"
"Il Congresso nega nel principio il diritto legislativo" "In nessun caso la maggioranza di qualsiasi Congresso potrà imporre le sue decisioni alla minoranza"

Congresso Antiautoritario Internazionale di Saint Imier, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 03/01/2013 @ 01:08:44, in Commentario 2013, linkato 1936 volte)
Il ritorno in grande stile del Buffone di Arcore sulla scena mediatica si inquadra in una vera e propria "operazione nostalgia", che presenta contraddizioni abbastanza evidenti. Risulta strano infatti accorgersi di essere stato vittima di una congiura dopo aver concesso un anno di sostegno parlamentare all'attuale governo; come pure appare abbastanza contorto paventare come una catastrofe un'eventuale vittoria della "sinistra", e poi avere invece come massimo bersaglio polemico la cancelliera Merkel, con la quale si condivide l'adesione al Partito Popolare Europeo.
Anche il nostalgismo mussoliniano presentava evidenti ed analoghi controsensi, dato che il Duce era caduto, anche lui, non per un complotto comunista, bensì per propria debolezza, cioè per un voto contrario del Gran Consiglio del Fascismo. D'altra parte il nostalgismo non deve consistere affatto in un messaggio politico lineare, ma solo nel prospettare una sorta di paradosso propagandistico in funzione della difesa dell'assetto politico vigente in quel certo momento. Negli anni '50 il nostalgismo mussoliniano significava indirettamente considerare il regime clericale democristiano di allora come il massimo di progresso possibile, già ai limiti della sovversione; mentre il nostalgismo attuale dovrebbe servire a presentare il Buffone come l'unica alternativa esistente a Mario Monti.
C'è però, in questo caso, un paradosso nel paradosso; poiché, considerando l'attuale offerta politica, una vera alternativa a Monti non viene prospettata da nessun altro. Monti, infatti, non è una personalità politica autonoma, ma un crocevia di condizionamenti sovranazionali; condizionamenti dell'Unione Europea, della finanza internazionale e della NATO. Come è ormai arcinoto, Monti è stato commissario europeo, "advisor" di Goldman Sachs, "advisor" di Moody's, "advisor" di Coca Cola, "advisor" del Consiglio Atlantico della NATO ("advisor" è un'espressione elegante per dire che si prendono soldi da qualcuno). Il problema quindi non è l'advisor, ma coloro che lo pagano, e a proposito di questi non è che si faccia un gran parlare in sede politica.
Dal proprio punto di vista, Monti non avrebbe neppure il dovere di considerare i trenta emolumenti da advisor che percepisce come i trenta denari del traditore del proprio Paese, poiché sono stati dei legittimi governi ad avviluppare, nel corso di decenni, l'Italia in una rete di trattati internazionali, in base ai quali fare gli interessi di multinazionali straniere rientra nel novero del lecito e del meritevole. Si è scritto e parlato tanto di un'opera di fantasia come i Protocolli dei Sette Savi di Sion, e invece non si è spesa neppure qualche riga per intrattenerci sulla dura realtà dei protocolli dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO), in base ai quali l'Italia deve condizionare le sue scelte economiche ad un labirinto di forche caudine; ciò, ovviamente, in nome di una presunta "libertà di commercio".
In caso di contenziosi, l'arbitrato offerto dal WTO è invariabilmente sbilanciato a favore dei Paesi più forti, in base alle logiche dei patti leonini. L'intreccio tra il WTO ed il Fondo Monetario Internazionale è regolato da quegli stessi protocolli, ed ha avuto l'effetto di rafforzare il controllo monetario del FMI sull'Unione Europea. [1]
Con il tour de force dei negoziati svoltosi dal 1986 al 1995, per volere degli Stati Uniti, il vecchio GATT si è trasformato nell'attuale WTO, che può oggi vantarsi di stringere nel suo cappio tutto lo scambio mondiale, compresi gli "spazzolini da denti" (sic!). [2]
Oggi un magistrato antimafia come Antonio Ingroia ha assunto la guida delle "sinistre radicali", e ciò, ovviamente, in nome della bandiera della "legalità". E qui il paradosso proposto da Ingroia riesce a superare persino quello del Buffone. In quale categoria rientrano infatti i trattati internazionali? Nella legalità? Oppure in quella sorta di "meta-legalità" in cui consiste il rapporto di dominio coloniale?
