"
"Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea."

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 11/03/2021 @ 00:05:01, in Commentario 2021, linkato 5914 volte)
Un articolo sul giornale online “il Post” ci intrattiene sulle ”finte opposizioni” costruite in Russia per fare da sponda al regime di Putin. Il sottinteso dell’articolo è che qui da noi, nel Sacro Occidente, queste cosacce brutte non succedono. In realtà non succedono più perché da noi siamo già “oltre”. François de La Rochefoucauld diceva che l’ipocrisia è pur sempre un omaggio che il vizio rende alla virtù. Quando si cessa persino di fingere, allora sì che c’è da preoccuparsi davvero.
In Italia abbiamo visto come il Presidente della Repubblica abbia scavalcato completamente il parlamento imponendo un governo di unità nazionale guidato da un banchiere; tutto ciò nel frastuono del plauso mediatico inneggiante alla “saggezza” del Capo dello Stato che avrebbe supplito al “fallimento” della politica. Senza alcuno scrupolo, il presidente Mattarella ha umiliato il proprio partito di provenienza, costringendolo ad accettare una collaborazione di governo in funzione subordinata persino rispetto all'avversario “antropologico” della cosiddetta sinistra, la Lega.
Si tratta del quarto “bidone” che il PD rimedia da parte di un proprio uomo al Quirinale, dopo i tre che gli erano stati inflitti dal presidente Napolitano, il quale nel 2010 ritardò pretestuosamente il voto di sfiducia al governo del Buffone di Arcore nel momento in cui non aveva più maggioranza parlamentare, concedendogli il tempo per ricomprarsi i voti. Lo stesso Napolitano fregò di nuovo il PD di Bersani nel 2011 bloccando le elezioni anticipate per imporre il governo Monti; e ancora nel 2013, con l’incarico “esplorativo” a Bersani, che rese inutili le consultazioni del segretario del PD per raggiungere una maggioranza. Il partito più ligio e servile ai dettami dell’establishment, il PD, è anche quello a cui vengono riservate le maggiori umiliazioni da parte del despota del Quirinale, il quale si bea non solo delle sue illimitate prerogative costituzionali, ma anche di un filo diretto con i media e l'alta finanza.

All'atto delle sue dimissioni, il segretario del PD Zingaretti non ha fatto alcun cenno a questo ennesimo sopruso presidenziale, non osando violare l’aura di sacralità che circonda la figura di Mattarella. Zingaretti ha preferito perciò ripiegare sui soliti luoghi comuni dell’antipolitica, descrivendo il proprio partito come dedito più alla ricerca delle poltrone che al perseguimento dei valori della sinistra.
Quando la discussione si sposta sul piano della pochezza “antropologica” della “sinistra”, vuol dire che non si vuole realmente discutere. Da sempre tutti i partiti sono accozzaglie di opportunismi e carrierismi personali (nel caso della “sinistra” anche di infondati snobismi culturali); perciò scoprirlo ogni volta, lascia il tempo che trova.
La cosiddetta “sinistra” dal 1979, l’anno dell’istituzione del Sistema Monetario Europeo, ha cessato di svolgere la sua tradizionale funzione, che era quella di ridistribuire il reddito, o in forma diretta di salario, oppure nella forma indiretta del welfare. Il Trattato di Maastricht del 1992 ha addirittura formalizzato la deflazione (la “stabilità dei prezzi”) come principio fondante dell'Unione Europea, mettendo di fatto la “sinistra” completamente fuori gioco, anzi, fuori legge. Con l'introduzione del pareggio di bilancio in Costituzione nel 2012, si può dire che la sinistra sia diventata persino incostituzionale.

L’inalterabilità del valore dei crediti, non scalfiti più dall’inflazione, è così diventata la costante dell'ultimo trentennio, consacrando lo strapotere della finanza. Ciò ha costretto la “sinistra” a spostare la questione dal piano concreto e oggettivo della ridistribuzione del reddito, al piano astratto e fumoso dell'identità, dei “valori” e degli “ideali”, mettendosi così nelle condizioni di vedersi il proprio linguaggio rovesciato e strumentalizzato dagli “spin doctor” delle oligarchie finanziarie.
Sarebbe tutto più semplice se il problema riguardasse solo la “sinistra” e l’impresentabile PD. In realtà qualsiasi partito, quale che sia l'area politica a cui appartiene, può assumere un ruolo sociale soltanto se svolge la funzione di canalizzare risorse finanziarie. A parte la maggiore aggressività e la maggiore spregiudicatezza sul piano propagandistico, la “destra” va infatti a riscontrare la stessa crescente impotenza. La politica, senza denaro, non è nulla.
L'arrivo del governo Draghi rappresenta una drammatica smentita per chi, come il senatore Bagnai, ha puntato sull’ipotesi politica dell’inversione dei ruoli tra destra e sinistra. Bagnai e il suo amico Borghi sono riusciti a barcamenarsi finché hanno condotto il giochetto pirandelliano di denunciare la subdola spilorceria del MES e del Recovery Fund, facendo finta che per tutta la Lega quello fosse il principale casus belli. Oggi però i due si trovano appiattiti su una linea cucita sul neo-ministro Giorgetti; la linea del “proprio perchè i soldi del Recovery sono pochi, non possono essere sprecati”. Si tratta del più classico mantra del sedicente liberismo, secondo cui sono necessarie la competenza e l’efficienza per gestire al meglio la scarsità ed evitare gli “sprechi” (la parola “spreco” è il distintivo del liberista puro e duro). Ma la scarsità non è gestibile, perché troppo spesso la scarsità è artificiosa e pretestuosa. L'Unione Europea aveva indicato la vaccinazione di massa come la via di salvezza, e invece ora ci accorgiamo che persino sui vaccini si adotta la linea della scarsità artificiosa, che consente di stabilire gerarchie e di discriminare tra figli e figliastri.

