"
"La ricerca scientifica è una attività umana, perciò merita, come ogni attività umana, tutto lo scetticismo possibile; altrimenti cesserebbe di essere ricerca per costituirsi come religione inquisitoria."

Comidad (2005)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 25/04/2013 @ 00:06:23, in Commentario 2013, linkato 1580 volte)
La notizia, alquanto marginalizzata, dell'attentato all'ambasciatore francese in Libia, ha riproposto un po' all'attenzione la situazione di una guerra ancora in corso e dai contorni sempre più oscuri. Ovviamente l'autobomba è stata attribuita alla solita sigla di comodo, Al Qaeda. Anche per l'attentato di Boston, l'FBI non ha esitato ad incastrare due fratelli ceceni - quindi musulmani -, pur di suggerire un fantomatico nesso con la mitica Al Qaeda. Nel caso della Libia, invece il fantasma di Al Qaeda si concretizza chiaramente in ben altri finanziatori e mandanti, dai contorni molto più precisi.
Infatti la Francia, lanciatasi in una nuova avventura militare in un Paese vicinissimo alla Libia, il Mali, si trova oggi praticamente in guerra con quello che era stato un suo alleato nella conquista della stessa Libia - e lo è ancora nell'aggressione alla Siria -, cioè l'emirato del Qatar. Le milizie jihadiste che operano in Mali sono direttamente finanziate ed armate dal Qatar, che è presente massicciamente non solo con le sue sedicenti "Organizzazioni Non Governative", ma anche con aerei militari. Anche questa notizia è stata poco ufficializzata, ma in Francia è ormai di dominio pubblico. Il Qatar svolge la funzione di battistrada del colonialismo statunitense in Africa, e perciò non è solo con un piccolo, sebbene danaroso, emirato che ora la Francia se la deve vedere. Insomma, c'è lì un altro "alleato" pronto ad infilare pugnali nella schiena.
Non c'è da stupirsene, poiché da sempre il colonialismo si basa soprattutto sul fregare gli "alleati". Nel 1704 l'Inghilterra era "alleata" della Spagna in una delle tante guerre europee del periodo, ed approfittò di questa posizione per appropriarsi del territorio spagnolo di Gibilterra, usandolo come base di partenza per il suo plurisecolare dominio nel Mediterraneo. L'imperialismo funziona con questi paradossi, perciò si può vedere l'organismo internazionale nato per impedire le guerre, l'ONU, diventarne il massimo promotore; ovviamente per conto della NATO.
Durante l'aggressione della NATO alla Libia del 2011, il Paese più bidoNATO di tutti è stato, come è noto, l'Italia. Il corriere del pacco fu il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che impose l'intervento italiano in guerra ad un governo e ad un parlamento più che riluttanti. Le sue motivazioni ufficiali per l'aggressione ricalcarono in pieno la propaganda della NATO.
Di fronte alla rielezione di Napolitano, non ha quindi molto senso gridare al golpe ed alla fine della Repubblica, se il bersaglio della polemica rimane un'entità indistinta come la "vecchia politica", e si evita di chiamare le cose col loro nome. In questi mesi si è assistito ad una militarizzazione dell'informazione, che ha descritto gli eventi in modo tale da farne risultare non solo opportuno, ma inevitabile, l'esito finale. L'opinione pubblica è stata sempre più sospinta a ritenere giusta e desiderabile una tutela non solo delle istituzioni, ma della politica nel suo complesso. Il mezzo per ottenere questo risultato è stato, come al solito, quello di omettere fatti e dettagli fondamentali, magari facendo dimenticare anche quanto appena avvenuto. Così, quello stesso Bersani che poco più di un mese fa aveva conquistato, senza particolari patemi d'animo, al proprio partito le cariche di presidente del Senato e di presidente della Camera, è stato rappresentato dai media come un inetto totale. I commentatori più autorevoli non si sono fatti scrupolo di porre come desiderabile alternativa alla mediocrità di Bersani, un totale nullità come Matteo Renzi. Il fantoccio-Renzi serviva a coprire le losche manovre della vera alternativa a Bersani, cioè il suo vice Enrico Letta. Come già Giuliano Amato, vice di Craxi, anche Letta non soltanto non ha seguito il suo capo nella caduta, ma addirittura vi costruisce sopra le proprie fortune. Per uno strano caso, lo spauracchio di un incarico per la formazione del governo a Giuliano Amato (l'uomo delle mani nei conti correnti, e l'inventore dell'ICI), è servito a far accogliere con un sospiro di sollievo all'opinione pubblica l'incarico a Letta. Il fatto che Letta abbia avuto bisogno di questa operazione di promozione, attraverso il confronto con l'odiatissimo Amato, significa che i mandanti/protettori di Letta non fanno molto conto sul suo carisma personale e sulla sua autonoma capacità di attrarre consensi. Insomma, il viscido Letta deve quasi tutto a qualcuno più viscido di lui.
Per fortuna, almeno il direttore de "Il Fatto Quotidiano", Antonio Padellaro, si è fatto venire qualche sospetto sul modo in cui Napolitano aveva gestito la questione della formazione del nuovo governo, con quel mezzo incarico a Bersani, poi immediatamente delegittimato dalla istituzione della commissione dei "saggi", che costituiva una prova generale delle "larghe intese".
