"
"Politically correct" è l'etichetta sarcastica che la destra americana riserva a coloro che evitano gli eccessi del razzismo verbale. "Politicamente corretto" è diventata la locuzione spregiativa preferita ovunque dalla destra. In un periodo in cui non c'è più differenza pratica tra destra e "sinistra", la destra rivendica almeno la sguaiataggine come proprio tratto distintivo."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 04/03/2010 @ 01:45:33, in Commentario 2010, linkato 1653 volte)
Il 24 febbraio ultimo scorso la Commissione Finanze della Camera ha eliminato la norma che fissava un tetto agli stipendi dei manager, già approvata al Senato su proposta di un parlamentare dell’Italia dei Valori. Il ministro Tremonti - colto evidentemente in una giornata in cui non vestiva i panni del “no global” - aveva anticipato a suo tempo che la norma sarebbe stata eliminata, in quanto, secondo lui, avrebbe costituito un’indebita intromissione nelle regole del “mercato”. In realtà gli stipendi dei manager non vengono fissati dal mercato - ammesso che una cosa inesistente come il “mercato” possa fissare qualcosa -, bensì dagli stessi manager che ne beneficiano; perciò stabilire un limite a questi autobenefici avrebbe costituito una norma di semplice buon senso.
Al contrario, la norma che fissava il tetto è stata abolita con un voto unanime dalla Commissione, e persino l’Italia dei Valori si è data assente per favorire questa abolizione. Il Partito Democratico ha giustificato il suo voto appellandosi ad una non meglio precisata direttiva europea, mentre il presidente della Commissione, il berlusconiano Soglia, ha addirittura definito “stalinista” l’idea di fissare un tetto ai privilegi dei manager. Insomma, ogni tentativo di limitare i privilegi porta con sé lo spettro del gulag, e solo i demoni dell’ideologia possono pensare di turbare, con conseguenze nefaste, i delicati equilibri della natura, di cui il “mercato” sarebbe espressione. Con questo pretesto, privilegiati e affaristi possono permettersi di esibire una sorta di onorificenza di vittima di Stalin ad honorem.
Questo schema propagandistico così rozzo ed elementare deve il suo successo al fatto che dal 1956 - dal XX Congresso del Partito Comunista Sovietico -, la sinistra ha fatto proprio l’antistalinismo della propaganda occidentalista. Ovviamente non si tratta di un antistalinismo basato sullo Stalin vero, quello storico, che, ad esempio, nel 1936 sacrificava la lealtà nei confronti del proletariato spagnolo ai contratti che aveva con Mussolini (nel 1936 l’Italia fascista era il principale partner commerciale dell'Unione Sovietica); tanto meno si parla dello Stalin che nel 1948 sacrificava il popolo palestinese agli accordi commerciali della Russia con la British Petroleum, il grande protettore dello Stato d’Israele.
Tutti questi Stalin non interessano la propaganda ufficiale, mentre fa molto gioco riferirsi allo Stalin del Gulag, le cui cifre, gonfiate attraverso stime arbitrarie, a tutt’oggi però non riescono ancora ad eguagliare le dimensioni del gulag statunitense, nel quale, almeno dagli anni ’20 una popolazione carceraria, in media di due milioni di detenuti, risulta ufficialmente utilizzata per lavoro schiavistico. Risulta strano poi che il Solzenicyn anticomunista di "Arcipelago Gulag" fosse santificato e pubblicato/distribuito dalla solita Mondadori, mentre il Solzenicyn antisemita di "Due Secoli Insieme" venga ignorato dai media ufficiali e debba accontentarsi delle edizioni della fascista "Controcorrente". Eppure nel pensiero di Solzenicyn il nesso tra anticomunismo ed antisemitismo era sempre stato evidente.
Anche la questione del culto della personalità instaurato da Stalin risulta pretestuosa se paragonata a quanto avveniva ovunque negli anni '30. Il culto della personalità di Roosevelt negli USA non fu da meno, e basta la visione dei film hollywoodiani dell'epoca per rendersi conto che il presidente degli Stati Uniti era oggetto di una divinizzazione mediatica. Roosevelt fu anche responsabile dell'internamento in campi di concentramento di milioni di cittadini giapponesi immigrati, che vennero sequestrati persino in America Latina. Molti di quei giapponesi morirono di stenti e malattie, e si può facilmente immaginare cosa sarebbe successo di tutti loro se le sorti della seconda guerra mondiale avessero preso una piega tale da mettere in forse gli approvvigionamenti alimentari negli Stati Uniti. L'universo concentrazionario, il terrorismo di Stato e il culto della personalità fecero parte del "normale" standard internazionale degli anni '30 (e, in gran parte, anche dello standard attuale); e ciò dovrebbe mettere in guardia sia contro il mito negativo di Stalin, sia contro la tentazione di trasformare nuovamente Stalin in un'icona dell'antagonismo.
