"
"L'abolizione dello Stato e del diritto giuridico avrà necessariamente per effetto l'abolizione della proprietà privata e della famiglia giuridica fondata su questa proprietà."

Programma della Federazione Slava, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 25/11/2010 @ 01:39:34, in Commentario 2010, linkato 3148 volte)
Il ministro degli Interni Maroni sta avanzando la sua candidatura per succedere a Berlusconi alla Presidenza del Consiglio e sta anche cominciando a raccogliere le prime significative adesioni. All'inizio di novembre Maroni è volato in Israele, nel rituale pellegrinaggio che tutti gli uomini politici italiani devono compiere per ricevere l'avallo sionista alle proprie aspirazioni di leadership. Al suo ritorno Maroni ha affermato di aver riscosso l'apprezzamento del governo israeliano per la sua politica nei confronti dell'immigrazione che, sempre a detta di Maroni, lo stesso governo israeliano vorrebbe imitare; e, una volta tanto, c'è da credergli.
Ma il vero colpo mediatico di Maroni è consistito nello scatenamento di una fittizia polemica con Roberto Saviano, per alcune presunte dichiarazioni rilasciate da quest'ultimo nella sua trasmissione televisiva "Vieni via con me". Maroni ha accusato Saviano di aver attribuito alla Lega Nord rapporti con la 'Ndrangheta. L'accusa non rispondeva al vero, dato che Saviano aveva soltanto detto che la 'Ndrangheta "cerca" la Lega, e che vi era la documentazione giudiziaria di un colloquio tra membri dell'organizzazione malavitosa ed un esponente politico leghista, che peraltro, sempre secondo Saviano, non risulterebbe neppure indagato. Insomma, si trattava di una di quelle "rivelazioni" innocue e decaffeinate che costituiscono il nerbo del metodo-Saviano.
Sono immediatamente arrivate le superflue precisazioni per rabbonire il ministro degli Interni, di cui Saviano ha riconosciuto la "operatività". Il direttore de "La Repubblica", Ezio Mauro, con il pretesto di difendere Saviano, ha lasciato invece intendere lo scopo vero di tutta l'operazione mediatica, affermando da "Repubblica Radio TV", che Maroni sarebbe un "buon" ministro degli Interni. Era quanto occorreva per rimuovere ogni possibile obiezione dell'opposizione parlamentare ad un'eventuale incarico a Maroni per la formazione di un nuovo governo. La notizia dell'arresto di un boss dei Clan dei Casalesi è servita a coronare, con un apparente dato di fatto, il mito della "operatività" di Maroni sul fronte della lotta alla criminalità organizzata, e quindi a far dimenticare tutte le losche vicende in cui Maroni risulta implicato: dal finanziamento illecito alla Lega, allo scioglimento di Consigli Comunali troppo solleciti ad attuare la raccolta differenziata dei rifiuti, come quello di Camigliano in provincia di Caserta.
La finta lite fra Maroni e Saviano si è avviata quindi verso un "chiarimento", in cui il pubblico potrà riconoscere che in fondo i due, al di là delle polemiche, stanno dalla stessa parte della barricata. Si tratterebbe di un dato indiscutibile, anche se per motivi diversi, poiché entrambi possono rivendicare ormai delle significative benemerenze nel campo del sionismo. L'ultima sortita di Saviano a riguardo è stata la sua adesione alla manifestazione pro Israele del 7 ottobre a Roma, in cui è stato trasmesso un suo video-messaggio con sperticati elogi ad Israele, presentato come un paradiso di "tolleranza".
http://www.youtube.com/watch?v=MnosImbj0GQ
Il mito di Saviano non è stato messo in crisi solo dalle ultime sortite sioniste dello scrittore, ma ha incontrato perplessità sin dall'inizio. Il fondatore dell'Osservatorio su Camorra e Illegalità, Amato Lamberti, già assessore del centrosinistra al Comune di Napoli e presidente della Provincia di Napoli, così si esprimeva testualmente in un'intervista al giornale "Il Napoli" dell'8 marzo 2007: "I Casalesi sono stati inventati da politici che hanno nomi e cognomi. E nel libro di Saviano quei nomi non ci sono." Nell'epoca della privatizzazione dei servizi pubblici, il presentare le organizzazioni criminali come soggetti autonomi che "cercano" i loro legami con la politica, costituisce una mistificazione utile a far credere che la criminalità organizzata sia una sorta di entità aliena che può invadere certi territori altrimenti sani. In realtà le privatizzazioni costituiscono un fenomeno criminale tout court, che non potrebbe realizzarsi senza una articolata stratificazione di illegalità, che coinvolge sia politica che imprenditoria, senza neppure dimenticare il ruolo della militarizzazione del territorio e del relativo segreto militare, alla cui ombra tutto diventa possibile.
