"
"La nozione di imperialismo americano non si deve intendere come dominio tout court degli Stati Uniti, ma come la guerra mondiale dei ricchi contro i poveri, nella quale gli USA costituiscono il riferimento ed il supporto ideologico-militare per gli affaristi e i reazionari di tutto il pianeta."

Comidad (2012)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

La firma dell’accordo tra Russia e Turchia per il passaggio del gasdotto “South Stream”, è stata l’occasione per una delle consuete fanfaronate di Berlusconi, che se ne è attribuito il merito. L’aspetto grave - anche se non serio - della vicenda, è che i media hanno approfittato della circostanza per alimentare il mito di un Berlusconi in conflitto con gli Usa e con l’Europa in nome degli interessi energetici italiani. La fiaba mediatica ci ha narrato che, mentre l’Europa aderiva al progetto di gasdotto Nabucco, voluto dagli Stati Uniti, Berlusconi avrebbe invece privilegiato l’accordo con il suo diletto amico Putin.
Le cose, in realtà, non stanno affatto così, poiché, tra le pagine degli stessi giornali ufficiali, è possibile reperire la notizia che esiste anche un gasdotto “North Stream”, risultato di un accordo tra Russia e Germania; e si sa che l’Europa, per molti aspetti, non è altro che uno pseudonimo della Germania. Accordi analoghi esistono, peraltro, anche tra Russia e Francia.
La firma dell’accordo tra Russia e Turchia costituisce inoltre solo la ufficializzazione di un dato già scontato, poiché gli ultimi aspetti contrattuali della costruzione del gasdotto, che sarà realizzato dall’ENI per conto del monopolio russo Gazprom, erano stati definiti alcune settimane fa. I media hanno anche volutamente dimenticato quanto da loro stessi riportato qualche anno fa, e cioè che le firme decisive per tutto l’affare erano già state apposte nel 2006 e nel 2007 dall’allora Presidente del Consiglio Romano Prodi.
Gli affari non sono mai in alternativa tra loro, perché gli affari sono affari e non rispondono ad una funzione di utilità economica generale; e certo gli Usa non hanno mai pensato di impedire gli accordi tra ENI e Gazprom, semmai meditano di mettere poi le mani sull’Eni per ereditarne gli affari. Infatti non mancano i segnali che sia in atto un tentativo, attraverso inchieste giudiziarie condotte da “toghe a stelle e strisce”, di porre le condizioni per una vera privatizzazione della ENI, che è ora una SPA solo di nome, dato che la maggioranza azionaria è nelle mani dello Stato.
Siamo perciò di fronte ad un caso tipico di illusionismo mediatico, ottenuto attraverso l’omissione o la marginalizzazione di dati decisivi, e l’enfatizzazione di aspetti esteriori e folcloristici. Il tutto vuole contribuire a rafforzare il mito di un Berlusconi in conflitto col mondo, forte soltanto dei consensi che, secondo i soliti sondaggi, gli pioverebbero dal “Paese”.
È chiaro che questa mitologia berlusconiana non è in sé in grado di evitare un tonfo all’attuale Presidente del Consiglio, ma può ottenere lo scopo di trasformare una sconfitta personale di Berlusconi in una disfatta per tutta l’Italia, “responsabile” di avergli dato il suo consenso.
Una volta che occorrerà rimuovere le rovine materiali e morali del berlusconismo, la colpa di queste rovine verrà perciò attribuita a tutti gli Italiani. Almeno questa sarà la linea della stampa estera, a cui si allineerà disciplinatamente quella nostrana.
Un’operazione propagandistica analoga fu condotta anche durante la seconda guerra mondiale, quando, dopo la resa, le responsabilità del fascismo vennero fatte ricadere su tutta l’Italia.
Mentre l’Italia era ancora impegnata nel conflitto contro Gran Bretagna e Stati Uniti, su Radio Londra il colonnello Stevens diceva agli Italiani che gli “Alleati” (gli “Alleati” per antonomasia, gli Anglo-americani) non ce l‘avevano con l’Italia, ma solo con il fascismo, perciò, una volta rimosso il regime, amici come prima. Dopo l’armistizio dell’8 settembre del ’43, le belle promesse furono però del tutto dimenticate dagli “Alleati”: ora gli Italiani dovevano “espiare” per aver appoggiato Mussolini.