La propaganda della destra ha però vita facile, poiché da mezzo secolo è la sinistra a farsi carico di costruire un mito negativo di Stalin funzionale agli interessi dell’affarismo dominante. Un anno prima del XX Congresso del PCUS, nel 1955, la CIA finanziava la produzione di un cartone animato britannico, basato sul testo de “La Fattoria degli Animali”, dello scrittore inglese George Orwell, a sua volta collaboratore dei servizi segreti britannici. La mistificazione di Orwell consisteva nel presentare la rivoluzione russa come una sorta di esperimento sociale chiuso in se stesso, mettendo da parte la storia delle aggressioni colonialistiche subite dalla Russia dal 1917 in poi, da parte di Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti. L'efficacia di questo tipo di propaganda può essere misurata dall'effetto che ebbe sulla stessa Russia.
Alla morte di Stalin, in Russia non vi era infatti la consapevolezza di essere sotto un’aggressione coloniale, per cui un Kruscev poté pensare di ingraziarsi gli “Occidentali” semplicemente adottando la loro propaganda. Ma si sarebbe risvegliato dal sogno molto presto. Una volta disilluso della possibilità di trovare un accomodamento con l'insaziabile aggressività coloniale statunitense, Kruscev dimostrò poi una maggiore sensibilità rispetto a Stalin verso la questione della lotta anticoloniale dei popoli oppressi; ma si trattò di una sensibilità estemporanea, priva di approfondimento strategico.
Nel racconto di Orwell, il padrone umano della Fattoria degli Animali risultava liquidato una volta per tutte, mentre nella storia reale dell'Unione Sovietica la British Petroleum ha sempre continuato a svolgere un ruolo, e la storia successiva ha dimostrato che la multinazionale del petrolio non aveva mai perso gli agganci interni. Durante il regime di Boris Eltsin la multinazionale BP poté fare il suo rientro trionfale in Russia: le cosiddette "riforme economiche" provocarono un aumento verticale della mortalità nei Paesi dell'ex "socialismo reale", perciò alla fine le vittime di Eltsin sono state molte più di quelle di Stalin. Eltsin non esitò a bombardare il proprio parlamento quando questo volle opporsi alla colonizzazione della Russia, ma nel sedicente Occidente l'apertura o chiusura del rubinetto dell'indignazione viene operata esclusivamente in funzione degli interessi affaristici delle multinazionali. In un dibattito televisivo, Marco Rizzo fece riferimento alle statistiche sul brusco incremento della mortalità provocato dalle "riforme di Eltsin, ma fu rimbeccato da Margherita Boniver - ex craxiana ed oggi berlusconiana -, la quale gli obiettò sbrigativamente che i due milioni di morti di Eltsin sono bazzecole se paragonati ai trenta milioni ammazzati da Stalin. Il bello è che Marco Rizzo si tenne quella replica, senza contestare che quella cifra di trenta milioni non ha alcun riscontro storico. Il fatto è che lo stalinismo costituisce ormai una categoria mitica dell'orrore, in cui tutto diventa credibile e non c'è mai bisogno di portare prove.
Il successore di Eltsin, Vladimir Putin, è riuscito in seguito ad estromettere la multinazionale BP dalla Russia, cosa che ha procurato a Putin la consueta criminalizzazione da parte dei media del sedicente Occidente. Che Putin sia un criminale è probabile, ma i media "occidentali" se ne sono accorti non dopo la strage di Beslan, bensì solo quando sono stati toccati gli interessi della BP; e i capi d'accusa non riguardano i crimini veri di Beslan, ma accuse immaginarie come quella dell'assassinio della giornalista Politkovskaja, o ancora più improbabili omicidi al polonio radioattivo. Il problema è che il caso di Beslan assomiglia troppo a quello delle Torri Gemelle, perciò è meglio per i media sorvolare.
La propaganda attuale sulla violazione dei diritti umani in Russia fa quindi parte di una secolare psico-guerra coloniale contro la stessa Russia, di cui solo oggi si comincia a diventare consapevoli. La propaganda colonialistica si fonda appunto sulla rimozione del colonialismo stesso, che viene sostituito dai fantasmi di astratti modelli sociali in lotta tra loro. Nell'epoca del presunto tramonto delle ideologie, tutti gli eventi vengono invece letti dalla propaganda ufficiale in termini di scontro di ideologie, soprattutto quando sono gli affari i veri soggetti in campo.