La meta-legalità dei Trattati crea un ambiente favorevole all'espandersi dell'illegalità. Il cleptosauro trova il suo habitat ideale nella colonizzazione, poiché, dato che le decisioni si prendono altrove, alla politica locale rimane come scelta solo quella di rubare.
Le condanne giudiziarie inflitte alla Thyssenkrupp per la strage di operai, ed alle multinazionali del credito Deutsche Bank e UBS per la truffa dei derivati al Comune di Milano, indicano che qualche magistrato benitenzionato può ancora giocare sulle contraddizioni esistenti tra legislazione nazionale ed i trattati internazionali, perciò si può ancora riuscire a mettere qualche piccolo bastone tra le ruote al dilagare dello strapotere coloniale delle multinazionali.
Ingroia ha invece lasciato la funzione di magistrato, cioè di tutore della legge, dotato di specifici strumenti normativi a riguardo, per andare ad occupare una funzione di parlamentare, il quale, invece, non ha a disposizione proprio nulla. Un magistrato avrebbe la possibilità di agire come singolo magistrato, salvo essere poi smentito da gradi di giudizio successivi; mentre un parlamentare non può agire singolarmente, può rivendicare solo una generica funzione ispettiva, può anche rivolgere interrogazioni ed interpellanze al governo, che può anche non rispondergli; ma il potere è della maggioranza. Dato che Ingroia non corre il pericolo di avere la maggioranza, e neppure il rischio di diventare Presidente del Consiglio, non si comprende cosa possa fare per la "legalità" all'interno del parlamento.
Ma, si potrebbe obiettare, anche la parola ha un potere. Certo, ma se si dice qualcosa che vada a toccare assetti di potere che si avvantaggiano dell'essere al fuori ed al di sopra della discussione, cosa che Ingroia non ha fatto. Criticare la mafia non è vietato, ma criticare la NATO, invece sì; come ha dimostrato tragicamente la vicenda di Pio La Torre. E proprio le indagini della Direzione Distrettuale Antimafia hanno contribuito a mettere in evidenza che esiste un nesso preciso tra il potere delle mafie sul territorio e l'extra-territorialità di cui beneficiano le basi NATO. [3]
Alla grossolanità dei continui attacchi alla Carta Costituzionale, si è reagito costruendo un vero e proprio feticismo della Costituzione, che rischia anch'esso di scadere in un'infantilizzazione dell'opinione pubblica, che viene indotta a venerare una Carta che non solo non fornisce alcuno strumento di difesa nei confronti dello strapotere dei Trattati internazionali, ma addirittura, all'articolo 75, vieta di sottoporre a referendum abrogativo le leggi che li ratificano.
La bandiera della "legalità", e la relativa candidatura di Ingroia, per le sinistre cosiddette radicali comportano solo effetti di paralisi e di confusione, poiché il potere può "illegalizzare" a piacimento le lotte sociali, come si è visto sin troppo bene nel caso del movimento No Tav. Si può essere spinti nell'illegalità anche senza volerlo, con il rischio di essere giudicati dai corrotti. Sarà duro poi conciliare il culto della magistratura con le condanne penali nei confronti di chi protesta. Questo culto della magistratura è stato arbitrariamente edificato sulla base dell'esempio di una piccola minoranza di giudici e pubblici ministeri disposti a credere all'uguaglianza davanti alla legge. Se Ingroia faceva parte di quella minoranza, ora si è ulteriormente assottigliata.
Altro che discesa in campo. La politica oggi sembra svolgere più una funzione di pensionamento, di togliersi dalla mischia. Ora persino Monti è "salito" in politica. Che anche lui abbia fatto il suo tempo, e debba lasciare il passo a qualcosa e qualcuno di ancora peggio?