È chiaro che un confronto fra Berlusconi e Mussolini risulterebbe improponibile e fuorviante. Mentre Berlusconi è sempre stato considerato dai media esteri per quello che è - una nullità -, Mussolini fu invece oggetto di un vero e proprio “cult” internazionale. Oggi siamo abituati a visualizzare il Mussolini ridicolo e pacchiano dei cinegiornali Luce, ma negli anni ’20 il look e le pubbliche relazioni del Duce erano curati da Margherita Sarfatti, una raffinata intellettuale ebrea, che aveva un grande prestigio anche come critico d’arte. La Sarfatti era un genio delle pubbliche relazioni, e nel 1925 pubblicò in Gran Bretagna un libro biografico/apologetico su Mussolini, un libro che poi divenne un best-seller internazionale; in Italia venne pubblicato col titolo “Dux”. Il look del Mussolini versione-Sarfatti era tenebroso e aggressivo, e risultò decisivo per fare del Duce un mito mondiale. Il confronto storico si deve quindi restringere all’aspetto delle tecniche di guerra psicologica che vengono messe in campo, adesso come allora.
Alla fine del 1943 si insediò a Napoli il Psychological Warfare Branch, cioè la sezione per la guerra psicologica degli Anglo-Americani; un ente che sicuramente avrà cambiato nome, ma che, altrettanto sicuramente, da Napoli non si è più smosso.
La psychological war, o psycho-war (il termine tecnico ufficiale è psywar, volutamente meno chiaro), era una categoria nuova, prodotto della propaganda scientifica, e gli “Alleati” impostarono la strategia bellica su questi nuovi criteri. Bisogna non sottovalutare l’effetto confusionale che determina un nemico che da un lato proclama la libertà e i diritti dell’Uomo, e poi calpesta ogni regola di Diritto internazionale e persino ogni regola di reciprocità. Gli Anglo-Americani imponevano infatti ai nemici la “resa senza condizioni”, un concetto inusitato per i tempi, che non riconosce al nemico alcuna dignità.
Gli stessi metodi di psywar li si riscontra nell’attuale occupazione NATO dell’Afghanistan, dove il capo delle forze britanniche, generale Richards, proclama che gli occupanti sono pronti a rimanere per altri trenta o quaranta anni; e dove, dal canto suo, il comando statunitense afferma che dà mandato ai Marines di eliminare tout-court i “signori della droga”, quando ormai è palese che il narco-traffico è nelle mani della stessa NATO. Si tratta di dichiarazioni che contrastano con lo stesso mandato ONU delle forze occupanti e, in quanto tali, dovrebbero comportare una decadenza del mandato. È una psywar rivolta non solo contro gli Afgani, ma anche contro gli “Occidentali”, a cui si ricorda, in modo subliminale, che sono sottoposti ad un potere assoluto, bizzoso e spietato.
Vi sono indizi che fanno capire che Mussolini, sebbene fosse stato utilizzato anche lui in quella chiave, non avesse personalmente consapevolezza della psywar. In una nota allo Stato Maggiore del 14 luglio ‘43, dopo l’invasione anglo-americana della Sicilia, Mussolini disponeva di prendere informazioni su quanto accaduto anche dai comunicati ufficiali degli Anglo-Americani, perché, a suo dire, il nemico “dice la verità quando vince”.
In realtà la guerra psicologica comporta il mentire soprattutto dopo le vittorie, in modo da consolidarne i risultati facendo crollare il morale del nemico. Per questo motivo, gli Anglo-Americani avevano fatto credere che la campagna di Sicilia fosse stata una passeggiata, e che i soldati italiani fossero stati desiderosi solo di arrendersi o fuggire. Vi furono sì episodi sospetti, come la caduta di Augusta - e, prima ancora, quella di Pantelleria -, ma in effetti la resistenza italiana fu accanita. Recenti ricerche storiche, raccolte in un libro dal senatore Andrea Augello, hanno messo in evidenza come presso Gela la battaglia fosse stata furiosa e dall’esito incerto. Molti prigionieri italiani furono poi fatti passare per le armi dal generale Patton, irritato per l’eccessiva resistenza incontrata.
L’alibi del “tradimento”- che certamente vi fu da parte dei vertici della Marina Militare italiana, tutti di obbedienza massonica di Rito Scozzese - venne così esteso, a beneficio del fascismo, all’intero popolo italiano. Era come conferire alla neonata Repubblica Sociale Italiana un mandato per scatenare una guerra civile, in nome della punizione del “traditore” genericamente inteso.
I Tedeschi contribuirono in tal senso, imponendo ad un Mussolini recalcitrante, la coscrizione obbligatoria, che di fatto condannava l’esercito della Repubblica Sociale a diventare una polizia impegnata nella caccia ai disertori ed ai renitenti alla leva. Di fatto la Repubblica Sociale non ebbe mai un vero esercito, ma solo una serie di bande armate private, che svolgevano, abusivamente e impunemente, anche compiti di polizia; un dato che faceva crollare tutta la pretesa di legittimità della RSI, basata sulla promessa di opporsi all’invasore anglo-americano.