In effetti, la burocratica mediocrità di Bersani si stava rivelando più che sufficiente a mettere in crisi la compattezza del Movimento 5 Stelle, ed è stata invece la presa di posizione di Napolitano sulla necessità delle "larghe intese" a mettere definitivamente fuori gioco la tattica di "scouting" dello stesso Bersani. Questi ha dimostrato ancora una volta di non possedere né la grinta, né la paranoia, del leader dei momenti difficili, perciò si è umilmente inchinato ai diktat che provenivano dall'alto, prestandosi senza proteste ad ogni agguato e ad ogni figuraccia. Martedì scorso anche la direzione del PD lo ha seguito disciplinatamente nella cerimonia del calo di brache; ma, in quell'organismo direttivo, molti avevano già lavorato contro Bersani persino durante le elezioni; e probabilmente il mancato pieno di voti da parte di Bersani era stato dovuto proprio al tradimento di alcuni capi-clientela elettorale del PD. Nelle recenti elezioni regionali in Friuli Venezia Giulia, si è potuto riscontrare invece che le clientele elettorali del PD sono tornate all'ovile.
Non si poteva certo facilmente prevedere che il PD delegittimasse platealmente se stesso negando, con oltre cento parlamentari, il voto al proprio fondatore, Prodi; ma la sua elezione avrebbe ostacolato proprio quelle "larghe intese" volute da Napolitano, il quale è apparso perciò chiaramente come parte interessata in tutta la vicenda dell'elezione del nuovo presidente. Quindi Napolitano non può vantare nessuna credibilità nel presentarsi come il salvatore della patria che avrebbe accettato il sacrificio di ricandidarsi; e solo una meticolosa propaganda ufficiale ha potuto avallare una tale mistificazione.
Risulta scontato che in questa circostanza anche Napolitano non ha potuto giocare soltanto sulla propria perfidia personale, ma soprattutto sulle protezioni e le coperture derivanti dal suo ormai consolidato ruolo di garante del colonialismo NATO in Italia. Chi lo ha ribattezzato "NATOlitano" ha colto l'essenza della sua attuale missione.
Non è quindi un caso che in tutte e tre le "cadute" di Prodi sia risultato evidente lo zampino statunitense. Nel '98 l'imminenza della guerra in Kosovo rese indispensabile la formazione di un nuovo governo affidato allo yes-man D'Alema. Nel 2008 vi fu addirittura un diretto intervento della CIA per influenzare il ministro Mastella; circostanza ammessa anche dall'interessato.
Nel caso attuale, pochi giorni prima della votazione su Prodi, erano state fatte trapelare le notizie - riportate anche da "L'Espresso" - a proposito delle rivelazioni di Wikileaks su quanto lo stesso Prodi risultasse sgradito agli USA; e non certo per la sua disobbedienza, ma per la sua lentezza ad obbedire. E proprio qui sta il punto. Anche la politica più asservita richiede mediazioni lente, mentre il crescente attivismo militare della NATO non tollera pause o mediazioni.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 18/04/2013 @ 01:57:35, in Commentario 2013, linkato 1380 volte)
Non è necessario fare supposizioni circa la matrice dell'attentato di Boston, per riscontrare che, ancora una volta, il "vile attentato terroristico" ha sortito i suoi immancabili effetti disciplinari sull'opinione pubblica, immediatamente irreggimentata nello schema del "noi e loro". Nell'epoca della presunta società "complessa", e della altrettanto presunta società "liquida", nulla funziona meglio dell'emergenza-terrorismo per semplificare e cristallizzare il quadro di riferimento. La estrema facilità con cui questo può avvenire, costituisce un'obiezione sostanziale nei confronti di qualsiasi illusione di democrazia e di Stato di Diritto.
Le celebrazioni in onore della figura di Margareth Thatcher (forse ammazzata per l'occasione, in modo da riciclarla in operazioni di manipolazione mediatica), hanno anch'esse messo in evidenza quanto sia facile creare un mito. Basta mentire. Nulla di ciò che viene speso in questo tipo di propaganda svolge una mera funzione celebrativa, ma serve a ribadire degli schemi di pensiero, dei pregiudizi, che soppiantino totalmente i dati di fatto. La famosa vittoria del 1985 del primo ministro Thatcher contro i minatori britannici in sciopero, è stata presentata dai media come una scadenza ineluttabile del progresso contro le resistenze conservatrici del lavoro. Si tratta del solito luogo comune secondo cui gli operai sarebbero sempre a rimorchio della Storia. A sentire la versione ufficiale, le miniere di carbone avrebbero rappresentato un settore obsoleto e superato a causa del prepotente avvento degli idrocarburi, e andavano chiuse per necessità economica. Insomma, per i minatori britannici si sarebbe ripetuto ciò che avvenne ai Luddisti dei primi dell'800, i quali, secondo il mito storiografico vigente, difendevano un modello di lavoro artigianale contro l'avvento delle macchine. In realtà, in due secoli non è mai stata fornita alcuna prova storica del fatto che i Luddisti distruggessero le macchine per difendere la propria condizione di artigiani. Dai verbali dei loro processi, che si concludevano con immancabili condanne all'impiccagione, risulta semmai che si trattasse di nuovi operai. Ma, a quei tempi, ogni tipo di associazionismo operaio era considerato alla stregua di un reato di cospirazione, ed ogni sciopero trattato come un sabotaggio, con conseguenti condanne a morte; perciò la distruzione delle macchine costituiva allora la sola forma di lotta a disposizione degli operai, l'unica che consentisse di commisurare l'efficacia dei risultati agli enormi rischi connessi.