1] http://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&ei=L53iUNLUJcmctQb4gYGgBg&hl=it&prev=/search%3Fq%3Dwto%2Btreaty%26hl%3Dit%26tbo%3Dd&rurl=translate.google.it&sl=en&u=http://www.wto.org/english/docs_e/legal_e/legal_e.htm&usg=ALkJrhgV62AltlJzg-OLsTdzWecCeC_IIA
2] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.wto.org/english/thewto_e/whatis_e/tif_e/fact5_e.htm&prev=/search%3Fq%3Duruguay%2Bround%26hl%3Dit%26tbo%3Dd%26biw%3D960%26bih%3D493&sa=X&ei=9iLjUK2hHobatAavkYHwCQ&sqi=2&ved=0CFYQ7gEwBA
3] http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/05/01/giugliano-militari-nato-abitano-pagano-laffitto-nelle-case-della-camorra/214718/
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 27/12/2012 @ 01:55:55, in Commentario 2012, linkato 2201 volte)
A distanza di mesi, il Dipartimento di Stato USA non è stato ancora in grado di fornire un brandello di versione ufficiale sui fatti di Bengasi dell'11 settembre scorso, che avrebbero portato all'uccisione dell'ambasciatore Stevens. Pochi giorni fa, le conclusioni di un'indagine "indipendente" hanno indicato responsabilità della CIA nella mancata messa in sicurezza della sede diplomatica. Attraverso un reboante tono accusatorio, la cosiddetta indagine depista tutta la questione su un aspetto marginale, evitando così di fornire le informazioni essenziali, cioè chi, come, e perché abbia attuato l'attacco. [1]
Non c'è neppure bisogno di essere al corrente del fatto che l'agenzia ANSA e la Qatar-News costituiscono un unico cartello informativo dal settembre scorso; basterebbe anche solo far caso a queste omissioni ed a queste lacune sul caso Stevens, per farsi venire dei sospetti ogni qual volta l'informazione ufficiale lancia notizie tanto dettagliate su bombardamenti attribuiti con assoluta certezza ad Assad.
Queste certezze sono tanto più sospette, se si considera che le versioni lacunose non riguardano solo i fatti di Bengasi, ma anche recentissime vicende sanguinose accadute in Italia. In questi giorni l'opinione pubblica è stata distratta da Mario Monti e dall'impudica esibizione dei suoi dubbi amletici: candidarsi o non candidarsi, questo è il problema; se sia più nobile rischiare di farsi trombare alle elezioni, oppure presentarsi di nuovo come il salvatore della patria dopo aver boicottato Bersani; ecc., ecc. La comoda posizione di senatore a vita consente a Monti di mantenere l'ambiguità, giocando sulle divisioni nel PD. L'opinione pubblica di sinistra, sempre più sconcertata, è così costretta a riscoprire ogni volta l'acqua calda, cioè che il Mortal Kombat fra Bersani e Renzi era solo un videogame interattivo; ed anche il fatto che "destra pulita" e la "borghesia responsabile" non esistono. Ci si trova perciò, ogni volta, a doversi stupire di ovvietà, come i comportamenti da manigoldo di un Monti, il quale usa spudoratamente le sedi istituzionali e le visite ufficiali per farsi la propria propaganda personale.
