"
"Feuerbach aveva in parte ragione quando diceva che l'Uomo proietta nel fantasma divino i suoi propri fantasmi, attribuendogli la sua ansia di dominio, la sua invadenza camuffata di bontà, la sua ondivaga morale. Anche quando dubita dell'esistenza di Dio, in realtà l'Uomo non fa altro che dubitare della propria stessa esistenza."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 18/12/2008 @ 00:28:03, in Commenti Flash, linkato 1107 volte)
Date un'occhiata al video del lancio delle scarpe contro Bush. Eccezionale, non vi pare?
Peccato che sia un falso sfacciato.
Per tempi e inquadrature, e' chiaramente una scena elaborata da un regista professionista. Non e' da escludere che il Bush del video fosse una controfigura, e che la faccia sia stata aggiunta con la manipolazione al computer.
Fa il paio con il filmato di Bush che legge la fiaba della capretta durante l'attacco alle torri gemelle. Perche' si allestiscono finzioni del genere?
Il tutto serve a dare una falsa impressione di spontaneita' per cio' che riguarda il potere negli Stati Uniti.
E poi valutate l'effetto subliminale: Bush subisce un attacco scomposto e velleitario, che pero' riesce a schivare con agilita'. Il messaggio che si fissa nell'inconscio dello spettatore, e' che Bush e' stato oggetto di furiose polemiche, ma ne e' uscito indenne.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 11/12/2008 @ 01:22:01, in Commentario 2008, linkato 1082 volte)
La campagna politica e mediatica a livello mondiale che imperversa da anni contro Mugabe, presidente dello Zimbabwe, si fa notare per l’assoluta mancanza, anche su internet, di voci disposte a interrogarsi sui motivi di tanto accanimento.
Che l’attuale governo dello Zimbabwe sia ladro e sanguinario, non c’è alcun dubbio - altrimenti non sarebbe un governo -, ma ciò non ha mai costituito di per sé un motivo per essere messi alla gogna mediatica. Ciò che invece rende uno scandalo intollerabile l’esistenza di un governo, è il fatto che non abbia rispettato i diritti umani delle multinazionali.
Mugabe ha imposto infatti una legge che costringe le multinazionali che vogliono operare in Zimbabwe a costituire società miste, in cui la maggioranza sia di proprietà di cittadini dello stesso Zimbabwe. Sono indignati anche molti giornalisti di sinistra, i quali ci fanno sapere che Mugabe assegna queste proprietà a suoi amici e parenti; un atto veramente inaudito che pare non avvenga in nessuna altra parte del mondo.
Questi sono i crimini contro l’umanità che hanno giustificato anni di durissime sanzioni economiche da parte del cosiddetto Occidente contro lo Zimbabwe, negandogli macchinari, pezzi di ricambio e persino medicinali.
Giornalisti imparziali ci hanno fatto sapere in passato che il popolo dello Zimbabwe ovviamente era felicissimo di queste sanzioni, ed anzi che ne invocava l’inasprimento pur di essere liberato da Mugabe. Quando Mugabe attribuisce almeno parte delle difficoltà economiche che sta attraversando il suo Paese alle sanzioni, allora gli imparziali giornalisti commentano che egli sta prendendo le sanzioni a pretesto per fare la vittima.
Imparziali agenzie dell’ONU ci informano ora che gli acquedotti dello Zimbabwe sono fatiscenti e che si sta verificando un’emergenza sanitaria con casi di colera; una emergenza sanitaria che va interamente attribuita alla cattiveria di Mugabe, e con la quale le sanzioni non hanno avuto nulla a che vedere.
In realtà, questa emergenza sanitaria non è poi stata neppure accertata in base a dati di prima mano, ma le agenzie dell’ONU ne hanno presunta l’esistenza grazie a stime sugli effetti a lungo termine delle sanzioni occidentali sulla popolazione della Zimbabwe; quelle stesse sanzioni che erano solo un pretesto per il vittimismo di Mugabe.
Ma cos’è che assicura l’imparzialità dell’ONU in questa vicenda? La prova dell’imparzialità dell’ONU starebbe nel fatto che gli Stati Uniti e i commentatori filo-americani insultano l’ONU.
