"
"Il Congresso nega nel principio il diritto legislativo" "In nessun caso la maggioranza di qualsiasi Congresso potrà imporre le sue decisioni alla minoranza"

Congresso Antiautoritario Internazionale di Saint Imier, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 09/08/2012 @ 01:39:27, in Commentario 2012, linkato 1642 volte)
Credere che una fabbrica possa chiudere per i danni ambientali che provoca, è come credere che si possano fare guerre per motivi umanitari. E infatti c'è sempre chi è disposto a credere all'una ed all'altra cosa.
Nel caso della chiusura dell'Ilva di Taranto, c'è stato anche chi ha parlato di successo della "lobby ambientalista", il che è altrettanto attendibile che parlare di una lobby dei clochard o di una lobby dei Rom. In realtà, neppure il declino del nucleare può essere attribuito al rischio ambientale in sé, ma è dovuto al fatto che ormai nessuna compagnia assicurativa è più disposta ad assumersi il rischio della copertura dei costi dei risarcimenti. [1]
Il lobbismo vero è invece indissociabile dal potere del denaro e delle complicità occulte, e nella vicenda dell'Ilva ha fatto la sua comparsa con la rivelazione delle relazioni tra il lobbista Archinà ed il ministro per l'Ambiente Clini. Il ministro si è trovato così immediatamente messo all'angolo. In effetti, in tutto ciò che riguarda l'industria in Italia, i governi sembrano ridotti al rango di spettatori o, ancora peggio, di tifosi. [2]
La recente decisione del Tribunale del Riesame di Taranto colloca la sorte dell'Ilva nel limbo dell'incertezza, con l'unico effetto sicuro di disperdere la resistenza operaia nel labirinto delle speranze e delle aspettative, come accadde a Bagnoli negli anni '80. Nel frattempo potrebbero arrivare i fondi dell'Unione Europea per finanziare la delocalizzazione in Romania o in Polonia.
Il caso dell'Ilva di Taranto ha anche dimostrato che il gruppo sociale di riferimento per molti progressisti non è più la classe operaia, ma la magistratura. Sembrerebbe una materializzazione degli slogan della propaganda della destra, che individuano nei magistrati il nuovo partito leninista. Bisogna però, anche qui, distinguere la realtà dal fumo mediatico, ricordandosi che il potere della magistratura si trova di fronte ad un limite invalicabile, che è quello della extraterritorialità, giuridica o di fatto, delle basi NATO ed USA.
La Direzione Investigativa Antimafia ha accertato che dalla base aeronautica USNavy di Sigonella sono stati versati rifiuti radioattivi nelle discariche siciliane, con gravi effetti sulla salute delle popolazioni; ma ciò, ovviamente, non solo non ha comportato alcun provvedimento di chiusura della stessa base di Sigonella, ma non c'è stata neppure alcuna inchiesta delle Procure. Sui rifiuti tossici di Sigonella la magistratura non ha mosso un dito, ed anche i media hanno ignorato le notizie a riguardo. Anzi, l'edizione palermitana del quotidiano "La Repubblica" ha persino avuto l'improntitudine di infliggere ai suoi lettori un servizio fotografico sugli eroici marines di Sigonella intenti a ripulire i siti archeologici. Forse vogliono usare anche quelli come discariche. [3]
Che la crescente militarizzazione del Porto di Taranto conducesse ad un inesorabile restringimento degli spazi per le attività produttive e civili, costituiva un dato scontato, sperimentato in numerose altre occasioni. Ad esempio, in Sicilia la base militare aeronautica di Sigonella è diventata la capitale mondiale dei droni, gli aerei senza pilota.[4]
Le aggressioni della NATO alla Libia ed alla Siria hanno determinato un'intensificazione non soltanto di questi voli senza pilota, ma anche dei voli militari in genere, ovviamente senza nessuna preoccupazione per la sicurezza del territorio. Gli effetti sul traffico aereo civile sono stati disastrosi. L'aeroporto civile di Fontanarossa chiude in continuazione con i più vari pretesti ufficiali. L'aeroporto di Comiso, ufficialmente divenuto una struttura civile dal 2007, non riesce ancora ad avviare la sua attività, confermando i sospetti di chi riteneva che gli USA non sarebbero mai stati disposti a mollare davvero la loro base aereo-missilistica. I giganteschi investimenti in infrastrutture dell'aeroporto di Comiso rischiano quindi di essere riconvertiti ad uso militare. [5]
Le storie si somigliano. Il Molo Polisettoriale del Porto di Taranto è una struttura avveniristica, attuata con enormi finanziamenti pubblici, ufficialmente finalizzati allo sviluppo della Regione Puglia. Di fatto oggi l'insediamento militare della NATO nel Molo Polisettoriale ha già tolto ogni prospettiva alla sopravvivenza dell'acciaieria Ilva, e chissà a cos'altro ancora. [6]
Nel febbraio di quest'anno era anche arrivata la notizia dell'investimento di quattrocento milioni per effettuare dei dragaggi nel Porto di Taranto, il tutto condito dalle solite promesse di sviluppo commerciale dell'infrastruttura. Ma già nel 2005 si parlò di dragaggi, facendoli passare con motivazioni ecologiche, quando in realtà era stata la Marina Militare a sollecitarli per accertare l'esistenza della capienza utile ad ospitare i sommergibili nucleari americani. [7]
A questo punto anche la notizia che nel Porto di Napoli sia in atto un ammodernamento ed allargamento delle banchine, con i soliti fondi pubblici, non fa altro che ricordarci che già ora la maggioranza delle banchine è sotto il controllo della USNavy. Oggi le spese militari italiane non figurano neanche più a livello ufficiale, ma risultano come "finanziamenti allo sviluppo". [8]
C'è anche a riguardo una propaganda che cerca di far credere che le basi militari portino "sviluppo" al territorio che le ospita. Sviluppo di discariche di rifiuti tossici, quello sicuramente; non per niente in Campania le discariche sono già considerate aree di interesse strategico nazionale e poste sotto disciplina militare.[9]
Porti ed aeroporti sono infrastrutture costose, giustificate con necessità civili; alla fine però, chissà come, è l'uso militare a prevalere, e l'utilizzatore finale è sempre a stelle e strisce. E, come ci ha spiegato l'avvocato Ghedini, l'utilizzatore finale non paga mai di tasca propria.