Rimossa la questione storica dell’aggressione colonialistica del sedicente Occidente verso la Russia, e rimossa anche la questione delle guerre civili fomentate in Russia dal colonialismo, anche alla propaganda di Orwell era risultato agevole presentare Stalin e i bolscevichi ora come dei paranoici ossessionati dalle proprie utopie, ora come traditori votati ai propri privilegi personali.
Negli anni ’70 la RAI mandò in onda varie volte il cartone animato “La Fattoria degli Animali”; e in occasione di una di queste messe in onda, nel 1977, avvenne un episodio curioso ed istruttivo. Un lettore del quotidiano “Il Giornale” - allora ancora diretto dal suo fondatore, Indro Montanelli - spedì una lettera indignata al suo direttore, lamentandosi che la RAI avesse trasmesso un cartone animato di propaganda comunista che alimentava l’odio verso i “datori di lavoro”. Il lettore de “Il Giornale” aveva quindi confuso la propaganda della CIA contro i bolscevichi come se si trattasse di un attacco ai padroni. Montanelli però si guardò bene dal chiarire l’equivoco, poiché rientrava perfettamente nella mistificazione dominante: i presunti comunisti si fanno carico di diffondere la propaganda anticomunista, mentre gli anticomunisti possono recitare la parte delle vittime accerchiate dall’invadenza di una presunta propaganda di sinistra.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 25/02/2010 @ 01:35:18, in Commentario 2010, linkato 1283 volte)
Nel 1941, nell’Italia fascista, venne pubblicato un rivoltante opuscoletto di propaganda bellica, dal titolo “Bastardi Mediterranei”, in cui si cercava di dimostrare l’inferiorità razziale del popolo greco. Per il fascismo italiano del 1941, l’inferiorità di un popolo dunque costituiva ancora un oggetto di dimostrazione, mentre, per il superfascismo occidentalistico attuale, l’inferiorità di certi popoli rappresenta un dato scontato, che non ci si dà neppure più la pena di argomentare.
Nell’Europa di oggi si discute perciò della sorte della Grecia allo stesso modo in cui lo si faceva alla fine dell’800 per decidere il destino di un popolo africano. La dominazione coloniale ha quindi invaso anche l’Europa e ne costituisce ora il senso comune. La stampa anglosassone, o "anglo-germanica", ha coniato per i Paesi reprobi dell'Unione Europea l'acronimo di P.I.G.S. (Portogallo, Irlanda, Grecia, Spagna); una sigla che vuole rimarcare il segno della condizione di inferiorità morale e politica di questi Paesi, additati pretestuosamente come le palle al piede dell'Unione Europea. Il vero volto colonialistico della finzione istituzionale detta Unione Europea, si rivela adesso all’opinione pubblica senza più pudori; senza però che l’opinione pubblica abbia più a disposizione i criteri per discernere e capire quanto la situazione sia cambiata in Europa dopo la caduta del Muro di Berlino. In base alla mistificazione imperante, nel sedicente Occidente vigerebbe la "libertà di parola", quando invece tutta la comunicazione è interamente costretta all'interno degli slogan ufficiali, che impongono il fumoso neologismo "globalizzazione" al posto dell'esplicito termine di colonialismo; perciò è permesso criticare solo ciò che non esiste: ci si può dire infatti "no global", ma non esiste la possibilità di essere "no colonial". La Grecia è oggi accusata dai media mondiali di "aver vissuto al di sopra dei propri mezzi", uno slogan ossessivamente ricorrente, che fu coniato dal Fondo Monetario Internazionale nel 1946, con lo scopo di ridurre ad una condizione di sudditanza psicologica e politica i Paesi che ne vengono etichettati. Le difficoltà di bilancio dello Stato greco hanno in realtà un’origine ben diversa, e riguardano l’imposizione delle cosiddette norme di “libera concorrenza” da parte dell’Unione Europea. “Libera concorrenza” costituisce lo pseudonimo delle privatizzazioni, che nulla hanno a che fare con la “libera concorrenza” (una figura mitica, non più realistica di fate, folletti e gnomi), ma hanno invece molto a che vedere con il saccheggio del denaro pubblico.
Anche lo Stato greco ha dovuto infatti anticipare a soggetti privati, sia nazionali che multinazionali, i finanziamenti per farli entrare in possesso di aziende e servizi pubblici. Anche lo Stato greco ha dovuto regolarmente soccorrere con sussidi pubblici i bilanci dei privati, ciò mentre era costretto a rinunciare alle entrate che una volta gli enti pubblici gli procuravano. L’inganno della propaganda ufficiale intanto continua a confondere la spesa sociale - l’assistenza per i poveri - e la spesa pubblica, nascondendo che i finanziamenti statali finiscono nella maggior parte nelle tasche dei privati, cioè nell’assistenzialismo per i ricchi.
