"
"L'abolizione dello Stato e del diritto giuridico avrà necessariamente per effetto l'abolizione della proprietà privata e della famiglia giuridica fondata su questa proprietà."

Programma della Federazione Slava, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 26/05/2011 @ 01:40:35, in Commentario 2011, linkato 1549 volte)
Non solo a Berlusconi tocca di essere continuamente "frainteso". Lunedì scorso anche il presidente USA Barack Obama ci ha fatto sapere che la sua "proposta" di un ritorno dello Stato di Israele ai confini precedenti alla guerra dei Sei Giorni del 1967 era stata male interpretata. Per quanto possa apparire incredibile, la "proposta" di Obama era stata oggetto di una accanita discussione diplomatica e giornalistica, ovviamente fondata sul nulla, dato che la propaganda non ha regole molto diverse da quelle dei normali rapporti umani, dove spesso il prospettare a qualcuno attese esagerate costituisce l'espediente più sicuro per non concedergli assolutamente niente. Nel caso dei Palestinesi, una proposta seria avrebbe dovuto partire infatti dalla questione all'ordine del giorno, e cioè dal far cessare i massacri quotidianamente perpetrati dall'esercito israeliano e dalle organizzazioni paramilitari dei coloni.
Ma adesso ancora una volta non mancheranno commentatori disposti a credere che la onnipotente lobby israeliana abbia costretto il povero e benintenzionato Obama a fare marcia indietro, accreditando quindi l'ipotesi che egli avesse voluto parlare sul serio. Se Obama dovesse rimanere vittima in futuro di attentati o scandali, allora quelle sue parole sui confini di Israele saranno interpretate come il motivo del complotto.
Persino all'ex direttore generale del Fondo Monetario Internazionale, Strauss-Kahn, dopo il complotto che l'ha colpito a New York, è toccato di essere santificato a causa di alcune dichiarazioni da lui rilasciate qualche tempo fa, circa la necessità di sostituire il dollaro come moneta di pagamento internazionale. Anzi, le fosche previsioni sul futuro di Strauss-Kahn erano cominciate addirittura prima che il complotto statunitense ai suoi danni si consumasse materialmente.
In realtà è dal 1971 che vi sono dichiarazioni e dibattiti riguardo all'accantonamento del dollaro. Con la istituzione del WTO (l'Organizzazione Mondiale per il Commercio) nel 1995, era stato dato addirittura per acquisito che dovesse instaurarsi una concorrenza tra le varie valute per costituire monete di pagamento alternative a livello internazionale. La propaganda ufficiale ammette tranquillamente che si discuta a vuoto del presunto "declino americano" e sul come dare spazio alle, altrettanto presunte, "potenze emergenti", come la Cina, l'India e il Brasile.
C'è tutta una pubblicistica a riguardo che rientra perfettamente in questo "understatement" tipico della propaganda statunitense, che consiste nel fingersi piccoli e inermi prima di azzannare. Non è infatti solo il FMI ad avere allo "studio" progetti di superamento del dominio del dollaro, ma persino la Banca Mondiale, che da sempre è a direzione statunitense. (1)
L'Unione Europea ha istituito la moneta unica proprio sulla base della prospettiva di poter far proprio il business della moneta di pagamento internazionale, che, come è noto, consente di stampare molta più moneta di quanta non sia necessaria per i pagamenti interni, e ciò senza rischiare inflazione, poiché la gran parte delle risorse valutarie circolano all'estero. Nessuno però si era fatto male per le astratte dichiarazioni anti-dollaro in sede UE e WTO, ed anche l'Euro è stato adottato tranquillamente. L'invasione dell'Iraq del 2003 e l'eliminazione di Saddam Hussein sono avvenute invece non in base alle astratte dichiarazioni del "dittatore", ma nel momento in cui questi aveva effettivamente cominciato a farsi pagare il petrolio in euro piuttosto che in dollari.
In questi anni di direzione del FMI, Strauss-Kahn ha compiuto un lavoro davvero "ottimo", strangolando non soltanto i soliti Paesi africani o latino-americani, ma anche Paesi come la Grecia, l'Irlanda, il Portogallo e la Spagna. Anche grazie a Strauss-Kahn, il FMI è riuscito a trasformare in proprie colonie non solo il Mali o il Burundi o il Paraguay, ma una parte consistente dell'Europa sviluppata; perciò non è irrealistico ritenere che egli abbia pagato proprio per i suoi successi, nel momento in cui si trattava di spartirsi il bottino della rapina.
Nonostante che l'idea di colonizzare e saccheggiare una parte dell'Europa sia nata proprio in Europa, non c'è nulla di strano che oggi la finanza statunitense non voglia dividere il bottino alla pari con i complici europei. Nei film di rapine, è nel momento della spartizione che i complici cominciano a spararsi addosso. Senza voler ricorrere ad esempi cinematografici, per capire cosa sia successo al rapinatore francese Strauss-Kahn, basta ricordarsi della favola di Esopo in cui l'asino finisce mangiato solo per aver pensato di poter dividere la preda in parti uguali col leone.