[1] http://www.rassegna.it/articoli/2011/05/11/74193/disastri-nucleari-le-assicurazioni-se-ne-lavano-le-mani
[2] http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-08-04/caso-ilva-taranto-azienda-182610.shtml?uuid=AbZbWcJG
[3] http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2012/06/sicilia-bambini-che-muoiono-di.html#more
http://palermo.repubblica.it/cronaca/2012/06/24/foto/i_militari_di_sigonella_in_campo_per_ripulire_i_siti_archeologici-37818021/1/
[4] http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2012/21-maggio-2012/sigonella-arriva-smart-defensela-nato-schiera-droni-antiterrorismo-201273206591.shtml
[5] http://www.agoravox.it/Aeroporto
[6] http://www.tarantoporto.com/logistica/polisett.htm
[7] http://tarantobuonasera.it/index.php?option=com_content&view=article&id=8903:accordo-per-i-dragaggi-subito-i-lavori&catid=36:giorno-e-notte&Itemid=1028
http://www.tarantosociale.org/tarantosociale/a/13856.html
[8] http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=212218&sez=NAPOLI
[9] http://www.altalex.com/index.php?idnot=41693
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
1- LA NATO, CENTRALE DEL CONTRABBANDO

La NATO è un'organizzazione criminale a tutto tondo, ad un punto tale che è persino difficile farsene un'idea. Le basi NATO, grazie al segreto militare, sono luoghi in cui si traffica di tutto. Talvolta è possibile reperire piccole tracce di questa inesausta attività criminale.
Notizia del maggio scorso:
"Sono stati bloccati lungo via Ausonia a Cassino mentre percorrevano la superstrada in direzione Formia. Due marescialli in servizio alla base Nato di Bagnoli, uno appartenente all’Esercito Italiano e l’altro all’Aeronautica, sono stati fermati per contrabbando di sigarette."
http://www.dimmidipiu.com/cronaca-frosinone/4750-cassino-marescialli-contrabbandieri-arrestati-in-via-ausonia.html

I due marescialli della base NATO di Bagnoli avrebbero dovuto essere processati per direttissima; poi il processo è stato spostato e, da allora, non vi è a riguardo più alcun resoconto della stampa. Chissà perché.


2- A CHE SERVONO QUESTI SERVIZI SEGRETI?

