"
"Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea."

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 24/02/2011 @ 01:36:08, in Commentario 2011, linkato 6498 volte)
Ci sono vari elementi che consiglierebbero di valutare con molta cautela le attuali "notizie" riguardanti la Libia. A differenza dell'Egitto, la Libia non ha masse di disperati urbani, in parte perché il regime ha adottato un sistema paternalistico/assistenziale che evita gravi forme di miseria, ed in parte perché mancano proprio le masse, dato che si sta parlando di un Paese spopolato, in cui anche la cifra ufficiale di quattro milioni di abitanti risulta da stime demografiche piuttosto gonfiate per ciò che concerne le zone desertiche. C'è anche da considerare che i milioni di manifestanti visti al Cairo si avvalevano della benevola neutralità dell'esercito, mentre le poche migliaia (?) di pacifici manifestanti libici, secondo i media si sarebbero trovati addirittura sotto bombardamenti aerei e di razzi: un particolare che risulta alquanto irrealistico, e non perché il regime non sarebbe capace di tanto, ma perché solo una rivolta armata - molto bene armata - potrebbe reggere a lungo ad un tale tipo di trattamento. Quindi, più che di una rivolta si tratterebbe di un golpe, e con tanto di agganci in settori del regime libico. "Dittatore" è una di quelle parole in grado di mandare completamente in vacanza il senso critico dell'opinione pubblica "occidentale", ed ecco perché la narrazione mediatica di una rivolta popolare spontanea, che però si dimostra capace di occupare un'intera città come Bengasi, non ha suscitato sinora dubbi e perplessità.
Durante il natale del 1989 i media ci narrarono una "rivolta" rumena contro il dittatore Ceausescu con ventimila morti, ma poi si rivelò tutto falso, ovviamente a distanza di mesi, quando la notizia aveva perso centralità.
Un altro "dettaglio" di cui tenere conto riguarda il business del petrolio libico, un business di tale entità da aver comportato mezzo secolo di guerra senza esclusione di colpi tra l'ENI da un parte e le multinazionali anglo-americane dall'altra, in particolare la BP. Persino il colpo di Stato di Gheddafi contro il re Idris, considerato un fantoccio dell'Italia, fu sicuramente favorito dalle multinazionali anglo-americane, anche se in pochi anni l'ENI recuperò in Libia il terreno perduto. Che l'attuale "rivolta" libica possa costituire un ennesimo capitolo di questa guerra del petrolio non è un'ipotesi da scartare, poiché la notizia concreta di queste ore è proprio che l'ENI sta rischiando di perdere la sua principale fonte di petrolio: la Libia, appunto.
Come è stato già ricordato da alcuni in questi giorni, la Libia stessa è un'invenzione del colonialismo italiano. Nel 1911 l'allora Presidente del Consiglio, il liberale Giolitti, dichiarò guerra all'Impero Ottomano per strappargli due province nordafricane, la Tripolitania e la Cirenaica, che furono riunite a forza sotto il nome di "Libia", un termine dalle suggestive reminiscenze imperiali romane. Il fomentare la tensione etnico-tribale tra le diverse popolazioni costituì anche uno degli strumenti di dominio del colonialismo italiano, la cui spietata brutalità è stata ampiamente documentata.
Non si può quindi escludere che la rivalità etnica sia ancora la leva con cui altre potenze coloniali oggi stiano cercando di destabilizzare il regime di Gheddafi, magari prospettando ai vari capi tribali la possibilità di cogestire il business del petrolio con le multinazionali anglo-americane. In tal caso l'afganizzazione della Libia costituirebbe un esito molto probabile, e del resto ogni aggressione coloniale, ed ogni resistenza ad essa, implicano inevitabilmente anche fenomeni di guerra civile. La cosiddetta "superpotenza" statunitense ha sempre mostrato limiti molto evidenti, ma il suo vero e duraturo punto di forza è dato dal costituire un punto di riferimento ed un alleato per i gruppi reazionari ed affaristici di tutto il mondo.