Quando si tratterà di spartirsi il bottino in Libia, si può essere certi che gli Usa, sebbene oggi meno esposti nell'impegno militare, faranno ancora una volta valere la logica del patto leonino nei confronti di Francia e Gran Bretagna, che pure sono quelle che stanno mettendo in campo tutti i loro mezzi nella guerra libica. Se si tratta di capire come funziona l'imperialismo/colonialismo, l'unico modello analitico attendibile è quello del crimine organizzato; ma un crimine organizzato che ha in più la risorsa delle pubbliche relazioni, cioè del confondere le acque agitando false speranze.
Credere che Strauss-Kahn abbia pagato dazio solo per aver "tremonteggiato", cioè imitato Tremonti nel darsi le arie di fustigatore dei soprusi della oligarchia finanziaria mondiale, significa infatti non comprendere che la funzione della propaganda dei potenti non è solo quella di esagerare e mentire, ma soprattutto di sottrarre ai sudditi anche il ruolo del progressista e del ribelle. Ai potenti infatti spetta anche il privilegio di recitare tutte le parti in commedia, in modo da presentarsi come la "speranza" di riscatto per i deboli e i diseredati. Tanto, quando si tratta di arrivare al dunque, si può sempre dire di essere stati "fraintesi".
Così, invece delle realistiche favole di Esopo, ci è toccato in Italia di ascoltare le fiabe assurde di un Berlusconi in conflitto con i "poteri forti" internazionali, e di un Tremonti "critico della globalizzazione", come se tutte le privatizzazioni e le agevolazioni legislative a favore delle multinazionali, decise dal governo in questi anni, non fossero mai avvenute. Non c'è quindi da stupirsi se già circola la fiaba di un Obama in contrasto con il sionismo. Obama è talmente bravo a farsi fraintendere che gli hanno pure assegnato un premio Nobel per la pace; ed anche quando nel discorso di accettazione ha affermato di essere stato frainteso, lo ha fatto in modo tale che si continua a fraintenderlo.

(1)http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2011-05-18/banca-mondiale-supremazia-dollaro-162946.shtml?uuid=Aa0XPJYD&fromSearch
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 19/05/2011 @ 01:56:31, in Commentario 2011, linkato 1407 volte)
Con uno di quei sovvertimenti morali tipici del mobbing, il fallimento dei tentativi della NATO di assassinare Gheddafi è diventato per la propaganda ufficiale un'ulteriore prova della malvagità del dittatore, che infatti cerca di sfuggire alle bombe invece di lasciarsi ammazzare docilmente. Questa delegittimazione totale dell'aggredito, comporta la infantilizzazione/ridicolizzazione di ogni suo tentativo di reagire all'aggressione; perciò i media ci presentano un Gheddafi inviperito, isterico e vendicativo come un bambino viziato: "Tu mi hai ammazzato undici Imam, ed io ti lancio la Fatwa." Così, oltre che di bombe, la NATO bersaglia la Libia di messaggi che cercano di scaricare su Gheddafi l'intera responsabilità del conflitto, in modo da creare l'illusione che, rimosso lui, i Libici risolverebbero tutti i loro problemi affidandosi alla mano amica degli occupanti occidentali.(1)
Queste tecniche di psicoguerra consentono certamente alla NATO di tenere sotto controllo quell'opinione pubblica di sinistra che non riesce proprio a sopportare di essere costretta nel ruolo del "cattivo".
Non si diventa alti dirigenti della finanza, dell'industria, della politica e dell'amministrazione se non si possono vantare gravi perversioni sessuali nel proprio curriculum, non solo perché la ricattabilità personale è alla base della disciplina interna alle oligarchie, ma anche perché bisogna allenarsi in continuazione ad umiliare i deboli. Se il sadismo è la virtù da selezionare e coltivare nei padroni, sarà invece la cupidigia di servilismo la caratteristica da premiare fra gli oppositori. Nei partiti di sinistra infatti difficilmente si fa carriera se non si è affetti da quel particolare tipo di fragilità psicologica che consiste nell'esasperato bisogno di approvazione; quindi difese abbassate nei confronti della guerra psicologica.
Ma la psicoguerra non sempre consente di vincere sul campo, ed ogni giorno che passa senza aver eliminato Gheddafi avvicina la scadenza temporale di due o tre mesi che caratterizza questo genere di aggressioni militari basate sull'aviazione; missioni che trovano il loro limite oggettivo nell'insostenibilità dei costi, nello stress dei piloti e nel sovraccarico dei sistemi elettronici. In effetti non si danno precedenti storici di guerre vinte esclusivamente con l'aviazione, ed il sempre citato caso della guerra della NATO contro la Serbia nel 1999, costituisce una di quelle mistificazioni della memoria storica che i commentatori ufficiali si incaricano di perpetuare per mera ripetizione.
