"
"Propaganda e guerra psicologica sono concetti distinti, anche se non separabili. La funzione della guerra psicologica è di far crollare il morale del nemico, provocargli uno stato confusionale tale da abbassare le sue difese e la sua volontà di resistenza all’aggressione. La guerra psicologica ha raggiunto il suo scopo, quando l’aggressore viene percepito come un salvatore."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 05/04/2012 @ 02:14:21, in Commentario 2012, linkato 1870 volte)
La compagine ministeriale di Mario Monti si sta sempre più caratterizzando come un quarto governo Berlusconi, assumendo gli stessi tratti di scompostezza e di cialtroneria della precedente esperienza governativa. C'era chi si illudeva che il nuovo Presidente del Consiglio potesse almeno evitare all'Italia le figuracce a livello internazionale elargite a piene mani nell'epoca berlusconiana, ma ha dovuto ricredersi dopo il viaggio di Monti in Asia.
Il Monti cinese ha alternato gli atteggiamenti da accattone con velleitari sussulti di autocelebrazione meramente personale, a scapito dell'immagine di un'Italia dipinta immancabilmente in modo denigratorio. Monti è apparso un continuatore del berlusconismo: una politica estera del cappello in mano e delle brache calate, insieme con un approccio comunicativo interamente distorto ai fini della propaganda interna. Resoconti di stampa tendenziosi hanno cercato poi di far credere che al governo cinese fregasse davvero qualcosa della questione della "riforma" dell'articolo 18, e che ciò potesse in qualche modo costituire un incentivo a quegli investimenti cinesi in Italia tanto invocati da Monti.
Tutta l'operazione mediatica dei giorni scorsi non ha fatto altro che rafforzare nell'opinione pubblica il mito della potenza economica emergente della Cina, ed il viaggio di Monti è servito ad enfatizzare l'immagine di un nuovo imperialismo economico di marca cinese a cui inchinarsi. Sembra la riedizione della politica estera - di berlusconiana memoria - del baciamano al falso potente di turno. La sensazione è invece che la potenza cinese emergente costituisca solo una tigre di carta, un mito gonfiato pretestuosamente in funzione di altri interessi.
In questi ultimi anni il filoamericanismo ha ripreso lena e slancio proprio nutrendosi del mito della potenza cinese emergente: se gli Stati Uniti non sono più la prima potenza economica, allora non sono più nemmeno una potenza imperialistica, quindi si può essere filoamericani senza più sensi di colpa; perciò le oltre cento basi militari USA e NATO, che controllano capillarmente il territorio in Italia, diventano un irrilevante dettaglio del paesaggio.
L'antiamericanismo è una posizione di piccole minoranze isolate, come soggetto politico consapevole non esiste a livello mondiale. Ogni tanto dei governi sono costretti ad adottare un antiamericanismo dovuto ad esigenze di immediata necessità e sopravvivenza. Occorrerebbe rileggere la storia della Cina degli anni '50 e '60 per rendersi conto che anche la mitica intransigenza rivoluzionaria del gruppo dirigente cinese di allora era solo un effetto collaterale delle continue aggressioni statunitensi. Durante la guerra del Vietnam, l'aviazione statunitense effettuò in continuazione sconfinamenti ed attacchi sul territorio cinese, sebbene la Cina non muovesse un dito per aiutare il Vietnam. Al Segretario di Stato Kissinger bastò lanciare un'esca diplomatica al gruppo dirigente cinese, e questi immediatamente si sbarazzò nel 1971 dell'ingombrante Lin Piao, ed accolse a braccia aperte Nixon nel 1972.
Per riconoscenza verso gli USA, la Cina avviò anche una spedizione militare punitiva contro il Vietnam nel 1979. Ancora adesso la Cina riserva tutta la sua aggressività esclusivamente nei confronti del Tibet, mentre si è lasciata buttare fuori senza protestare dalla Libia e dal Sudan del Sud, dove aveva importanti interessi petroliferi. Allo stesso tempo, la Cina non fa quasi nulla per proteggere Iran e Venezuela, cioè i propri principali fornitori di petrolio. La timidezza della Cina in politica estera smentisce il mito della sua emergente potenza, ma ci sarà sempre qualche filoamericano che interpreterà questa timidezza come la prova provante di recondite mire aggressive.