In questo periodo i media tendono anche a sopravvalutare l'effetto della destabilizzazione libica sui flussi migratori verso l'Italia. Le barche cariche di immigrati non costituiscono però il canale principale del traffico della migrazione clandestina, in quanto rappresentano soltanto un atroce diversivo per distogliere l'attenzione dalle vere porte d'ingresso di questo traffico, che sono le banchine dei porti sotto il controllo militare statunitense. Nel porto di Napoli, ad esempio, la U.S. Navy controlla ormai più della metà delle banchine, gestite nel più assoluto segreto militare; tutto ciò per gentile concessione del governo D'Alema nel 1999. Gheddafi ha accettato di enfatizzare il suo ruolo di poliziotto anti-immigrazione perché costituiva un modo per vantare pubblicamente benemerenze nei confronti dell'Italia e della Unione Europea, ma bisogna separare le esagerazioni della propaganda dalle effettive dimensioni di quel ruolo. Le basi militari americane, da sempre, non svolgono soltanto una funzione militare, ma soprattutto di controllo dei traffici illegali, a cominciare dal traffico di eroina dall'Afghanistan.
Un elemento fisso di disturbo della comunicazione di questi giorni è costituito dal luogo comune della "amicizia", del rapporto personale condito di baciamano, fra Berlusconi e Gheddafi; perciò è divenuto uno scontato oggetto di polemica il lungo silenzio tenuto dal governo italiano circa la repressione che starebbe avvenendo in Libia. In realtà, per tutto ciò che riguarda l'energia, è l'ENI, e soltanto l'ENI, il detentore esclusivo e storico di ogni iniziativa della politica estera italiana. Anche i colossi UniCredit, Impregilo e Finmeccanica, per i loro affari in Libia, si sono agganciati alla cordata dell'ENI.
L'effettiva capacità di Berlusconi di sostenere il suo presunto asse preferenziale con Gheddafi si è potuta verificare a Bruxelles, quando il non-ministro degli Esteri Frattini si è accodato supinamente ad una posizione di condanna verso il regime libico, ispirata per di più da un Paese in palese situazione di conflitto di interessi come la Gran Bretagna, che nella vicenda ha sposato ovviamente le tesi della sua multinazionale del petrolio, cioè la ex British Petroleum, oggi Beyond Petroleum. Frattini e lo stesso Berlusconi si sono poi fatti ripetitori delle notizie di agenzia circa le repressioni che avverrebbero in Libia, nonostante che le testimonianze degli Italiani sfollati non le confermino affatto.
Dalle "rivelazioni" di Wikileaks è uscita l'immagine di un Berlusconi debole, nel ruolo passivo di yesman nei confronti degli Stati Uniti, pur di meritarsi pacche sulle spalle nei summit internazionali. Le mezze verità rischiano però di veicolare menzogne intere, e cioè l'idea che gli Stati Uniti si limitino ad approfittare della inconsistenza umana e politica di Berlusconi, mentre invece la chiave del colonialismo è proprio quella di creare nei Paesi colonizzati delle leadership deboli ed iper-corrotte.
Il problema non riguarda solo la ricattabilità di Berlusconi, ma i ricatti paralizzanti a cui vengono sottoposti i suoi avversari, sempre timidi ed esitanti nei momenti decisivi. Persino "Il Fatto Quotidiano" oggi fa finta di dimenticarsi di aver denunciato per tre anni che la vera stampella del governo Berlusconi è stato in effetti il Presidente della Repubblica, e lo stesso quotidiano risulta ora allineato all'opera di santificazione mediatica di Napolitano, omettendo la storia dei suoi ambigui rapporti con gli USA già dall'epoca in cui militava nel Partito Comunista Italiano.