Uno studio, anzi una “proiezione”, del Fondo Monetario Internazionale analizza le eventualità di sommovimenti sociali dovuti alla sofferenza causata dalla gestione della pandemia. Il risultato dello studio è, ovviamente, confortante per le oligarchie finanziarie: dopo un periodo di fibrillazioni, tutte le opposizioni sociali saranno riportate all’ovile.
L’inattendibilità dello studio del FMI sta nel fatto che non tiene conto degli effetti sociali a breve e medio termine della dissoluzione della mediazione politica. Il sistema di potere dovrà fare i conti non tanto con l'opposizione che proverrebbe dal basso, ma soprattutto con la destabilizzazione che esso stesso sta determinando. Oggi il sistema di potere concentra gran parte delle proprie energie per umiliare i propri stessi servi, il che non è razionale ma comunque è un ovvio riflesso condizionato dovuto al delirio di onnipotenza.
Occorre però rilevare che questa tendenza alla dissoluzione della mediazione politica sembra trovare qualche contrasto almeno oltre Atlantico. Mentre in Europa ancora ci si balocca con le cifre ridicole e le false illusioni del Recovery Fund, negli USA il nuovo presidente Biden sta inondando l’economia di miliardi, ottenendo la collaborazione del Senato: 1900 miliardi per ora, e se ne prospettano altre iniezioni per il futuro.
Si era detto che Biden si sarebbe posto come docile strumento degli apparati; invece sembra, per adesso, che voglia rilanciare il ruolo della mediazione politica, una mediazione che non può esercitarsi se non con l'erogazione diretta di denaro. Tutto ciò almeno fino a quando qualche provvidenziale scandalo non giunga a ridimensionare Biden e a farlo rientrare nei ranghi.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 07/03/2021 @ 00:32:18, in Falso Movimento, linkato 50132 volte)
1-
Da anni le autorità statunitensi e messicane portano avanti una guerra ostinata contro i trafficanti di droga.
La droga proviene soprattutto dalla Colombia dove si trovano la maggior parte delle piantagioni per le droghe illegali. Una guerra che non sembra aver dato grandi risultati e che non ha fermato neppure gli scontri fra i famosi cartelli per il controllo dei traffici. I conflitti fra le bande armate in Messico e Colombia sono diventati endemici e persino tema ricorrente per l’industria cinematografica. Davvero sfortunati gli USA che, pur essendo i principali consumatori di droga al mondo, hanno perso anche questa guerra al narcotraffico.
Proprio come in Afghanistan, quando la produzione di oppio crebbe in maniera esponenziale sotto l’occupazione USA rispetto al periodo talebano. E’ evidente che insinuare che le multinazionali USA possano avere degli interessi nel traffico della droga sarebbe meschino.
Ma la droga prodotta nell’America Centromeridionale non è diretta solo negli USA. I punti di arrivo più importanti sono Anversa e Rotterdam. La polizia belga e quella olandese svolgono un’intensa attività di contrasto al traffico di stupefacenti. Ma, a parte qualche buon risultato, il fiume di droga che arriva attraverso i container sembra inarrestabile. Ci si può chiedere come mai paesi ben organizzati come il Belgio e l’Olanda non riescano a scalfire questo traffico. Questi paesi vengono spesso definiti dai giornalisti italiani come “frugali” o “rigoristi”, quindi paesi che non dovrebbero offrire nessuna connivenza al traffico criminale, come invece può succedere in Colombia o in Messico. La questione rimane inspiegabile. A meno che non si voglia insinuare che i potentati economici dei rigoristi, oltre a racimolare un po’ di miliardi con la loro “fiscalità accogliente” a danno dei meno “frugali”, vogliano arrotondare il conto con il traffico di stupefacenti.
Forse il periodico olandese Parool ci offre una spiegazione. Pare che il successo di Rotterdam come hub internazionale della droga sia dovuto, oltre che alla presenza di organizzazioni criminali, al forte senso imprenditoriale degli olandesi.
Quindi quella che in Colombia o in Messico si chiama «connivenza criminale» in Olanda o in Belgio si traduce con «forte senso imprenditoriale». Basta intendersi.

2-
Le proteste dell’UE contro le violenze della polizia russa in occasione delle manifestazioni pro-Navalny avevano assunto un tono talmente improbabile, da essere state prese poco sul serio dalla Russia. Quando l’alto rappresentante degli affari esteri dell’UE, Borrell, ha fatto le sue rimostranze in una sua visita a Mosca, il ministro degli esteri russo Lavrov, ha avuto buon gioco a ridicolizzarlo: “gli europei non son affidabili perché non rispettano i diritti umani”, “è la polizia italiana a usare gli idranti contro i manifestanti e non noi”.
In effetti, proprio mentre a Mosca venivano arrestati 4000 manifestanti pro-Navalny, in Belgio la polizia arrestava 500 manifestanti contro le restrizioni anti-covid. Ma gli organi di stampa occidentali si indignavano solo per gli arresti di Mosca.
D’altro canto, i mass media occidentali che sostengono apertamente il dissidente russo, sembrano insensibili alla feroce persecuzione che dura ormai da anni contro Julian Assange, il cui capo d’accusa sarebbe quello di aver divulgato informazioni, la cui veridicità peraltro nessuno contesta.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (38)
Commenti Flash (61)
Documenti (29)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (10)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (23)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (18)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


24/09/2021 @ 14:59:13
script eseguito in 94 ms