Ora che le casse dello Stato greco sono state prosciugate dall’assistenzialismo per ricchi - che proprio l’Unione Europea ha imposto -, la Grecia viene esposta al ludibrio dell’opinione pubblica internazionale per la sua presunta inettitudine ad amministrarsi da sola. In questo contesto suona come un'ulteriore beffa la proposta di Berlusconi di affidare la Grecia alle dirette cure del Fondo Monetario Internazionale; cure che si sono dimostrate già micidiali per tutti i Paesi che le hanno dovute subire, come quelli dell’ex Europa dell’Est, già diventati da tempo delle colonie dirette del FMI. In effetti il FMI è già il vero padrone dell'Unione Europea e della Banca Centrale Europea, ma le crisi di bilancio di molti Paesi europei consentirebbero ora al colonialismo del FMI di scavalcare le mediazioni e le finzioni giuridiche, "commissariando" l'Unione Europea pezzo per pezzo.
Ci sarebbe un modo pratico e diretto per migliorare i conti pubblici della Grecia e degli altri Paesi in difficoltà, e consisterebbe nel bloccare le costosissime privatizzazioni, ma il fatto che questa misura non venga nemmeno presa in considerazione, costituisce la dimostrazione che queste false emergenze finanziarie tendono sempre allo stesso scopo: smantellare ovunque qualsiasi residuo di economia pubblica e di amministrazione pubblica. Infatti alla Grecia si impongono drastici tagli alla spesa sociale, ma, al contempo, si ordina di accelerare sul pedale delle “liberalizzazioni” (altro eufemismo per privatizzazioni); eppure anche il più feroce risparmio sulla spesa sociale potrà incidere sui conti pubblici al massimo per qualche frazione di punto, mentre l’onere delle privatizzazioni peserà sui bilanci statali in modo crescente e insostenibile.
C’è però un altro aspetto nella proposta di Berlusconi che riguarda direttamente l’Italia, la quale rischia a sua volta di finire a breve nel mirino dell'Unione Europea a causa del suo deficit di bilancio.
Offrendo la Grecia al commissariamento del Fondo Monetario Internazionale, Berlusconi implicitamente consegna alla stessa sorte anche l’Italia, proprio perché questa potrebbe trovarsi di qui a poco nelle stesse condizioni della Grecia. Tutte le mosse di Berlusconi di questi ultimi mesi rappresentano un suo disperato tentativo di riconquistare la fiducia del FMI, per dissuaderlo dal proposito di sostituirlo alla guida del governo italiano con Gianfranco Fini. La raffica di privatizzazioni natalizie, gli attacchi all’ENI, le piaggerie verso il FMI dei giorni scorsi, costituiscono tutte mosse di Berlusconi in tal senso, per poter ancora dimostrare di essere un servo fedele e zelante del colonialismo. Ma proprio l’eccesso di zelo potrebbe danneggiarlo, causando reazioni inaspettate, come è accaduto con lo scandalo che ha investito la Protezione Civile.
Le intercettazioni telefoniche che oggi inchiodano i responsabili della Protezione Civile, e la loro coda di profittatori privati, sconcertano per la loro efficacia accusatoria e probatoria. Per un’opinione pubblica abituata a farsi propinare come scoop la registrazione di conversazioni generiche e poco significative, ciò costituisce forse una differenza non percepibile. In realtà si può essere riusciti a far sbottonare tanto degli affaristi nelle loro conversazioni telefoniche soltanto con l’azione di agenti provocatori addestrati dai servizi segreti. Ciò esclude che le intercettazioni siano solo frutto delle inchieste della magistratura, e vuol dire anche che da almeno due anni i settori dello Stato che si sentono minacciati dalle privatizzazioni stavano affilando le armi contro Berlusconi per prevenire sue eventuali mosse.
Tutto ciò potrebbe rafforzare la posizione di Gianfranco Fini presso il FMI, che può ritenere più adatto alle sue esigenze un uomo che proviene da una forza politica come il Movimento Sociale Italiano, legata a doppio filo alle Forze Armate, alla Polizia, ai Carabinieri ed ai servizi segreti. Sempre che le ultime sortite dell’ex missino Ignazio La Russa, con i suoi propositi di privatizzazione della Difesa, non abbiano già bruciato la credibilità degli ex missini presso sbirri e militari.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (25)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


24/06/2019 @ 11:05:00
script eseguito in 526 ms