"
"L'abolizione dello Stato e del diritto giuridico avrà necessariamente per effetto l'abolizione della proprietà privata e della famiglia giuridica fondata su questa proprietà."

Programma della Federazione Slava, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 28/09/2006 @ 21:40:31, in Commentario 2006, linkato 1021 volte)
La recente scomparsa di Oriana Fallaci ha riproposto una ondata di commenti sulla questione se esista o meno un Islam "buono", come se potessero esistere religioni buone. Come al solito si è stati trascinati nell'atteggiamento paternalistico, tipico del cosiddetto "Occidente", di chi debba giudicare l'altro. Che le sentenze siano di condanna o di assoluzione, non conta, poiché ancora una volta si è perso di vista il fatto che il razzismo non ha mai un unico bersaglio, anzi, che spesso il bersaglio più evidente svolge solo una funzione di diversivo.
Solo superficialmente la propaganda della Fallaci può essere intesa come un messaggio anti-islamico, dato che il nerbo della sua comunicazione è sempre stato quello della superiorità anglosassone, americana in particolare. Ai Paesi cosiddetti "occidentali", la Fallaci ha indicato nella accettazione della leadership statunitense la via maestra di un riscatto dalle proprie storiche colpe e manchevolezze.
Certamente la Fallaci non ha fatto altro che propinarci il veleno massonico che sin da bambina aveva assorbito frequentando i grandi notabili inglesi e americani che villeggiavano in Toscana. L'ambiente alto borghese da cui proveniva era abituato a divinizzare quelle figure, distaccandosi dal fascismo soltanto quando questo si era trovato involontariamente in conflitto col mondo anglosassone.
Anche trent'anni fa, per accorgersi del falso antifascismo e dell'autentico razzismo della Fallaci, bastava stare un po' più attenti. Quando del fondamentalismo e del "fascismo islamico" non si sentiva neppure parlare, la Fallaci sfogava il suo risentimento verso il laicissimo Arafat accusandolo - pensate un po' - di essere un "mediocre". Quindi, sgombrato dai suoi pretesti contingenti, il messaggio razzistico della Fallaci si risolveva in alterigia pura ed il suo odio si indirizzava verso chiunque non si inchinasse alle naturali superiorità.
Ma questo tipo di razzismo corrisponde ad uno schema generale, riscontrabile anche in contesti molto diversi. Gli Ustascia, i fascisti croati, rivendicavano la loro superiorità sugli altri popoli slavi proprio per la pretesa di detenere il privilegio di servire la superiore razza tedesca. Si tratta quindi di una rivendicazione di superiorità fondata su una contestuale affermazione della propria inferiorità rispetto ai veri padroni. Dopo l'umiliazione della Serbia da parte della NATO, gli Ustascia sono persino tornati in auge ed hanno potuto riscuotere una nuova legittimazione sotto la mistificazione di quello che all'inizio degli anni '90 veniva chiamato il "risveglio etnico".
» quindi il modello Ustascia che viene proposto - o imposto - oggi a Paesi come l'Italia, perciò quando si viene istigati a fare del razzismo contro il mondo islamico, è in realtà verso se stessi che il razzismo viene davvero indirizzato. Ogni razzismo presuppone e rafforza sempre delle forme di autorazzismo.
Il carattere fittizio e ingannevole della categoria di Occidente si dimostra proprio osservando come ciò che di prima impressione sembrerebbe porsi come un'omogenea area geografica e culturale, si rivela poi come un assetto esasperatamente gerarchico e colonialistico, in cui alcune popolazioni vengono fatte oggetto di un odio e di un disprezzo del tutto analoghi a quelli che colpiscono l'Islam. L'esempio oggi più evidente, anche se non unico, di questo razzismo interno al cosiddetto Occidente è certamente quello di Napoli, divenuta oggetto di un'industria dell'editoria e della comunicazione tendente a imporre l'immagine di una città votata ad un destino di degrado.
La necessità di rilanciare la presenza militare statunitense nella base NATO di Bagnoli, ha visto contemporaneamente un'offensiva propagandistica mirata a fare di nuovo terra bruciata nella città di Napoli, rendendo la sua popolazione dipendente in modo assoluto dalle forme economiche illegali che sono sotto il controllo della mafia, cioè della CIA. Anche la dissuasione della presenza turistica nella città è funzionale ad una ripulitura attorno alla base per proteggerla da eventuali spie.
Comidad, 28 settembre 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 21/09/2006 @ 21:42:19, in Commentario 2006, linkato 936 volte)
Da agente provocatore qual è, Ratzinger ha dato in questi giorni il suo contributo alla messinscena del presunto scontro tra cristiani e musulmani. » la risposta propagandistica del sistema coloniale alla opposizione che si sta delineando contro la missione militare in Libano.
Tutta la rappresentazione mediatica tende a mettere in contraddizione gli occidentali progressisti e terzomondisti, ponendo loro il quesito capzioso e paternalistico se l'antiamericanismo e l'antisionismo siano ragioni sufficienti per appoggiare i movimenti di resistenza islamica. La manifestazione contro la missione militare in Libano che si prepara per il 30 settembre, per quanto apprezzabile negli scopi e nelle intenzioni, si presenta ancora una volta vulnerabile a questa ulteriore offensiva ideologica del dominio, proprio perché non riesce ad uscire dalla trappola della falsa identità occidentale.
La questione è che il colonialismo non consiste in uno scontro di civiltà e neppure in uno scontro tra popoli, e neanche può essere ricondotto a generiche cause economiche. Il colonialismo è uno specifico modello di aggressione politico/affaristico/criminale che funziona anche all'interno dei paesi colonizzatori, modello per il quale il governo statunitense ha avuto lo stesso approccio sia a Baghdad che a New Orleans. Anche il business dell'emigrazione si fonda sulla contestuale distruzione del tessuto economico e sociale sia dei Paesi di provenienza degli emigrati, sia dei Paesi dove essi vengono deportati.
La falsa coscienza indotta dal colonialismo è invece quella di spezzettarti la realtà in tanti "problemi": il problema palestinese, il problema della emigrazione, il problema del precariato, il problema dei soccorsi, ecc.; ma, se si va a vedere, la costante dei problemi è unica, e riguarda un approccio economico che si preoccupa preliminarmente di far terra bruciata del contesto economico/sociale/ambientale precedente.
Il bombardamento a tappeto del Libano, inspiegabile sul piano strettamente militare, è la indispensabile premessa di una futura dipendenza economica del Libano, la condizione per eliminare i rapporti sociali e produttivi esistenti, per poi soppiantarli. In questo senso, le "missioni di pace" sono anche l'aggancio per un affarismo connesso alla ricostruzione.
Ma anche la Tratta ad Alta Velocità distrugge un ambiente in modo irreversibile, rendendo un'intera valle economicamente dipendente da una tecnologia di cui la popolazione non potrà mai avere la gestione e il controllo. Perciò la TAV si rivela un pretesto per dominare e colonizzare un territorio, una colonizzazione che persisterà persino quando la TAV sarà riconosciuta come antieconomica e quindi abbandonata.
Ciò che il paternalismo occidentalista impedisce di vedere, è che il terzo mondo siamo anche noi.
Comidad, 21 settembre 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


13/12/2018 @ 19:47:13
script eseguito in 110 ms