È lo stesso schema propagandistico per il quale l’indipendenza dei magistrati è garantita dal “fatto” che Berlusconi li chiami pazzi o toghe rosse, o li accusi di tentare colpi di Stato. Quindi gli slogan di Berlusconi diventano il “fatto” che fa scomparire i veri fatti, e cioè che lo stesso Berlusconi ha potuto prendere il potere nel 1994, e riprenderlo quest’anno, in seguito a due colpi di Stato giudiziari, il primo contro Craxi ed il secondo contro Prodi; due colpi di Stato nei quali i magistrati non saranno stati i mandanti, ma almeno i sicari sicuramente.
Quando l’aedo delle virtù dei magistrati, il giornalista Marco Travaglio, parla di “scomparsa dei fatti” non accenna mai a questi specifici fatti in cui sono coinvolti proprio i suoi eroici magistrati. Ad ulteriore esempio: oggi sono ancora una volta i magistrati a condurre l’attacco contro l’ultima roccaforte del centro-sinistra, le amministrazioni locali; e questo attacco avviene tra gli auspici e le lodi dei due quotidiani che Berlusconi insulta di più: “La Repubblica” e il “Corriere della Sera”, a dimostrazione del fatto che l’essere tanto insultati costituisce un marchio di servitù e non di indipendenza.
Gli schemi della propaganda sono elementari, ricorrenti e ripetitivi, eppure la loro efficacia non conosce smagliature o pause, tanto che essi creano una realtà virtuale che non necessita di ulteriori supporti e procede per auto-dimostrazione. Qualunque dubbio sul mito negativo di Mugabe verrebbe automaticamente seppellito da indignati commentatori sotto una massa di “notizie” a sostegno di questo mito negativo, come se le notizie fossero realtà in sé, che si formano da sole, galleggiano nell’aria e pervengono a destinazione senza la mediazione di un sistema delle comunicazioni di massa. Gli interessi affaristici che sovrintendono a questo sistema divengono irrilevanti, come se appunto le notizie avessero vita propria.
Un recente best-seller di Foss Clive, “Tiranni”, porta in copertina un’immagine del dittatore dell’Uganda, Idi Amin Dada; solo che non si tratta del vero Idi Amin, ma dell’attore Forrest Whitaker che lo interpreta nel film “L’Ultimo Re di Scozia”, una interpretazione per la quale gli è stato assegnato l’Oscar.
Conosciamo infatti le nefandezze dei tiranni grazie alla mediazione di film di successo e di servizi giornalistici che li riguardano; perciò ci sembra di aver visto realmente delle cose solo perché abbiamo assistito alla fiction che le ha ricostruite. Nonostante che le false immagini della guerra tra Russia e Georgia, confezionate dalla agenzia Reuters, siano state smascherate, questo precedente non fa testo, perciò si continua a fidarsi di ciò che non è stato ancora smascherato.
Mugabe ha ormai superato gli ottanta anni, quindi potrebbe togliersi di torno persino prima che una invasione o una “rivoluzione colorata” lo facciano fuori e riportino la democrazia in Zimbabwe. Si può essere certi però che per i media i suoi crimini continueranno anche dopo la sua morte, perché i guasti della tirannia di Mugabe potranno essere invocati per giustificare la miseria e la guerra civile che seguiranno, come al solito, il trionfo della democrazia.
Le multinazionali sono stanche di quei negri ingrati che, invece di fare disciplinatamente i presidenti-fantoccio, pretendono di fare i propri affari, senza accontentarsi delle briciole che potrebbero lasciar cadere dalla tavola i loro padroni bianchi; perciò in Africa le multinazionali stanno tornando al colonialismo diretto. Il Congo “liberato” costituisce il nuovo modello da imporre: un governo centrale che comanda appena nel suo quartiere di residenza, bande armate che si disputano il territorio con le armi vendutegli dalle multinazionali (in Africa è questo il consumismo imposto dagli “Occidentali”), intere regioni che divengono feudi delle compagnie multinazionali, che saccheggiano risorse senza rendere conto a nessuno.
L’importante, però, è che cada il dittatore: ciò basterà a placare le inquiete coscienze della sinistra “occidentale”.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


11/12/2018 @ 11:53:33
script eseguito in 74 ms