"
"Il capitalismo non è altro che il rubare ai poveri per dare ai ricchi, e lo scopo della guerra psicologica è quello di far passare il vampiro per un donatore di sangue; perciò il circondarsi di folle di bisognosi da accarezzare, può risultare utile ad alimentare la mistificazione."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 25/12/2008 @ 00:26:33, in Commenti Flash, linkato 1116 volte)
Pierluigi Celli, già dirigente RAI, è il direttore generale della prestigiosa “Luiss”, la libera università internazionale degli studi sociali, un’università privata molto selettiva, come dimostra il fatto che a presiederla vi sia Luca Cordero di Montezemolo e che nella sua direzione annoveri intellettuali del calibro di Francesco Gaetano Caltagirone.
Questo ateneo è in stretto contatto con molte imprese di rango e si propone, come dichiara nella sua presentazione, di “preparare i giovani alla flessibilità” e “di formare professionisti in grado di governare la complessità”.
In questi giorni, Celli è in giro in vari salotti televisivi a presentare la sua ultima fatica editoriale: “Comandare è fottere”. Dobbiamo confessare che, nonostante il titolo un po’ esoterico e sebbene privi dei raffinati strumenti d’analisi di Celli, anche noi eravamo stati sfiorati dal sospetto che comandare volesse dire fottere, ma non eravamo stati in grado di esprimere il concetto con una sintesi così efficace ed elegante.
In realtà, sono anni che l’aspirante Machiavelli ci intrattiene appena possibile con l’esaltazione delle virtù del privato: “nel privato quello che conta è il mercato”, “il mercato non fa sconti”, “nel privato chi sbaglia paga”, “nel privato contano le capacità individuali, conta il merito”.
Eppure qualche giorno fa abbiamo visto un’ombra di tristezza sfiorare il suo volto, quando il perfido giornalista gli ha fatto notare che qualche responsabilità per il disastro economico negli Stati Uniti ce l’avevano anche i privati. Il povero Celli non è riuscito che a farfugliare qualche altra idiozia : negli Stati Uniti è diverso, lì chi sbaglia paga, hanno già messo in galera dei manager… e altre amenità. Insomma Celli si è fatto fottere da un giornalista qualsiasi. Vuoi vedere che a comandare siano proprio i giornalisti?
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 18/12/2008 @ 00:40:15, in Commentario 2008, linkato 1805 volte)
A proposito delle manifestazioni svoltesi in Grecia, i media hanno parlato di una rivolta "contro la crisi". Quindi i crimini passati, presenti e futuri della cleptocrazia internazionale, sono stati sintetizzati da economisti e giornalisti sotto la sigla astratta di "crisi", una entita' impersonale e ineluttabile come un evento naturale, una inondazione o un terremoto. Persino i tagli e i furti decisi in questi giorni dai governi, non sono piu' atti volontari commessi da persone, ma assumono anche essi l'alone di una ineluttabile oggettivita', in quanto imposti dalla "crisi".
La propaganda ufficiale riprende gli slogan della sinistra rivoluzionaria e li ritorce a suo vantaggio: "Avete sempre detto che il capitalismo e' crisi? Allora ecco la crisi. Adesso potete anche accusare i capitalisti di esserne gli unici responsabili, ma ormai la crisi c'e', e quindi c'e' solo da fare gli inevitabili e necessari sacrifici per uscirne."
Lottare contro la crisi e' quindi come prendersela con la "jella". Una trasmissione di La-7 cosi' ha liquidato lo sciopero della CGIL del 12 dicembre, uno sciopero voluto dalla FIOM, che ha trascinato malvolentieri il resto della confederazione: "uno sciopero contro la jella".
Strano pero' che questa espressione si trovasse giĂ  in un film americano del 2005, "Cinderella Man", ambientato durante la grande depressione degli anni '30 negli Stati Uniti. Il protagonista del film, di fronte all'opinione di un suo compagno di lavoro intenzionato ad organizzare la lotta sindacale contro capitalisti e governo, risponde che lottare contro la crisi e' come prendersela con la siccita' o la sfortuna.
Tre anni prima che la crisi scoppiasse era gia' pronto un film che anticipava gli schemi propagandistici utilizzati ora dai media; un film che ora gira per le televisioni e risulta utile per indottrinare le masse circa l'atteggiamento "giusto" da tenere nell'attuale temperie.
Nei programmi televisivi sulla crisi non possono mancare interviste a coloro che l'avevano prevista, e non e' difficile trovarne, dato che i profeti della crisi sono una vera legione: mai crisi fu piu' annunciata di quella attuale; troppo annunciata.
