"
"Il vincolo statale funziona come un pastore che tiene unito il gregge, ma solo per metterlo a disposizione del predatore."

Comidad (2014)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 22/09/2011 @ 00:18:35, in Commentario 2011, linkato 2304 volte)
Si dice che illustri astronomi e fisici britannici, fra cui Bernard Lovell, in privato fossero soliti negare che lo sbarco americano sulla Luna sia mai avvenuto. Questa ormai vecchia questione pare però che sia stata superata da uno sbarco immaginario più di attualità. A distanza di una settimana dallo sbarco a Tripoli del primo ministro britannico Cameron e del presidente francese Sarkozy, ci si comincia infatti a domandare se anche questo sbarco sia realmente avvenuto. Le immagini televisive che sono state diffuse a riguardo, legittimano infatti ogni genere di dubbi, poiché gli attori si muovono in spazi chiusi o ristretti che lasciano supporre che ai lati non vi sia nulla.[1]
Il resoconto del viaggio offerto dall'accompagnatore di Sarkozy, il suo bombardiere di fiducia Bernard Henry Levy, risulta a sua volta stranamente reticente sui dettagli relativi alla presenza a Tripoli del presidente francese, soffermandosi solo sull'accoglienza calorosa che gli avrebbero riservato alcune donne all'ospedale di Tripoli (Tripoli ha un solo ospedale?). Curiose invece due sue sottolineature. La prima riguarda le misure di sicurezza che avrebbero limitato i movimenti dei due capi di governo, come a dire che in effetti i due non si sarebbero mossi da aree prestabilite. La seconda sottolineatura riguarda invece i cunicoli in cui si nasconderebbe Gheddafi, come ad indicare che se Tripoli risulta apparentemente conquistata è solo perché l'attuale presenza degli elicotteri d'assalto della NATO impedisce alla resistenza libica di uscire allo scoperto.[2]
Gli stessi dubbi sono suscitati dalle immagini del viaggio libico di Erdogan, la cui espressione di imbarazzo risulta più che evidente, poiché forse non era preparato all'eventualità di dover agire in una messinscena.[3]
I media si sono soffermati sui duri moniti lanciati in Libia da Erdogan contro il regime siriano. Sarà un caso, ma al suo ritorno dalla Libia, lo stesso Erdogan pare aver attuato una brusca inversione di rotta sulla questione siriana, tanto da aver riconsegnato al vituperato regime di Assad uno dei suoi alti ufficiali disertori, che è stato poi fatto esibire in una confessione/ritrattazione alla televisione siriana. Che Erdogan sia stato colto dal timore di andare ad incastrarsi in qualche altra messinscena, magari in una Damasco ricostruita nel Qatar di Al Jazeera?[4]
I motivi per cui Cameron e Sarkozy hanno deciso di dichiarare enfaticamente una vittoria ancora non raggiunta sono abbastanza evidenti. Si sono tacitate le opposizioni interne alla guerra, poiché le si costringe adesso a misurarsi con l'apparenza di un dato di fatto acquisito. Il riconoscimento internazionale del nuovo governo consente poi di sbloccare i beni libici sequestrati e di incamerarli a titolo di risarcimento per il sedicente "aiuto" al popolo libico; inoltre in tal modo si riesce a spiazzare i Paesi concorrenti nella corsa agli affari per il petrolio, per il gas e per l'altrettanto sedicente "ricostruzione".[5]
Ma c'è anche da considerare che riuscire a far passare la conquista della Libia come cosa fatta, rafforza la situazione di isolamento della resistenza libica a livello mondiale. Nelle conquiste coloniali, la guerra in sé non ha costituito quasi mai il fattore decisivo, poiché alla fine risulta determinante il mobbing internazionale, l'isolamento e la criminalizzazione di un regime, che favoriscono il suo sfaldamento ed il passaggio di interi pezzi di esso dalla parte dell'aggressore.
L'importanza che la NATO attribuisce alla eliminazione fisica di Gheddafi non concerne la sua statura di leader o di stratega, ma il suo ruolo di riferimento nella catena di comando, poichè, senza quel punto di riferimento stabile, la resistenza libica andrebbe allo sbando per l'impossibilità di sapere di chi fidarsi. La psicoguerra NATO etichetta la resistenza libica con gli epiteti di "lealisti" o fedeli di Gheddafi, ma in effetti coloro che in Libia si oppongono all'aggressione coloniale non sono in condizione di scegliere.
