"
"Ridurre l'anarchismo alla nozione di "autogoverno", significa depotenziarlo come critica sociale e come alternativa sociale, che consistono nella demistificazione della funzione di governo, individuata come fattore di disordine."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 02/04/2009 @ 01:25:30, in Commentario 2009, linkato 1027 volte)
Uno degli aspetti più strani dell’attuale regime berlusconiano consiste nel fatto che alcuni settori di opinione pubblica si ostinano a considerare la posizione di Giulio Tremonti all’interno del governo di cui fa parte, come quella di una sorta di oppositore. In quest’ultimo anno si è consolidato un gioco delle parti mediatico fra Berlusconi e Tremonti, in cui il primo rilascia dichiarazioni di un ottimismo meschino ed irritante, mentre il secondo veste i nobili panni del critico della globalizzazione, arrivando a prendersela con sette segrete come gli “Illuminati”, che avrebbero imposto al mondo la globalizzazione stessa.
Una trasmissione televisiva come Annozero, che molti considerano acriticamente come critica nei confronti del regime, si è trasformata in un vero e proprio “Tremonti show”, in cui il ministro dell’Economia si lancia in ardite analisi degli sviluppi della crisi e degli errori passati che li avrebbero determinati; errori tra cui Tremonti annovera l’eccessiva ingerenza dei privati nella gestione dell’economia. Attraverso questo illusionismo mediatico, Tremonti continua a ricevere stima da molti antiberlusconiani, ed è persino divenuto l’oggetto di speranze di cambiamento.
In realtà prendersela con gli Illuminati è molto più comodo che chiamare la cosa con il suo vero nome, cioè Fondo Monetario Internazionale. È in quella sede che sono passate quasi tutte le scelte che poi sono state riassunte nel contraddittorio slogan della globalizzazione. Ed è sempre da quella sede che partono ancora adesso gli impulsi e le istruzioni a proseguire, nonostante la strombazzata crisi economica planetaria, nella strada delle privatizzazioni.
Mentre sui media si discute di nazionalizzare le banche, di fatto Giulio Tremonti, con il suo Decreto divenuto la Legge 133/2008, è riuscito ad imporre la privatizzazione dei patrimoni immobiliari delle Università e dei beni del Demanio dello Stato, e persino la privatizzazione della gestione delle risorse idriche, che è come dire che ha privatizzato l’acqua. Sui media che fanno ascolto e opinione, finora nessuno ha contestato a Tremonti questa sua contraddizione o, per meglio dire, questo suo atteggiamento truffaldino.
Intanto incombe anche un'altra ondata di privatizzazioni, quella dei servizi della Pubblica Amministrazione, promosse dal ministro Brunetta. Nonostante l'abietta impresentabilità del personaggio, Brunetta gode all’interno dei media di una posizione di privilegio analoga a quella di Tremonti, ed anche lui è visto da alcuni settori di opinione pubblica come qualcosa di “altro” rispetto a Berlusconi, una specie di opposizione ispirata a valori di efficienza e moralizzazione.
Il cosiddetto “federalismo fiscale” si sta risolvendo in una ulteriore privatizzazione, quella della esazione fiscale appaltata ad agenzie private regionali. Manco a dirlo, la privatizzazione della esazione fiscale è promossa da una formazione politica anch’essa presentata dai media come una sorta di opposizione interna al governo Berlusconi, cioè la Lega Nord.
Insomma, Berlusconi ha all’interno del governo da lui diretto una miriade di “oppositori”, che fanno però esattamente ciò che lui vuole, cioè privatizzare.
L’onere finanziario di questi business di privatizzazione ricade interamente sulle casse dello Stato, dato che oggi gli imprenditori privati non dispongono di “soldi veri”, e se li aspettano proprio dal governo: parola della presidente di Confindustria Emma Marcegaglia.
Tutto questo accade mentre si parla di crisi economica e di misure anti-crisi. Il paradosso non può essere avvertito dalla popolazione semplicemente perché i media non ne parlano; e ciò è logico se si considera che i media appartengono tutti ai gruppi affaristici che sono interessanti al business delle privatizzazioni.
I gruppi affaristici italiani sono comunque in coda in questa ondata di business, promossi soprattutto dalle multinazionali e dal loro braccio politico, il FMI. C’è inoltre da considerare che il business dell’acqua non è comparabile con quello del petrolio. Non si tratta qui di importare una risorsa energetica alle proprie condizioni, ma di privare la popolazione di una risorsa che ha già. Non si tratta dunque di indurre ad un consumo, ma di creare artificialmente una condizione di povertà, per poterne poi ricattare la popolazione.
La privatizzazione dell’acqua implica perciò un vero e proprio racket, che sarebbe inattuabile senza un sovrappiù di violenza e di militarizzazione del territorio; quindi è improbabile che la facciata dello Stato di Diritto possa reggere di fronte alla gestione di business del genere.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 30/03/2009 @ 00:07:29, in Documenti, linkato 1189 volte)
L'OPPIO E' LA RELIGIONE DEL CAPITALE
Ma è solo un romanzo.

