"
"Il vincolo statale funziona come un pastore che tiene unito il gregge, ma solo per metterlo a disposizione del predatore."

Comidad (2014)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 08/11/2012 @ 01:18:15, in Commentario 2012, linkato 2484 volte)
Lo Stato biscazziere è oggi affiancato anche da grossi gruppi privati, come ad esempio la Glaming, società specializzata in giochi online, di proprietà della Mondadori; ciò grazie ad una delle tante leggi "ad aziendam" del Buffone di Arcore.L'offerta di gioco d'azzardo quindi aumenta e si diversifica, anzi pare sia l'unico settore in sicura crescita. [1]
Nei mesi scorsi vi sono state una serie di iniziative a livello di amministrazioni locali per cercare di limitare la presenza di slot machine in luoghi prossimi a scuole o frequentati da studenti. Ma niente paura. Sono in arrivo le slot machine online. L'annuncio del nuovo business è stato lanciato trionfalmente dall'AAMS, l'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. [2]
Inoltre, secondo una ricerca del CNR di circa due anni fa, la media degli studenti, anche minorenni, coinvolti nel gioco d'azzardo si avvicina ormai alla soglia del 50%, e risulterebbe in aumento:
"Dal 2008 al 2009 la percentuale di studenti tra i 15 e i 19 anni che dichiarano di aver giocato in denaro almeno una volta negli ultimi dodici mesi è aumentata dal 40% al 47%", spiega Sabrina Molinaro, ricercatrice Ifc-Cnr e responsabile Espad (European school project on alcohol and other drugs) per l'Italia, "l'aumento maggiore è fra le ragazze, passate dal 29 al 36%, i maschi passano invece dal 53 al 57%. Tra questi studenti, nonostante il divieto di legge, circa 550.000 sono i minorenni, corrispondenti al 43% dei minori scolarizzati (dati 2009, in crescita rispetto al 38% del 2008)". [3]
Gli studenti rappresentano attualmente anche uno dei maggiori target dei servizi finanziari. L'anno scorso ha fatto scalpore la proposta del senatore Pietro Ichino di aumentare drasticamente le tasse universitarie, compensandole con la possibilità per gli studenti di accedere a "prestiti d'onore". La proposta di Ichino è in linea con le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale, che da tempo persegue questo modello di finanziarizzazione dell'Università. [4]
In effetti anche grandi gruppi bancari come Unicredit, Intesa-San Paolo, BancoPosta e BNL già si muovono in questa direzione, con una serie di offerte finanziarie per studenti. Unicredit mette a disposizione una gamma di servizi finanziari per offrire agli studenti la possibilità di gestire la propria "indipendenza" (sic!). Il tutto è corredato da una ricca scelta tra vari tipi di carta di credito. [5]
La finanziarizzazione degli studi non si ferma al settore universitario. BancoPosta, in collaborazione con Deutsche Bank, offre finanziamenti anche per studenti delle scuole superiori, e persino delle elementari, anche se, per il momento, non è ancora possibile far indebitare direttamente i bambini. [6]
C'è qualche dubbio sul fatto che la Scuola sia solo una vittima innocente di questa finanziarizzazione della condizione studentesca. Qualche malpensante infatti potrebbe sospettare che l'introduzione nella didattica scolastica di termini come "credito" e "debito", sia stata una sorta di manipolazione subliminale per far familiarizzare inconsapevolmente gli studenti con la prospettiva di indebitamenti molto più onerosi ed insidiosi. [7]
L'agenzia di rating Moody's ha rilevato lo scorso anno che negli USA, dove il business dei prestiti agli studenti ha avuto la maggiore espansione, questo settore finanziario è uno di quelli in maggiore sofferenza, anche perché i prestiti ottenuti ufficialmente per fini di studio spesso hanno destinazioni improprie. Per Moody's questa però non è una buona ragione per fermare il business, come dimostra la sua attuale diffusione anche in Italia. Del resto, se i prestiti a studenti finiscono nel gioco d'azzardo, ciò che si perde con una mano, lo si riprende con l'altra. [8]