Saviano è fatto spesso oggetto di attacchi squallidi, come il fargli una colpa di essere ancora vivo o di aver fatto i soldi; ma proprio il fragore di questi insulti scomposti consente allo stesso Saviano, ed ai suoi supporter, di far finta di non udire le obiezioni vere. Ad un pubblico abituato al nulla, le mezze informazioni di Saviano sullo smaltimento dei rifiuti tossici provenienti dal Nord in Campania possono apparire degli scoop eccezionali; ma, in effetti, il savianismo non costituisce neppure un "meglio che niente", dato che serve a deviare l'attenzione su falsi bersagli.
La stessa entità del traffico di rifiuti tossici segnalato da Saviano, rende inattendibile l'attribuzione del misfatto unicamente ad una organizzazione criminale come il Clan dei Casalesi, poichè non si può controllare tante discariche abusive senza andare ad invadere le innumerevoli aree soggette alla presenza di basi militari USA e NATO, con le relative servitù militari, che finiscono per coprire più della metà del territorio della Regione. Quindi, o i Casalesi sono più potenti della NATO e degli USA, oppure i Casalesi lavorano per la NATO e per gli USA.
Poi, perché non dirci dove finiscono i rifiuti di tutte queste basi militari? Non ce lo si può dire, perché è segreto militare. Appunto. E allora perché il segreto militare non potrebbe costituire la copertura anche per un business di smaltimento di rifiuti tossici di origine industriale? E perché la Legge 123/2008, all'articolo 2 commi 4 e 5, ha stabilito che tutte le discariche e i termovalorizzatori della Campania debbano essere considerati come "aree di interesse strategico nazionale", poste sotto segreto militare?
http://www.camera.it/parlam/leggi/08123l.htm
Inoltre dal 2005 in Italia non c'è soltanto la presenza militare statunitense, poiché, grazie all'iniziativa illuminata di Gianfranco Fini, ministro degli Esteri tra il 2004 ed il 2006, il governo italiano ha firmato un accordo di collaborazione militare con Israele, sancito dalla Legge 94/2005.
http://www.parlamento.it/parlam/leggi/05094l.htm
Questa Legge si limita ad approvare un memorandum di intesa tra Italia ed Israele, nel cui testo si fa riferimento a tutti i campi di collaborazione ed alle relative procedure. Tra i campi di collaborazione, previsti all'articolo 2 del memorandum, sono elencati l'esportazione ed il transito di materiali militari e la risoluzione di problemi ambientali e di inquinamento dovuti a strutture militari. Non sembra alludere ad un traffico di rifiuti tossici?
Il testo del protocollo è reperibile all'indirizzo di un sito antimilitarista.
http://www.juragentium.unifi.it/it/surveys/palestin/ItIsr.pdf
Il modo in cui invece Saviano prospetta la questione del traffico e smaltimento dei rifiuti tossici, risulta perfetto in termini di psicoguerra coloniale, per innescare una polemica infinita tra Nord e Sud, in cui i Meridionali possono recriminare sulla cattiveria degli industriali del Nord che hanno usato il Sud come discarica, mentre i Settentrionali possono sempre replicare che il traffico in definitiva è gestito da organizzazioni criminali del Sud, che ora minacciano di controllare anche il Nord-Italia.
Per avallare e alimentare il razzismo della Lega in effetti non serviva niente di meglio che presentare il Nord sotto la minaccia dell'invasione di orde di Calabresi criminali che vorrebbero infettare il sacro suolo della Padania. In fondo, prima che Maroni facesse finta di offendersi, Saviano non aveva fatto altro che avvertire i Settentrionali del pericolo calabrese.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 25/11/2010 @ 01:35:03, in Commenti Flash, linkato 1651 volte)
C'è un'involontaria ironia nella recentissima notizia secondo cui il palazzo del parlamento tedesco a Berlino, il Reichstag, è stato parzialmente chiuso al pubblico a causa della presunta minaccia di un attentato da parte della fantomatica Al Qaeda. L'incendio del Reichstag, avvenuto il 27 febbraio del 1933, fu attribuito falsamente ai comunisti, ma costituì in effetti un auto-attentato dei nazisti, grazie al quale Hitler potè trovare il pretesto per instaturare la sua dittatura. Anche se nella Storia vi erano stati altri precedenti di auto-attentati, l'incendio del Reichstag ha finito per rappresentare un prototipo e un modello dell'auto-attentato/colpo di Stato.
Così, in occasione degli attentati dell'11 settembre 2001, non fu necessario aspettare le prove scientifiche che mettevano in dubbio la versione ufficiale, poiché saltò immediatamente agli occhi l'analogia con l'incendio del Reichstag. Anche il presidente USA, Bush, usò il suo incendio del Reichstag per attuare un colpo di Stato, cioè un commissariamento del Congresso, che fu costretto a votargli a scatola chiusa non solo leggi che ledevano i diritti degli indagati, ma soprattutto delle leggi di spesa, che costituirono il più gigantesco saccheggio di denaro pubblico della storia statunitense, a favore della cosca affaristica legata al terzetto Bush-Cheney-Rumsfeld.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


11/12/2018 @ 11:49:09
script eseguito in 71 ms