In questo carosello mediatico di mitologie, di disincanti e sempre nuove illusioni, una notizia molto più rilevante, del 23 dicembre scorso, è passata quasi inosservata. A distanza di oltre quaranta anni dal "suicidio" di Giuseppe Pinelli nella Questura di Milano, quella stessa Questura è diventata la scena di un altro "suicidio", stavolta di un ispettore di polizia, morto per un colpo di pistola. A quanto pare, nelle Questure neanche i poliziotti sono più al sicuro. [2]
La morte di questo ispettore di polizia giunge dopo vari episodi recenti di omicidi plurimi che hanno invece riguardato dei carabinieri all'interno delle loro caserme. Vi è stata una sparatoria con tre morti, fra cui la moglie di un carabiniere, nello scorso ottobre, in una caserma di Porto Viro in provincia di Rovigo. Un'altra sparatoria fra militi, con due carabinieri morti, si è verificata in una caserma di Mignano Montelungo, in provincia di Caserta, a giugno, sempre di quest'anno. [3]
Il 7 dicembre ultimo scorso, a Zelo Buon Persico, in provincia di Lodi, c'è stato il caso di un maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, "suicida" con un colpo di pistola alla testa, all'interno della caserma di cui era comandante. Il maresciallo era stato collaboratore di un'altro carabiniere, ucciso per le strade di Lodi, in circostanze rimaste misteriose, appena un mese prima, il 3 novembre 2012. Inizialmente gli inquirenti avevano cercato di spiegare questo caso di Lodi con un tentativo di rapina, ma poi la versione non ha trovato riscontri. [4]
Di fatti strani nelle caserme delle Forze dell'Ordine ne sono sempre accaduti; episodi probabilmente inquadrabili nei fenomeni endemici dell'illegalità poliziesca e del relativo regolamento di conti interno. Nel settembre del 2005, un carabiniere era morto per un'esplosione in una caserma di Latina; si disse che era successo mentre maneggiava una bomba di ignota provenienza. Nell'ottobre del 2006, un poliziotto era rimasto ucciso per un colpo d'arma da fuoco all'interno di una caserma di Taranto. Nel maggio del 1999, a Roma, anche un finanziere era stato sparato e ferito gravemente da un collega all'interno della caserma; quel finanziere ferito sparì dalle cronache insieme con il suo sparatore. Tutte queste vicende non erano mai state chiarite. [5]
Ma nell'ultimo periodo non si è più di fronte ad episodi. La serie delle strane uccisioni ha infatti preso un andamento più incalzante, coinvolgendo anche l'altro importante corpo di polizia, la Guardia di Finanza. Ad Aversa, in provincia di Caserta, alla fine del giugno di quest'anno, un finanziere è stato trovato ucciso per due colpi di arma da fuoco vicino alla caserma in cui lavorava. Il fatto che i colpi mortali fossero due, non ha impedito l'ipotesi del suicidio anche in questa circostanza. Il 16 ottobre di quest'anno, a Frosinone, un altro finanziere avrebbe tentato il "suicidio" all'interno della sua caserma. Ricoverato in gravi condizioni per ferita d'arma da fuoco, il finanziere è poi scomparso anche lui dall'informazione ufficiale. [6]
Nell'epoca di internet ben poco può essere tenuto nascosto, ma il brusio mediatico può riuscire a distrarre anche da fatti di rilievo. In questo caso si è riusciti a far perdere di vista addirittura il fatto che, nel corso di quest'anno, la scia di cadaveri nelle sedi delle "Forze dell'Ordine" abbia assunto ormai cadenze afgane, paragonabili cioè con le perdite di un teatro di guerra. C'è però una significativa differenza, poiché i militari caduti in Afghanistan vengono ricondotti in Italia per solenni funerali con l'aura di eroi, mentre le vittime della guerra intestina fra componenti delle Forze dell'Ordine sono seppellite in silenzio ed alla chetichella.

1) http://affaritaliani.libero.it/esteri/attacco-a-bengasi-indagine-accusa191212.html
2) http://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/milano_questura_ispettore_suicida/notizie/240121.shtml
3) http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2012/10/01/news/porto-viro-sparatoria-in-caserma-morto-il-comandante-la-moglie-e-un-altro-militare-1.5786793
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-06-21/sparatoria-caserma-casertano-morti-112334.shtml?uuid=AbODjtvF
4) http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/12_dicembre_7/maresciallo-carabinieri-suicida-colpo-testa-2113056472376.shtml
http://www.lastampa.it/2012/11/03/italia/cronache/tre-colpi-di-pistola-in-strada-a-lodi-ucciso-un-carabiniere-4fo61oWw5dXzvAFU6Yxc0N/pagina.html
5) http://www.sudnews.tv/risorsa/28565_Agente_trovato_morto_nella_caserma_di_Taranto.html
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/09_Settembre/14/latina.shtml
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1999/05/21/spara-in-caserma-al-collega-finanziere.html
6) http://www.lastampa.it/2012/06/30/italia/cronache/finanziere-trovato-morto-in-casermagiallo-ad-aversa-forse-un-omicidio-XXaYtTdDiAud8yNf6i36AL/pagina.html
http://www.paesesera.it/Cronaca/Frosinone-colpo-d-arma-da-fuoco-in-caserma-ferito-un-finanziere-e-grave
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


13/12/2018 @ 18:47:11
script eseguito in 68 ms