Il fatto fu anche denunciato dal direttore repubblichino de “La Stampa” di Torino, Concetto Pettinato, il quale pretendeva che, una buona volta, la Repubblica Sociale schierasse proprie divisioni contro gli Anglo-Americani. Pettinato ottenne solo di essere rimosso dalla direzione del quotidiano torinese e, perciò, soltanto singoli reparti repubblichini furono impegnati dai Tedeschi nella guerra contro gli “Alleati”.
La responsabilità della “guerra civile” è comunemente stata attribuita ai comunisti, i quali se l’addossarono, in nome della loro consueta linea politica, che imponeva di compensare le loro pratiche compromissorie con l’establishment, attraverso un estremismo verbale che desse un contentino alla base del partito. I mitici “rivoluzionari di professione” del gruppo dirigente comunista si rivelarono, per molti aspetti, dei dilettanti allo sbaraglio, perciò non deve sorprendere il fatto che i loro eredi siano stati cialtroni del calibro di Occhetto, D’Alema, Fassino e Veltroni.
Per comprendere la confusione che c’era, e che c’è tuttora a riguardo, si può ascoltare un inno della Repubblica Sociale, “Hanno ammazzato Ettore Muti” (è reperibile su YouTube), in cui l’uccisione del gerarca fascista pluridecorato Muti - già segretario del Partito Nazionale Fascista -, viene attribuita ai comunisti: “Vendetta, sì vendetta, farem sui comunisti”; e poi, col consueto buongusto fascista: “col sangue partigiano gli laverem la bara”.
Ebbene, Muti non era stato ucciso dai comunisti, né dai partigiani di qualunque parte, e non ebbe niente a che fare con la Repubblica Sociale, se non per il dettaglio che numerose formazioni repubblichine adottarono il suo nome. Muti era stato assassinato dai Carabinieri nell’agosto del ’43, un mese dopo la caduta di Mussolini, durante un finto arresto. Insomma, un tipico assassinio di Stato, di cui il diretto mandante fu il Presidente del Consiglio, Pietro Badoglio.
Secondo uno storico repubblichino, Bruno Spampanato, le responsabilità dei Carabinieri vennero accertate anche da un’inchiesta promossa dalla stessa Repubblica Sociale; ma nonostante ciò, quell’inno e quella propaganda anticomunista rimasero, perché la linea era, ed è, di scaricare la responsabilità della guerra civile sui comunisti. Ciò dimostra ancora una volta che l’anticomunismo costituisce l’unico collante di quel confuso calderone ideologico che è la “destra”, e spiega perché l’anticomunismo si sia esasperato proprio dopo la fine dell’URSS.
L’assassinio di Muti non è un “mistero”, perciò nessuna trasmissione di Lucarelli o di Augias potrà occuparsene; è un fatto acclarato, di cui però non si deve più parlare, perché contrasta con la versione anticomunista della “guerra civile”, quella divulgata da Giampaolo Pansa a beneficio dei drogati di anticomunismo. È necessaria questa omertà, per evitare che si diffonda il dubbio che tanti degli omicidi attribuiti ai partigiani, non siano stati in effetti commessi da loro.
Tramite quella versione di comodo della “guerra civile”, agli Italiani, dopo aver espiato il fascismo, è toccato perciò di espiare anche l’antifascismo. Miracoli della psywar! Non è escluso che anche adesso avvenga altrettanto e, dopo il berlusconismo, si sia costretti ad espiare anche l’antiberlusconismo.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 06/08/2009 @ 01:02:42, in Commentario 2009, linkato 1117 volte)
La consueta ora quotidiana che i media dedicano all’odio antimeridionale, si è dilatata in questi ultimi giorni sino ad invadere la comunicazione ufficiale; ciò a causa della presunta decisione governativa di elargire fondi alle Regioni meridionali. Per vendicare tanto oltraggio, da parte di ambienti dello stesso governo si è ritenuto immediatamente opportuno tirare fuori la vecchia e umiliante proposta delle gabbie salariali per il Sud.
Non è una coincidenza che in questa campagna di propaganda antimeridionale si siano distinti proprio gli organi di stampa più vicini al governo, come se l’interesse del governo stesso non fosse quello di distribuire davvero risorse finanziarie al Sud, ma di crearsi un alibi per la propria inettitudine grazie al mito del Meridione assistito, eterno peso morto che vampirizza le risorse del Nord.