Pare che ci sia una sorta di affinità elettiva tra banche e casinò, tanto che nel gergo finanziario è entrata una nuova espressione: casino-banking, per indicare una strategia rischiosa di investimento basata su titoli tossici. Il casino-banking ha comunque la rete di protezione dei fondi pubblici di salvataggio. [9]
Ma il rapporto tra banche e casinò non va inteso solo in senso figurato. L'intreccio tra banche e gioco d'azzardo in Italia è per ora poco evidente, anche se l'inchiesta giudiziaria sui rapporti tra la Banca Popolare di Milano e la società di gioco d'azzardo Atlantis Bplus ha gettato un piccolo squarcio di luce sul fenomeno. I virtuosi tedeschi in questo settore sono invece all'avanguardia, visto che Deutsche Bank è entrata in grande stile nel business del gioco d'azzardo a Las Vegas. [10]

[1] http://www.mondadori.it/Press/Comunicati-stampa/2011/NASCE-GLAMING-LA-SOCIETA-DI-MONDADORI-PER-I-GIOCHI-ONLINE
[2] http://www.avvenire.it/Cronaca/Pagine/gioco-in-trentino-e-allarme-studenti.aspx
http://casinoaams.net/slot-machine-online-arriva-la-conferma-di-aams
[3] http://www.moebiusonline.eu/fuorionda/Adolescenti_azzardo.shtml
[4] http://www.pietroichino.it/?p=17452
http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.imf.org/external/pubs/ft/fandd/2005/06/barr.htm&prev=/search%3Fq%3Dschool%2Bfinancial%2Bimf%26hl%3Dit%26biw%3D960%26bih%3D513%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=yGOVUI_0HYXNswbB9YGABw&sqi=2&ved=0CDAQ7gEwAQ
[5] http://www.economyonline.it/2010/03/29/come-ottenere-un-prestito-anche-se-si-e-studenti/
https://www.unicredit.it/it/giovani/pensatoperte/iprodottiperglistudentiuniversitari.html
[6] http://denaro.it/blog/2012/08/31/sostegno-agli-studenti-patto-con-deutsche-bank-fino-a-5mila-e-per-famiglia/
[7] http://www.liceoscientificomoro.it/cartellasalvaguai/creditiEdebiti.htm
[8] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.changinghighereducation.com/2011/08/moodys-looks-at-student-debt-problems.html&prev=/search%3Fq%3Dmoody%2527s%2Bdebt%2Bstudents%26hl%3Dit%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=s1CZULTcEczHsgb1_IGoDg&ved=0CFcQ7gEwBQ
[9] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.wallstreetandtech.com/regulatory-compliance/casino-banking-quant-schools-bad-banks-c/240000623&prev=/search%3Fq%3Dbanks%2Bcasino%26hl%3Dit%26biw%3D960%26bih%3D513%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=sqSaUO--Cc_DtAbRwoD4Cg&ved=0CJ8BEO4BMAs
[10] http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2012-05-30/inchiesta-ponzellini-domiciliari-064150.shtml?uuid=AbpgTXkF
http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.thelocal.de/money/20101215-31817.html&prev=/search%3Fq%3Ddeutsche%2Bbank%2Bgambles%2Bcasino%26hl%3Dit%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=h6GaUJfrD8busgb4yoDQCw&ved=0CIUBEO4BMAg
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 01/11/2012 @ 01:30:20, in Commentario 2012, linkato 1698 volte)
Le vicende politiche della scorsa settimana hanno confermato l'impressione che la grigia stella di Mario Monti riesca a brillare solo nel continuo - e troppo comodo - paragone col Buffone di Arcore, da cui Monti non dipende esclusivamente per i voti parlamentari, ma soprattutto per l'immagine. Ciò avalla anche il sospetto che l'avvento di Monti fosse stato preparato già da un bel po'. Il crollo del sistema politico italiano non andrebbe quindi datato allo scorso anno, ma addirittura alla crisi del governo Prodi, e precisamente alla fine del 2007, quando l'allora segretario del PD, Veltroni, fu indotto a ripescare e riciclare un Buffone ormai politicamente defunto. La lunga e grottesca agonia politica del Buffone ha fatto da battistrada a Monti, creando quel clima di emergenza, anche antropologica, che ha consentito allo stesso Monti di presentarsi come il salvatore della patria.
