"
"Propaganda e guerra psicologica sono concetti distinti, anche se non separabili. La funzione della guerra psicologica è di far crollare il morale del nemico, provocargli uno stato confusionale tale da abbassare le sue difese e la sua volontà di resistenza all’aggressione. La guerra psicologica ha raggiunto il suo scopo, quando l’aggressore viene percepito come un salvatore."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 24/01/2019 @ 00:36:54, in Commentario 2019, linkato 6944 volte)
Dopo la bocciatura parlamentare dell’accordo d’uscita dalla UE, la premier britannica May ha annunciato l’elaborazione di un “Piano B”. I media in queste settimane si sono prodotti in una narrativa a tinte fosche sulla presunta situazione di caos istituzionale in Gran Bretagna; il tutto con un sottofondo morale: ecco cosa succede ad osare di pensare di uscire dall’Unione Europea.
Ma non c’è neppure bisogno di scomodare il mito della “perfida Albione”, ideato nel ‘600 dal teologo Bossuet, per capire che qualcosa non torna nella narrazione ufficiale e che ci si trova di fronte ad un gioco delle parti. Se la bocciatura parlamentare fosse stata un autentico incidente, il governo May sarebbe caduto. I media hanno giustificato la stranezza della sopravvivenza del governo May parlando del timore di un nuovo governo a guida laburista; ma l’argomentazione appare pretestuosa, in quanto la May avrebbe potuto essere semplicemente sostituita da un altro conservatore. Ha molto più senso quindi pensare ad una bocciatura preventivata e concordata del piano di uscita.
Il punto è che il governo britannico non ha nessun interesse ad accelerare i tempi di un accordo, poiché l’Unione Europea ha per molti aspetti l’acqua alla gola e non certo a causa delle prossime elezioni europee. Non tutti i Paesi UE hanno l’euro come moneta, ma ciò non toglie che l’euro sia l’architrave del sistema. Il comportamento della Gran Bretagna si basa probabilmente sul fatto che già sono in corso trattative tra i Paesi che contano (quindi senza l’Italia), per mettere fine alla moneta unica, divenuta insostenibile poiché, per sopravvivere, ha avuto bisogno delle continue iniezioni di liquidità del “quantitative easing”. Non c’è mai stata tanta moneta in giro, ma le regole restrittive di bilancio impediscono che arrivi all’economia reale, perciò si formano solo bolle speculative sempre più incontrollabili. L’Unione Europea è stata per la lobby della deflazione un sogno realizzato, ma oggi l’Europa è anche il buco nero dell’economia mondiale.
Anche il governo Conte si regge ormai sull’unica prospettiva di una fine dell’euro entro i prossimi due anni. Quelli che avrebbero dovuto essere i bomber della squadra di governo (il super-economista Savona e il super-giurista Barra Caracciolo), come era prevedibile e previsto, sono stati confinati sin dall’inizio in ruolo marginale e poi tenuti in panchina. Il governo Conte si rivela sempre di più come un governo di basso-bassissimo profilo, un governo di attesa di eventi che non dipendono dalla sua azione ma da scelte di altri. Se non ci fossero le opposizioni a scatenarsi nella narrazione di scenari catastrofici, sarebbe evidente che questo governo, come i precedenti, è nella linea di adattarsi ai rapporti di forza. Se ne può concludere che anche i vantaggi oggettivi della fine della moneta unica, per l’Italia risulteranno piuttosto limitati in quanto saranno sempre altri a dettare le nuove condizioni.

Ma tutto il “sovranismo” (o presunto tale) si regge in gran parte sulla narrativa dei suoi stessi oppositori. A Salvini si contesta la sua amicizia con Orban e si rinfaccia il fatto che lo stesso Orban non solidarizzi con l’Italia quando si tratta di accogliere migranti. I “muri” dell’Ungheria di Orban sono diventati un’ossessione mediatica che non regge però ad un minimo di analisi. La realtà è che l’Ungheria non rischia alcuna invasione migratoria, poiché il fiorino ungherese è una moneta troppo debole, quindi non offrirebbe ai migranti la possibilità del vantaggio, in termini di potere d’acquisto, del cambio dei propri miseri guadagni da una moneta forte ad una più debole. Se non ci fosse tanta retorica sulla migrazione, non sarebbe difficile capirlo, dato che la massa dei migranti è composta da un 80/90% di maschi, che quindi lasciano nei loro Paesi famiglie da sostenere con le rimesse e debiti da pagare. Se non ci fosse l’effetto-cambio, la migrazione si ridurrebbe a un fenomeno marginale.
Per lo stesso motivo anche Paesi come la Polonia o la Repubblica Ceca (che non hanno l’euro come moneta), non corrono alcun rischio di invasione migratoria. La Croazia, che a sua volta ha una moneta-carta straccia come la “kuna”, lascia tranquillamente passare i migranti, i quali se ne scappano immediatamente verso l’Austria e la Germania, dato che delle “kune”, come dei fiorini ungheresi o degli zloty polacchi o delle corone ceche o dei leu rumeni, non saprebbero che farsene.
L’Ungheria è quindi soltanto un potenziale corridoio di passaggio per i migranti. Impedendo quel passaggio, Orban fa semplicemente il lavoro sporco per conto della Germania ed ammanta il tutto davanti al suo popolo come difesa della razza e dei valori identitari della nazione. Il razzismo c’entra, eccome, ma solo nel senso che gli Ungheresi continuano a svolgere il loro ruolo secolare di sudditanza alle etnie germaniche. Orban aveva sì avuto il suo momento di grazia qualche anno fa, quando era riuscito a sfrattare il Fondo Monetario Internazionale dall’Ungheria, ma ora sta facendo solo propaganda. Sfrondati degli eccessi narrativi, i “sovranismi” si rivelano a sovranità molto limitata e del tutto rispettosi delle tradizionali gerarchie coloniali.