Come tutte le forme di razzismo, anche il filoamericanismo costituisce la falsa coscienza di gruppi criminali e dei loro numerosi aspiranti imitatori. Risulta assente ai livelli istituzionali un riconoscimento del dato di fatto, e cioè che con gli Stati Uniti è impossibile qualsiasi trattativa, poiché si tratta di un apparato politico che, storicamente, non è mai stato in grado di sviluppare processi decisionali autonomi da quelli funzionali esclusivamente all'aggressività affaristico-criminale delle corporation multinazionali. Persino la bandiera degli Stati Uniti non è altro che un'imitazione della bandiera della Compagnia delle Indie Orientali, cioè l'antenata delle attuali multinazionali. La britannica Compagnia delle Indie Orientali era nata nel '500 come società di pirateria, e poté poi comprarsi la legalizzazione agli inizi del '600.[1]
L'apparato di psicoguerra confezionato attorno alla presidenza Obama è riuscito a sfruttare abilmente proprio questo carattere estemporaneo dell'antiamericanismo. Dopo l'aggressività manifesta della presidenza Bush, si è tornati negli USA a tradizionali tattiche di understatement, cioè di dissimulazione vittimistica della propria aggressività, in modo da convincere gli "antiamericani per necessità" che lo stato di necessità sarebbe appunto cessato a causa del "declino" statunitense. La dissimulazione delle aggressioni non solo non attenua, ma aumenta l'efficacia psicologica delle aggressioni stesse.
Le operazioni di guerra psicologica vengono denominate come PSYOPS, e questa sigla contiene un evidente gioco di parole riferito al contenuto più frequente in questo tipo di operazioni. Infatti le PSYOPS non sono basate soltanto sul "false flag", ma anche sul "false friend". Io ti trancio i cavi delle funivia e ti faccio una strage, ti piscio sui cadaveri, ti brucio il Corano, ti faccio una sortita notturna per ammazzare donne e bambini, ti ammazzo "per sbaglio" un alleato ad un posto di blocco, ecc.; per non parlare dei "danni collaterali" dei bombardamenti. Tutto questo non è mai voluto, ma è sempre l'effetto di un increscioso incidente o, al massimo, è dovuto a qualcuno che ha perso la testa: "Ops!" diventa la giustificazione universale; cioè non te la puoi prendere con nessuno, perché, a ben vedere, la colpa indiretta di questo increscioso incidente è sempre della vittima.
L'esistenza delle PSYOPS viene tranquillamente riconosciuta dai militari, ed inoltre le PSYOPS non c'entrano nulla con le teorie del complotto. Eppure, ogni volta che vengono segnalate delle PSYOPS, ciò immancabilmente viene etichettato come complottismo; un'etichetta rilasciata con facilità anche da parte di settori dell'opposizione sociale. Il filoamericanismo esercita un'influenza molto più profonda e ramificata di quanto si voglia credere. [2]
La storia di quest'ultimo ventennio indica che lo sviluppo economico cinese è stato funzionale soprattutto alla de-industrializzazione dei Paesi "occidentali", cioè al drastico ridimensionamento della classe operaia, dato che una massa operaia forte e numerosa avrebbe costituito un ostacolo insormontabile alla finanziarizzazione dell'economia. Oggi persino il rapporto di lavoro tende invece a finanziarizzarsi, ed il lavoratore precarizzato diventa dipendente non tanto di un imprenditore, ma di una carta di credito che gli eroga salari, sussidi e, soprattutto, prestiti. Un welfare per banchieri, in cui anche Confindustria si rassegna al ruolo di lobbista delle banche. Questo è il senso della "riforma" della ministra Cuornero.
