"
"Il denaro gode di una sorta di privilegio morale che lo esenta dalla corvée delle legittimazioni e delle giustificazioni, mentre ogni altra motivazione non venale comporta il diritto/dovere di intasare la comunicazione con i propri dubbi e le proprie angosce esistenziali. Ma il denaro possiede anche un enorme potere illusionistico, per il quale a volte si crede di sostenere delle idee e delle istituzioni, mentre in realtà si sta seguendo il denaro che le foraggia."

Comidad (2013)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 23/11/2017 @ 02:50:18, in Commentario 2017, linkato 2866 volte)
A distanza di dieci anni dallo scoppio della bolla speculativa dei mutui ipotecari “subprime” negli USA, molti osservatori guardano con preoccupazione allo svilupparsi di altre “bolle”, invariabilmente collocate nell’ambito dei business “poveri”. La bolla dei mutui “subprime” non era basata su un business soltanto povero, ma poverissimo, se si considera che negli Stati Uniti la parola “casa” non indica un edificio di mattoni e cemento armato, bensì intelaiature in legno con pannelli prefabbricati appiccicate sopra, roba che una tromba d’aria si porta via come niente. Solo che, in quella circostanza, le case non furono portate via agli abitanti da un tornado ma dalle banche. Lo scoppio della bolla, in definitiva, non portò troppo male alle banche, ma solo alle vittime delle loro truffe finanziarie. Poco male, visto che già venti milioni di americani vivono “stabilmente” in roulotte e camper: se accadesse in Russia sarebbe un crimine di Putin, ma succede negli USA, perciò i media ci narrano che si tratta di uno stile di vita e di una scelta di libertà.
Oggi le bolle sotto osservazione sono soprattutto quelle del credito al consumo e del credito studentesco. In particolare, i debiti degli studenti statunitensi - e non solo statunitensi - hanno toccato vette non più ripagabili. Per compensare i creditori si dovrà pensare a forme aggiornate di schiavizzazione a vita dei laureati.
L’ex ministro tedesco dell’Economia, il famigerato Wolfgang Schauble, si è aggiunto recentemente al coro degli osservatori preoccupati di fronte a questa nuova lievitazione incontrollata (?) del debito privato. D’altra parte le parole di Schauble, più che indicare vera preoccupazione, fanno trapelare l’aspettativa fiduciosa di un’occasione per imporre un’ulteriore stretta finanziaria. Instancabile cantore delle virtù germaniche, Schauble fa la predica morale agli altri per assolvere se stesso ed i governi tedeschi da ogni responsabilità per il boom del debito privato.

In realtà la deflazione salariale è stata inasprita proprio in Germania all’inizio degli anni 2000. La rincorsa alla precarizzazione del lavoro ed alla compressione dei salari è stata un fenomeno mondiale, ma il modello da imitare lo fornì il governo del socialdemocratico Schroeder con il “Piano Hartz”, al quale si ispirò anche la nostrana Legge 30/2003, spacciata abusivamente dal governo del Buffone di Arcore come “Legge Biagi”, per porla sotto la protezione dell’icona di una vittima del terrorismo.
Non c’è da stupirsi del solito “tradimento della sinistra”, poiché da quasi due secoli circolano versioni mistificate e ultra-reazionarie del socialismo che lo riducono ad una “etica sociale”, in base alla quale si ritiene che la forza-lavoro non appartenga a ciascun singolo lavoratore ma alla società nel suo insieme. Questo falso “socialismo” concepito come un debito dell’individuo nei confronti della società, costituisce una riedizione sotto vernice “progressista” della servitù della gleba, un modello del tutto funzionale agli interessi della finanza.

Il nesso tra taglio dei salari e necessità di rivolgersi alla finanza per poter accedere ai consumi tramite l’indebitamento, non richiede infatti particolari sforzi di comprensione. I “virtuosi” come Schauble perciò non possono sottrarsi al fondato sospetto di aver operato per favorire i business finanziari “poveri” come il credito al consumo, con le relative “bolle”.
I business finanziari poveri sono disastrosi per i poveri, ma lucrosissimi per i ricchi che ci investono. Nel 2010 se ne accorse persino un quotidiano di establishment come il “New York Times”, che pubblicò una particolareggiata inchiesta a riguardo. Si è scoperto così che un business povero come il microcredito ha portato alla rovina Paesi come il Messico e la Nigeria. (3)
Non a caso Messico e Nigeria sono anche i Paesi da cui parte il maggior numero di migranti, poiché emigrare rappresenta l’unica speranza - peraltro anch’essa fallace - di ripagare i “micro debiti”, i quali, nel frattempo, grazie alla lievitazione degli interessi, sono diventati macrodebiti. Sette anni dopo l’inchiesta del “New York Times” il microcredito viene lanciato anche in Italia, usando come cavie persino i terremotati. Allora l’esperienza non ha insegnato nulla? No, ha insegnato, eccome.