Nel caso dei minatori britannici degli anni '80, c'è oggi a disposizione addirittura la prova tangibile che il "progresso" non c'entrava niente con la chiusura delle miniere. Infatti, secondo gli stessi dati ufficiali, la Gran Bretagna nel 2012 ha importato 44,8 milioni di tonnellate di carbone, prevalentemente da Russia, Colombia e Stati Uniti. Insomma, nell'epoca degli idrocarburi e delle energie rinnovabili, il carbone è rimasto fondamentale nella produzione di energia elettrica.
Negli ultimi anni il consumo di carbone nel mondo è aumentato del 55%, e l'Italia ne importa circa 19 milioni di tonnellate all'anno; un'enormità, anche se si tratta di una bazzecola di fronte alle importazioni di carbone nel Regno Unito. Il carbone è il grande "innominabile" dell'economia europea e mondiale, una presenza tremendamente invadente, ma che si può occultare con espedienti elementari come il "basta mentire". L'opinione pubblica infatti viene indotta a credere che il carbone sia un ricordo dell'800; e per questo si convince facilmente della necessità di chiudere impianti minerari come quello del Sulcis in Sardegna, in modo da poter importare milioni di tonnellate di carbone da USA, Russia e Colombia.
C'è anche un certo ambientalismo che presenta ogni volta l'uso del carbone come un'anomalia locale dei vari Paesi e quindi, indirettamente, rafforza quella falsa idea che il carbone sia generalmente in disuso. Solo in Italia le centrali elettriche a carbone sono tredici, e niente - ma proprio niente - fa supporre che la dipendenza mondiale dal carbone tenda a diminuire.
Il fatto che il carbone non sia più estratto a livello locale dei singoli Paesi, ma sia soggetto ad un crescente import-export, non solo è antieconomico, ma peggiora di molto gli effetti inquinanti a causa del trasporto. Ad avvantaggiarsene però è il business delle grandi multinazionali del settore, come la AngloAmerican. Si tratta di una di quelle grandi corporation minerarie che nessuno sente mai nominare, ma che dominano l'economia mondiale.
Manco a dirlo, la AngloAmerican è la multinazionale più attiva nel gestire il business delle miniere di carbone colombiane, ed attualmente si trova coinvolta in un contenzioso giudiziario con le popolazioni locali, che protestano contro i devastanti effetti sanitari ed ambientali delle famigerate miniere di carbone a cielo aperto.
Per ottenere l'alone mediatico di "statista" basta fare gli interessi di qualche multinazionale. Che la carriera della cosiddetta "Lady di ferro" sia stata in realtà tutta all'insegna della cartapesta della finzione mediatica, è indicato anche dalla scarsa attenzione prestata al dettaglio che fu la "inspiegabile" scissione socialdemocratica del Partito Laburista a consentire alla Thatcher di conseguire i tre mandati consecutivi di primo ministro. La carriera politica della Thatcher si è sviluppata sempre sotto l'ombrello di protezioni tutt'altro che trasparenti, e la sua figura ha rappresentato uno dei tanti casi tipici di strumentalizzazione dell'immagine femminile a fini reazionari e affaristici. Si tratta dello stesso metodo per il quale il colonialismo statunitense ha inventato per Cuba la "dissidente" Yoani Sanchez, come immagine femminil-giovanile da opporre alla gerontocrazia dei fratelli Castro.
Nel caso dei minatori inglesi, la propaganda mediatica non si è limitata a contrapporvi un'immagine femminile di nanny severa e castigamatti, ma nel 2000 ha anche prodotto una rilettura di tutta la vicenda storica dello sciopero come un superamento del maschilismo dei minatori stessi. Ci si riferisce al film "Billy Elliot", esaltato dalla critica ufficiale come uno dei capolavori assoluti della cinematografia britannica. La trama del film narra del figlio di un minatore che si dissocia dai valori del padre per seguire la vocazione della danza classica; per fare ciò, il ragazzo sfida i pregiudizi del suo ambiente operaio, condizionato dai pregiudizi circa la perdita di virilità che la danza comporterebbe.
Il messaggio del film "Billy Elliot" era stato preparato attraverso operazioni cinematografiche precedenti, come "Full Monty", nel quale degli operai disoccupati trovavano modo di riciclarsi come spogliarellisti. Ancora una volta dei temi progressisti, e apparentemente spregiudicati, erano stati strumentalizzati e distorti dalla propaganda ufficiale in chiave reazionaria.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


11/12/2018 @ 12:10:03
script eseguito in 77 ms