Uno dei massimi profeti in circolazione, e' il ministro dell'Economia Tremonti, attualmente impegnato non soltanto nella liquidazione dei patrimoni immobiliari delle Universita' e del demanio dello Stato, ma anche nella liquidazione del principio di non contraddizione. In prolissi discorsi televisivi, il ministro mescola infatti affermazioni contraddittorie e inconciliabili, facendo cosi' ad ogni spettatore l'onore di andare incontro a qualche sua radicata convinzione, tanto che pare un obbligo universale inchinarsi alla sua solenne e dolente loquela.
Ma la piu' vistosa contraddizione di Tremonti e' quella pratica: in molti hanno infatti notato che, nonostante la "crisi", egli continua a fare cio' che facevano i governi prima della "crisi", cioe' tagli e privatizzazioni. Anche il governo greco aveva reagito alla "crisi" con altre privatizzazioni, ed era stato appunto questo il motivo della reazione popolare in Grecia, cosa che i media si sono preoccupati con cura di mettere in ombra. Anzi, la tesi principale dei media e' stata che i Greci hanno scoperto improvvisamente "di aver vissuto per anni al di sopra dei propri mezzi". Strano che anche questo slogan del vivere al di sopra dei propri mezzi non sia nuovissimo; in Italia fu reso popolare negli anni '70 da Ugo La Malfa; ma, per la precisione, lo slogan ha sessantadue anni, dato che costitui' dall'inizio il perno della strategia comunicativa del Fondo Monetario Internazionale, costituito nel 1946.
Da quell'anno, con qualsiasi Paese questa istituzione finanziaria prenda contatto - non importa quanto povero sia -, gli propina immancabilmente la predica sull'aver vissuto al di sopra dei propri mezzi; in altre parole, la linea del FMI e', da sempre, quella della miseria programmata per tenere il piu' basso possibile il costo del lavoro, in modo da "invogliare" le multinazionali a fare investimenti.
In base alla dottrina-FMI della necessita' della miseria per creare sviluppo, circola in questi mesi una sorta di pseudo-antiamericanismo, che consiste nell'affermare che sono gli Americani a dover pagare la crisi, dato che loro l'hanno provocata vivendo, manco a dirlo, "al di sopra dei propri mezzi".
Il vero antiamericanismo sta in realta' nello sfatare i miti dell'America come Terra della Liberta' e del Benessere. La maggioranza degli Americani vive infatti sotto una rigida oligarchia che impone una vita grama, fatta di lavoro senza garanzie, licenziamenti e disoccupazione; una vita in cui e' un sogno impossibile una casa costruita coi mattoni, ed anche la diffusa obesita' e' dovuta all'alto livello di ormoni nel cibo, e non all'abbondanza di esso.
I consumi a credito - su cui e' fondato il consumismo americano - costituiscono un business finanziario che sfrutta la poverta', e non un segnale di benessere. Che poi questo business dovesse giungere ad un capolinea con lo scoppio della bolla speculativa, era, questo si', prevedibile e scontato; tanto che l'impressione e' che lo scoppio non sia giunto di sorpresa, ma sia stato teleguidato, in modo da far giungere ad una "crisi" che sta diventando un modo per riconfermare i luoghi comuni reazionari di un sistema di potere internazionale che ha ormai sessantadue anni. In questo ambito, persino un falso ecologismo, che opera una perfida confusione tra consumismo e benessere, viene usato per rafforzare gli argomenti di un pauperismo presentato come una prospettiva salvifica di necessaria espiazione di massa.
La "crisi" e' avvolta in una nube propagandistica, o costituisce addirittura essa stessa una ulteriore offensiva della guerra psicologica che opprime il pianeta dalla fine degli anni '70. Il crescente ed eccessivo ruolo della propaganda costituisce, peraltro, un indizio della intrinseca debolezza del sistema di dominio della cleptocrazia internazionale che ha nel FMI la sua massima istituzione. Il colonialismo sta regredendo ai livelli della pirateria del diciassettesimo e diciottesimo secolo, con saccheggi e traffici che rivelano l'impronta delle imprese della criminalita' comune, come indica la scoperta che lo scopo dell'invasione dell'Afghanistan da parte del governo USA era quello di allestire un traffico di eroina.
Il proliferare nella propaganda ufficiale di "nemici dell'Umanita'", da Chavez a Mugabe, indica inoltre la crescente difficolta' che sta incontrando il FMI nell'imporre la propria volonta' ai Paesi del cosiddetto terzo mondo.
Oggi il sistema di dominio non e' neppure piu' in grado di reggere la presenza di un movimento operaio, percio' e' costretto a perseguire la strada della de-industrializzazione ogni qual volta si verifichino pericoli di conflitti di lavoro.
La propaganda e' un'arma micidiale, ma non e' un'arma decisiva, e percio' non puo' impedire che le vere debolezze vengano allo scoperto.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


11/12/2018 @ 12:31:16
script eseguito in 78 ms