La finanziarizzazione infatti serve a schiavizzare i poveri, soppiantando i rapporti sociali tradizionali ed esimendo le oligarchie dal doversi costituire un radicamento sociale e territoriale: ad un finanziere basta un computer per dominare il mondo, o almeno questa è l’illusione. È chiaro infatti che la società è “liquida” solo sino ad un certo punto e le “Open Society” alla Soros possono esercitare la propria influenza solo grazie alla copertura del potere intimidatorio e manipolatorio della NATO e della CIA. Sta di fatto però che il credito e l’indebitamento mirano a scalzare tutti i sistemi di mediazione sociale e politica, riducendo partiti e sindacati a mere agenzie di lobbying. Le bolle speculative trovano così il proprio corrispettivo nelle bolle oligarchiche che le hanno create.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 16/11/2017 @ 00:51:06, in Commentario 2017, linkato 4146 volte)
Era davvero difficile prevedere che, dopo dieci anni di feroce austerità - con annesso aumento della disoccupazione - e di tagli alla spesa sanitaria ed alle pensioni, l’aspettativa di vita degli Italiani aumentasse. E infatti quell’aumento non c’è stato. I dati pubblicati dal Rapporto Osserva Salute nel 2016 hanno indicato che, per la prima volta, la vita media in Italia è diminuita, ovviamente con un calo più pronunciato dove maggiori sono stati i tagli, cioè al Sud.
Era invece facilissimo prevedere che l’ISTAT avrebbe imbrogliato sui calcoli per spacciare un presunto aumento dell’aspettativa di vita in modo da giustificare un aumento dell’età pensionabile. Prevedibile anche che i sindacati non avrebbero contestato la falsità dei dati dell’ISTAT, visto che, in base alla vigente parodia del politicamente corretto, diffidenza ed incredulità sono colpe imperdonabili. Ancora più prevedibile il fatto che i sindacati avrebbero preferito dividere i lavoratori, invischiandosi in una trattativa col governo sulla questione dell’esenzioni per i lavori “usuranti”, come se esistessero lavori non usuranti. L’unico lavoro non usurante è quello di comandare, dato che ogni errore può essere scaricato sui dipendenti.
Altrettanto scontato era che l’invecchiamento medio della popolazione lavorativa e la precarizzazione del lavoro giovanile determinassero un calo della produttività in Italia. Un bel successo delle “riforme strutturali”, come se non si sapesse già in anticipo che aumentare eccessivamente l’offerta di lavoro avrebbe determinato uno scadimento della qualità della domanda di lavoro da parte delle imprese. In altre parole, quando il lavoro è troppo a buon mercato, il padronato non ha alcun incentivo a migliorare il ciclo produttivo ed a motivare il lavoratori con premi di produzione.
I tagli alle pensioni ed all’occupazione contribuiscono anche alla stagnazione della domanda interna, così che le aziende non hanno più alcuna spinta ad investire. Aver registrato un aumento del PIL a fronte di un calo della produttività, indica quindi che vi è stato un regresso tecnologico del sistema produttivo italiano. Se è vero che alcune imprese continuano ad esportare, quelle imprese che invece si rivolgono al mercato interno finiscono per giocare solo al ribasso.

I commentatori ci ammoniscono dicendo che l’aumento dell’età pensionabile sarebbe necessario per “rassicurare i Mercati”. Non ci viene detto però che “rassicurare i Mercati” vuol dire favorire lo sviluppo della previdenza privata e dei Fondi Pensione, ovvero la finanziarizzazione della previdenza. E non solo questo, visto che la conseguenza dei tagli alle pensioni è di aver creato uno dei maggiori business del momento: il credito ai pensionati, spesso organizzato dallo stesso INPS. Si tratta quindi di aprire altri sbocchi alla “libera circolazione dei capitali”.
Le istituzioni sovranazionali come il Fondo Monetario Internazionale e l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ci avevano raccontato che l’aumento della mobilità dei capitali avrebbe determinato sviluppo e benessere, perché gli investimenti si sarebbero direzionati laddove ce ne era più bisogno. L’evidenza invece dimostra il contrario: il veicolo per l’aumento della velocità della circolazione internazionale dei capitali è la pauperizzazione. La miseria favorisce la finanziarizzazione dei rapporti sociali, quindi si investe nei business che creano miseria, perciò si spiega l’esplosione della microfinanza e del microcredito.

Pochi giorni fa dal FMI ci è arrivata l’ennesima predica morale per esortarci a ridurre il debito pubblico ed a combattere la “corruzione”, le sole due cose di cui è permesso di discutere in Italia. Il FMI insiste a parlare di corruzione nei soliti termini del mainstream, come se la corruzione più pericolosa fosse quella delle bustarelle e non invece la corruzione legalizzata di cui è il maggior promotore lo stesso FMI. Le organizzazioni sovranazionali come il FMI e l’OCSE istigano infatti al lobbying occulto, alla riconversione degli apparati pubblici in agenzie di interessi privati sovranazionali.
Un’altra facile previsione era infatti che la politica - e persino le stesse burocrazie pubbliche come l’ISTAT -, di fronte alla crescente umiliazione delle loro prerogative da parte della finanza globale, invece di resistere, si sarebbero volentieri trasformate in lobby occulte della finanziarizzazione. Una bella disillusione per chi credeva nell’esistenza dello Stato.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


16/12/2018 @ 18:00:15
script eseguito in 76 ms