"
"Il capitalismo non è altro che il rubare ai poveri per dare ai ricchi, e lo scopo della guerra psicologica è quello di far passare il vampiro per un donatore di sangue; perciò il circondarsi di folle di bisognosi da accarezzare, può risultare utile ad alimentare la mistificazione."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 01/03/2018 @ 00:04:44, in Commentario 2018, linkato 2893 volte)
La notizia è di quelle che lasciano nello sconcerto. Ancora una volta non si può non deprecare l’irresponsabilità del presidente USA, il cialtrone Donald Trump. Ormai è ufficiale: grazie ad un tweet di CialTrump abbiamo saputo che gli Stati Uniti sospenderanno i finanziamenti al terrorismo organizzato dal Pakistan. Rischierebbero di finire senza soldi i Talebani, la rete Haqqani, l’organizzazione Lashkar-e Taiba e tante altre reti terroristiche finanziate dall’ISI, l’Inter-Service Intelligence pakistana, con i soldi americani. CialTrump ha dichiarato che negli ultimi quindici anni gli Stati Uniti hanno elargito più di trentatré miliardi di dollari al Pakistan che finivano in buona parte all’ISI, che poi li passava ai terroristi, anche attraverso il Coalition Support Fund.
Ora, è vero che gli USA mantengono in piedi gran parte del terrorismo internazionale attraverso un welfare terroristico impegnativo, ma ci pare che i pakistani avessero svolto bene il loro ruolo complementare di destabilizzazione negli ultimi decenni, con solo un miliardo e trecento milioni di dollari all’anno a disposizione. Una miope considerazione contabile non dovrebbe privare questi preziosi collaboratori degli Stati Uniti di un sostegno così importante. Obama, negli anni del suo mandato, non si era mai sognato di arrivare a tanto.
Non si spiegherebbe tanta ingratitudine da parte di un presidente USA nei confronti di un Paese come il Pakistan, decisivo nel vincere la Guerra Fredda ed anche nel destabilizzare Libia e Siria, se non si entra nella psicologia delle destre, nella loro capacità di assumere il proprio vittimismo come categoria assoluta, di suggestionarsi con la propria stessa ipocrisia sino a vibrare di autentico rancore. Probabilmente CialTrump si sente davvero defraudato dal Pakistan dato che i risultati della destabilizzazione non sono stati quelli auspicati.
CialTrump è stato funzionale ad intercettare ed interpretare la disillusione delle masse americane che non vedono ricadute positive per il loro livello di vita in tanto attivismo imperialistico degli USA. CialTrump però è stato altrettanto svelto nel sostituire un’illusione con un’altra, riconvertendo il disagio delle masse americane in un pretesto per un ulteriore assistenzialismo per ricchi. Alla fine il vittimismo dei ricchi si sovrappone sempre alle lamentele dei poveri, le fagocita e le soppianta. La riforma fiscale di CialTrump costituisce infatti un taglio senza precedenti delle tasse per le imprese, un taglio che, secondo lo “story telling” ufficiale, dovrebbe favorire un rilancio dell’economia, dell’occupazione e dei salari. Insomma, si vuol far credere che detassando i ricchi si arricchiscono i poveri.

CialTrump ha trovato subito imitatori. Anche da noi “Italy first”, il vittimismo nazional-sovranista, si è risolto in qualche vaga promessa da parte della Lega di uscire (forse) dall’euro, ma soprattutto nel proposito del cartello elettorale delle destre di adottare una “flat tax”, un’aliquota fiscale bassa e unica.
Un aiutino, come sempre, la propaganda delle destre lo ha ricevuto dalle “sinistre”, pronte a riproporre lo stanco “story telling” opposto, cioè della fiaba della necessità di un adeguato prelievo fiscale per finanziare il “welfare”. Ciò negli stessi giorni in cui l’opinione pubblica scopriva che gli incentivi governativi alle imprese erano stati usati da una multinazionale brasiliana per delocalizzare una fabbrica.
Sino a venti anni fa chi parlava dei tanti finanziamenti che lo Stato, l’UE e le Regioni versano alle imprese, veniva preso come minimo per scemo. Adesso finalmente la questione è arrivata anche a conoscenza dell’opinione pubblica, ma viene raccontata in modo da far credere che lo si faccia per incrementare l’occupazione. La realtà è invece che l’operaio paga le tasse per finanziare il proprio licenziamento o, bene che vada, la propria precarizzazione.

