"
"Feuerbach aveva in parte ragione quando diceva che l'Uomo proietta nel fantasma divino i suoi propri fantasmi, attribuendogli la sua ansia di dominio, la sua invadenza camuffata di bontà, la sua ondivaga morale. Anche quando dubita dell'esistenza di Dio, in realtà l'Uomo non fa altro che dubitare della propria stessa esistenza."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 08/01/2009 @ 09:09:36, in Commentario 2009, linkato 1150 volte)
In questi giorni prosegue l’unanime e “spontaneo” moto di opinione pubblica per spingere alle dimissioni il sindaco di Napoli Jervolino e il suo protettore, il governatore della Campania Bassolino. Nessun commentatore ha sinora ricordato come, sino a poco più di dieci anni fa, Bassolino era il beniamino dei media, che avevano inventato a sua gloria un inesistente “rinascimento bassoliniano”; un rinascimento di cui era incaricato di cantare le lodi nel mondo anche Renzo Arbore, bravissimo e simpaticissimo uomo di spettacolo, ma anche, purtroppo, noto collaboratore di centrali statunitensi di psychological war.
Nell’ambito della guerra psicologica americana, Arbore aveva svolto parecchie operazioni importanti.
Ad esempio, a metà degli anni ’80, aveva confezionato uno spettacolo televisivo di enorme successo, “Quelli della Notte”, che costituì un contenitore non solo di propaganda anticomunista, ma anche di propaganda anti-araba ed anti-islamica. Il tutto veniva insinuato attraverso un’abile illusione di spontaneità e casualità: l’attore Maurizio Ferrini ridicolizzava in ogni puntata il personaggio di una sorta di comunista tipico - ottuso e conformista -, la cui battuta/tormentone era “non capisco ma mi adeguo”.
L’attore americano Andy Luotto si esercitava invece nella parodia di un arabo; una parodia che, a suo dire, egli fu costretto a sospendere a causa di minacce di morte da parte di alcuni sconosciuti di provenienza araba. Insomma, lo scherzo, il divertimento, la finta improvvisazione diventavano il veicolo di messaggi da fissare nella mente degli spettatori, che così si abituavano alle due equazioni: comunista uguale a stupido, arabo/islamico uguale a terrorista.
Perché negli anni ’90 un agente della psychological war statunitense come Arbore divenne il cantore delle virtù di Bassolino?
Semplicemente perché in quel periodo Bassolino, allora ancora sindaco di Napoli, stava indebitando il Comune di Napoli con fondi di investimento statunitensi, attraverso l’emissione di BOC, Buoni Ordinari del Comune. Il generoso finanziamento americano avrebbe consentito a Bassolino di rinnovare il parco autobus del Comune.
All’epoca tutta l’opinione pubblica venne convinta che questi crediti erano stati concessi per la fiducia che la personalità di Bassolino aveva saputo ispirare agli investitori statunitensi; mentre il vero motivo era un altro: la garanzia costituita dal patrimonio immobiliare di proprietà del Comune di Napoli, certamente tra i più preziosi al mondo.
Per la finanza americana i patrimoni immobiliari europei costituiscono una preda di notevole importanza, se si considera che invece negli Stati Uniti gran parte dei patrimoni immobiliari è soggetta a gravi problemi di deperimento: a causa delle tecniche di costruzione, la durata media di una casa americana è di pochi decenni, mentre anche i grattacieli diventano strutture sempre meno longeve, che richiedono periodici abbattimenti. In questo contesto, appropriarsi dei terreni edificabili diventa l’unica solida garanzia.
Il sospetto che il crollo delle dighe di New Orleans sia stato provocato a bella posta, è motivato proprio dal fatto che grazie a quel crollo i vecchi quartieri popolari della città sono scomparsi, lasciando spazio all’arrivo delle immobiliari legate alla cosca Bush-Cheney.
Con la sua suprema saggezza, il nostro ministro dell’Economia Tremonti ha ammonito dicendo che “il denaro non può creare denaro”; cosa che in effetti non ha mai pensato nessun finanziere, in quanto ogni speculatore finanziario sa benissimo che il capitale deve sempre passare per la rendita fondiaria per diventare e rimanere tale. A questa conclusione sul carattere decisivo della rendita fondiaria, era giunto persino Marx nel libro terzo de “Il Capitale”, in cui smentiva ciò che aveva detto nei due precedenti libri.
