"
"Feuerbach aveva in parte ragione quando diceva che l'Uomo proietta nel fantasma divino i suoi propri fantasmi, attribuendogli la sua ansia di dominio, la sua invadenza camuffata di bontà, la sua ondivaga morale. Anche quando dubita dell'esistenza di Dio, in realtà l'Uomo non fa altro che dubitare della propria stessa esistenza."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

*1 In Israele, un paese laboratorio dove si è più vaccinato, una grande ricerca fatta sul 26% della popolazione totale (2.300.000 circa) ha mostrato che l’immunità dopo infezione naturale risulta molto più efficace e durevole di quella da vaccino con dose doppia.

*2  Si dice che vanno vaccinati tutti gli ultra 50enni, anche per evitare che il Coronavirus continui a circolare, infettando gli altri. L’infettività si ha in genere un paio di giorni prima dei sintomi e per 5-7 giorni dopo. In adulti ricoverati la media è stata 7 giorni. In una rasse­gna di 79 studi, nessuno ha trovato virus vivi, in­fettivi, oltre i 9 giorni di malattia: può persistere l’eliminazione di RNA virale, ma non infettante.

* 3 Stati Uniti: in merito ad adolescenti e bambini, i rischi importanti di Covid in età pediatrica sono minimi e gli effetti avversi dei vaccini fre­quenti e in potenza gravi, ma ancor più perché l’infezione naturale dà una protezione più robusta e duratura (anche) verso la variante Delta.

*4 Qatar, uno dei paesi al mondo in cui si è più vaccinato (90% della popolazione totale). Un ampio studio osservazionale ha indaga­to l’efficacia del vaccino Pfizer-BioNTech verso le infezioni da SarS-Cov-2 asintomatiche, con sintomi o con esito in ricoveri o decessi, dal 1° gennaio al 15 agosto 2021. L’efficacia del vaccino Pfizer era molto alta verso ricoveri e morti, pur con segnale di ridu­zione a 6 mesi (circa 64%); meno alta contro in­fezioni asintomatiche e sintomatiche, in cui è risultata:
NEGATIVA nei 13 giorni dopo la 1a dose (un significativo +10% di infezioni rispetto ai non vaccinati, AUMENTATA dopo 14 giorni dalla 1° dose, con massimo oltre al 70% a 1 - 3 mesi dalla 2° a dose, RIDOTTA rapidamente fino ad azzerarsi tra 5 e 6 mesi dalla 2° dose, NEGATIVA di nuovo in modo significati­vo dai 6 mesi dalla 2° dose, con aumento rispetto ai non vaccinati: +70% per le forme asintomatiche, +140% per le forme con sintomi

* 5 Si dice che bambini e ragazzi aumentano i contagi, perché sarebbero “serbatoi” del virus che causa Covid-19. Un bambino infettato in genere è asintoma­tico o ha sintomi lievi e guarisce in fretta, otte­nendo un’immunità duratura, utilissima per au­mentare l’immunità generale nella comunità.
La maggior infettività si ha nei due giorni che precedono i sintomi, fino al 5° giorno dalla loro comparsa. In un’analisi combinata di 79 ricerche, nessuna ha riportato virus capaci di infettare oltre il 9° giorno (benché la PCR potesse ancora rilevare frammenti di virus non infettanti). I bambini avevano decorsi in media più brevi.
I bambini che si infettano possono restare contagiosi una settimana circa in un anno, nelle altre 51 settimane dell’anno sono diventati immuni.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 04/11/2021 @ 00:12:53, in Commentario 2021, linkato 6863 volte)
L'emergenza è la droga del potere. In Italia il sistema di potere, non solo il ceto politico ma l’intero establishment, è da trent'anni drogato di emergenza e deve sostenersi con dosi sempre maggiori della sua droga. Come la “controcultura” degli anni ’60 cantava le lodi e le virtù della marijuana e dell’allucinogeno LSD, anche i nostri attuali drogati di emergenza, come Prodi e Monti, celebrano le virtù salvifiche della loro droga, con il condimento delle proprie personali allucinazioni sul futuro dell'Europa. I nostri drogati di emergenza sono quindi diventati anche spacciatori di emergenzialismo in campo internazionale, acquisendo peso e protagonismo, permettendosi persino di dettare le scadenze agli altri Paesi.
L’emergenza consente di attuare un golpismo permanente, scavalcando il sistema giuridico-istituzionale e le resistenze sociali, creando al tempo stesso euforia in gran parte della popolazione, con tanto di attese palingenetiche da una parte e di aspirazioni al regolamento di conti dall’altra. Per dirla alla Ennio Flaiano, l’emergenza ha il cuore a sinistra e il portafoglio a destra. Il cuore a sinistra perché l’emergenza esige “solidarietà”, anzi produce fiumi di retorica solidaristica; ma il portafoglio è a destra, perché l’emergenza si risolve sempre in assistenzialismo per ricchi. Dal punto di vista funzionale l’emergenzialismo può essere definito come una falsa retorica socialista finalizzata alla concentrazione forzosa dei capitali. Il professor Mario Monti è un vero artista in questa arte retorica, con cui spesso riesce ad incantare anche analisti tutt'altro che sprovveduti.
In clima di emergenza l'apparato previdenziale ed assistenziale, che dovrebbe aiutare i poveri, diventa in effetti un bancomat da cui i ricchi possono prelevare. Sono trent'anni che dalle pensioni si spreme assistenzialismo per banchieri, obbligando i pensionati ad aprire un conto corrente, o assistenzialismo per manager, costringendo l’INPS ad assorbire quella voragine finanziaria che era l’INPDAI. Ora anche quel sussidio di disoccupazione che è il cosiddetto Reddito di Cittadinanza, è stato riconvertito in assistenzialismo per agenzie private di lavoro interinale.
Draghi elargisce pacche sulle spalle a Landini, ma poi si rifiuta di negoziare con lui, e lo invita a Palazzo Chigi solo per prenderlo regolarmente a pesci in faccia. Qualcuno potrebbe pensare che Draghi sia una personalità bipolare, come quel riccone del film “Luci della Città”, che di notte abbraccia Charlot e di giorno lo fa cacciare di casa. In realtà il fatto è che semplicemente non c’è nulla da negoziare: le risorse sono solo ed esclusivamente per i ricchi. Mai sottovalutare l’avarizia dell’oligarchia.

