"
"Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea."

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 04/12/2008 @ 07:19:12, in Commentario 2008, linkato 981 volte)
Presentata dai media euro-americani come l’11 settembre indiano, la strage di Mumbai si è rivelata immediatamente qualcosa di diverso, poiché la prima reazione verificatasi in India è stata proprio quella che sarebbe più ovvia in casi del genere, cioè esigere ed ottenere le dimissioni dei responsabili della sicurezza, a partire dal grado più alto. Nessun commentatore “occidentale” ha fatto sinora notare che ciò non era accaduto in occasione del vero 11 settembre, quando la debacle della sicurezza statunitense fu seguita da un’ondata di promozioni e di aumenti di stipendio per tutti i più alti responsabili del disastro.
La democrazia indiana si è rivelata quindi ancora immatura e lontana dagli standard più elevati delle grandi democrazie “occidentali”, in quanto il governo indiano è stato incapace di trarre profitto politico dall’accaduto, dato che il fatto ha generato in India una autentica preoccupazione, e non quel pretestuoso e compiaciuto allarmismo che caratterizza il comportamento dei governi e dei media “occidentali” in circostanze analoghe.
Nonostante la facilità con cui i componenti del commando si sono infiltrati in città, e nonostante che molti più terroristi di quanti le forze di sicurezza indiane abbiano voluto ammettere siano poi riusciti a fuggire, resta il fatto che l’incompetenza non sia stata usata stavolta dal governo indiano come alibi ed auto-giustificazione onnicomprensiva, e nemmeno come pretesto per limitare le libertà dei cittadini; e ciò dà adito al ragionevole sospetto che in questo caso non si sia trattato del solito auto-attentato marca-11 settembre.
I più impegnati a trarre vantaggio dall’attentato sono apparsi invece gli Stati Uniti e le loro multinazionali, che hanno approfittato per estorcere altre concessioni al Pakistan in merito ai contratti sulla costruzione degli oleodotti in quel Paese, e ciò indirizza doverosamente i sospetti verso gli stessi Stati Uniti.
Oggi il Pakistan appare politicamente isolato e quindi ricattabile, mentre l’India sembra avviarsi verso il totale allineamento con le posizioni statunitensi, quindi, se l’organizzatore della strage è effettivamente il governo USA, si può dire che i suoi obiettivi affaristici a breve e medio termine si siano realizzati. Comunque, anche se l’organizzatore della strage non si trovasse negli Stati Uniti, rimarrebbe la constatazione della loro disinvolta dimestichezza nel profittare del terrorismo e maneggiarne a piacimento gli effetti.
È vero che tutti i governi usano il terrorismo per i loro obiettivi sia interni che internazionali, ma non tutti i governi possono disporre del retroterra ideologico e propagandistico adeguato per gestire al meglio tale strumento di potere. Nel cosiddetto Occidente, la guerra al terrorismo non costituisce altro che la continuità con la guerra fredda, che fu una efficace invenzione delle centrali di guerra psicologica del Pentagono e della CIA. Tale invenzione consentiva al governo statunitense di mantenere in una situazione di pace tutti i vantaggi in termini di controllo sociale, economico ed informativo che si riscontrano in periodo di guerra. L’irreggimentazione dei media attraverso la continua evocazione del nemico sempre alle porte, il discredito lanciato su qualsiasi dissenso, presentato come cedimento o collaborazione con quello stesso nemico, costituiscono tecniche collaudate che sono confluite nella attuale “guerra al terrorismo”, che giustifica ogni ingerenza negli affari interni sia dei Paesi nemici che di quelli “alleati”; considerando che, per il colonialismo, “nemico” o “alleato” sono in pratica la stessa cosa, poiché si tratta comunque di bersagli da intimidire, demoralizzare e, in definitiva, annientare sia sul piano economico che sociale.
Lo scrittore Gore Vidal ha fatto notare il carattere assurdamente utopico dell’obiettivo di un mondo senza alcuna forma di terrorismo; ma, in effetti, è proprio questo mito estremo di educazionismo globale a costituire il salto di qualità della guerra al terrorismo rispetto alla guerra fredda, quando bastava non essere comunisti per trovarsi in regola. Oggi il fatto di non essere terroristi non esime dalla complicità morale con esso: ogni deviazione dal retto comportamento e dal retto pensiero può configurare qualcosa che favorisce il terrorismo. È la possibilità per i governi di criminalizzare indiscriminatamente la propria popolazione, nel suo complesso oppure settore per settore e categoria per categoria. Non a caso il ministro Brunetta, mentre lancia la sua guerra agli statali fannulloni, fa immediatamente sapere di essere stato minacciato dalle Brigate Rosse.
Qui si è potuta verificare l’arretratezza della democrazia indiana rispetto al modello “occidentale”. Anche in India, come in “Occidente”, la democrazia è solo il paravento per oligarchie costituite sempre dalle stesse famiglie, ma queste oligarchie indiane non sono ancora riuscite a liberarsi dalla vecchia retorica democratica, secondo cui è il governo ad essere responsabile verso i cittadini. Al contrario, oggi in “Occidente” sono i cittadini ad essere costretti ad uno sforzo incessante per rendersi degni dei loro governanti.
4 dicembre 2008
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 04/12/2008 @ 00:12:05, in Commenti Flash, linkato 939 volte)
In molti a Napoli avevano previsto che l’insostenibilità della montatura poliziesco-giudiziaria-mediatica verso Nugnes, assessore al Comune di Napoli, indicato come complice della camorra per la presunta insurrezione contro la discarica di Pianura, avrebbe condotto al consueto epilogo del suicidio di Stato, per togliere di mezzo un personaggio ormai non gestibile. La previsione era rimasta a mezza voce, per una sorta di timore di fornire idee ai potenziali assassini, che sono purtroppo giunti comunque da soli al proposito di realizzare quella che si presentava come la soluzione più scontata di tutto l’affare.
Nugnes è stato sacrificato al principio del “colpiscine uno per educarne cento”, poiché ora tutti gli amministratori locali sanno che chi si opponga alle discariche non ha un grande futuro davanti a sé. Pochi giorni prima del “suicidio” di Nugnes, c‘è stata la “scoperta” da parte dell’esercito che le cave di Chiaiano, prima ancora di essere indicate come sito per una discarica, erano già da tempo una discarica per rifiuti tossici; cosa di cui tutti i periti che avevano compiuto i rilievi sul sito non si erano ancora accorti. Quindi, o i periti non avevano davvero compiuto i rilievi, oppure i rifiuti prima non c’erano.
Nonostante che la questione dei rifiuti sia avvolta dal segreto militare e dal segreto di Stato, ormai rimane ben poco di davvero misterioso. Il fatto è che nessun commentatore ufficiale si azzarda a trarre le logiche conclusioni.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (16)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (7)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


23/04/2019 @ 14:06:41
script eseguito in 84 ms