La dissoluzione del sistema politico italiano ha le sue vere radici nell'assetto di potere sovranazionale, e non nell'opinione pubblica nostrana. Se un Bersani può considerarsi vincitore avendo perso "soltanto" il 50% dei voti, a fronte della perdita del 70% da parte del Pdl, allora vuol dire che non è saltato il "consenso", ma un sistema di potere.
Quando l'astensionismo supera addirittura la soglia del 50%, come nelle ultime elezioni regionali in Sicilia, i primi ad essere scettici sono proprio coloro che adottano l'astensionismo elettorale come metodo politico. Il metodo astensionistico infatti non è motivato da astratte esigenze di purezza ideologica, ma dalla demistificazione del fantasma del cosiddetto "elettorato"; questo soggetto mitologico che sarebbe spinto da opinioni o dalla visione dei propri interessi di classe e di categoria.
In realtà, nel cosiddetto elettorato, il voto dettato dall'opinione o dalla valutazione prospettica dei propri interessi costituisce una quota minoritaria, mentre risulta sempre decisivo il fattore del voto organizzato; quello che spesso viene etichettato, con espressione impropria, come voto di scambio. Infatti lo scambio riguarda soltanto chi gestisce il voto organizzato, mentre la massa elettorale viene condizionata da pressioni o ricatti, che possono essere anche ammorbiditi da contentini in denaro o in promesse di posti. Non è sempre necessario riferirsi alla malavita organizzata più convenzionale, dato che nel Nord-Italia la Lega delle Cooperative e la Compagnia delle Opere gestiscono una grande massa di elettori, costituita da dipendenti di piccole e medie imprese controllati attraverso il ricatto occupazionale.
Quando l'astensionismo supera la quota del 50% ciò non indica più una disaffezione degli elettori, ma un disinteresse dei baroni del voto, che non trovano più nei partiti un interlocutore in grado di contrattare e di offrire qualcosa in cambio. Il sistema dei partiti gestisce sempre meno denaro pubblico e, non a caso, le ultime inchieste giudiziarie tendono a riguardare sempre più le forme di malversazione che si verificano attorno ai fondi dei rimborsi elettorali; grosse cifre se comparate con i redditi medi, ma briciole se si paragonano alle masse di denaro pubblico che la politica gestiva anche solo venti anni fa.
Il prolungarsi della cosiddetta crisi finanziaria toglie al pesce-politica l'acqua in cui dovrebbe nuotare, cioè il denaro pubblico. "Crisi finanziaria" è uno slogan di copertura, che serve a mascherare il vero interesse in campo, cioè tenere alto il costo del denaro per consentire alle banche che comprano titoli di Stato di lucrare più interessi. Paesi come l'Italia, la Spagna, la Grecia e il Portogallo sono diventati la gallina da spennare, ma la recessione va a minare le fondamenta anche di Paesi forti come la Germania o la Francia.
La "dittatura delle banche" è un'espressione suggestiva ed in parte vera, ma non è in grado di spiegare come le banche possano imporre la loro volontà a tutti i governi; una parte dei politici può essere corrotta, ma non c'è certo il denaro per comprare tutti, visto che le banche hanno bisogno dell'aiuto finanziario dei governi.
