"
"La malevolenza costituisce pur sempre l'unica attenzione che la maggior parte degli esseri umani potrà mai ricevere da altri esseri umani."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 20/07/2006 @ 22:23:14, in Commentario 2006, linkato 927 volte)
Perché l'amministrazione Bush ha spinto il suo fantoccio israeliano ad aggredire il Libano?
La questione si pone così. Gli Stati Uniti sono in gravissima difficoltà in Iraq, dove non riescono a prevalere sulla resistenza (quella vera, non quella legata ad Al Qaeda/CIA). La base logistica della resistenza è in Siria. A differenza del presidente iraniano, infatti i dirigenti siriani non rilasciano interviste demenziali, non inseguono costosissimi ed inutili programmi nucleari, ma appoggiano seriamente la resistenza irachena.
Ma oggi gli Stati Uniti non possono permettersi di allargare il conflitto alla Siria, perché lo perderebbero. Oggi le forze armate USA sono allo sfacelo, a causa della privatizzazione dei servizi logistici voluta dagli affaristi dell'amministrazione Bush. Le aziende a cui Bush ha concesso gli appalti sono quotate in borsa e devono esibire profitti, quindi devono tenere alti i prezzi ma bassi i costi, fornendo servizi meno che scadenti.
L'unica possibilità per Bush è perciò di cercare di ripetere con la Siria, quanto gli è già riuscito con l'Iraq, cioè indurre l'avversario a disarmare per poterlo aggredire senza rischi. Attaccando l'inerme Libano, l'intera area è stata destabilizzata, così la Siria può essere imputata dalla propaganda statunitense di essere responsabile di "voler impedire la pace".
Per vincere sul piano diplomatico una guerra che non è in grado di vincere sul campo, Bush ha però bisogno di "mediatori" che possano convincere i dirigenti siriani a smantellare i loro arsenali e ad accettare l'ingresso sistematico di spie in veste di ispettori. Questo lavoro può essere compiuto soltanto dall'ONU e dall'Unione Europea, cioè da persone di cui i dirigenti siriani possano fidarsi.
In questo senso la posizione "critica" assunta da Prodi e D'Alema è proprio quella che serviva all'amministrazione Bush. Se il governo attuale si fosse appiattito sulla posizione israeliana, come suggeriva il centrodestra, oggi Prodi e D'Alema non avrebbero nessun titolo per farsi ascoltare dalla Siria. Lo stesso vale anche per gli altri governi dell'Unione Europea: se non avessero, quasi in coro, accusato il governo israeliano di "reazione sproporzionata", oggi non potrebbero assumere il ruolo di falsi mediatori al servizio degli interessi di Bush.
» ovvio che il governo siriano non dovrebbe cascarci, e tenersi ben stretti i suoi missili, con le annesse economicissime testate chimiche. Ma queste cose è facile dirle dall'esterno. Il problema è che la realtà del dominio colonialistico è fatta di intrecci, di compromissioni, di corruzioni, cioè di tutta una serie di livelli di relazione, in cui le vittime designate finiscono per perdere il senso dei loro interessi.
Anche il dominio colonialistico subìto dall'Italia è infatti solo in parte basato sulla forza militare, il resto è soprattutto infiltrazione. Per controllare una nazione basta controllare i suoi servizi segreti, in tal modo se ne controlla anche il sistema dell'informazione, visto che tutti i più importanti giornalisti sono agenti segreti. A causa di decenni di promiscuità dovuta alla NATO, oggi il SISMI è una succursale della CIA. » stato il colonialismo britannico a trasformare il sistema delle alleanze in una subdola forma di conquista coloniale; perciò gli Stati Uniti non fanno altro che adeguarsi a questo modello.
Purtroppo anche la Siria ha alle sue spalle qualche periodo di promiscuità pericolosa. Nel 1991 la Siria fece infatti parte della coalizione anti-Saddam nella prima guerra del Golfo.
Comidad, 20 luglio 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 13/07/2006 @ 22:21:30, in Commentario 2006, linkato 993 volte)
Renato Farina - giornalista del quotidiano "Libero"(sic!) ed agente del Sismi - ha spiegato le proprie ragioni a Vittorio Feltri, in una lettera aperta pubblicata l'8 luglio. Nella lettera Farina si contraddice: da un lato afferma che egli aveva voluto arruolarsi nelle file occidentali per la quarta guerra mondiale scatenata da Bin Laden, poi, dall'altro lato, ammette di aver lavorato per il Sismi già nel 1999, durante la guerra contro la Serbia, quindi due anni prima dell'11 settembre.
Farina inoltre omette di spiegare se il suo doppio lavoro comportasse anche un doppio stipendio in nero; in tal caso il governo Prodi, se davvero vuol mantenere la promessa di combattere l'evasione fiscale, dovrebbe cominciare a vagliare la sua posizione contributiva, e quella di tanti altri suoi colleghi.
Pur tra contraddizioni ed omissioni, Farina dice però delle cose interessanti, in particolare quando si richiama all'illustre nome di Graham Greene, scrittore e giornalista - cattolico come Farina -, che lavorava per i servizi segreti britannici. Nelle sue opere, Greene ci ha narrato molte cose sui servizi segreti; ad esempio, nel romanzo "The quiet american", del 1955, rivelò con sette anni di anticipo che gli Stati Uniti preparavano l'intervento militare in Vietnam (ce ne siamo già occupati in un commento del 23 febbraio 2006).
» vero: questi scrittori/giornalisti che fanno gli agenti segreti, hanno una gran voglia di svelare i loro trucchi ed i loro legami. Ignazio Silone - agente dell'Ovra e poi della Cia -, nel suo romanzo capolavoro "Fontamara", ci ha spiegato che la chiave del dominio non è il divieto di pensare, ma è l'occupazione del pensiero, cioè la propaganda. Anche un altro giornalista/scrittore/spia di grande talento, George Orwell, rivelò parecchie tecniche di manipolazione nel romanzo "1984".
Farina non è certo all'altezza di Greene, Silone e Orwell; però anche lui, nel suo piccolo, non riesce ad esimersi dal concederci qualche dritta, specialmente quando confessa di aver avuto come suo modello nientemeno che Karol Woityla.
In effetti, avevamo sempre pensato che la biografia di Woityla avesse dei risvolti spiegabili soltanto con la sua appartenenza a dei servizi segreti. In questo il papa polacco aveva già dei precedenti illustri: durante la seconda mondiale Giovanni Battista Montini - che sarebbe poi divenuto papa col nome di Paolo VI - collaborò con i servizi segreti britannici e statunitensi, con il nome in codice di "Verde", come risulta dagli archivi del Dipartimento di Stato americano, aperti nel 2001.
In questo senso, Farina ha davvero le sue ragioni: non si può rimproverare ad un cattolico come lui di aver seguito l'esempio di due papi. Però da Farina ci aspettiamo che si sbottoni un po' di più. Ad esempio: Ratzinger lavora soltanto per i servizi segreti tedeschi, oppure è un doppio agente?
Comidad, 13 luglio 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


16/12/2018 @ 09:35:28
script eseguito in 141 ms