e business illegali?
Ma dopo una frase del genere, verrebbe voglia di rileggere non soltanto la storia d'Italia degli ultimi tre anni, ma anche tutta la storia personale di Napolitano. Davvero egli sarebbe un transfuga del comunismo, passato dal sostegno all'invasione sovietica dell'Ungheria all'adesione entusiastica alla NATO? Oppure è sempre stato un agente sotto copertura?
Una delle formule più note del "Che Fare?" di Lenin è quella secondo cui la classe operaia da sola sarebbe in grado di esprimere esclusivamente una coscienza trade-unionista, mentre la coscienza politica di classe dovrebbe essere portata dall'esterno da intellettuali rivoluzionari. Sebbene successivamente ridimensionata dallo stesso Lenin, si tratta comunque della formula più invocata per sostenere la necessità di un partito comunista a guida delle masse. Sta di fatto che in Italia il PCI non soltanto non ha portato alla classe operaia quella tanto invocata coscienza politica, ma ha finito per privarla anche della coscienza trade-unionista, per non parlare poi del seppellimento di ogni coscienza antimperialistica. Nel 1977 il PCI spinse infatti la CGIL alla svolta dell'EUR, insieme con gli altri sindacati confederali, con il risultato di offrire come massima prospettiva all'azione sindacale quella di una concertazione tra governo e parti sociali. Nello stesso anno il PCI formalizzò anche la sua accettazione della collocazione "atlantica" dell'Italia. Il punto debole della teoria del partito si è così evidenziato nella estrema facilità di infiltrare i gruppi dirigenti; ed anche Stalin, di fronte alla occupazione massonica dei partiti comunisti dell'Europa occidentale, invece del "Che Fare?", adottò piuttosto il "lasciar fare".
Altro aspetto interessante del discorso di Napolitano a Bruxelles/2010, è l'aspetto "creativo" della sua posizione di collaborazionista del colonialismo sull'Italia. Napolitano si pone cioè non come un semplice esecutore di ordini, ma esprime velleità di servitore factotum alla Figaro, capace di andare anche oltre le attese dei suoi padroni. A riguardo c'è da osservare che in questi ultimi tempi si è diffusa una nuova vulgata, secondo la quale tutte le direttive internazionali, a partire dalla famosa lettera della BCE del 5 agosto 2011, sarebbero state in realtà scritte a Roma. A Roma verrebbero elaborate anche le dichiarazioni del Fondo Monetario Internazionale sull'Italia, e sempre a Roma andrebbero ricercate le vere responsabilità del MUOS. Poco ci manca che ci si metta a cantare "der monno 'nfame Roma Capoccia".
Qui si tratta di uno dei casi in cui una mezza verità rischia di diventare una pericolosa scempiaggine. Da sempre infatti il colonialismo si basa sulla complicità attiva e "creativa" dei gruppi dirigenti locali, altrimenti meno di duecentomila Inglesi - tra soldati, affaristi e funzionari - non avrebbero potuto dominare e sfruttare più di trecento milioni di Indiani per oltre un secolo. Per "imperialismo americano" non si deve perciò intendere che gli USA siano in grado da soli di controllare tutto, ma che esiste una guerra mondiale dei ricchi contro i poveri in nome della santa causa di un welfare per ricchi; una guerra di classe nella quale però gli USA costituiscono il punto di riferimento ed il principale braccio armato di tutti i gruppi affaristici e reazionari del mondo. C'è quindi un ampio margine di manovra per i servitori, ed anche parecchie occasioni di competizione fra gli stessi servitori; ma sempre di servitori si tratta.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (21)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


25/05/2019 @ 16:52:45
script eseguito in 602 ms