Meridione-assistenzialismo costituisce una di quelle coppie semantiche ricorrenti nella propaganda ufficiale, come quella storica “Oriente-dispotismo”, e quelle più recenti, come “crimini-comunismo” o “Islam-terrorismo”. Nella comunicazione ufficiale la coppia semantica svolge la funzione di saltare a piè pari la dimostrazione, facendo appello al conformismo dell’uditorio, che tende a non smentire mai la coppia semantica, per timore che ciò venga bollato come ignoranza e comporti una esclusione dalla discussione.
In questa propaganda si ricorre talvolta alla finzione di fornire dati statistici, ma sempre con l’accorgimento di omettere dati decisivi. Ad esempio: si elencano i fondi stanziati per il Sud, senza precisare quali di questi fondi risultino poi effettivamente versati.
Proprio in questo ultimo provvedimento governativo, il solito trucco è stato riproposto presentando come nuovi stanziamenti dei fondi già previsti da leggi precedenti e mai arrivati a destinazione. Anche dopo il terremoto dell’Irpinia del 1980, vennero spacciati come fondi per la ricostruzione gli stanziamenti che erano già stati previsti per la Legge 167 per l’edilizia popolare.
Del resto la reticenza dei governi a versare quanto dovuto non ha bisogno di giustificazioni di fronte ad una opinione pubblica abituata a ritenere, per dogma, che ogni risorsa che vada al Sud venga immancabilmente intercettata dalla camorra e dalla mafia.
Per la propaganda l’antimeridionalismo è una carta vincente, non conosce barriere di partito o di ideologia, dall’estrema destra alla estrema sinistra, ed è inoltre pienamente condiviso dall’opinione pubblica meridionale. L’antimeridionalismo è utilissimo anche a veicolare altri messaggi propagandistici correlati. Quando, nel settembre del 1943, venne fondata la Repubblica Sociale Italiana, divenne urgente per i fascisti renderla popolare agli occhi della pubblica opinione, e allora il fatto che quello Stato fosse essenzialmente settentrionale, venne presentato dalla propaganda fascista come un vantaggio, poiché veniva a cessare il peso costituito dalla necessità di approvvigionare anche le regioni meridionali, e quindi vi sarebbero state più risorse per la “Padania”. Secondo quanto riferito dallo storico di parte repubblichina Edmondo Cione, quella propaganda funzionò talmente bene, che, all’atto della riunificazione dopo il 25 aprile 1945, vi furono malumori e proteste in alcune città del Nord per il fatto di dover tornare a sfamare i terroni.
Il ricorso all’antimeridionalismo non costituiva una novità per il fascismo. Allorché Mussolini salì al potere nel 1922, vi fu per lui l’urgenza di liquidare la Regia Guardia per la Pubblica Sicurezza - più nota come Guardia Regia -, un corpo di polizia giudiziaria e amministrativa composto da circa venticinquemila uomini, che era stato istituito con il Regio Decreto 02/10/1919 n.1790 dall’allora Presidente del Consiglio Francesco Saverio Nitti. La Guardia Regia fu largamente utilizzata nella repressione antioperaia durante il Biennio Rosso, ma le si rimproverava di sparare anche ai fascisti e di essere rimasta fedele a Nitti. Quando Mussolini fu nominato Presidente del Consiglio dal re, si verificarono gli ultimi scontri armati tra le guardie regie e i fascisti, a Napoli, in Piazza Municipio.
La vicenda della Guardia Regia rappresenta l’unico caso conosciuto di corpo di polizia sciolto con motivazioni razziali. I componenti della Guardia Regia provenivano quasi tutti dalla Basilicata e dalla Puglia - regioni che, “casualmente”, costituivano anche il collegio elettorale di Nitti -, e questa origine meridionale venne presentata, dalla stampa vicina al regime fascista, come il motivo di una irrimediabile inferiorità fisica delle guardie regie, che avrebbe impedito loro di svolgere adeguatamente compiti di polizia.
L’idea che Settentrionali e Meridionali costituissero razze diverse aveva già trovato un sostegno scientifico alla fine dell’800, grazie agli studi di Cesare Lombroso e di alcuni suoi allievi sulla differenza della forma del cranio fra originari del Nord e del Sud. Caduta in discredito e in disuso la craniometria, il divario razziale tra Nord e Sud Italia è andato a poggiarsi su altre motivazioni, di tipo storico-culturale. Alla fine degli anni ’80, divenne popolare la tesi che la superiorità del Nord sul Sud fosse dovuta alle diverse dominazioni subite, quella austro-ungarica al Nord e quella spagnola al Sud. La tesi risultava piuttosto approssimativa e confusa sul piano storico, poiché la dominazione spagnola vi è stata anche in Lombardia, e quando al Nord vi era la dominazione austriaca, il regno del Sud era indipendente; però questa tesi incontrò ugualmente un travolgente consenso mediatico. Paolo Guzzanti, che è un giornalista sempre molto rigoroso, oculato e selettivo nel vagliare ogni sua informazione - e se non è una cazzata, non la dice - intrattenne anni fa per una intera serata i telespettatori su questa tesi pseudo-storiografica.