Non si può ignorare che il cosiddetto sovranismo abbia attratto anche autentico personale di sinistra. In base al dominio ideologico della destra pseudo-liberale e mondialista, questo fenomeno è stato etichettato come “rossobrunismo”, paventando una saldatura dei soliti “opposti estremismi”. In realtà il sovranismo di sinistra parte da una considerazione teorica non banale, che andrebbe analizzata. Il filosofo hegeliano-marxista Costanzo Preve sosteneva che la classe operaia si era rivelata inadeguata a svolgere un ruolo rivoluzionario anticapitalistico e che questa funzione storica andasse assunta dallo Stato. Preve se la prendeva con l’anarchismo, ritenendo che abbia contribuito, in nome di aspirazioni libertarie, alla diffidenza verso lo Stato. Nell’anarchismo Preve catalogava anche Toni Negri ed i centri sociali (avanti, c’è posto).
Preve aveva sicuramente ragione se si riferiva a certe caricature recenti dell’anarchismo in senso “anarco-liberale”, ma l’anarchismo storico è altra cosa. Lo stesso Preve del resto era un critico del mito del “progresso” e il punto da approfondire è proprio lì.
Le versioni pseudo-moderne della gerarchia sociale (lo Stato, la Legge, la democrazia parlamentare) rappresentano solo mistificazioni e dissimulazioni di gerarchie sociali tradizionali, addirittura arcaiche: gerarchie razziali e coloniali. Il razzismo “ingenuo” si basa sull’idea che tutto consista in colore della pelle, mentre in effetti i rapporti di classe ed i rapporti coloniali tra i popoli sono vissuti come gerarchie del censo e del sangue, al di là del colore della pelle. Le oligarchie continuano infatti a riprodursi per via familiare.