Nelle vicende della Libia e della Siria risulta ripetitivo non solo il paradigma del colonialismo, ma anche il circolo vizioso dell'antimperialismo generico, che condanna l'imperialismo in astratto, ma lo avalla caso per caso, soffermandosi ogni volta sull'impresentabilità ed indifendibilità dei vari regimi oggetto di mobbing internazionale, come se il fatto di soffrire sotto un regime tirannico rendesse degni di essere massacrati da un'aggressione coloniale.
Se nel mese scorso un ambasciatore straniero fosse andato a solidarizzare con i rivoltosi delle periferie londinesi, tutti avrebbero condannato l'inaccettabile ingerenza, ed anche sospettato che le sommosse venissero manipolate da infiltrazioni esterne. Ma se l'ambasciatore statunitense a Damasco, Robert Ford, diventa il referente delle rivolte in Siria, venendo accolto ed acclamato dagli "oppositori", allora anche i più insospettabili antimperialisti interpretano la circostanza solo come una prova ulteriore del fossato creatosi tra le masse siriane ed il regime di Assad; come a dire che Assad è talmente cattivo che ai Siriani anche un ambasciatore USA potrebbe apparire come un amico.[6]
Lo schema narrativo alla base di discorsi di questo genere ricalca i vecchi canoni della letteratura e del cinema di propaganda coloniale, nei quali l'indigeno alla fine s'inchina alla superiorità morale del colonialista bianco venuto a "salvarlo". Ma anche nel 1991, durante la prima guerra del Golfo, venne diffuso il video di un "prigioniero iracheno" che si inginocchiava davanti ad un soldato statunitense che gli porgeva del cibo; oggi vediamo i "ribelli" libici che baciano la bandiera USA e distruggono i monumenti che Gheddafi avrebbe eretto a ricordo della resistenza contro i bombardamenti statunitensi del 1986. In queste fiction viene offerta la versione paternalistica del razzismo, una versione che risulta troppo spesso efficace nei confronti di settori dell'antimperialismo. Persino il fatto che l'arrivo di Robert Ford in Siria sia andato a coincidere con l'inizio delle rivolte siriane, è diventato un dettaglio insignificante, da non prendere neppure in considerazione, dato che il constatare la semplice evidenza oggi si chiama fare dietrologia.[7]
C'è da registrare che da alcune settimane decine di migliaia di ambientalisti si sono dati appuntamento per un pacifico sit-in davanti alla Casa Bianca. Gli attivisti, appartenenti a più di trecento organizzazioni, protestano contro l’ultimo clamoroso scempio ambientale dell’amministrazione Obama. Si tratta dell’avvio dei lavori di un mastodontico oleodotto che dovrebbe trasportare il petrolio estratto dalle sabbie bituminose dell’Alberta, in Canada, fino alle raffinerie del Texas attraversando sei Stati per migliaia di chilometri. Questa tecnica di estrazione è fra le più inquinanti e devastanti per l’ambiente. Obama ha accolto subito nel migliore dei modi gli attivisti (che nella maggior parte lo avevano sostenuto alle elezioni) gratificandoli con maltrattamenti da parte della polizia e con più di mille arresti nelle prime giornate di protesta; persino Naomi Klein ha potuto apprezzare le accoglienti galere di Obama.[8]
I fatti sono accertati e verificabili, ma i media "occidentali" non hanno dato nessuna risonanza a questa repressione sistematica, che di fatto sta rendendo i movimenti di opposizione sempre meno incisivi, dato che negli USA dopo il terzo arresto si rischia l'ergastolo. I media griderebbero di orrore se circostanze del genere venissero denunciate a Cuba o nello Zimbabwe, e nessuno si preoccuperebbe nemmeno di verificare i fatti. Gli stessi eventi possono cambiare di significato a seconda di dove avvengono. In una recente intervista televisiva, il sociologo di regime Giuseppe De Rita si è commosso sino alle lacrime rievocando con ammirazione le ordinate file per il pane che si facevano in Gran Bretagna ancora all'inizio degli anni '50. Quelle stesse file per il pane, che in Gran Bretagna indicavano il segno distintivo di una civiltà superiore, quando avvenivano in Unione Sovietica costituivano invece un segnale di miseria e di fallimento dell'utopia socialista.
Oggi Cameron fa appello ai genitori dei rivoltosi delle periferie londinesi perché denuncino i propri figli. Un appello del genere susciterebbe sdegno e denunce di metodi totalitari se provenisse da un Paese del terzo mondo, ma in Gran Bretagna costituisce la prova di un alto senso civico e di maturità democratica.