Anche nell’epoca dell’industria e dell’alta tecnologia, i patrimoni immobiliari rimangono il fondamento della ricchezza.
Il ministro Tremonti, per conto delle finanziarie statunitensi di cui è sicario, si sta occupando di rastrellare i patrimoni immobiliari delle Università e del Demanio pubblico. Č chiaro che però tutto questo non può bastare, poiché ci sono ancora i patrimoni dei Comuni su cui mettere le mani.
Il movente delle privatizzazioni è alla base di molte inchieste giudiziarie. Senza “Mani Pulite” - o “Tangentopoli”, che dir si voglia - non sarebbe stato possibile privatizzare molte aziende pubbliche. Il sistema dei partiti doveva essere assolutamente smantellato attraverso quelle inchieste, perché altrimenti non avrebbe ceduto la sua principale fonte di finanziamento.
In molti si sono chiesti cosa abbia cambiato la privatizzazione della SIP, divenuta Telecom. La differenza è che, in questo passaggio, il patrimonio immobiliare della SIP si è “volatilizzato” misteriosamente; cosa ben strana, trattandosi di “beni immobili”.
In tutte le diatribe sulle “toghe nere” e “toghe rosse”, non si è mai voluta prendere in considerazione la terza ipotesi, e cioè che le inchieste giudiziarie costituissero lo strumento di cosche affaristiche, in gran parte di provenienza statunitense, sempre affamate di patrimoni immobiliari da saccheggiare.
Alla caduta del sindaco Jervolino seguirebbe una scontata emergenza sui conti finanziari delle casse comunali, che giustificherebbe drastici provvedimenti di privatizzazione. Qui non si ricorre all’immaginazione, ma alla semplice memoria, poiché si tratta di copioni già visti e rivisti. All’inizio degli anni ’90, anche l’allora sindaco di Napoli, Polese, fu fatto fuori da un’inchiesta giudiziaria, con il risultato che il sindaco successivo, Tagliamonte, proclamò il dissesto del Comune, che servì a giustificare la privatizzazione delle aziende municipalizzate e dei relativi patrimoni immobiliari.
Dopo i patrimoni immobiliari del Banco di Napoli, dell’azienda del Risanamento, delle aziende municipalizzate napoletane, e mentre si avvia la privatizzazione dei patrimoni di quattro Università storiche napoletane (Federico II, Istituto Orientale, Politecnico, Secondo Policlinico), il patrimonio immobiliare del Comune, sarebbe l’ennesimo da saccheggiare. Non c’è male per una città che la propaganda colonialistica presenta come povera e dipendente dall’assistenza.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 08/01/2009 @ 09:04:56, in Commenti Flash, linkato 1112 volte)
Niente di strano che ad occuparsi degli "Incontrolados" spagnoli del '36 e degli attuali "No control" greci, su "La Repubblica" di domenica 4 gennaio sia stato chiamato un supercontrollato come Guido Rampoldi, che, per narrare dei fatti del '36, ricorre a qualche smaccata mistificazione della propaganda stalinista e franchista dell'epoca; mentre, per parlare di oggi, saccheggia il solito repertorio dei luoghi comuni pseudo-sociologici che imperversano sulle riviste pubblicate dalle varie polizie. Anche per informarci sugli Indios dell'Amazzonia, Rampoldi si rivolge a quella fonte imparziale che sono i fazenderos impegnati nel loro sterminio.
A coronare il tutto, c'è anche una citazione fuori contesto dell'anarchico Camillo Berneri, fatto passare per un guerrafondaio; così Rampoldi pensa di aver dato il suo contributo alla strategia della confusione attuata dai media.
Ma la cosa più curiosa dell'articolo, è la pretesa di Rampoldi di essere l'unico a sapere e capire di anarchismo; quindi gli anarchici, se vogliono poter esercitare, dovrebbero andare a prendere la patente da lui. Rampoldi non si accontenta di essere un controllato - come tutti i giornalisti -, ma si sente una vocazione di controllore. Auguri!
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


15/12/2018 @ 09:46:15
script eseguito in 70 ms