Il "dittatore" Milosevic fu in realtà liquidato grazie ad una mediazione diplomatica russa che lo indusse all'accettazione di un "cessate il fuoco", e ad un successivo colpo di Stato camuffato da "libere elezioni". Forse il governo russo aveva iniziato la mediazione in buona fede, ma sta di fatto che Putin, divenuto primo ministro nell'agosto del '99, si incaricò di persona di condurre a termine la liquidazione di Milosevic.(2)
Il più "paradigmatico" dei casi di turlupinatura diplomatica nei confronti di un Paese aggredito, rimane però quello dell'Iraq nel 2003. Poco prima dell'aggressione statunitense, il "dittatore" Saddam Hussein sembrava aver trovato degli avvocati difensori molto zelanti nella Francia e nella Cina. Agli inizi del 2003 il presidente francese di allora, Chirac, veniva addirittura presentato dalla stampa popolare britannica come la "puttana" di Saddam Hussein.(3)
La colpa di Chirac consistette nel mettere in guardia gli USA contro una "guerra prematura" e nell'esortazione a lasciar fare agli ispettori ONU nella ricerca delle armi di distruzione di massa di Saddam; il quale infatti si ritrovò spolpato anche dell'ultimo proiettile chimico per i suoi cannoni, con cui avrebbe potuto facilmente bloccare l'invasione statunitense. Dal canto suo il governo cinese ammoniva gli Stati Uniti che l'aggressione all'Iraq avrebbe avuto "conseguenze incalcolabili".(4)
Talmente incalcolabili queste conseguenze, che infatti non ci sono proprio state. Una volta che le truppe statunitensi ebbero preso Bagdad, il governo francese arrivò addirittura ad esprimere contentezza per la caduta del dittatore e per la vittoria della democrazia in Iraq.(5)
Il governo cinese invece tacque e, silenziosamente e disciplinatamente, insieme con le multinazionali francesi, si rimise in fila per essere riammesso dalla porta di servizio nel business del petrolio iracheno, cosa che riuscì finalmente nel 2008.(6)
Ancora pochi mesi fa la stampa specializzata in politica estera, come la rivista "Limes", ci presentava un Gheddafi nella botte di ferro della protezione cinese contro il "ruggito del topo" emesso dall'Occidente.(7)
Poi si è visto ancora una volta che la "protezione" cinese non protegge proprio nessuno. Riviste come "Limes" non arrivano direttamente all'opinione pubblica, ma servono ad imbeccare i giornalisti, i quali hanno magari creduto anche di fare un'analisi molto profonda e spregiudicata quando ci hanno presentato un Occidente declinante e confuso di fronte all'emergere della potenza cinese.
Se Gheddafi accondiscenderà al cessate il fuoco che oggi Cina e Russia stanno cercando di mediare, allora si metterà nelle condizioni ideali per essere assassinato, o eliminato da quel colpo di Stato che era invece fallito tre mesi fa.

(1) http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-05-18/guerra-psicologica-nato-libia-153330.shtml?uuid=AaDEuHYD
(2)http://archiviostorico.corriere.it/2000/ottobre/02/Mosca_pronta_scaricare_Milosevic__co_0_0010022940.shtml
(3) http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.guardian.co.uk/media/2003/mar/21/Iraqandthemedia.pressandpublishing&ei=lK3OTfaKPMvIswa-g8iuCw&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=1&sqi=2&ved=0CCUQ7gEwAA&prev=/search%3Fq%3Dchirac%2Bsaddam%2Bhussein%2Bwhore%26hl%3Dit%26rlz%3D1R2ACAW_it%26prmd%3Divnso
(4) http://archiviostorico.corriere.it/2002/settembre/28/Chirac_sfida_Bush_attacco_all_co_0_02092810391.shtml
(5) http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:rKFbsEh_9JYJ:archivio-radiocor.ilsole24ore.com/articolo-286090/iraq-chirac-francia-contenta/+chirac+saddam+hussein&cd=19&hl=it&ct=clnk&gl=it&source=www.google.it
(6) http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.oilandgasinsight.com/file/68046/iraq-to-revive-china-deal-for-ahdab-field.html&ei=8bjOTY-7IoOTswax34i1Cw&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=3&sqi=2&ved=0CC8Q7gEwAg&prev=/search%3Fq%3Dcina%2Biraqi%2Bahdab%26hl%3Dit%26rlz%3D1W1ACAW_itIT338%26prmd%3Divns
(7) http://temi.repubblica.it/limes/il-ruggito-del-topo/21726?printpage=undefined
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


11/12/2018 @ 11:52:27
script eseguito in 109 ms