"
"La ricerca scientifica è una attività umana, perciò merita, come ogni attività umana, tutto lo scetticismo possibile; altrimenti cesserebbe di essere ricerca per costituirsi come religione inquisitoria."

Comidad (2005)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 14/02/2008 @ 19:47:11, in Commenti Flash, linkato 988 volte)

PETROLIO
Il gigante petrolifero cinese PetroChina è stato quotato in borsa con una piccola parte del suo capitale (2,5%). Le azioni sono state vendute in pochi minuti e PetroChina si è affermata come la prima azienda a livello mondiale. La capitalizzazione è ormai il doppio della ExxonMobil e lascia indietro di molto General Eletric e Microsoft. L'azienda petrolifera è presente ovunque ci sia petrolio da acquistare, da Teheran all'Alberta. I commentatori occidentali sono molto preoccupati: pare che PetroChina sia interessata solo ai barili di greggio, da pagare magari con armi o con dollari ( La Cina possiede la più importante riserva di dollari fuori dagli USA con 1400 miliardi); non è affatto interessata alla difesa dei diritti umani né alle campagne contro la fame né alle sanzioni contro i dittatori. Il successo di PetroChina sarebbe dovuto dunque a cinismo e a mancanza di scrupoli. Questa ricorrente accusa di slealtà nei confronti della concorrenza cinese è commovente. A sollevarci da questa commozione, contribuisce la notizia che a preparare il successo borsistico dei cinesi e il conseguente finanziamento dei massacri in Sudan e altrove sia stata l'UBS di Zurigo, un istituto di credito senz'altro disinteressato.

ESORCISMI
Il ritorno del fervore religioso, dopo qualche decennio di incertezza, è ormai consolidato. E siccome questo fervore† - o intrattenimento religioso - riguarda anche, se non soprattutto, il cosiddetto "Occidente", diventa sempre più imbarazzante parlare di fanatismo religioso dei non-occidentali senza svelare secondi fini.
Se nel 1966 il Time lanciava in copertina l'inquietante domanda : "Dio è morto?", l'Economist, nel suo numero del millennio faceva un bel necrologio all'Onnipotente. Ma i tempi sono cambiati e l'Economist ci informa che il movimento religioso pentecostale è quello con il più alto tasso di crescita: i fedeli sono oggi quasi 400 milioni e i risultati si vedono. L'autorevole Economist ci informa in dettaglio della percentuale di fedeli pentecostali testimoni di: guarigioni divine, rivelazioni divine, esorcismi. Ecco le cifre : Stati Uniti 62 gd, 54 rd, 34 es, - Brasile 77 gd, 64 rd, 80 es, - Kenya 87 gd, 57 rd, 86 es, - Sudafrica 73 gd, 64 rd, 60 es. Come si vede da queste cifre, è proprio il tasso di esorcismi in USA a non essere competitivo con gli altri paesi.

DISOBBE-DIVO
Non c'è solo la musa dei No-global, Naomi Klein, che nella trasmissione del chierico Fabio Fazio ci spiega pacatamente come convincere i capitalisti a "non esagerare". Non c'è solo Saviano, che per pubblicare un libro contro la camorra ha scelto la Mondadori, il cui padrone, Silvio Berlusconi, è uno che al malaffare non glielo manda a dire. Ecco il ruvido e intransigente leader dei† Disobbedienti, Luca Casarini, che pubblicherà un romanzo "noir" proprio con la Mondadori, casa editrice del "nemico di classe". Se va avanti così, la Mondadori finirà per soppiantare l'editoria alternativa, a sostenere tutte le parti in commedia.

Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 14/02/2008 @ 19:46:03, in Commentario 2008, linkato 911 volte)

È significativo che sia la Slovenia a presiedere l'unione Europea nel periodo in cui occorrerà discutere dell'indipendenza del Kosovo, poiché risulta del tutto logico e coerente che sia la presidenza di uno Stato- fantoccio ad occuparsi della nascita di un altro Stato-fantoccio.

