"
"Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea."

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 23/11/2006 @ 22:30:39, in Commentario 2006, linkato 956 volte)
In Libano un ministro cristiano - della famiglia del fondatore del partito dei cristiano-maroniti, Gemayel -, è stato ucciso in un attentato immediatamente attribuito alla Siria ed agli Hezbollah. Quanto accaduto era purtroppo prevedibile. Dal momento che gli Stati Uniti ed il loro fantoccio israeliano non sono riusciti a prevalere sul campo, era da attendersi che facessero ricorso all'altro grande strumento del colonialismo: l'odio etnico.
Poche migliaia di Inglesi poterono dominare per un secolo su centinaia di milioni di Indiani (nel 1913, erano 76.000 soldati inglesi e 315 milioni di indiani) non soltanto grazie alla superiorità tecnica della loro Marina militare, ma anche fomentando i conflitti etnico-religiosi, fra Mussulmani e Indù, ma anche fra gli stessi Indù. I conflitti etnici, una volta innescati, si riproducono per spirale di vendetta. Sicuramente molti cristiano-maroniti sospettano, o sanno, che dietro l'assassinio ci sono gli Stati Uniti, ma ognuno di loro ha un conto da regolare a causa delle faide etnico-religiose precedenti, perciò lo spirito di vendetta può sopire il buon senso, soprattutto quando questo spirito di vendetta viene rifornito di denaro e di armi. In Kossovo gli Stati Uniti hanno praticamente creato dal nulla un conflitto etnico fra Serbi ed Albanesi, per poi giustificare l'aggressione alla Serbia.
Ma queste tecniche di dominio colonialistico sono molte più diffuse di quanto non si creda persino all'interno del cosiddetto "Occidente". Il fatto che l'Occidente sia una finzione, che esistano soltanto vari gradi della gerarchia coloniale, è una constatazione che irrita anche molti progressisti, e persino alcuni rivoluzionari.
Questi vogliono fare sì gli antirazzisti, ma da posizioni di superiorità razziale, perciò non rinunciano al piedestallo dell'Occidente, da cui giudicare il cosiddetto Terzo Mondo, impartendogli prediche e lezioni di vita. Eppure che il cosiddetto Terzo Mondo in realtà siamo anche noi, è dimostrato, ad esempio, dal fatto che nell'ultima legge finanziaria si prevede persino un articolo di spesa per fomentare l'odio etnico. Il ministro dell'Istruzione, Fioroni, ha finanziato infatti un progetto per Napoli, contro la dispersione scolastica. In questo progetto sono previsti anche ulteriori fondi ai cosiddetti "maestri di strada", che già si sono distinti in questi ultimi anni per la loro azione nei cosiddetti "Quartieri Spagnoli". Già questa espressione, divenuta dominante da una quarantina d'anni, costituisce un arbitrio linguistico: nel dialetto napoletano i rioni in questione sono chiamati semplicemente "Quartieri", mentre nella toponomastica urbana sono denominati Montecalvario e San Ferdinando. » chiaro che questa dizione fasulla sia funzionale ad un falso messaggio.
L'azione dei "maestri di strada" si fonda infatti sulla premessa secondo cui i "Quartieri Spagnoli" costituirebbero un'etnia separata dal resto della città, un'etnia che si caratterizzerebbe per la sua incapacità di accettare regole e disciplina (cioè le stesse caratteristiche che il razzismo ufficiale attribuisce ai Napoletani in genere, ma si sa che la contraddittorietà di un discorso aumenta il suo potere di suggestione propagandistica). Quando il leader dei "maestri di strada", Marco Rossi Doria, anni fa illustrò la sua opera al ministro dell'Istruzione di allora, Tullio De Mauro, riuscì a commuoverlo sino alle lacrime; ciò nonostante che il ministro in questione fosse informato del fatto che i "maestri di strada" non avessero mai recuperato dalla strada neppure un alunno, ma li prelevassero in maggioranza dalle scuole pubbliche della zona.
I "maestri di strada" ovviamente non stanno per strada, ma al coperto, all'interno di scuole o di sedi di associazioni, che mettono a disposizione dei loro studenti delle biblioteche con i libri di ... Oriana Fallaci, in modo che l'etnia pseudospagnola del centro di Napoli sia allevata nell'odio verso altre etnie.
Comidad, 23 novembre 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 16/11/2006 @ 22:32:18, in Commentario 2006, linkato 920 volte)
La cacciata del segretario di Stato americano Rumsfeld è stata presentata dai quotidiani italiani, soprattutto di sinistra, come un trionfo della "democrazia americana", cioè come un effetto della sconfitta elettorale repubblicana nelle elezioni di medio termine. L'affermazione non ha fondamento, poiché queste redistribuzioni di voti sono consuete nelle elezioni americane di medio termine, e non hanno mai giustificato nessun cambiamento nella composizione del governo.
La stampa ed i media italiani in genere hanno poi completamente taciuto sul fatto che da alcune settimane i generali, con pubblici "ed incostituzionali" pronunciamenti, avevano preteso la testa di Rumsfeld, colpevole di aver privatizzato la logistica delle forze armate. In mano ai privati, la logistica è divenuta così scadente, che non soltanto ha determinato lo sfacelo del potenziale bellico americano in Iraq, ma ha anche intaccato i privilegi degli alti ufficiali, i quali ricevono il loro stipendio non soltanto in termini monetari, ma soprattutto attraverso la fornitura di servizi gratuiti.
L'oligarchia militare ha quindi in questa circostanza semplicemente recuperato i suoi privilegi a scapito di un'altra oligarchia, quella finanziario/commerciale. Tutto ciò è stato coperto dalla propaganda attraverso la concomitante capacità di suggestione del mito democratico e di quello razzistico della superiorità degli Americani, popolo della libertà, che a volte sbaglia, ma saprebbe superare i propri errori. In realtà questa retorica degli "ops!" non dimostra affatto che si sia trattato di errori piuttosto che di strategie, e neppure che questi errori siano in via di superamento. Tutto ciò viene imposto solo per suggestione.
Un altro privilegio delle caste militari è quello di potersi arricchire esercitando impunemente il contrabbando. I porti militari sono la maggiore via di accesso di merci pseudo-proibite, come droga e armi, ma anche di merci del tutto lecite che aggirano le dogane. Questo non è neppure un segreto, è un dato che si ritrova anche all'interno di relazioni delle varie agenzie ONU.
La base militare NATO di Napoli è uno dei principali porti di contrabbando del mondo, e ciò potrebbe spiegare tante cose sull'attuale situazione della città.
Eppure tutto ciò può essere coperto con la consueta sinergia di un mito insieme con un richiamo razzistico. Il noto libro di Roberto Saviano, "Gomorra", combina il mito del mercato con il solito razzismo antinapoletano, creando l'immagine della "camorra imprenditrice" (ribattezzata "sistema": fa più chic).
Il libro ha avuto commenti entusiastici ed alcuni commentatori non si sono neppure accorti che era edito e distribuito dalla potente Mondadori, ed hanno affermato che il suo successo era invece dovuto al "tam tam dei lettori". Il libro di Saviano è in effetti una mistificazione sagace, retoricamente ben confezionata, che sa inserire qua e là anche fatti veri per confondere meglio le acque. Tutto ciò riesce a mascherare la contraddittorietà della tesi secondo cui un degrado urbano ed antropologico riuscirebbe a trasformarsi magicamente in potenza economica.
Comidad, 16 novembre 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (16)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (7)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


23/04/2019 @ 14:11:15
script eseguito in 73 ms