Alcuni oppositori del Green Pass lo paragonano al sistema del credito sociale cinese, che è una specie di patente a punti: se fai il bravo ti concedo certe cose, se fai il renitente ti castigo. C'è del vero, infatti l’idea base del Green Pass è stata copiata dal modello di controllo digitale della società che si vuole costruire in Cina. Ma c’è anche una differenza sostanziale. Il gruppo dirigente cinese sta aumentando il reddito della popolazione, ma in cambio esige disciplina; quindi quel sistema infame prevede comunque un “do ut des”.
Il sistema di controllo sociale avviato in Italia invece prevede solo il “des”, cioè è unicamente finalizzato a spremere la popolazione ed a scacciare dal mercato una serie di piccole aziende. La sola gratificazione concessa agli allineati è di vedere i non allineati trattati peggio di loro. D'altra parte ogni maltrattamento inflitto ai non allineati, non fa altro che anticipare e prefigurare angherie che verranno scaricate di lì a poco anche sui più servili e ligi alle bizzose direttive del governo. L’emergenzialismo prevede infatti sempre nuove restrizioni e l'assunzione perenne di altre dosi non solo di vaccino ma soprattutto di emergenza.

L’emergenzialismo ha trasformato l’Italia da regime parlamentare/repubblicano in un presidenzialismo di fatto, che funziona da più di dieci anni come una monarchia assoluta; tanto che Napolitano e Mattarella sono stati praticamente divinizzati dai media, alla stregua dei faraoni egizi, ed ogni critica nei loro confronti è stata equiparata al terrorismo. La lotta furiosa per la conquista della presidenza della ex repubblica si consuma, ovviamente, a colpi di emergenza.
Il presidente Mattarella ha impedito la risoluzione parlamentare della crisi del governo Conte bis per imporre Draghi, al preciso scopo di bruciare il suo principale concorrente nella corsa al Quirinale. Come ogni faraone anche Mattarella aspira all'immortalità, ed infatti l’endorsement nei confronti del rinnovo del mandato di Mattarella si esprime nel mantra mediatico secondo cui sarebbe indispensabile che Draghi rimanga a Palazzo Chigi, poiché solo lui avrebbe le mirabolanti capacità di guidare il governo nell'attuazione del PNRR. La cosa farebbe sorridere, se si considera che quel piano demenziale è una mera successione di intenti senza alcuna consequenzialità.
In questa fase Draghi appare come il despota o la guida suprema, mentre in effetti la sua posizione è abbastanza critica. Non che le preoccupazioni di Draghi per la sua sorte personale ci commuovano più di tanto; il punto vero è invece che il conflitto per il potere in Italia non ha affatto trovato un suo esito e rischia semmai di diventare ancora più aspro, mietendo molte vittime civili.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (52)
Commentario 2022 (40)
Commenti Flash (61)
Documenti (30)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (10)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (26)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (18)
Riceviamo e pubblichiamo (1)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


04/10/2022 @ 19:40:34
script eseguito in 91 ms