"
"Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea."

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 30/01/2013 @ 21:10:57, in Commenti Flash, linkato 764 volte)
In un'intervista a "Mecanopolis", Jean Michel Vernochet affronta la questione Iran con argomenti che suonano familiari. Secondo questo analista, l’Iran non sarebbe ancora integrato nel nuovo ordine mondiale e quindi deve essere “distrutto”; parlando di distruzione non si riferisce necessariamente ad una distruzione materiale, ma anche ad una cancellazione della sua estraneità al controllo del dominio internazionale.
Negli USA esisterebbero due scuole: quella Kissinger-Bush e quella Brzezinski- Obama. Tutte e due le scuole condividono l’idea del dominio totale del mondo da parte degli Stati Uniti, che devono continuare ad espandersi. Ma mentre Bush si imbarcava in imprese militari estremamente impegnative, con risultati non sempre apprezzabili, Obama è molto più propenso ad ottenere gli stessi risultati, e forse di più, attraverso una strategia diversa basata sull’uso dei droni, di destabilizzazioni, provocazioni, false rivoluzioni, colpi di stato ecc. Questa strategia sembra dettata anche dalla situazione economica difficile degli USA, per i quali un tipo di intervento militare in grande stile sarebbe troppo dispendioso, e non ci sarebbero abbastanza soldi per praticarlo. La posizione ambigua della Russia sulla questione siriana, sarebbe dovuta alla preoccupazione di poter mantenere anche in caso di caduta di Assad, l’unico sbocco sul Mediterraneo. D’altro canto se si vuole aggredire l’Iran, la presa della Siria è decisiva. In questa prospettiva, il protagonismo della Francia, del Qatar e di altri "alleati", comunque sottomessi, sembra comportare un bel risparmio per gli USA.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 24/01/2013 @ 00:01:01, in Commentario 2013, linkato 1525 volte)
Il presidente francese Hollande, andato in Mali per appropriarsi di gas ed uranio, si è trovato a scoprirvi anche l'acqua calda, e cioè che la destabilizzazione dell'Africa sahariana e sub-sahariana è oggi finanziata dall'emiro del Qatar, Al Thani.
Si tratta dello stesso emiro con cui la Francia si è alleata per destabilizzare la Siria. Le notizie sul ruolo del denaro di Al Thani nelle spinte secessioniste in Mali circolavano da mesi, eppure Hollande riceveva ugualmente Al Thani a Parigi nell'agosto del 2012 per decidere del destino di Assad. L'incontro fu suggellato da un comunicato comune che sanciva l'unità d'intenti dei due "alleati".
Ciò che può apparire privo di logica, acquista invece senso in un'ottica colonialistica, nella quale non vi sono obiettivi strategici da raggiungere, ma soltanto una convergenza di lobby affaristiche verso la destabilizzazione. Il business delle bombe si incrocia con il business delle materie prime. Quando la guerra civile etnica da strisciante diventa aperta, allora gli apparati statali si dissolvono, e le multinazionali possono gestirsi in proprio i giacimenti, senza dover rendere conto alle autorità locali, che sono ridotte a semplici simulacri. Più di un osservatore ha notato che la presenza massiccia di truppe francesi in Mali rischia di esporre a destabilizzazione tutta l'area, compresa l'Algeria. I confini infatti sono puramente teorici e gli sconfinamenti, veri o presunti, della guerriglia possono giustificare tutto; come ha dimostrato la guerra in Afghanistan, nella quale la gran parte dei bombardamenti USA è stata effettuata sul territorio di un "alleato", cioè il Pakistan.
