"
"Politically correct" è l'etichetta sarcastica che la destra americana riserva a coloro che evitano gli eccessi del razzismo verbale. "Politicamente corretto" è diventata la locuzione spregiativa preferita ovunque dalla destra. In un periodo in cui non c'è più differenza pratica tra destra e "sinistra", la destra rivendica almeno la sguaiataggine come proprio tratto distintivo."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 30/04/2009 @ 00:49:36, in Commentario 2009, linkato 1579 volte)
È difficile stabilire se l’ennesima emergenza sanitaria proclamata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sia reale, o risponda ancora una volta agli interessi affaristici del colonialismo farmaceutico. Che l’origine della presunta epidemia di influenza suina sia localizzata in Messico, corrisponde all’immagine che ormai i media impongono di questo Paese, senza peraltro ricollegarsi alle cause di ciò che vi accade.
A furia di lotte al narcotraffico, il Messico è ridotto effettivamente allo stato di Paese collassato. Mentre i narcotrafficanti imperversano, la "Giustizia" non riesce a fermarli; se vengono arrestati, non riescono ad essere giudicati e quindi tornano in libertà.
Un commentatore radiofonico, pensando di essere originale, ha detto: “Sembra Napoli”. Un altro affermava: “Per gli USA è come essere confinanti con la Colombia”. Il paragone è fondato, se si considera che anche il territorio colombiano risulta sotto il controllo coloniale statunitense, ovviamente in base allo stesso pretesto della lotta al narcotraffico.
Così, mentre a Città del Messico sei milioni - proprio sei - di persone sono senza acqua potabile e il caos del colonialismo trionfa, lungo i tremila chilometri di confine tra Messico e USA passa di tutto, o meglio, la droga passa dal Messico agli USA, mentre le armi per i Narcos passano dagli USA al Messico. I lavoratori sottopagati hanno la possibilità di andare a farsi sfruttare dai padroni USA con regolare permesso, e i meno fortunati devono cercare di passare il confine da clandestini, cercando di evitare i fuoristrada dei liberi cittadini che, armati di tutto punto e con le facce da baywatch, vanno a caccia di disgraziati da impallinare; roba da far crepare d'invidia i rondaioli nostrani.
L’ultima invasione statunitense del Messico risale al 1917, ed allora la giustificazione ufficiale fu di dare la caccia ai terroristi di Pancho Villa. I crimini di guerra statunitensi - nei quali si distinse un giovane ufficiale che sarebbe poi divenuto il famoso generale Mac Arthur - non bastarono ad avere la meglio, ed alla fine non solo Villa non fu preso, ma l’esercito USA dovette incassare alcune sconfitte. Nei decenni successivi gli Stati Uniti seguirono invece una strada meno rischiosa e più proficua, quella degli accordi per la lotta al narcotraffico, ed oggi l’agenzia federale antidroga, la DEA, costituisce di fatto un’agenzia coloniale, incaricata di reclutare e formare i quadri politici e militari del Messico Agli accordi per la lotta al narcotraffico, sono poi seguiti i trattati commerciali, con la costituzione di zone franche interne al Messico, che vengono gestite ed amministrate direttamente dalle multinazionali.
I Messicani costituiscono ormai, ufficialmente, un popolo minorenne , accompagnato per mano dallo Zio Sam, il quale però, per tramite dei suoi organi d’informazione, non fa altro che lamentarsi di come il bimbo suo “protetto” deluda costantemente le aspettative.
Criminalizzazione ed infantilizzazione sono quindi le vere facce del razzismo e i principali strumenti della colonizzazione. Le conferenze ONU contro il razzismo - di cui l’ultima si è tenuta a Ginevra - si muovono invece in base ad una visione del razzismo che può essere troppo facilmente strumentalizzata e rovesciata dai colonialisti.