In questi decenni l'ENI ha usato la sua potenza finanziaria per imporre i propri affari ai governi di turno lasciando loro la vetrina mediatica, una vetrina di cui Berlusconi ha abusato più di tutti perché costituiva l'unico modo per mascherare la sua pochezza. Ma la politica dell'ENI da tempo sta mostrando la corda, poiché risulta evidente che un governo fantoccio di servitù coloniale agli USA non soltanto non può difendere gli affari dell'ente in questi momenti di crisi acuta, ma addirittura costituisce un nemico in più.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 17/02/2011 @ 02:26:03, in Commentario 2011, linkato 1408 volte)
La manifestazione del 13 febbraio per rivendicare la dignità delle donne è stata fatta oggetto non solo delle condanne scontate da parte dell'opinionismo filo-governativo, ma anche di molte critiche provenienti da aree di opposizione. Questo secondo tipo di obiezioni si è orientato nel senso del cosiddetto "benaltrismo", chiedendo come mai non si sia reagito prima a tutte le violazioni di diritti fondamentali avvenute negli scorsi anni. Ma questo tipo di critiche non considera che si può reagire solo a ciò di cui si è consapevoli o messi a conoscenza, perciò non vi è, in sé, nulla di sbagliato nel fatto che l'insofferenza e lo sdegno nei confronti di Berlusconi si siano "agganciati" ad un tema oggi al centro dell'attenzione. Il vero problema riguarda semmai il tentativo della guerra psicologica di rovesciare a proprio vantaggio questi slanci di ribellione, agitandovi davanti dei falsi bersagli, come appunto il "berlusconismo culturale", cioè l'idea che Berlusconi sia rappresentativo di vizi e tare storiche del popolo italiano, in questo caso del maschilismo.
In realtà in ogni Paese c'è tutto ed il contrario di tutto, ma si può considerare caratteristico di un popolo soltanto ciò che abbia tradizione e radicamento sociale, in modo da poter camminare con le proprie gambe. Se si fa un'analisi meno condizionata dagli slogan predominanti, ci si rende conto che è proprio la vitalità intrinseca del berlusconismo a risultare mancante, che il regime berlusconiano è un fenomeno posticcio, e che l'apparente forza di Berlusconi deriva esclusivamente dalla circostanza che i suoi avversari si dimostrano sempre, ed inspiegabilmente, paralizzati nei momenti decisivi.
Nella rappresentazione mediatica del conflitto permanente tra Berlusconi e la Magistratura rimane in ombra un evidente paradosso storico, riguardante il dato incontrovertibile che l'ascesa politica dell'attuale Presidente del Consiglio ha trovato le sue premesse e le sue condizioni nella dissoluzione per via giudiziaria del precedente assetto politico, quello che, con approssimazione giornalistica, viene definito "Prima Repubblica". Se la propaganda berlusconiana presenta le disavventure giudiziarie del Presidente del Consiglio come una conseguenza del suo ingresso in politica, la versione antiberlusconiana ribatte spesso, ed anche con dati di fatto, che in realtà questo ingresso in politica sarebbe stato motivato proprio dall'esigenza di trovare uno scudo, attraverso le leggi ad personam, contro le inchieste giudiziarie.
Anche la seconda - e molto più plausibile - narrazione non tiene però conto del dato che, negli anni precedenti alla candidatura di Berlusconi alla guida del governo, nel pieno della cosiddetta inchiesta "Mani Pulite", Berlusconi è stato risparmiato dall'accusa di versamento di tangenti. A suo tempo, pochi commentatori fecero notare quanto risultasse irrealistico che tra i finanziatori di Craxi non risultasse la presenza dello stesso Berlusconi; una circostanza assurda se si considera la massa di privilegi ed agevolazioni che gli erano stati elargiti dal potere politico di allora.
Un personaggio di assoluto rilievo nel panorama affaristico italiano, il padrone di Montedison Raul Gardini, fu spazzato via in poche settimane dall'inchiesta giudiziaria che lo riguardava; ed altrettanto avvenne al presidente dell'ENI, Gabriele Cagliari. La loro fine fu anche sancita dai rispettivi "suicidi", sui quali molti giornalisti si improvvisarono psicologi da strapazzo per garantircene l'attendibilità. Peraltro, nessuno dei tanti "suicidi" avvenuti all'epoca ebbe l'onore di essere oggetto di una seria inchiesta giudiziaria.
Di fronte alla geometrica potenza dimostrata dalle Procure nel liquidare Gardini e Cagliari, fa impressione l'incedere tardo ed esitante delle inchieste che hanno riguardato Berlusconi. Il giudice Di Pietro si dimise dalla Magistratura pochi giorni dopo aver assunto l'incarico di un'inchiesta riguardante Berlusconi, e quell'episodio oscuro non ha mai pesato sull'alone di "antiberlusconiano di ferro" dello stesso Di Pietro.