[1] http://www.guardian.co.uk/world/video/2011/sep/15/libya-cameron-sarkozy-video?INTCMP=ILCNETTXT3486
[2] http://archiviostorico.corriere.it/2011/settembre/17/Sarkozy_Tripoli_come_Mitterrand_Sarajevo_co_9_110917030.shtml
[3] http://it.euronews.net/2011/09/16/erdogan-a-tripoli-lancia-un-monito-al-regime-siriano/
[4] http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/129398/in_siria_la_rivolta_diventa_antierdogan
[5] http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-09-18/aziende-francobritanniche-assalto-mercato-164515.shtml?uuid=AaGWtV5D
[6] http://translate.google.it/translate?hl=it&langpair=en%7Cit&u=http://thecable.foreignpolicy.com/posts/2011/09/13/robert_ford_attends_syrian_funeral_shortly_before_attack
[7] http://www.bbc.co.uk/news/world-middle-east-12202821
[8] http://translate.google.it/translate?hl=it&langpair=en%7Cit&u=http://dailycaller.com/2011/08/22/police-continue-to-arrest-environmentalist-protesters-at-the-white-house/
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
La strabiliante sopravvivenza politica dell'Insano Vegliardo di Arcore costringe le menti dei commentatori ufficiali ad escogitare le più sofisticate teorie per spiegare l'arcano. Esaurita nei mesi scorsi la menzogna ufficiale secondo cui il potere berlusconiano sarebbe stato basato sul consenso elettorale, ora è necessario attingere maggiormente alle altre mitologie a disposizione.
C'è la fiaba del Berlusconi super-eroe (negativo o positivo, è irrilevante), capace di reggere l'ostilità e l'isolamento a livello nazionale e internazionale, perché tanto è ricco di suo. Nella fiaba infatti la ricchezza di Berlusconi non è relazionata col sistema finanziario, ma è una virtù del tutto individuale, proprio come i super-poteri dei super-eroi, perciò tra i personaggi della fiaba sono costretti a mancare i miliardi di debiti della Fininvest. Se poi Berlusconi ha retto all'assalto dei "poteri forti" interni ed internazionali comprandosi i deputati, come mai quegli stessi "poteri forti" sono tanto deboli da non essere capaci di ricomprarseli?
A supporto della precedente, interviene a questo punto la fiaba del Berlusconi Anticristo, il quale sarebbe capace di prevalere sui bacchettoni travolgendo i sensi di colpa e gli scrupoli morali, di sedurre le vecchiette teledipendenti che vedono in lui il diletto nipote scavezzacollo, ma anche di fascinare e trascinare il popolo delle Partite IVA, che infatti sarà tutto contento dell'ultimo aumento dell'IVA deciso dal governo.
Quando queste fiabe non funzionano più, c'è sempre l'ultima risorsa, quella con cui vai sul sicuro: la colpa è della sinistra. Le colpe possono variare a seconda delle esigenze, perciò a volte la sinistra non ha nulla da proporre, altre volte non sa mettersi d'accordo al suo interno, e poi sono tutti uguali, tutti ladri, perciò tanto vale tenersi Berlusconi. Questo argomento, che parrebbe il più realistico, in effetti ci riporta alla trascendenza pura: se sono tutti uguali, tutti incapaci, tutti corrotti, tutti ladri, tutti litigiosi, allora Berlusconi può essere diventato inamovibile solo per grazia divina.
Potrebbe però anche darsi che la spiegazione del fenomeno Berlusconi si possa trovare in una cosa banale come l'ipocrisia. Berlusconi è spregevole, ma fa tanto più comodo ai cosiddetti "alleati occidentali" proprio in quanto spregevole. Per il suo ruolo economico e la sua posizione geografica, l'Italia ha un potere contrattuale oggettivo, ma il clown è inattendibile come controparte, perciò anche quel potere contrattuale si può aggirare.
Per la NATO ed il Fondo Monetario Internazionale, oggi l'Italia non è più un complice e neppure un suddito, è un territorio annesso di cui disporre a piacimento. Per questo motivo Obama può usare le basi militari sul territorio italiano per aggredire la Libia, ma poi non cita l'Italia tra gli alleati, e ciò per far intendere a tutti che le aziende italiane non parteciperanno alla spartizione del bottino coloniale. Anche l'Italia, come la Grecia, potrebbe entrare da un momento all'altro sotto la diretta tutela del FMI. Se, nonostante le dimensioni della sua economia, l'Italia può essere assimilata dalla propaganda mediatica a piccole entità come la Grecia o il Portogallo, ciò accade grazie a Berlusconi, che rende credibile ogni emergenza, anzi è un'emergenza vivente, l'icona della catastrofe antropologica.