In un articolo del febbraio del 2010 sul sito di "Gush Shalom", il "pacifista" israeliano Uri Avnery si chiedeva cosa accadrebbe se i servizi segreti di tutti i Paesi sparissero contemporaneamente? Secondo Avnery, non accadrebbe nulla, perché queste organizzazioni hanno dimostrato di non essere in grado di reperire le informazioni utili a prevenire gli avvenimenti.
http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://zope.gush-shalom.org/home/en/channels/avnery/1266678809/&prev=/search%3Fq%3Dgush%2Bshalom%2Bmossad%2Bmunich%26hl%3Dit%26biw%3D960%26bih%3D545%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=OFcZUJTcNIfXsgbU6oBg&sqi=2&ved=0CFcQ7gEwAQ

Sennonché lo stesso Avnery costituisce l'esempio pratico di ciò che fanno davvero i servizi segreti. Per queste strutture la pratica di "intelligence" è solo una copertura, un pretesto, un alibi ufficiale. La vera attività è la disinformazione.
I servizi segreti non cercano informazioni sulla realtà, ma creano la propria realtà. Magari i servizi segreti ti creano dei finti pacifisti che abbiano lo scopo di seminare sconcerto e confusione. Un nome a caso? Avnery.
Sul "Manifesto" del 2 novembre 2011, c'era un articolo di Avnery sulla Libia, dal titolo che è tutto un programma:
"Io vi dico: benedetta, NATO".
Si tratta di un inno all'intervento della NATO in Libia, a sostegno della presunta "rivolta popolare". Se c'è un segnale inconfondibile della malafede, sta nello spostare la discussione dai dati concreti al moralismo astratto. Infatti Avnery si lancia in una giustificazione del linciaggio di Gheddafi, con un arbitrario paragone storico con la fine di Mussolini. In realtà Mussolini non fu affatto linciato, ma ucciso per una esplicita decisione del Comitato di Liberazione Nazionale.
Al contrario, in Libia il Consiglio Nazionale di Transizione aveva fondato tutta la sua legittimazione internazionale sull'impegno di consegnare Gheddafi alla Corte Penale dell'Aja e di fornire le prove dei suoi crimini. Quindi, anche se Gheddafi fosse stato eliminato senza sovrappiù di dettagli cruenti, il problema politico ci sarebbe ugualmente. Ora, secondo Avnery, la prova dei crimini di Gheddafi consisterebbe invece nel fatto che ... lo abbiano linciato. I neri linciati in Alabama non hanno più di che lamentarsi.
Il bello è che né la Corte Penale, né l'ONU, hanno condotto proprie inchieste sull'accaduto, dimostrandosi complici della mistificazione: i "crimini di Gheddafi" erano solo fumo della propaganda di guerra. Ciò conferma anche il sospetto che il video-linciaggio di Gheddafi fosse un falso, una Psychological Operation per depistare da quanto realmente accaduto.
L'articolo di Avnery è stato rilanciato dal sito del ... Ministero della Difesa. E ti pareva.
ttp://www.difesa.it/Sala_Stampa/rassegna_stampa_online/Pagine/PdfNavigator.aspx?d=02-11-2011&pdfIndex=48


3- AL QAEDA, PSEUDONIMO DELLA NATO

Sulla Rete circolano da mesi notizie circostanziate sulla presenza di mercenari del Qatar e dell'Arabia Saudita che alimentano, partendo dal suolo turco, la presunta "rivolta" in Siria. Le prove a riguardo sono ormai tante che i media ufficiali non possono più completamente occultarle.
Dal "Corriere della Sera":
"Secondo il corrispondente della France Presse i ribelli sono ceceni, algerini, ma anche musulmani svedesi e francesi, venuti a dare manforte ai siriani."
http://www.corriere.it/esteri/12_luglio_28/siria-ultima-battaglia-aleppo_7709a1b2-d87e-11e1-8473-092e303a3cd5.shtml

Visto che non si può più nascondere si cerca di minimizzare e depistare. Il quotidiano britannico "The Guardian" ci parla ora di presenza di "Al Qaeda" in Siria. Ci si narra la fiaba di una specie di infiltrazione dei cattivi fra i bravi, ma inesperti, ribelli siriani.
http://www.guardian.co.uk/world/2012/jul/30/al-qaida-rebels-battle-syria

Tanta preoccupazione per coprire solo Qatar, Turchia e Arabia Saudita?
In realtà, questa sortita del quotidiano "The Guardian" era per coprire quanto già diffuso da un altro giornale inglese, il "Sunday Express", che ha fornito dati sulla presenza di truppe speciali britanniche, le SAS, in Siria.
http://www.youtube.com/watch?v=CihiBzV_H4U

Ormai le prove vanno oltre il diretto coinvolgimento di Paesi "minori". In Siria stanno operando truppe speciali britanniche, ma anche francesi e persino svedesi. Anche la Svezia, una volta neutrale, ha da anni un accordo di partenariato con la NATO.
http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.nato.int/cps/en/natolive/topics_52535.htm&prev=/search%3Fq%3Dsweden%2Bnato%2Botan%26hl%3Dit%26biw%3D960%26bih%3D545%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=ZycaUMj1NeOG4gTjgoGwCQ&sqi=2&ved=0CF0Q7gEwAg
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


11/12/2018 @ 12:11:14
script eseguito in 63 ms