Se Berlusconi, che nel 2007 appariva politicamente defunto, poté rientrare alla grande, fu in parte per l'apertura di credito nei suoi confronti che gli fu assicurata dal segretario del Partito Democratico, Walter Veltroni; ma la "spallata" al governo Prodi arrivò da un'inchiesta giudiziaria che coinvolse il ministro della Giustizia, Clemente Mastella e dall'arresto della moglie di questi. Berlusconi deve perciò il suo grande ritorno nel 2008 in parte a Veltroni ed in parte alla Magistratura.
Se oggi i magistrati possono ottenere il rito immediato nei confronti di Berlusconi, lo si deve considerare esclusivamente merito suo, poiché per il più grave dei reati di cui è imputato, la concussione, è stato egli stesso a fornire le prove mentre lo commetteva. Per quanto concerne la prostituzione minorile, è stato ancora una volta Berlusconi a facilitare l'inchiesta giudiziaria, poiché, nonostante l'esplosione del caso "nipote di Mubarak", egli ha incautamente continuato a tenere i comportamenti incriminati.
Nel mito berlusconiano, sia nella sua versione positiva che in quella negativa, c'è quindi qualcosa che non funziona, ed anche la rappresentazione dello "scontro istituzionale" si scontra con la realtà di un Presidente del Consiglio fuori di testa, che si è cercato col lanternino i suoi guai giudiziari, a fronte di una Magistratura che procede di fronte all'evidenza con passo burocratico, senza dimostrare affatto il mitico "accanimento", e neppure un particolare zelo. Nell'ambito dei presunti "scontri istituzionali" viene dimenticato, o volutamente omesso, anche un altro dato di fatto, cioè che il presidente Napolitano nel novembre ultimo scorso salvò Berlusconi da un sicuro voto di sfiducia alla Camera con il pretesto dell'approvazione della Legge Finanziaria. Quel mese di tregua consentì alla ex maggioranza di ricomprarsi i voti necessari per la fiducia parlamentare, e la cosa più strana fu che i vari Fini, Casini, Bersani e Di Pietro si accodassero supinamente e senza protestare alle direttive di Napolitano.
Il vittimismo berlusconiano non può trovare nessun riscontro nei dati di fatto, e la circostanza che alcuni che si considerano oppositori si lascino ancora sedurre da questo vittimismo, al punto di voler considerare il sostegno a Berlusconi un gesto ribelle e trasgressivo rispetto all'ordine mondiale, costituisce appunto il segnale più certo dell'efficacia della guerra psicologica coloniale di cui l'Italia attualmente è bersaglio. Non si può comprendere nulla del colonialismo senza tener conto della categoria di guerra psicologica (psywar), e di tutte le tecniche con cui essa cerca di infantilizzare i popoli sottomessi, trasformando la condizione di sottomissione in un senso di inferiorità, che faccia considerare la sottomissione stessa come necessaria e desiderabile. Demoralizzazione e corruzione sono due armi complementari del dominio coloniale, perciò vanno sempre analizzate come due aspetti di un unico fenomeno.
Nell'ambito di questa psywar coloniale, si è fatto di tutto per costruire un'opinione pubblica assolutamente persuasa della rappresentatività del "berlusconismo", cioè del suo carattere inconfondibilmente "italiano", in modo che la eventuale caduta di Berlusconi possa diventare un pretesto per imporre espiazione e "sacrifici" a tutto il popolo italiano, che sarà inevitabilmente presentato come complice e corresponsabile delle malefatte del suo satrapo.
In realtà l'inesistenza del "berlusconismo culturale" è dimostrata dal fatto che ogni qual volta Berlusconi si sia trovato in difficoltà, egli ha dovuto cercare il suo supporto ideologico/narrativo in modelli di importazione. Che un capo di governo indagato rivendichi la difesa della propria privacy, non è una semplice manifestazione di faccia tosta, ma costituisce un'operazione ideologica sofisticata, che non è certo alla portata di un deficiente come Berlusconi o di un galoppino come Giuliano Ferrara. Infatti si tratta di una "Ideologia Tedesca".