Il potere delle banche è un aspetto dell'attuale sistema di dominio, ma l'altro è quello militare. Bisogna però chiarirsi sul termine "militare". Il Pentagono non è soltanto un'entità militare, ma è un vero è proprio ministero delle partecipazioni statali, il più grande che si sia mai visto, e che gestisce un suo capitalismo di Stato, finalizzato alla produzione e vendita di armamenti. Nel 1970 un libro dell'economista americano Seymour Melman, "Il Capitalismo del Pentagono", pose in evidenza questa realtà, dimostrando come il "complesso militare-industriale" fosse ormai un dato superato, dato che l'intreccio tra militarismo e affari non procedeva più in modo informale, ma attraverso un organismo centralizzato - il Pentagono appunto -, diventato il più colossale apparato di spesa pubblica della Storia. [1]
Un articolo di Maurizio Molinari su "La Stampa", del dicembre dello scorso anno, forniva il resoconto di un dibattito fra esponenti del Pentagono e della Federal Reserve sulle modalità per gestire i rischi connessi alla crisi finanziaria europea. Al centro delle preoccupazioni c'era, ovviamente, la sorte dell'affare del millennio, cioè i caccia F-35.
Come evitare che i governi europei rinuncino al costosissimo mega-businness? Visto che i soldi scarseggiano ed il consenso elettorale non si può più comprare, come si proteggono allora le basi militari ed il business della vendita di armi ai governi europei? Per indovinarlo non ci vuole un grande sforzo mentale, visto che il Pentagono paventa un "rischio-rivolte" in Europa, e presenta i pericoli per il personale americano di stanza in Europa come la potenziale giustificazione per adottare misure non meglio specificate, ma di cui si intuisce il senso. [2]
Il giornalista Maurizio Molinari è una specie di portavoce del Dipartimento di Stato USA, perciò il fatto che si facciano filtrare certe notizie assume il tono di un ammonimento per le classi dirigenti europee. Gli F-35 per il Pentagono non sono un affare come gli altri, e chi li tocca potrà ritenersi fortunato se morirà senza troppe sofferenze. Appena nove mesi fa il Pentagono ha fatto sapere ufficialmente ai governi europei che non si fa commuovere dalle loro difficoltà finanziare, e che l'Europa deve spendere di più per la difesa. [3]
Tanto il pericolo sovietico non esiste più, perciò non c'è neppure più motivo di tenere ancora in piedi la facciata del "Mondo Libero". Se la finzione democratica costa troppo, allora a tenere a freno le masse scontente ci penseranno le armi e le provocazioni delle PSYOPS. [4]
Del resto, sino a qualche anno fa chi avrebbe potuto immaginare che la Libia sarebbe stata espugnata a colpi di bombe e di attacchi di truppe coloniali spacciate come "ribelli per la democrazia"?
Gli F-35 peseranno come un macigno sulla finanza e sull'economia italiane dei prossimi decenni, e ciò spiega il crescente malessere personale di Beppe Grillo, il quale è abbastanza lucido da capire che per lui i veri guai sono appena cominciati.

[1] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://books.google.com/books/about/Pentagon_capitalism.html%3Fid%3D0kJBAAAAIAAJ&prev=/search%3Fq%3Dpentagon%2Bcapitalism%26hl%3Dit%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=nTCOUPqTOonktQa69YHwDA&ved=0CEEQ7gEwAw
[2] http://www.lastampa.it/2011/12/11/blogs/finestra-sull-america/rischio-rivolte-il-pentagono-valuta-l-ipotesi-eurocrac-FLQfnnYdEkFQqjbOCK1toL/pagina.html
[3] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.policymic.com/articles/3888/top-pentagon-official-european-governments-to-spend-more-on-defense-u-s-to-take-a-supporting-role&prev=/search%3Fq%3Dpentagon%2Beuropean%2Bunion%2Beuro%26hl%3Dit%26biw%3D960%26bih%3D513%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=inmNUJSNIIfUtAaerID4Cg&ved=0CEYQ7gEwBA
[4] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.usar.army.mil/ourstory/commands/USACAPOC/Pages/Overview.aspx&prev=/search%3Fq%3Dpsyops%2Busacapoc%26hl%3Dit%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=9GyRUPLbKtHAtAbGq4DIBQ&ved=0CCkQ7gEwAA
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


16/12/2018 @ 10:28:20
script eseguito in 100 ms