"
"La privatizzazione è un saccheggio delle risorse pubbliche, ma deve essere fatta passare come un salvataggio dell’economia, e i rapinati devono essere messi nello stato d’animo dei profughi a cui è stato offerto il conforto di una zuppa calda. Spesso la psico-guerra induce nelle vittime persino il timore di difendersi, come se per essere degni di resistere al rapinatore fosse necessario poter vantare una sorta di perfezione morale."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 03/10/2017 @ 21:33:45, in In evidenza, linkato 711 volte)
Reggio Emilia. Novembre 2018 L'appello a partecipare.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 28/09/2017 @ 01:44:28, in Commentario 2017, linkato 3527 volte)
Le ultime elezioni tedesche hanno riconfermato il tracollo del quadro politico tradizionale in Europa. Č l’esito scontato della “politica unica” imposta dal Trattato di Maastricht, che delegittima preventivamente ogni mediazione sociale in nome della “libera concorrenza” e della “stabilità dei prezzi”, cioè privatizzazioni da un lato e deflazione, disoccupazione e pauperismo dall’altro.
In Francia la dissoluzione di un Partito Socialista percepito come nemico del lavoro, ha addirittura anticipato la scadenza elettorale, consentendo all’oligarchia bancaria francese di confezionare un candidato come Macron, al quale probabilmente è stata aperta la strada anche intimidendo e ricattando la principale avversaria, Marine Le Pen, costretta con qualche scheletro nell’armadio ad annacquare il suo messaggio antieuropeista a ridosso delle elezioni.
L’Europa che faceva la voce grossa e assumeva toni sprezzanti nei confronti del transfuga Regno Unito sembra ritornare a tremare di fronte al pericolo dei “populismi”. D’altra parte bisogna domandarsi se questi “populismi” non costituiscano il terreno principale di una manipolazione di consensi e dissensi forse non gestita direttamente dall’oligarchia UE ma dall’azione di forze esterne. L’Eurocrazia ha creato in Europa un laboratorio social-lobbistico-finanziario che può rappresentare un terreno di sperimentazione anche per altri soggetti gestori di obiettivi del tutto propri.
In Spagna il conflitto tra potere centrale e Catalogna ha assunto toni drammatici che hanno suscitato nei soliti commentatori le rituali litanie razzistiche. Si è fatto finta di chiedersi, ad esempio, perché Madrid non abbia consentito in Catalogna un referendum analogo a quello svoltosi in Scozia. La domanda era finta poiché la risposta era implicita nella domanda stessa e riguardava il luogo comune razzistico del diverso grado di civiltà politica tra Spagna e Regno Unito. Tutto ciò avviene anche in base alla mistificazione storiografica che fa passare il conflitto del 1936-1939 come “Guerra Civile Spagnola”, come se Mussolini non avesse “inventato” Francisco Franco finanziandolo con quaranta miliardi di lire dell’epoca, appoggiandolo con la sua flotta e con le sue truppe; le stesse truppe che costrinsero la Repubblica Spagnola a svenarsi in quella grande Vittoria di Pirro che fu la battaglia di Guadalajara. Gli Spagnoli sanno che la loro “guerra civile” non fu esclusivamente un affare interno, ma altrove si fa finta di dimenticarselo.

La Lega Nord ha infatti risposto prontamente al “richiamo della foresta” del secessionismo, schierandosi acriticamente con le “istanze” della Catalogna. Magari si spera persino che l’esempio dia man forte alle istanze simili da parte del Lombardo-Veneto. Matteo Salvini sembra non essersi neppure reso conto della contraddizione di questa posizione con le rivendicazioni “sovraniste” agitate sino a poco tempo fa.
La manipolazione passa proprio per i “richiami della foresta” e l’antidoto alla manipolazione consiste nel non rinunciare ad analizzare caso per caso. Se la simpatia va istintivamente all’indipendentismo catalano, va anche riconosciuto che dall’altra parte non vi è solo centralismo o autoritarismo, ma anche la preoccupazione di trovarsi nuovamente nel pieno di un processo di destabilizzazione manovrato dall’esterno.

Al presidente della Regione Catalana, Carles Puigdemont, è stato, ad esempio, chiesto più volte di dar conto dei finanziamenti ricevuti da una ONG americana, Independent Diplomat; una ONG che può vantare un curriculum di tutto rispetto. Si tratta infatti della stessa ONG al centro di altre secessioni, come quella del Sudan del Sud.
Nell’epoca della trasparenza invece Independent Diplomat ci dà volentieri conto sul proprio sito dei supporti finanziari ricevuti. Si viene così a sapere che tra i finanziatori di Independent Diplomat ci sono non solo governi minori come quello svizzero, norvegese e finlandese, ma anche quello britannico (destabilizzare la Spagna per tenersi Gibilterra?). Vi sono inoltre fondazioni private come quella dei fratelli Rockefeller e della Open Society di George Soros (e poteva mai mancare?).
Nella vicenda catalana Matteo Salvini si viene così a trovare dalla stessa parte delle sue bestie nere, il finanziere americano ungherese Soros e le sue ONG.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


13/12/2018 @ 18:24:13
script eseguito in 73 ms