È da sottolineare però il fatto che l’attuale propaganda sulla superiorità del Nord sul Sud Italia, contiene una ambivalenza, poiché condiziona questa superiorità alla sottomissione a potenze straniere. Ci sono quindi tutte le premesse ideologiche per la “balcanizzazione” dell’Italia, in vista della sua trasformazione in una serie di repubblichette che vivano in funzione della presenza di una base NATO o USA e della sua annessa rete di loschi traffici. Se questa tendenza alla balcanizzazione dell’Italia non si è ancora concretizzata del tutto, è perché vi sono anche delle controtendenze, tutte interne, però, alla logica del potere NATO.
Attualmente l’Italia impiega le sue Forze Armate in tutta una serie di teatri bellici, sotto l’egida ONU o NATO (che è in pratica la stessa cosa). Soldati e marinai italiani si trovano in Afghanistan, nei Balcani e in Libano, impegnati nelle solite missioni “di pace” o missioni “umanitarie”. Di recente, il presidente USA ha anche preteso un ulteriore impegno italiano in Afghanistan. La dislocazione di Forze Armate italiane su tanti teatri, comporta necessariamente l’esistenza di uno Stato italiano unitario, in grado di sostenerle e pagarle. Le recentissime dichiarazioni del leghisti Bossi e Calderoli sulla opportunità di riportare a casa i soldati italiani, vanno lette proprio nell’ambito di questo scenario; come a dire: se cessa l’interesse USA a utilizzare un impegno militare italiano all’estero, cadrà automaticamente ogni residuo interesse degli stessi USA a tenere ancora unita l’Italia, perciò preparatevi. Si tratta perciò di uno di quei messaggi tutti interni al ceto politico, che usano una pubblica opinione ignara solo come amplificatore minaccioso.
C’è anche da considerare che soltanto le forze armate potrebbero impedire delle secessioni, ma Forze Armate “italiane”, in senso stretto, non esistono più da tempo, poiché l’addestramento e l’indottrinamento in ambito NATO hanno fatto sì che i quadri dell’Esercito, della Marina e dell’Aviazione, siano fedeli agli USA e non ad un’Italia che è già una finzione giuridica. Molte basi militari italiane sono ormai il paravento di basi USA; basti pensare alla base dell’Aeronautica italiana a Cameri, che costituisce solo una dependance della base NATO di Solbiate Olona. Tutto questo senza neppure considerare il coinvolgimento diretto di molti quadri delle Forze Armate ex-italiane nei loschi traffici gestiti dalla NATO, cosa che comporta una complicità molto più concreta con l’occupante straniero.
Quindi le condizioni materiali per riconvertire l’attuale Banana Republic italiana in una serie di Basi NATO Republic già ci sono, e occorrerà vedere se, e quando, maturerà un interesse statunitense a realizzare pienamente tutto ciò.


GLI EFFETTI DELLA MONNEZZA MILITARIZZATA DALLA LEGGE 123/2008

Da Il Corriere del Mezzogiorno di lunedi 3 agosto 2009

Inceneritore Acerra off limits per 33 operai licenziati dai soldati .
Elettra Energia manda a casa le maestranze: «Dopo 8 anni siamo stati messi alla porta da un maresciallo»

NAPOLI — Il termovalorizzatore di Acerra diventa off limits per 33 operai: dalla sera alla mattina tutti licenziati. A consegnare le lettere di ‘‘risoluzione del rapporto di lavoro’’ un maresciallo in anfibi e mimetica. Ché l’impianto mangia- rifiuti è presidio militare. Ma la verità sta nel fatto che la Elettra Energia, la società novarese che gestisce l’inceneritore e cui fanno capo gli operai, si è sentita più sicura se fosse stato un militare a fronteggiare i licenziati; non si è voluto esporre il management al rischio di intemperanze. Che in verità non ci sono state, tanto è risultata stordente la notizia per quanti, da 8 anni, sia di giorno che di notte hanno prima montato l’impianto e poi fatto funzionare.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


13/12/2018 @ 19:08:23
script eseguito in 68 ms