All’ottimismo antropologico delle “sinistre” che propinano l’improbabile equazione “tasse uguale a welfare”, corrisponde l’ottimismo antropologico delle destre, che ci ammanniscono un’equazione ancora più fiabesca: “meno tasse più investimenti”. Quanto ad ottimismo antropologico le destre tendono addirittura a strafare, creando il mito di una sorta di super-razza: i mitici “imprenditori”, esseri superiori ansiosi di creare ricchezza da mettere a disposizione della società.
La balla è clamorosa. L’esperienza concreta indica infatti che le imprese non investono quanto risparmiato sul fisco in investimenti produttivi, bensì in operazioni finanziarie. In particolare è stato oggetto di studi scientifici il fenomeno per il quale le imprese quotate in Borsa acquistano propri titoli per aumentarne artificiosamente il valore. Quindi l’equazione corretta è “meno tasse più bolle speculative.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 22/02/2018 @ 14:15:30, in Commentario 2018, linkato 1731 volte)
L’inchiesta giudiziaria della Procura di Milano sull’ENI per corruzione internazionale è culminata un mese fa con il rinvio a giudizio per i vertici della multinazionale italiana. Le scoperte dell’acqua calda sono sempre sospette, perciò qualcuno si chiede che senso abbia scoprire improvvisamente che la penetrazione delle multinazionali sia caratterizzata da giri di tangenti. Da sempre tutte le multinazionali operano come agenzie private di politica estera e da sempre comprano la “fedeltà” dei loro partner locali. Inoltre soltanto in base ad una mitizzazione della magistratura tipica del “politicorretto” si può ritenere che certe inchieste si basino su indagini autonome e non su “imbeccate” ad hoc.
Come a prevenire e contrastare queste ovvie perplessità, il settimanale “l’Espresso” ha lanciato una serie di notizie che colorano un quadro a tinte forti. La vicenda ENI in Nigeria, o almeno i suoi risvolti, avrebbero infatti a che vedere persino con un tentato omicidio ai danni di un esponente dell’agenzia anticorruzione nigeriana.
“Lotta alla corruzione” è una di quelle espressioni che “suonano bene”, come anche “diritti umani”; espressioni che catturano l’opinione pubblica con il loro messaggio educativo ed edificante. L’opinione di “sinistra” è particolarmente vulnerabile alla trappola del “suonabenismo” e, in effetti l’educazionismo è il razzismo in versione di “sinistra”, poiché, guarda caso, ci sono sempre popoli che hanno sempre molto più bisogno di essere educati di altri.
Intanto non si considerano dei segnali che dovrebbero mettere sull’avviso. Un organo dell’imperialismo come la Banca Mondiale ha fatto della lotta alla corruzione la sua bandiera. Non c’è da stupirsene se si osservano le conseguenze: da un lato si apre uno spazio illimitato all’ingerenza negli affari interni dei vari Paesi, dall’altro lato si inseguono categorie astratte come la “legalità” facendo perdere di vista il vero problema, cioè i rapporti di forza. Quando tra le parti vi sia eccessiva sproporzione di forze non c’è legalità che tenga, perciò l’abuso ed il sopruso divengono inevitabili.

In questa rappresentazione scandalistica e moralistica è passata in secondo piano una notizia che ha invece aspetti davvero sorprendenti. L’ENI è stata citata in giudizio per disastro ambientale da una tribù nigeriana con la richiesta di due milioni di euro di risarcimento. La sorpresa non sta nel disastro ambientale in sé, che rientra anch’esso nel consueto comportamento delle multinazionali, ma nel fatto che l’ENI non abbia ritenuto di evitare la vertenza giudiziaria e di conciliare pagando, tanto più che due milioni di euro per un’azienda come l’ENI non sono certo un problema. Persino nell’irrealistica ipotesi che il disastro ambientale non fosse dell’entità denunciata, l’atteggiamento dell’ENI non avrebbe senso e contrasterebbe con i criteri che avevano consentito in passato all’azienda di affermarsi. (4) L’ENI è sì una multinazionale, ma comunque l’esponente di un imperialismo debole come quello italiano che, come tale, non può permettersi certe arroganze. Un imperialismo debole paga gli alleati e i complici, ma anche i neutrali perché rimangano neutrali; e paga i nemici perché siano un po’ meno nemici; un imperialismo debole paga i governi e paga le opposizioni, senza trascurare di pagare i potenziali oppositori. Queste sono le regole auree in base alle quali Enrico Mattei aveva costruito il suo impero. Al di fuori di queste regole, un imperialismo debole si condanna all’impotenza.
L’imperialismo debole sta al gradino più basso della gerarchia imperialistica, sotto l’imperialismo dominante (quello degli USA e delle sue multinazionali) e al di sotto dei sub-imperialismi, come quello francese in Africa ed in parte dell’Europa, e quello tedesco nell’Europa orientale. A differenza dei sub-imperialismi, l’imperialismo debole non si vede riconosciuto un suo preciso feudo, ma deve ritagliarsi gli spazi di manovra di volta in volta. L’imperialismo debole è caratteristico di Paesi come l’Italia, che subiscono a loro volta un’ingerenza coloniale, sia da parte dell’imperialismo dominante che dei sub-imperialismi.
L’imperialismo debole rischia però di cascare in una crisi di identità e percepirsi erroneamente come un sub-imperialismo, illudendosi di avere a disposizione un proprio orticello riconosciuto e protetto. Già l’aggressione alla Libia del 2011 aveva posto in evidenza la crisi di identità dell’ENI, che si era fatto sorprendere dal regolamento di conti allestito ai suoi danni dalle multinazionali sub-imperialistiche Total e BP.
Un altro episodio che sortisce con tutta probabilità da questo stato confusionale dell’ENI è quello della nave Saipem, società dell’ENI, bloccata dalla flotta militare turca nelle acque territoriali cipriote. È evidente che l’ENI in questa circostanza si sia illusa di potersi basare sul ”diritto” e non abbia quindi provveduto a pagare il “pizzo” ad Erdogan.
Per uno dei paradossi della Storia, oggi l’ENI rischia di soccombere travolta dalle accuse di corruzione; e non per aver corrotto, ma per non averlo fatto abbastanza.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (7)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (2)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


15/02/2019 @ 20:50:09
script eseguito in 72 ms