Le capacità di sviluppo del cino-capitalismo non sono dovute a qualità intrinseche, né tanto meno allo sfruttamento intensivo della forza-lavoro, dato che, da questo punto di vista, neanche in Italia si scherza. In realtà già nel 2010 uno studio dell'Università Cattolica di Milano metteva in evidenza che il cino-capitalismo non è affatto un'esperienza inedita, ma costituisce la riedizione del sistema delle partecipazioni statali in vigore in Italia negli anni '50 e '60: "UN MISTO TRA IRI, ENI, EFIM E PARTECIPAZIONI STATALI". [3]
Alla fine del 2011 un articolo su "The Economist" confermava il ruolo crescente e decisivo, strategico, dell'industria di Stato in Cina, osservando inoltre che il governo cinese aveva disatteso gli impegni assunti nel 2001 all'atto dell'ammissione nell'Organizzazione Mondiale per il Commercio (WTO); perciò le privatizzazioni non hanno inciso sul carattere prevalentemente pubblico dell'economia cinese. [4]
Persino il sistema bancario cinese è quasi completamente statale, sia nella proprietà che nella direzione. [5]
Ora, secondo Monti, le partecipazioni statali e le banche statali cinesi dovrebbero venire ad investire in Italia, mentre l'Italia non potrebbe dotarsi di un proprio sistema di partecipazioni e banche statali per non contravvenire ai trattati europei. Non esistono quindi virtù economiche cinesi ancora a noi sconosciute, ma semplicemente diversi gradi di disciplina coloniale nell'OMC-WTO.
La Cina può crescere a tassi del 10% annuo perché non ha smantellato le Partecipazioni Statali, come invece l'Italia è stata costretta a fare venti anni fa. Del resto tassi di sviluppo industriale del genere non sarebbero possibili senza intervento pubblico in economia, cosa che sanno benissimo anche i sedicenti liberisti. E se la Cina non fosse cresciuta a quei livelli, non sarebbe stato possibile parallelamente ridurre ed isolare il ruolo della classe operaia occidentale.
Le privatizzazioni a tappeto non sono affatto funzionali allo sviluppo industriale, ma allo sviluppo finanziario. Il liberismo non è altro che uno slogan/fiaba che serve a coprire l'assistenzialismo per banchieri. Lo dice anche la Banca Mondiale, che ha denominato il suo programma: "Financial & Private Sector Development"; cioè: privatizzazione sta per finanziarizzazione. [6]
Ma non solo la privatizzazione, anche la de-industrializzazione tout-court, oppure il soppiantamento di insediamenti industriali storici, hanno svolto in Italia una funzione decisiva in processi di colonizzazione dalle dinamiche rimaste ancora oscure. Tutta l'aneddotica razzistica sui cinesi non è mai riuscita a spiegare come sia potuto avvenire che storiche aree dell'industria tessile, come quelle di Prato e di San Giuseppe Vesuviano, siano potute passare senza colpo ferire sotto il controllo di imprenditoria cinese. Articoli di giornale, o timidi abbozzi di ricerca sociologica, sfiorano il problema, lasciando però inevasa la domanda fondamentale: oggi chi controlla davvero il territorio in Italia? A San Giuseppe Vesuviano si potrà sempre tirare in ballo la mitica camorra; ma a Prato? [7]

[1] http://it.wikipedia.org/wiki/Bandiera_della_Compagnia_inglese_delle_Indie_Orientali
[2] http://www.loccidentale.it/articolo/enduring+freedom.+le+psy+ops+italiane+in+afghanistan+.0087380
[3] http://www.cattolicanews.it/3356.html
[4] http://translate.google.it/translate?hl=it&langpair=en%7Cit&u=http://www.economist.com/node/21538159
[5] http://www.mglobale.it/Analisi/Analisi/Asia/Il_sistema_bancario_in_Cina.kl
[6] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://wwwr.worldbank.org/fpd&ei=Wi97T-29IoTR4QTSoqSIBA&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=1&ved=0CDAQ7gEwAA&prev=/search%3Fq%3Dprivate%2Band%2Bfinancial%2Bsector%2Bdevelopment%26hl%3Dit%26prmd%3Dimvns
[7] http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2010-09-13/cinesi-prato-lavorano-giorno-135451.shtml
http://sociologia.tesionline.it/sociologia/dossier.jsp?m=0801
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 12/04/2012 @ 02:49:17, in Commentario 2012, linkato 1698 volte)
Molti commentatori hanno notato l'eccessiva tempestività dell'inchiesta giudiziaria che ha colpito il vertice della Lega Nord. L'aspetto grottesco di alcuni dei commenti più "autorevoli" ha riguardato invece la rievocazione del "ruolo storico" svolto dalla Lega nel porre al centro la "questione settentrionale" e nel rappresentare le "ragioni del profondo Nord". A tutt'oggi però non si comprende quali istanze sociali ed economiche siano rappresentate - o siano state rappresentate - dalla Lega, che si è sempre manifestata come un fenomeno di mestierantismo politico artificiosamente gonfiato dai media.