Visto che la prima conferenza contro il razzismo era riuscita comunque ad approvare una dichiarazione di condanna per i massacri perpetrati da Israele, ecco che miracolosamente a Ginevra compare il mitico Ahmadinejad che spiattella il suo solito attacco ad Israele. Ahmadinejad dice anche cose verissime, ma, come al solito, la sua interpretazione si va ad appuntare sul diversivo costituito dalla storia del popolo ebraico e delle sue sofferenze, di cui la fondazione dello Stato di Israele sarebbe il risarcimento.
Scatta perciò il consueto giuoco delle parti: tutti i rappresentanti dei paesi ricchi - e, guarda caso, democratici - abbandonano la conferenza per protesta contro l'antisemitismo di Ahmadinejad; e anche quando la conferenza elimina tutti i riferimenti a Israele voluti dall'Iran, gli “occidentali” rifiutano di firmare alcunché contro il razzismo, perché la sola presenza dell'iraniano li avrebbe turbati.
In realtà, la questione ebraica, e persino quella della legittimità di Israele, consentono al sedicente “Occidente” di nascondersi dietro lo spauracchio dell’antisemitismo, ed allontanano dal vero problema, che riguarda il razzismo antipalestinese praticato dallo stesso “Occidente”. In un film che ha costituito un vero e proprio paradigma per la propaganda razzista contro l’Islam in generale e i Palestinesi in particolare - “Attacco al Potere” (titolo originale: “The Siege”, 1998), con protagonista Denzel Washington -, il personaggio del palestinese non è soltanto un terrorista, ma è anche, e soprattutto, un infantile e un piagnucoloso.
Nel 1948 i Palestinesi furono considerati indegni di tenersi la loro terra perché, invece di costituire anche loro il proprio Stato, avrebbero preferito andarsene per dispetto, nella vana speranza che Israele venisse travolto dagli Stati arabi. Questo falso storico ha retto per decenni, finché alcuni storici israeliani hanno dimostrato che in effetti i Palestinesi furono costretti ad andarsene a causa di vere e proprie pratiche di genocidio da parte degli Israeliani.
Dal 1967 in poi, i Palestinesi non sono stati considerati dal sedicente Occidente dei possibili interlocutori in quanto terroristi. Prima l’isolamento ha colpito l’OLP di Arafat, oggi ha come bersaglio Hamas, ma comunque vi è sempre un pretesto per infantilizzare e criminalizzare e, quindi, per colonizzare.
Ciò che rende astratte e facilmente aggirabili le conferenze contro il razzismo, consiste proprio nel fatto che oggi quasi nessuno predica la superiorità o inferiorità razziale in modo aperto e diretto. Il razzismo e il colonialismo passano invece attraverso un discorso propagandistico ammantato di “oggettività” che infantilizza e criminalizza interi popoli rappresentando le loro miserie e le loro deviazioni, senza minimamente accennare al ruolo del colonialismo. In questo senso, occorre cominciare a diffidare non solo della “informazione” di intrattenimento e di palese abbrutimento (alla Bruno Vespa), ma anche della “informazione d’assalto” alla Santoro, alla Gabanelli o alla Saviano.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 30/04/2009 @ 00:45:26, in Commenti Flash, linkato 832 volte)
MISTERI 1
Un famoso giornalista iracheno riportava la discussione che aveva raccolto in luogo di ritrovo di Baghdad. L'argomento al centro dei frequentatori del locale, era la possibilità che i soldati USA lasciassero finalmente l'Iraq. Ma quando uno dei presenti più informati spiegava che i soldati sarebbero stati ritirati solo se gli Iracheni avessero accettato l'installazione di sessantaquattro basi militari statunitensi, i presenti erano insorti sostenendo che così sarebbero diventati una colonia. In Italia ci sono centoquattordici basi americane o NATO (l’ultima è in costruzione a Giugliano, in Campania), eppure dicono che siamo un paese libero. Che mistero la vita!

MISTERI 2
Un fantoccio raffigurante il leghista Borghezio è stato appeso in stile Piazzale Loreto in occasione del 25 aprile. Il fatto ha suscitato giustificate rimostranze. Infatti, che senso ha fare il fantoccio di un altro fantoccio?
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


13/12/2018 @ 19:09:01
script eseguito in 66 ms