"
"Il Congresso nega nel principio il diritto legislativo" "In nessun caso la maggioranza di qualsiasi Congresso potrà imporre le sue decisioni alla minoranza"

Congresso Antiautoritario Internazionale di Saint Imier, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 10/10/2006 @ 14:16:14, in Testi di riferimento, linkato 1372 volte)

Questo testo di Victor Rudin su Stirner e l'anarcosindacalismo, fa giustizia di un luogo comune dominante nell'attuale movimento anarchico: la distinzione tra un "anarchismo sociale" da un lato ed un "anarchismo individualistico" dall'altro. A dimostrare quanto sia inconsistente e meramente pretestuosa questa distinzione, c'è il dato di fatto storico per il quale l'individualista Max Stirner è stato il maggiore teorico e ispiratore della lotta sindacale.

Scarica il file "La lotta operaia" in formato [.pdf]

Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 05/10/2006 @ 22:44:52, in Commentario 2006, linkato 854 volte)
Pochi giorni fa il Presidente del Consiglio di un governo democraticamente eletto, Prodi, è stato costretto ad umiliarsi pubblicamente in Parlamento per discolparsi dall'accusa di voler intervenire in questioni di affari della telefonia. Il segretario dei DS Fassino, nella stessa occasione, ha dovuto dare assicurazioni che non è nel programma di governo alcun proposito di sottrarre le decisioni economiche al "Mercato".
Nell'ultima legge finanziaria, il governo Prodi ha introdotto in modo strisciante, con il pretesto della lotta all'evasione fiscale, delle norme che estendono e rafforzano il potere delle banche su ogni transazione in denaro, e ciò mentre il governo rinuncia ad esercitare qualsiasi controllo sulle banche stesse.
Lo svuotamento del mito democratico non può risultare più plateale, ciò proprio nel momento in cui la democrazia stessa è divenuta un oggetto sacro da imporre all'adorazione del mondo. Agli inizi del '900 un ministro liberaldemocratico, Nitti, poteva istituire un monopolio di Stato delle assicurazioni, l'INA. L'intervento in economia lo avevano praticato senza problemi i governi liberali, e ciò in un contesto comunque segnato dallo strapotere delle corporazioni finanziarie e industriali.
Il problema è che oggi il cosiddetto Occidente non è più quello di un secolo fa, quando era costituito da Stati in competizione tra loro. Oggi la sigla "Occidente" è l'insegna di oligarchie internazionali che possono sfuggire ad ogni controllo, criminalizzando qualsiasi istanza critica. L'islamofobia ha sostituito l'anticomunismo come collante ideologico, con la differenza sostanziale che l'Unione Sovietica era un soggetto reale, mentre l'Islam costituisce soltanto uno spauracchio propagandistico.
Le oligarchie scontano opposizioni locali ed anche relative sconfitte, come in Libano e, pare, anche in Afganistan, ma l'assenza di un vero avversario sembra configurare una situazione storicamente impensabile, in cui ogni progetto di dominio affaristico non si deve più misurare con la normale prudenza.
Anche le potenze in grado di svolgere un ruolo antagonistico sembrano infatti assecondare tale dominio in vista dei vantaggi immediati che gliene derivano: la Russia, che è una delle maggiori produttrici di materie prime, ha potuto risolvere i suoi problemi finanziari grazie all'aumento dei prezzi del petrolio causato dalla guerra in Iraq; la Cina è potuta divenire a sua volta oggi il maggiore creditore degli Stati Uniti.
In queste condizioni, le formule propagandistiche possono ormai sostituire il pensiero, e la menzogna perde il riferimento con una realtà che dovrebbe rovesciare. Oggi l'islamofobia è un mestiere remunerativo.
Un Magdi Allam tre anni fa ancora recitava la particina dell'islamico moderato e faceva da punching-ball a Giuliano Ferrara nelle sue trasmissioni di wrestling opinionistico; da quando Allam ha invece adottato le formule dell'islamofobia "Neocons", è assurto ai vertici del divismo e della carriera. Un Vittorio Feltri viene mantenuto nell'illusione di essere il direttore di un quotidiano, che non legge nessuno, soltanto per giustificare la sua onnipresenza di commentatore razzista.
In questa situazione la difficoltà di fare opposizione non deriva da un'illimitata potenza materiale del dominio, quanto dalla tendenza a rimanere nell'ambito degli schemi propagandistici ufficiali e nei falsi scenari che essi prospettano. Ci si continua a chiedere, ad esempio, se i movimenti islamici costituiscano un potenziale alleato nei confronti delle aggressioni degli Stati Uniti, della NATO e di Israele. Il problema sarebbe invece quello di demistificare questa falsa identità islamica, dimostrando ai vari movimenti di resistenza al colonialismo che l'Islam non è, e non è mai stato un soggetto politico. Ed il falso soggetto islamico non è neppure un'invenzione recente, ma un fantasma ricorrente nella storia cosiddetta occidentale.
Nel 778 a Roncisvalle, l'esercito di Carlo Magno fu attaccato dai Baschi e in quella battaglia morì il famoso paladino Orlando. Eppure nella propaganda, sia medievale che moderna, i Baschi vennero trasformati in Saraceni, cioè in Islamici. Non solo gli scrittori ufficiali, ma anche il teatro siciliano dei pupi, hanno tramandato per secoli al popolo questa falsa versione dei fatti storici.
Spesso in passato l'etichetta "Islam" è stata usata per sintetizzare artificiosamente delle istanze anticolonialistiche diverse, che avevano in comune soltanto di essere anticolonialistiche. Ciò ha avuto però anche le sue eccezioni. L'imperialismo britannico in India utilizzava mercenari mussulmani, quindi proponeva l'immagine di un Islam "buono" in contrasto con i cattivissimi Indù, tanto che persino un Salgari, che non era certo un anglofilo, si beveva tutte le panzane propagandistiche degli Inglesi sulla setta induistica degli strangolatori Thug.
L'Islam "buono" è stato quindi una costruzione propagandistica quanto quello "cattivo". Il punto è che l'Islam in genere, inteso come soggetto, è una costruzione propagandistica del colonialismo.
Comidad, 5 0ttobre 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


15/12/2018 @ 10:43:09
script eseguito in 86 ms