C'è una corrente d'opinione di "antimperialisti sì, ma non troppo", che sottolinea in ogni circostanza che all'ingerenza coloniale non può essere attribuita ogni volta l'intera responsabilità delle guerre locali, motivabili anche con annose situazioni interne di conflitto e di sopruso. In realtà è troppo facile dimostrare che i buoni non esistono e che l'umanità fa schifo più o meno ovunque. Il punto è che gli odi etnici possono rimanere latenti indefinitamente, sin quando non arrivano i soldi per armare e pagare i più facinorosi. Se affluiscono grandi quantità di denaro per destabilizzare un Paese, la lista dei sospetti finanziatori non è poi così nutrita, visto che oggi sono in pochi ad avere parecchi liquidi disponibili. Non solo nell'Afghanistan degli anni '80, ma persino nella guerra della ex Jugoslavia degli anni '90, i soldi dell'Arabia Saudita e del Qatar furono determinanti. Per premio di quell'impegno finanziario, le due petro-monarchie ottennero un accordo di integrazione militare con la NATO, ancora vigente.
Al Thani, nonostante tutto, continua a ricevere complessivamente un trattamento più che di favore dagli organi d'informazione occidentali, e non mancano i depistaggi. Molti giornali ancora insistono sulla storiella degli ex mercenari Tuareg di Gheddafi, fuggiti in Mali portandosi le armi degli arsenali libici. Secondo questa versione, gli stessi Tuareg si sarebbero inopinatamente convertiti all'Islam integralistico ed avrebbero attuato la secessione del Nord del Mali per instaurarvi una repubblica islamica. Questa storia non fa altro che usare gli argomenti di molti di coloro che erano contrari alla guerra in Libia, e che paventavano le conseguenze dell'eliminazione di un punto di riferimento come Gheddafi. Una guerra sbagliata del passato servirebbe adesso a giustificare un'altra guerra nel presente, resasi necessaria per riparare ai guai della prima. La propaganda a favore della guerra può usare qualsiasi pretesto, compresa questa mezza riabilitazione postuma di Gheddafi.
Ora non è neppure chiaro se Hollande - illudendosi forse di essere un novello Gary Cooper nel film "Beau Geste" - vada in Mali a combattere i Tuareg, o Ansar Eddine, oppure qualcun altro. Sulla stessa vicenda degli ostaggi in Algeria, il governo francese non è stato in grado di fornire uno straccio di versione ufficiale, e neppure ha sentito il bisogno di esigere ulteriori chiarimenti dal governo algerino. Vige un clima mediatico del "tutto fa brodo", purché crei l'impressione di un'emergenza-terrorismo e legittimi l'invio di truppe e cacciabombardieri.
Hollande è andato ad incastrarsi in un'avventura militare costosa, che rischia di renderlo sempre più dipendente dagli "aiuti" degli "alleati" della NATO e, forse, dello stesso Qatar. Lo Stato francese è già in crisi finanziaria, e proprio adesso va ad aprire una voragine di spesa pubblica che lo renderà sempre più vulnerabile e ricattabile. L'ipotesi non è affatto astratta, visto che ormai la Francia è nel mirino delle agenzie di rating come Moody's o di settimanali come The Economist.
L'Italia mussoliniana si sottopose ad un vero e proprio tour de force di aspirazioni coloniali, svenandosi finanziariamente nella guerra d'Etiopia, ed anche nella guerra di Spagna per conquistare le Isole Baleari, salvo poi accorgersi di non essere in grado di tenerle. A causa di questo stress, l'Italia andò incontro al disastro che la consegnò nelle grinfie del colonialismo statunitense. Ma i fascismi rappresentarono proprio la risposta velleitaria ed auto-razzista di nazioni tenute ai margini del banchetto coloniale, egemonizzato invece dalle sedicenti liberaldemocrazie occidentali, cioè Gran Bretagna, USA e Francia.
La liberaldemocrazia è un personaggio fiabesco, al cui confronto persino Biancaneve potrebbe rivendicare i contorni del crudo realismo. Il vero sistema politico del sedicente Occidente, ed il suo autentico connotato ideologico, sono rappresentati dal colonialismo. Anche all'interno del cosiddetto Occidente, le relazioni tra gli Stati sono di tipo coloniale; e l'Europa, tuttora colonialista, si trova anche ad essere colonizzata ed inquadrata gerarchicamente in quella struttura imperiale che è la NATO.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


15/12/2018 @ 09:38:36
script eseguito in 80 ms