Se è vero che l'attuale inchiesta giudiziaria va ad indebolire una componente della sparuta "opposizione" al governo Monti, è vero anche che sino a pochi giorni fa si trovava sulla graticola giudiziaria e mediatica un lacchè del governo come Rutelli. Appena ieri persino Vendola è finito nell'elenco degli indagati.
In questi ultimi mesi le inchieste giudiziarie hanno bombardato il sistema politico nel suo insieme, e non solo per la questione dei rimborsi elettorali. Ed anche ora i moventi "concreti" per lasciar via libera alle inchieste giudiziarie non mancano.
Venti anni fa, all'epoca di "Mani Pulite", il sistema dei partiti controllava ancora banche e partecipazioni statali. Oggi la politica controlla al massimo gli appalti locali, le municipalizzate e le casse di risparmio; ma per le privatizzazioni anche questi avanzi non sono da buttare. Nell'affarismo locale la Lega si era ritagliato la sua fetta praticamente dall'inizio, perciò non si possono presentare le sue magagne attuali come una degenerazione rispetto ai passati ideali.
Proprio la stampa ufficialmente "avversa" al leghismo, come il quotidiano "La Repubblica", ha più contribuito a consacrare i falsi miti della "buona amministrazione" e della "diversità" della Lega. Le narrazioni giornalistiche sul fenomeno Lega di questi ultimi due decenni hanno avuto la stessa pretenziosa ed elucubrata pretestuosità dei dilemmi esistenziali di Batman. Neppure i testi biblici hanno avuto altrettante esegesi dei rutti di Bossi. All'inizio degli anni '90 giornalisti "insospettabili" come Gad Lerner e Giorgio Bocca si sono fatti carico di garantire personalmente sull'autenticità del fenomeno Lega. La malafede e la faccia tosta di un Giuliano Ferrara o di un Luca Ricolfi si sono poi adoperate per far passare i leghisti come dei pensatori politici.
L'ideologia della Lega però non è mai andata oltre l'antimeridionalismo, che non è certo una sua creazione originale. L'antimeridionalismo è infatti un'invenzione delle classi dirigenti meridionali che così giustificarono la propria collaborazione coloniale all'annessionismo piemontese, appoggiato da due grandi potenze dell'epoca, la Gran Bretagna e la Prussia. Infatti, se si guarda appena oltre l'etichetta, ci si accorge che meridionalismo ed antimeridionalismo sono la stessa cosa.
Tutto il discorso leghista si è sempre fondato sulla storica coppia semantica che è in comune sia a meridionalismo che antimeridionalismo, cioè "Sud-assistenzialismo". Una coppia semantica è un accostamento di due parole che presuppongono una tesi non dimostrata, come: Oriente-dispotismo, crimini-comunismo, Islam-terrorismo, America-libertà, ecc.