Sono tempi difficili, ed è proprio in questi momenti che si sente il bisogno di un punto di riferimento attendibile. E’ proprio in questi momenti che le straordinarie intuizioni di Pier Luigi Celli ci vengono in soccorso. Celli, direttore generale della prestigiosissima università privata Luiss (quella di Luca Cordero di Montezemolo o dell’ex ministro della Difesa Martino, per intenderci) ci informa, in una recente intervista concessa all’Espresso, che i nostri guai sono “…conseguenza di una nazione che non ha avuto una solida borghesia, che non ha affrontato una vera rivoluzione industriale, e dunque ha spinto gli italiani ad arrangiarsi…”. Una tesi davvero scomoda e che sconcerta per la sua originalità; ma Pier Luigi Celli, già autore dell’indimenticabile saggio “Comandare è fottere”, ci dà altre preziose indicazioni: “In Italia…purtroppo, i primi a trovare lavoro, attualmente sono i mediocri.” Ovvio, se no come diavolo avrebbe fatto a trovare lavoro uno come Pier Luigi Celli?
Ma il punto vero è l'interessata ipocrisia di questa retorica del merito, che consente di usare le magagne altrui come alibi per mascherare e spacciare le magagne proprie come coraggiose denunce. L'ipocrisia non è quindi un'esclusiva dei poteri sovranazionali, ed infatti anche Confindustria ha condotto in questi giorni una sorta di pronunciamento antiberlusconiano, denunciando l'immobilismo del governo ed invocando misure per la "crescita". Tutti ad applaudire Emma Marcegaglia, perché effettivamente la degenerazione del pagliaccio è tale che come si fa a non plaudire a chi lo fustiga?
Grazie alla nebbia fumogena della plateale abiezione berlusconiana, non ci si accorge che il "manifesto per salvare l'Italia" lanciato dal presidente di Confindustria, non contiene affatto provvedimenti atti a rilanciare produzione e consumi, semmai è un mix delle solite privatizzazioni e delle solite bolle finanziarie, da alimentare attraverso quelle che vengono chiamate "cartolarizzazioni".[1]
Questa truffa finanziaria in inglese viene chiamata suggestivamente "securitization", per suggerire un'idea di sicurezza. Gli Italiani sono più diffidenti, e quindi si è escogitato questo termine spiazzante di "cartolarizzazione", che ricorda le cartolerie ed evoca immagini festose di bimbi che vanno alle elementari e di mamme premurose che gli comprano le matite colorate.
In cosa consiste questa cartolarizzazione? Lo Stato o un Ente locale decidono di privatizzare un immobile pubblico, ma ovviamente non c'è nessun privato che voglia veramente tirare fuori i soldi per comprarlo. Allora che si fa? Lo si dà ai privati gratis? Spesso si fa così, ma perché limitarsi ad una truffa sola, quando invece se ne possono fare due?
La cartolarizzazione è infatti una privatizzazione, cioè un furto, però con una frode finanziaria annessa. I beni immobili pubblici vengono trasferiti a società finanziarie private, create appositamente dalle banche; queste società dovrebbero pagare poi quei beni attraverso la vendita di titoli. Figuriamoci. Quindi il cittadino può essere derubato due volte: come contribuente a cui viene sottratta una parte del pubblico patrimonio, e come risparmiatore a cui si spaccia la solita finanza tossica.[2]
La prima legge sulle cartolarizzazioni fu promulgata in Italia nel 1999 dal governo D'Alema, e ricalcava passo per passo le istruzioni del FMI. Che proprio la cartolarizzazione sia alla base dell'attuale crisi finanziaria e della conseguente depressione economica, costituisce un dettaglio che alla Marcegaglia non interessa. O forse l'interesse c'è, ed è proprio la distrazione causata dalla depravazione berlusconiana ad impedire di vederlo?[3]
Pare dunque di capire che oggi anche Confindustria abbia poco a che fare con l'industria, anzi che si sia riciclata come agente provocatore delle banche, le quali usano l'emergenza della crisi e l'emergenza del berlusconismo come pretesti e coperture, in modo da continuare ad imporre sempre le medesime tecniche di frode finanziaria istituzionalizzata.

[1] http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/09/23/crisi-marcegaglia-manifesto-per-salvare-litalia/159541/
[2] http://www.daedala.it/index.php?option=com_content&view=article&id=58&Itemid=57
[3] http://www.consulenzafinanziaria.net/legislazione/L.%20130%20cartolarizzazione%20crediti.htm
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (38)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


20/09/2019 @ 01:43:13
script eseguito in 74 ms