Ci si sottomette allo Stato, alla Legge o al principio di maggioranza, pensando che si tratti di gerarchie progredite ed evolute, del tutto impersonali, invece si tratta delle tradizionali gerarchie razziali, basate sulla mistica della legge del più forte e del sacrificio dei deboli alle esigenze dei “forti”. La povertà viene quindi allevata e coltivata per costituire un serbatoio per alimentare il benessere dei “forti”. Sintetizzando, si può dire che lo Stato non esiste e che rimane allo stadio di mera astrazione giuridica, mentre il classismo-razzismo delle lobby e delle oligarchie è una prassi concreta; lo stesso “capitalismo” è una categoria incerta, mentre l’assistenzialismo per ricchi ed il business della povertà sono il pane quotidiano.
Quanto alle questione del “soggetto” rivoluzionario, si tratta del consueto metodo marxista del mettere il carro davanti ai buoi. Prima del “soggetto”, viene l’oggetto, cioè la questione della redistribuzione del reddito. Il movimento operaio è stato sconfitto negli anni ’80, ma si era suicidato da prima, alla fine degli anni ’70, quando è stato indotto a misconoscere il carattere eminentemente politico della rivendicazione salariale.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 17/01/2019 @ 00:15:10, in Commentario 2019, linkato 5510 volte)
Salvini ha potuto pavoneggiarsi per la cattura ed estradizione di Cesare Battisti ma, anche in questo caso, egli è andato solo a riscuotere il favore che in questi anni gli ha fatto la sedicente “sinistra”. Sono stati infatti i partiti e la stampa di “sinistra” ad alimentare per quaranta anni il clima di odio e di regolamento di conti contro i movimenti degli anni ’70, trasformando in “terroristi” personaggi nei confronti dei quali vi erano solo sospetti. Si è assistito così ad una sorta di maccartismo di “sinistra”, generato dapprima dal vecchio PCI contro i suoi concorrenti a sinistra e che ha coinvolto poi l’intero sistema politico, in tutte le sue ridenominazioni, in modo assolutamente trasversale.
Le prove sono state fabbricate attraverso dubbie testimonianze ed artifici giuridici come il “concorso morale”. Il castello accusatorio ha retto grazie all’omertà giudiziaria, in base alla quale ogni magistrato confermava acriticamente quanto avevano fatto gli inquirenti precedenti. Ma neanche l’omertà giudiziaria sarebbe bastata se a criminalizzare i dubbi non fossero intervenuti ogni volta i leader e i quotidiani di “sinistra”, i quali hanno inventato a supporto addirittura una nuova aristocrazia del sangue: i ”Parenti delle Vittime”.
Ora è la destra a conseguire gli allori per tutta questa opera di vendetta sociale, potendosi magari permettere di accusare la stessa “sinistra” di non aver saputo consegnare Battisti alla Giustizia perché “connivente”. Regolamento di conti su regolamento di conti. L’ex Presidente della Repubblica Napolitano, che di Battisti è stato uno dei principali persecutori, ha cercato in questi giorni di prevenire le accuse scaricando tutte le “colpe” su Lula. Un atto davvero vile, se si considera che Lula è in carcere in Brasile per inconsistenti imputazioni di corruzione. Questa precipitosa “excusatio”, con tanto di “accusatio” annessa, non ha ottenuto altro che di esporre maggiormente Napolitano agli strali della destra. Chi di malafede ferisce, di malafede perisce.
Le torve buffonate del ministro degli Interni e del ministro della Giustizia, la loro esibizione del detenuto come un trofeo, hanno suscitato le reazioni scandalizzate di un giornale di destra a diffusione condominiale come “Il Foglio” (da “sinistra” non si sarebbe mai osato tanto). D’altra parte, in una campagna d’odio durata quasi quaranta anni, appare adesso un po’ ipocrita lamentarsi per la circostanza che, dopo aver fatto trenta, si sia fatto anche trentuno.
Si sta preparando un clima di regolamento di conti anche contro gli attuali “terroristi” in pectore, cioè i cosiddetti “Gilet Gialli”. Mentre Macron finge delle “aperture al dialogo” che non promettono nulla di buono, i media rilanciano intanto video in cui si vedono giornalisti picchiati dai manifestanti francesi; dimenticandosi ovviamente del ruolo delatorio e mistificatorio degli stessi media, che rilanciano sistematicamente immagini colpevolizzanti, decontestualizzandole completamente dalla situazione di provocazione poliziesca in cui si sono sviluppate. Anche in Italia si è assistito alla esposizione al pubblico ludibrio mediatico di una povera insegnante, le cui reazioni scomposte sarebbero state pienamente comprensibili, se valutate come effetto del trauma psicologico causato dalla visione di un pestaggio poliziesco.

Quando fa comodo al potere, anche il “complottismo” può essere riabilitato. Il governo francese ha infatti approfittato prontamente delle goffe avances di Luigi Di Maio ai Gilet Gialli, per accusare tutto il movimento di essere finanziato e fomentato dall’estero.
In realtà l’insurrezionalismo fa parte della tradizione ed anche dell’orgoglio nazionale francese e, non a caso, i moti di piazza sono stati santificati ed iconizzati da Victor Hugo nel romanzo “I Miserabili”. Ma quando cominceranno i regolamenti di conti in Francia, neppure Victor Hugo se la passerà tanto liscia. Del resto a suo tempo Eugenio Scalfari, nel suo furore anti-brigatista, una volta si spinse a criminalizzare persino Sofocle, dicendo che la tragedia “Antigone” difende il terrorismo.
I “Gilet Gialli” costituiscono un fenomeno socialmente ed ideologicamente composito e quindi ancora indefinibile. Tutti i movimenti insurrezionali hanno infatti il fiato corto: più passa il tempo, più risulta facile reprimerli e criminalizzarli, mistificandone l’immagine. I media stanno già preparando il clima per il regolamento di conti che, con tutta probabilità, si cercherà di proseguire negli anni a venire, anche quando il movimento sarà solo un ricordo.

Sono comunque chiare le motivazioni del movimento, in particolare l’insofferenza al lobbismo mascherato da politica, cioè degli interessi dei potentati che si spacciano come innovazione e progresso attraverso tecniche pubblicitarie. In Italia il lobbismo mascherato da politica è stato identificato nella persona di Renzi, il quale però ha generosamente offerto con il referendum costituzionale l’occasione per concentrare e sfogare l’insofferenza nei suoi confronti.
A sua volta Macron aveva cercato di spacciare l’ennesimo aumento delle accise sulla benzina - e l’ennesimo trasferimento di risorse dai poveri ai ricchi -, come una tassa “ecologica”. Il lobbismo di Macron e della finta politica in genere costituisce il bersaglio chiaro ed evidente della protesta. L’individuazione di questo bersaglio costituirà probabilmente il lascito duraturo dei Gilet Gialli anche quando il movimento si sarà esaurito.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


10/12/2019 @ 09:50:30
script eseguito in 107 ms