Ghosh Amitav, l’autore del romanzo da cui abbiamo tratto alcuni passi, è nato a Calcutta nel 1956, ha studiato a Oxford ed è uno dei più acclamati scrittori indiani di lingua inglese, ma lavora anche come antropologo e giornalista. Il romanzo “Mare di Papaveri”(2008) è il primo quadro di una trilogia dedicata alla nascita dell’India moderna. Scritto con grande padronanza della tecnica narrativa, il romanzo ha come sfondo storico gli avvenimenti (siamo nel 1838) che precedono la Guerra dell’Oppio contro la Cina.
Ma al di là delle altre qualità del romanzo, quello che ci interessa è la capacità di rendere in modo esauriente aspetti importanti della ideologia e della strategia coloniale, in particolare il legame decisivo del colonialismo anglo-americano con la droga.

[…] “In tal caso, signore” disse Burnham, “tocca a me informarla che ultimamente i funzionari di Canton hanno bloccato l’entrata dell’oppio in Cina. E’ opinione condivisa da noi uomini d’affari che non si può consentire ai mandarini di fare ciò che meglio credono. Chiudere questo commercio sarebbe rovinoso…per ditte come la mia, ma anche per lei, e a dire il vero per tutta l’India”.
“Rovinoso?” disse mitemente Neel. “Ma senza dubbio possiamo offrire alla Cina qualcosa più utile dell’oppio”.
“Vorrei che fosse vero” disse Burnham. ”Ma purtroppo non è così. Molto semplicemente, non c’è niente che loro vogliano da noi, si sono messi in testa di non aver bisogno dei nostri prodotti e delle nostre manifatture. Noi d’altra parte non possiamo rinunciare al loro tè e alla loro seta. Se non fosse per l’oppio, il salasso per la Gran Bretagna e le sue colonie sarebbe insostenibile”.
A quel punto intervenne Doughty: “Vede, il problema è che Johnny Chinaman pensa di poter tornare ai vecchi tempi, prima della sua passione per l’oppio. Ma indietro non si torna, non si può”. “Tornare indietro?” Neel era sorpreso. “Ma la fame d’oppio risale all’antichità”.
“L’antichità?” lo schernì Doughty. “Come sarebbe a dire? Perfino quando sono andato a Canton la prima volta, da ragazzo, ne circolava pochissimo. Ha una testa dannatamente dura, Johnny-codino. Posso assicurarle che non è stato facile convincerlo ad affezionarsi all’oppio. No, signore, per dar credito a chi se lo merita, bisogna riconoscere che la richiesta di oppio sarebbe assai modesta se non fosse per la perseveranza dei mercanti americani e inglesi. … […]
Non avendo mai riflettuto molto sul commercio, Neel pensava che in Cina il traffico di oppio fosse legalmente approvato: gli sembrava naturale, dal momento che in Bengala tale commercio era non solo autorizzato ma anche monopolizzato dalle autorità britanniche, con il suggello della Compagnia delle Indie orientali. […] “Dunque le autorità cinesi non vedono di buon occhio la vendita dell’oppio?”
“Purtroppo è così” disse Burnham “ E’ già un po’ che storcono il naso, ma in passato non hanno mai fatto un simile tumasher: i mandarini e gli altri musi gialli hanno sempre intascato il dieci per cento, ben lieti di chiudere gli occhi. L’unica ragione per cui fanno tante storie adesso è che evidentemente vogliono guadagnarci di più”. […]
“Mr Burnham! Sta forse dicendo che l’impero britannico intende fare una guerra per introdurre l’oppio in Cina con la forza?”
La replica di Burnham non si fece attendere. Posando rumorosamente il bicchiere sul tavolo, disse:” Evidentemente sono stato frainteso, Raja Neel Rattan. La guerra quando verrà, non sarà per l’oppio. Sarà per un principio, per la libertà…libertà di commercio e libertà del popolo cinese. Il Libero Commercio è un diritto conferito all’Uomo da Dio, e i suoi principi valgono sia per l’oppio sia per qualunque altra merce . Tanto più che mancando l’oppio a milioni di nativi sarebbero negati i duraturi vantaggi dell’influenza inglese”.
A questo punto Zachary intervenne: “Sarebbe a dire, Mr Burnham?”
“Sarebbe a dire, Reid” rispose Burnham pazientemente, “ che la dominazione inglese in India non potrebbe sostenersi senza l’oppio, tutto qui, e non fingiamo che le cose stiano altrimenti. Lei senz’altro sa che ci sono anni in cui i profitti che la Compagnia ricava dall’oppio sono pressoché pari alle entrate complessive del suo paese, gli Stati Uniti. Crede forse che in mancanza di tale fonte di ricchezza sarebbe possibile il dominio britannico in questa terra impoverita? E se riflettiamo sui benefici che il governo britannico ha garantito all’India, non ne consegue che l’oppio è la più grande fortuna di questo paese? Non ne consegue che è nostro dovere, da Dio stesso assegnatoci, garantire ad altri analoghi benefici?” […]
“Non la turba, Mr Burnham, appellarsi a Dio in favore dell’oppio?”