Per la precisione, la Slovenia possiede almeno una sua base etnica e linguistica per fare da pezza d'appoggio alla sua cosiddetta indipendenza, mentre il Kosovo nasce in tutto e per tutto come una creatura  artificiale della NATO. Il Kosovo è infatti un territorio tradizionale della Serbia che nel 1999 è stato strappato dalla NATO ai suoi originari abitanti in nome di una minoranza di immigrati che peraltro non è mai stata interpellata in quanto tale, ma solo tramite una rappresentanza composta da criminali comuni, a sua volta organizzata dalla stessa NATO. Dal punto di vista etnico, l'attuale Kosovo si configura dunque come un inutile doppione dell'Albania, cosa che ridicolizza le posizioni di coloro che quindici anni fa parlarono di "risveglio etnico" a proposito della destabilizzazione della Jugoslavia; una destabilizzazione operata in realtà dal colonialismo della Germania  e poi, soprattutto, degli Stati Uniti. Il nuovo Kosovo sarà inoltre uno Stato a maggioranza islamica, il che non preoccupa affatto la NATO, ciò ad ulteriore dimostrazione della inconsistenza e pretestuosità della propaganda sullo "scontro di civiltà" e sul "pericolo islamico".

La pletora di staterelli-fantoccio nati dalla ex Jugoslavia - Slovenia, Croazia, Bosnia, Montenegro, Macedonia, ora il Kosovo - non ha altra risorsa economica che fare da base d'appoggio per le operazioni illegali delle multinazionali, di cui la NATO non è solo il braccio armato, ma anche una attiva e diretta centrale affaristica. Del Kosovo si tende oggi a parlare il meno possibile, poiché la sua stessa esistenza pone ormai domande e dubbi imbarazzanti che si preferisce rimuovere.

Il problema è che quella che Bush chiamava con disprezzo la "vecchia Europa", oggi deve confrontarsi con Stati nuovi membri  dell'Unione Europea che non sono dei semplici subordinati degli Stati Uniti- come del resto è anche la "vecchia Europa" - ma delle finzioni giuridiche che coprono veri e propri territori d'oltremare degli USA, come Portorico.

Non si tratta solo dei Paesi della ex Jugoslavia, ma anche di Stati una volta satelliti della Russia, come l'Ucraina, la Polonia, l'Ungheria, ecc. È inevitabile che una tale situazione di accerchiamento da parte degli Stati Uniti abbia anche riflessi interni per Paesi come la Francia, la Germania o l'Italia, particolarmente per questi ultimi due, che sono quelli che al loro interno hanno più basi NATO. L'unico Paese che non ha basi americane  sul suo territorio ed anche una sufficiente potenza militare per opporsi, la Francia, ha espresso come leadership il personaggio di Sarkozy, che sembra uscito da una farsa di Georges Feydeau.

Mentre negli  Stati Uniti si svolgono le cosiddette elezioni primarie, in Europa molti commentatori sembrano in attesa di un successore di Bush che possa mettere da parte gli aspetti più aggressivi ed "unilaterali" della politica di quest'ultimo. In realtà proprio la vicenda della Jugoslavia dimostra che l'attuale politica di Bush non è altro che la continuazione di quella di Clinton, che è stato colui che ha avviato una vera e propria espugnazione militare  del territorio europeo. C'è un'oggettiva continuità fra Clinton e Bush, che tutte le polemiche sul presunto "unilateralismo" di Bush non riescono a smentire.

Quella dell'unilateralismo è stata infatti un'apparenza che è rimasta circoscritta alla questione dell'aggressione all'Iraq, in cui gli USA hanno sì agito da soli, ma solo dopo che la Francia e la Germania avevano convinto Saddam Hussein a disarmare con la promessa di una revoca delle sanzioni economiche. A quel punto Francia e Germania non avevano altra scelta che dichiararsi ufficialmente in dissenso nei confronti di Bush, per non dichiarare sfacciatamente di avergli spianato la strada per l'occupazione dell'Iraq.

Quindi il colonialismo statunitense si è sempre avvalso, e continua ad avvalersi, della attiva collaborazione dei suoi colonizzati, in particolare di quelli europei. 

14 febbraio 2008

Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


16/12/2018 @ 09:28:49
script eseguito in 92 ms