La Lega è stata, ed è ancora, un movimento di supporto e di rinforzo dell'ideologia dominante, che consiste nel dare per scontato che l'assistenzialismo costituisca un'esigenza ed un problema dei poveri. L'importante è che rimanga estraneo alla coscienza comune il dato di fatto che l'assistenzialismo invece riguarda i ricchi. Anche l'anti-banchierismo della Lega rimane fermo all'enunciazione retorica, e non va mai al nocciolo del problema, cioè l'assistenzialismo per banchieri che si dissimula sotto finte motivazioni ufficiali.
In una delle sue sortite mediatiche la ministra Cuornero ha sbottato affermando che il governo attuale non è stato messo lì per distribuire caramelle. Invece le caramelle vengono distribuite eccome, ma i destinatari dei doni sono sempre le banche. Il welfare per banchieri si sta dilatando a vista d'occhio.
Tutta la linea del governo mira a rendere obbligatori i servizi bancari: conti correnti, carte di credito, ecc., aprendo forzosamente un mercato "povero" che va dai pensionati ai precari; due categorie che evidentemente costituiscono il nerbo del riciclaggio del denaro sporco. I servizi "offerti" dalle banche non sono né utili, né competitivi; si basano soltanto sull'artificioso disservizio creato in altri settori, come nel caso della domiciliazione delle bollette. Le notizie ufficiali sul crescente parassitismo bancario non mancano, solo che ci si guarda bene dal collegare questi fatti a tutti i provvedimenti governativi che stanno facendo terra bruciata di tutto quanto possa ostacolare l'invadenza bancaria.[1]
Ora si prospetta persino la graduale scomparsa del denaro contante per consentire la mitica "tracciabilità". Il tutto viene spacciato come un modo per sconfiggere l'evasione fiscale. Ma la scomparsa delle banconote e l'avvento del dominio assoluto del denaro elettronico si risolvono solo nell'onnipresente intermediazione parassitaria delle banche. Quando un'intermediazione diventa un onnipotente passaggio obbligato, non si capisce perché mai ciò dovrebbe preservare dall'evasione fiscale.
Anche l'evasione può diventare infatti un servizio bancario. Non si tratta di un'ipotesi, ma di storia recente. La banca britannica Barclays - una delle maggiori del mondo - si è specializzata nel fornire servizi di evasione fiscale. Lo scandalo era scoppiato in Gran Bretagna nel 2009 con le rivelazioni del quotidiano "The Guardian", che coinvolgevano persino due banche italiane, che si erano avvalse dei servizi di consulenza pro-evasione della stessa Barclays. La Barclays risulta avere centinaia di dipendenti addetti esclusivamente alla funzione di escogitare espedienti per l'evasione fiscale. L'operazione illegale che è stata scoperta ha il nome in codice "Brontos", e pare sia solo una delle tante.[2]
Le indagini giudiziarie svoltesi successivamente in Italia sono giunte alla incriminazione dei vertici di Unicredit ed al proscioglimento di quelli di Intesa San Paolo, così che l'ex manager di quest'ultima - ed attuale ministro delle Infrastrutture-, Corrado Passera, è uscito indenne dalle indagini. [3]
Date queste premesse, si comprende come costituisca solo un'operazione di lobbying bancario il presentare la tracciabilità come una garanzia contro l'evasione fiscale; infatti il risultato è solo di costringere gli evasori a versare una tangente alle banche.

[1] http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Economia%20e%20Lavoro/2008/12/consumatori-rincari-bollette-banche.shtml?uuid=bd9ec4f0-caa8-11dd-aea7-2c4d60adc688&DocRulesView=Libero
http://www.corriere.it/economia/12_marzo_12/puato-banche-cosi-si-evitano-supercommissioni_f0282086-6c41-11e1-bd93-2c78bee53b56.shtml
[2] http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2009/04/barclays-fisco-banche-italiane.shtml
[3] http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2011-10-19/unicredit-sotto-accusa-evasione-064320.shtml?uuid=AazFg9DE
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (37)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


18/09/2019 @ 06:51:38
script eseguito in 104 ms