Quando si è dovuto trasmettere un film da contrapporre ad "Il Caimano" di Nanni Moretti, Rai 2 non ha trovato altro che un film tedesco del 2006: il pluri-premiato "Le Vite degli Altri", il cui tema dichiarato sarebbe appunto la privacy violata dall'occhio invadente ed intrusivo del comunismo. In realtà il film è un'abile mistificazione che compie il tipico gioco delle tre carte, in cui il vero oggetto del contendere viene dissimulato attraverso un fattore di distrazione. Nel film vediamo un intellettuale della Germania Est, un privilegiato del regime, che tradisce il sistema di cui fa parte collaborando con la guerra psicologica della Germania Ovest; ma dato che la cattivissima polizia segreta, la Stasi, per cercare le prove del tradimento, gli ha piazzato dei microfoni in casa, ecco che allora la collaborazione con il nemico ci viene presentata dal film come un dettaglio irrilevante di fronte allo scandalo dell'intimità violata.
Un film del genere va ben oltre la semplice propaganda, infatti cerca di fabbricare una falsa memoria storica circa tutti gli eventi che hanno portato alla fine del cosiddetto "Socialismo Reale" dell'Est-Europa. Agli ex Tedeschi dell'Est il film dice: sì d'accordo, avevate il lavoro, la casa, le garanzie sociali, l'assistenza sanitaria onnicomprensiva e del tutto gratuita, ma non eravate felici perché la polizia comunista violava la vostra privacy, e per questo vi siete ribellati andando ad abbattere il Muro di Berlino. In questo modo la realtà storica viene letteralmente rovesciata, cercando di nascondere che le oligarchie affaristiche oggi dominanti nell'Europa dell'Est hanno la loro origine proprio nei servizi segreti. In Russia, non a caso, il vecchio KGB è diventato la Gazprom, cioè l'azienda che gestisce il business del petrolio e del gas. In altri Paesi dell'Est Europa gli ex agenti segreti sono diventati invece fiduciari delle multinazionali straniere.
Quindi il socialismo reale non è crollato per le sue difficoltà economiche o per il malcontento dal basso, ma per il paradosso dei regimi comunisti già previsto da Bakunin centocinquanta anni fa, e cioè che i controllori sarebbero sfuggiti ad ogni controllo, trasformando così i loro privilegi parziali in privilegio assoluto.
Nel film tedesco il personaggio dello scrittore è un privilegiato del regime che, insieme con i privilegi che già possiede, rivendica anche quello di non essere controllato. Ecco che il mito della originalità ideologica del berlusconismo si appanna un bel po'. C'è anche da rilevare nel film lo sfruttamento di un pregiudizio piuttosto radicato nella sinistra attuale, e cioè che la cultura conferisca una sorta di alone di innocenza, per cui un intellettuale o uno scrittore non possono essere delle spie. In effetti nel film il personaggio dello scrittore è una sorta di viscido doppiogiochista che ricorda figure realmente esistenti, come il cecoslovacco Vàclav Havel, cioè un agente segreto con un piede nei servizi segreti del proprio Paese ed un altro nei servizi segreti stranieri. Queste figure di intellettuale doppiogiochista, nei momenti di passaggio di regime, svolgono anche una funzione di mediazione tra interessi locali e stranieri. Ogni riferimento al ruolo attuale di El Baradei in Egitto è del tutto casuale.
Il film tedesco quindi considera un crimine caratteristico del comunismo quello di controllare i privilegiati non riconoscendogli l'ulteriore privilegio della privacy. La privacy è infatti un privilegio dei ricchi e potenti, mentre i poveri non se la possono permettere. Se, invece di infastidire un privilegiato, la Stasi avesse sequestrato un povero disgraziato qualsiasi e lo avesse condotto in una sorta di Guantanamo per farlo confessare con la tortura, allora nessuna "privacy" sarebbe stata violata e tutto sarebbe a posto. Dagli Stati Uniti ci hanno appena fatto sapere che Guantanamo non si chiude, quindi Guantanamo non ha niente di comunista.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


16/12/2018 @ 18:06:17
script eseguito in 70 ms