“Neanche un po’” ribatté Burnham, stropicciandosi la barba. “Un mio concittadino l’ha messa in modo molto semplice: “Gesù Cristo è il Libero Commercio e il Libero Commercio è Gesù Cristo”. Se Dio vuole che l’oppio venga usato come strumento per aprire la Cina ai suoi insegnamenti, sia fatta la sua volontà. Quanto a me , confesso che non vedo perché un gentiluomo inglese dovrebbe farsi complice del tiranno manciù privando il popolo cinese di tale miracolosa sostanza”.
“Intende dire l’oppio?”
“Proprio così” disse Burnham sarcastico. “Lasci che le chieda una cosa, signore: le piacerebbe tornare ai tempi in cui agli uomini si strappavano i denti e si ricucivano le membra senza un calmante per alleviare il dolore?”
“E perché mai?” disse Reid rabbrividendo. “Certo che no”.
“L’immaginavo” disse Burnham “In tal caso dovrebbe aver chiaro in mente che la medicina o la chirurgia moderna sarebbero assolutamente impraticabili senza prodotti chimici come morfina, codeina e narcotina, che sono peraltro alcuni dei miracolosi derivati dell’oppio. Senza lo sciroppo per le coliche i nostri bambini non dormirebbero. E come farebbero le nostre signore, compresa la nostra amata regina, senza il laudano? Si potrebbe addirittura sostenere che dobbiamo all’oppio quest’epoca di progresso e operosità: senza oppio le strade di Londra sarebbero invase da moltitudini tossicolose, insonni e incontinenti. E considerando tutto ciò, non è giustificato chiedersi se il tiranno manciù abbia il diritto di privare i suoi sudditi inermi dei vantaggi del progresso? Crede forse che a Dio piaccia vederci cospirare con quel tiranno che priva tanta gente di questo dono meraviglioso?”
“Tuttavia, Mr Burnham” insistette Neel, “mi risulta che in Cina il vizio sia molto diffuso, che ci sia molta dipendenza. Non mi dirà che simili afflizioni sono gradite a Dio”.
Burnham fu punto sul vivo. “I malanni di cui lei parla, signore, confermano semplicemente la natura peccaminosa dell’Uomo. Se mai dovesse capitarle di camminare tra le catapecchie di Londra, Raja Neel Rattan, vedrebbe con i suoi occhi che nelle mescite di gin della capitale dell’Impero c’è tanto vizio e dipendenza quanto nelle topaie di Canton. Dovremmo dunque radere al suolo tutte le taverne della città? Bandire il vino dalle nostre tavole e il whisky dai nostri salotti? Privare i nostri marinai e soldati della loro dose giornaliera di grog? E una volta sancite tali misure, crede che il vizio sarebbe cancellato e che la dipendenza cesserebbe? E che ogni membro del Parlamento dovrebbe sentirsi responsabile di eventuali fallimenti? La risposta è no . No. Perché l’antidoto al vizio non sta nei divieti sanciti da parlamenti e imperatori, bensì nella coscienza del singolo, nella consapevolezza individuale delle proprie responsabilità e nel timore di Dio. E’ questa, mi creda, la più preziosa lezione che possiamo offrire alla Cina come nazione cristiana, e non dubito che tale messaggio sarebbe ben accolto dal popolo di quello sfortunato paese, se il despota crudele che li tiene in pugno non impedisse loro di ascoltarlo. Solo alla tirannia va il biasimo per la degenerazione della Cina, signore. I mercanti come me non sono che fedeli servitori del Libero Commercio, che è immutabile, come lo sono i comandamenti di Dio”. Burnham fece una pausa per ingoiare una frittella intera. “E mi permetta di aggiungere che non si confà al raja di Raskhali moraleggiare sulla questione dell’oppio”.
“E perché no?” disse Neel, preparandosi a rintuzzare l’affronto che certo ne sarebbe seguito. “La prego di spiegarsi, Mr Burnham”.
“Perché no?” Burnham sollevò il sopracciglio. “ Be’, per l’ottima ragione che ogni cosa che lei possiede è pagata dall’oppio… questo battello, le sue case, questo cibo. Crede forse che con le rendite delle sue tenute e dei suoi contadini semiaffamati potrebbe permettersi cose simili? Nossignore, tutto questo lei lo deve all’oppio”.
“Ma non farei una guerra per questo, signore” disse Neel, con tono tagliente quanto quello di Burnham. “ E non credo che la farà neppure l’Impero. Non penserà che io non conosca il ruolo del Parlamento nel vostro paese”.
“Il Parlamento?” Burnham scoppiò a ridere. “Il Parlamento saprà della guerra solo a guerra finita. Stia pur certo, signore, che se simili questioni fossero lasciate al Parlamento, non ci sarebbe nessun Impero”.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (16)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (7)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


24/04/2019 @ 11:49:12
script eseguito in 72 ms