"
"Le decisioni del Congresso Generale saranno obbligatorie solo per le federazioni che le accettano."

Congresso Antiautoritario Internazionale di Ginevra, 1873
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 31/12/2006 @ 23:59:59, in Commentario 2006, linkato 1473 volte)
I commenti del 2006 che non sono stati ancora trasferiti in questa sezione si possono ancora leggere sul vecchio sito
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 28/12/2006 @ 23:37:09, in Commentario 2006, linkato 2211 volte)
La campagna propagandistica che Giampaolo Pansa sta conducendo sul "sangue dei vinti" si svolge all'insegna di un suo aforisma/slogan che condensa il messaggio politico di tutta l'operazione: "Tutti i partiti mentono, ma qualcuno di più. Il Pci però ha sempre mentito".
Se lo scopo di Pansa è quello di stabilire un'equazione politica tra comunismo e menzogna, è evidente che quella sua frase va in tutt'altra direzione. Chi mente sempre è infatti un pessimo mentitore.
L'aforisma/slogan di Pansa è ricavato dalla parafrasi di un concetto che Enrico Berlinguer espose a Massimo D'Alema (ciò secondo la testimonianza dello stesso Massimo D'Alema, che non è il massimo dell'attendibilità). Berlinguer sosteneva che tra le regole del socialismo reale ci fosse quella della tendenza dei dirigenti a mentire sempre, anche quando non fosse necessario. Lo stesso Berlinguer fu vittima di questa tendenza, quando querelò per calunnia Leonardo Sciascia, per aver riferito di una conversazione in cui lo stesso Berlinguer avrebbe parlato di rapporti tra i servizi segreti cecoslovacchi e le Brigate Rosse. Dato che alla conversazione aveva assistito anche il pittore Renato Guttuso, militante comunista, questi fu costretto a smentire il suo vecchio amico Sciascia per fedeltà di partito.
In quella circostanza Berlinguer ebbe la tipica reazione stalinistica di menzogna istintiva, automatica, superstiziosa e del tutto inutile e controproducente. In quel periodo infatti i giornali erano pieni di articoli che riferivano di presunti rapporti tra i servizi segreti cecoslovacchi e le Brigate Rosse; lo stesso Berlinguer aveva ricevuto da un giornalista una domanda in tal senso durante una tribuna politica televisiva, quindi nulla di più ovvio che ne avesse poi parlato anche durante conversazioni private.
La smentita e la querela di Berlinguer ebbero perciò l'effetto di rilanciare e riqualificare una notizia priva di fondamento ed anche di inimicarsi un intellettuale di prestigio come Sciascia.
I comunisti sono perciò sempre stati dei mentitori dilettanti, mentre molti dei loro accusatori sono stati dei grandi mentitori, degli artisti della mistificazione. Uno di questi è stato lo scrittore Giovannino Guareschi, il creatore di quelle due vere e proprie icone nazionali che sono Don Camillo e Peppone. Guareschi è riuscito ad accreditarsi come una voce ironica e imparziale sulle vicende italiane del dopoguerra e si devono a lui le prime notizie sulle presunte stragi perpetrate dai comunisti dopo il 25 aprile.
Guareschi non era affatto la persona che è riuscito a far credere di essere. Nel 1938 aveva firmato il Manifesto della Razza, che Mussolini aveva voluto per sostenere la promulgazione delle leggi razziali in Italia. Nel dopoguerra aveva confezionato e pubblicato una falsa lettera di Alcide De Gasperi, in cui questi chiedeva agli Angloamericani di bombardare l'Italia per facilitarne la capitolazione. La lettera fu smascherata come un falso e Guareschi dovette andare in galera per calunnia, ma come tutti i bravi mentitori riuscì a sopravvivere a questo infortunio, anche perché da quel momento lasciò in pace i democristiani e si dedicò esclusivamente alla calunnia anticomunista.
In un commento alle nostre ultime news sul sito di Contropotere, è stato segnalato che i libri di Pansa sul "sangue dei vinti" sono stati ricalcati, o addirittura copiati, da quelli del giornalista fascista Giorgio Pisanò. Il fatto interessante è che il giornale di Pisanò, "Candido", era stato fondato e diretto proprio da Guareschi, il quale, pur dichiarandosi monarchico, ha sempre fatto riferimento all'area fascista.
Ma se Guareschi era un razzista e un calunniatore patentato da sentenze di tribunale, perché i comunisti non lo hanno fatto presente, visto che Guareschi era anche il principale loro accusatore, il primo autore di tutte le principali notizie sulle stragi rosse della guerra civile?
Il problema è che i partiti comunisti avrebbero avuto difficoltà a farlo presente perché era la verità, e loro hanno una fobia superstiziosa per la verità, anche e soprattutto quando gli farebbe comodo. Questa fobia per la verità, però, non nasce da traumi infantili, ma è l'effetto di quella che - per parafrasare Pansa - è la vera "grande bugia" della propaganda del '900: l'anticomunismo. Il Pci si è avvantaggiato di una posizione di rendita derivante dalla fittizia centralità della lotta al comunismo. l'identità politica dei gruppi dirigenti dei partiti comunisti è sempre stata l'opportunismo puro, altrimenti non si spiegherebbe come si sia arrivati ai D'Alema, ai Fassino ed ai Veltroni, e come si sia passati dal modello sovietico al modello americano con tanta disinvoltura.
L'URSS non c'è più, il comunismo sovietico è screditato, eppure la NATO sta sempre lì. Come mai? La NATO è una "bugia dalle gambe lunghe", per usare l'espressione di Eduardo De Filippo.
Con il pretesto del funerale del papa, Bush è piombato in Italia per ottenere dal governo... altre basi NATO. Ne ha preteso un'altra anche a Taranto. Si vede che i misteriosi container che sbarcano quotidianamente nel porto NATO di Napoli a Bush non bastano più. Si tratta di contrabbando di petrolio dall'iraq occupato?
Quel che è certo è che il grande scandalo del contrabbando di petrolio del 1980 si arenò quando si trattò di chiarire da dove entrasse in Italia tutto quel petrolio.
La NATO, sorta ufficialmente sul confronto ideologico militare tra Occidente e Comunismo, in realtà è stata l'avamposto delle operazioni commerciali illegali degli Stati Uniti in Europa. Il più grande evasore fiscale d'Europa una volta tanto non è Berlusconi, ma gli Stati Uniti.
Comidad, 28 dicembre 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


15/12/2018 @ 11:21:32
script eseguito in 84 ms